Anno
Ultime notizie
Archivio notizie
Guida all'uso della Banca Dati
MOZIONE GENERALE DEL VI° CONGRESSO DI NTC
La pena di morte nel mondo (al 30 giugno 2016)
DISCORSO di Papa Francesco
Analisi dati Rapporto 2015 e Obiettivi di NtC
SINTESI DEI FATTI PIÙ IMPORTANTI DEL 2015 (e dei primi sei mesi del 2016)
Esecuzioni nel 2014
Esecuzioni nel 2015 (al 30 giugno)
Reportage Comore Sergio D'Elia
Reportage Niger Marco Perduca
Premio l'Abolizionista dell'Anno 2015
Messaggio di Sergio Mattarella al VI° Congresso di NtC
Relazione di Sergio D'Elia al VI° Congresso di NtC
Relazione di Elisabetta Zamparutti al VI° Congresso di NtC
Rapporto IL VOLTO SORRIDENTE DEI MULLAH
DOSSIER IRAN APRILE 2016
Dossier su Pena di Morte e Omosessualità
Reportage di Elisabetta Zamparutti
Protocollo di intesa tra NtC e CNF
Dichiarazione finale del seminario del Cairo 15/16 maggio 2017
Azioni in corso
Archivio azioni
Campagne in corso
Archivio campagne

RAPPORTO DEL SECONDO FORUM ANNUALE DELL'UE SULLA PENA DI MORTE IN ZAMBIA

RISOLUZIONE ONU 2012
RISOLUZIONE ONU 2010

DICHIARAZIONE DI LIBREVILLE

Organi Dirigenti
Dossier Iraq 2003

Le sedi
DICHIARAZIONE DI COTONOU 2014

I video
RISOLUZIONE ONU 2014

Adesioni Comuni, Province, Regioni

BILANCI DI NESSUNO TOCCHI CAINO

La campagna per la moratoria ONU delle esecuzioni capitali
DOSSIER GIAPPONE

DONA IL 5x1000 A NESSUNO TOCCHI CAINO
DOSSIER IRAN

FIRMATARI APPELLO ALLE NAZIONI UNITE

DEDUCIBILITA' FISCALE


Appello dei PREMI NOBEL
RISOLUZIONE ONU 2007
DOSSIER LIBIA
DOSSIER USA 2011
Abbiamo fatto
RISOLUZIONE ONU 2008
DOSSIER PENA DI MORTE 2008
VIDEO MISSIONE IN CIAD
Le pubblicazioni
RISOLUZIONE DELLA CONFERENZA DI KIGALI 2011

DOSSIER MORATORIA
DOSSIER COMMERCIO LETALE
DICHIARAZIONE FINALE DELLA CONFERENZA DI FREETOWN 2014
Gli obiettivi

L'AUTENTICA STORIA DEL 'TERRORISTA' SERGIO D'ELIA

Acquista il rapporto di Nessuno tocchi Caino

Contributi artistici

Contattaci
Organi Dirigenti
Newsletter
Iscriviti a NTC
Acquista le pubblicazioni
Forum utenti
Scarica l'appello per la moratoria

Il ministro degli Interni e della Giustizia di Singapore K. Shanmugam
Il ministro degli Interni e della Giustizia di Singapore K. Shanmugam
SINGAPORE: PER IL MINISTRO DEGLI INTERNI SHANMUGAM LA PENA DI MORTE E’ UN DETERRENTE

11 ottobre 2020:

Le statistiche e gli studi nel corso degli anni mostrano che la pena di morte ha avuto a Singapore un effetto deterrente per alcuni gravi crimini, ha affermato il 5 ottobre 2020 il ministro degli Interni e della Giustizia K. Shanmugam.
I casi di rapina con armi da fuoco e sequestro di persona e i volumi di droga trafficati sono diminuiti dopo l'introduzione della pena di morte per questi reati, ha aggiunto.
Commentando questi dati in una risposta scritta al parlamentare del Partito dei Lavoratori Jamus Lim, il Ministro ha detto che nel considerare quali punizioni infliggere, è importante considerare i diritti degli autori del reato, delle vittime e dei cittadini di Singapore.
"Il governo ha la responsabilità di garantire la sicurezza e l'incolumità dei cittadini di Singapore, mantenendo un sistema di giustizia penale equo", ha aggiunto.
"L'approccio che abbiamo adottato ha portato Singapore a essere uno dei posti più sicuri al mondo in cui vivere. Questo è profondamente apprezzato dai singaporiani".
Il parlamentare e Professore Associato Lim aveva chiesto se il Ministero degli Affari Interni (MHA) avesse condotto studi per confrontare l'effetto deterrente di una condanna all’ergastolo rispetto alla pena di morte e se tali studi prendessero in considerazione i criminali con malattie mentali o dipendenze.
La pena di morte viene imposta a Singapore per omicidio volontario, traffico di droga, attentati terroristici e uso di armi da fuoco, tra gli altri crimini.
Shanmugam ha detto esserci prove che i trafficanti hanno trasportato quantità minori di oppio e cannabis dopo l’introduzione della pena di morte obbligatoria nel 1990, per evitare di far scattare la condanna capitale.
Nei quattro anni successivi al 1990, il peso netto medio dell’oppio trafficato è diminuito del 66%.
Anche la probabilità che vengano trafficati più di 500 g di cannabis - la soglia della pena di morte - è diminuita di 15-19 punti percentuali.
Uno studio del MHA sui criminali condannati per droga ha scoperto che i trafficanti consapevoli delle gravi conseguenze legali hanno limitato la loro attività.
Tra gli autori di reato che non erano trafficanti, l'85,1% ritiene che la pena di morte abbia avuto un effetto deterrente.
Shanmugam ha dichiarato: "Tutto questo porta a una deterrenza, dal momento che le attività di traffico vengono intenzionalmente limitate quando c'è una maggiore consapevolezza delle sanzioni".
Ha anche citato dati su rapine con armi da fuoco e rapimenti come indicatore del "forte effetto deterrente" della pena di morte.
Le rapine con armi da fuoco sono scese da un picco di 174 nel 1973, quando è stata introdotta la pena di morte, a 106 l'anno successivo, con un calo del 39%. Da allora, questi casi sono diventati rari a Singapore, senza casi segnalati negli ultimi 13 anni.
Anche i casi di sequestro di persona sono passati da una media di 29 all'anno per i tre anni precedenti all'introduzione della pena di morte nel 1961 a un caso nel 1961.
Da allora, tali crimini non hanno superato due casi all'anno, ad eccezione di sei casi nel 1964 e tre casi nel 2003.
Shanmugam ha affermato che i sondaggi indicano che singaporiani e stranieri ritengono che la pena di morte sia più efficace nello scoraggiare le persone dal commettere crimini gravi, rispetto all'ergastolo.
Un'indagine del MHA su 2.000 residenti in relazione al loro atteggiamento nei confronti della pena capitale ha rilevato che il 70,8% degli intervistati crede che la pena di morte abbia scoraggiato l'uso delle armi da fuoco. Per il 70,6% ha scoraggiato gli omicidi e per il 68% il traffico di droga.
Un altro studio del 2018, incentrato sugli stranieri che probabilmente visiteranno Singapore e quindi si confronteranno con le leggi del Paese, ha avuto risultati simili. Tra gli intervistati, l'84% ritiene che la pena di morte sia più efficace nello scoraggiare il traffico di droga a Singapore.
Shanmugam ha osservato che è possibile trarre alcune conclusioni provvisorie, sebbene gli studi debbano essere contestualizzati e si debba lavorare su periodi più lunghi.
Ha anche citato le sezioni 84 e 85 del codice penale che prevedono difesa legale per gli imputati la cui capacità di ragionamento può essere influenzata da malattie mentali o dipendenza.
Ha aggiunto che vari sondaggi hanno mostrato che c'è un sostegno pubblico maggioritario nei confronti della pena di morte.
Ha detto che mentre le quantità di droga trafficate che comportano la pena di morte possono sembrare non elevate, sono abbastanza significative da essere in grado di "portare la morte, o almeno una vita di rovina, a un gran numero di abusatori e alle loro famiglie".
Ad esempio, 15 g di eroina pura corrispondono a 1.250 dosi e possono alimentare le abitudini di 180 consumatori per una settimana.
Nel decidere se applicare la pena di morte ai reati, Shanmugam ha affermato che il governo tiene conto, tra le altre, di tre considerazioni chiave. Sono: la gravità del reato nell’arrecare danno alla vittima e alla società; quanto è frequente o diffuso il reato; e la necessità di deterrenza.
Questi aspetti sono considerati nella loro totalità e il fatto che un reato non sia diffuso attualmente, ad esempio, potrebbe non essere di per sé un fattore decisivo.
Shanmugam ha anche invitato il Prof Lim "a condividere col MHA se sia favorevole alla pena di morte, per quali reati e perché", aggiungendo che sarebbe utile sentire le sue ragioni nel caso non sostenga la pena capitale. "Le opinioni dei parlamentari verranno prese attentamente e rispettosamente in considerazione”, ha concluso il Ministro.

(Fonti: The Straits Times, 06/10/2020)

Altre news:
IRAN - Ciclista arrestata per "comportamento improprio".
GAZA: TRE CONDANNATI ALL’IMPICCAGIONE PER OMICIDIO
SINGAPORE: MALESE EVITA CONDANNA A MORTE PER TRAFFICO DI DROGA
GIAPPONE: PRIGIONIERO DEL BRACCIO DELLA MORTE MUORE A 88 ANNI
SINGAPORE: CORTE D’APPELLO ANNULLA CONDANNA CAPITALE
BANGLADESH: CINQUE CONDANNATI A MORTE PER LO STUPRO DI UNA RAGAZZA
ROMA: SUNU AFRICA ‘UN’ ORA DI MUSICA PER SOGNARE’ IL 30 OTTOBRE
SRI LANKA: CORTE SUPREMA PROROGA SOSPENSIONE DELLE ESECUZIONI
INDIA: DUE CONDANNATI A MORTE PER L’OMICIDIO E STUPRO DI UNA RAGAZZINA
USA - Indagine della Reuters: oltre 3.000 morti l'anno nelle prigioni statunitensi
SUD SUDAN: DUE CONDANNATI ALL’IMPICCAGIONE PER L’OMICIDIO DEL PROPRIETARIO DI MUCCHE
ZAMBIA: COMMISSIONE DIRITTI UMANI CHIEDE AL GOVERNO DI ABOLIRE LA PENA CAPITALE
BANGLADESH: TRE CONDANNATI A MORTE PER L’OMICIDIO DI UNA DONNA
USA - Pubblicata l’ultima edizione di "Death Row USA" aggiornata al 1° luglio 2020.
SOMALIA: CONDANNATO A MORTE PER L’ATTACCO ALL’HOTEL DI KISMAYO
BANGLADESH: IL PRESIDENTE ABDUL HAMID APPROVA LA PENA CAPITALE PER GLI STUPRATORI
VIETNAM: FILIPPINA CONDANNATA A MORTE PER TRAFFICO DI DROGA
SUDAN: POLIZIOTTO CONDANNATO A MORTE PER LO STUPRO DI UNA RAGAZZINA
IRAN - Quattro uomini sono stati giustiziati nella prigione di Rajai Shahr il 13 ottobre.
YEMEN: 200 CONDANNE A MORTE EMESSE DAI TRIBUNALI HOUTHI DAL 2017
BANGLADESH: CINQUE SEQUESTRATORI CONDANNATI A MORTE PER L’UCCISIONE DI UNA BAMBINA
IRAN - 30.000 ragazze sotto i 14 anni si sposano forzatamente in Iran ogni anno.
BANGLADESH: IL GOVERNO APPROVA LA PENA DI MORTE PER LO STUPRO
ZAMBIA: CONDANNATO ALL’IMPICCAGIONE PER L’OMICIDIO DELLA FIDANZATA
IRAN - Appello contro l’esecuzione del minorenne Barzan Nasrollahzadeh.
IRAN - Un uomo, identificato solo come Ali, è stato giustiziato nella prigione di Vakilabad l'11 ottobre.
COREA DEL NORD: KIM JONG UN HA GIUSTIZIATO SUO ZIO MOSTRANDONE IL CORPO DECAPITATO, HA DETTO TRUMP
GIORNATA MONDIALE CONTRO LA PENA DI MORTE: DICHIARAZIONE COMUNE DELL'ALTO RAPPRESENTANTE DELL'UNIONE EUROPEA E DELLA SEGRETARIA GENERALE DEL CONSIGLIO D'EUROPA
NIGERIA: PLURIOMICIDA CONDANNATO A MORTE NELLO STATO DI RIVERS
IRAN - Una donna, identificata solo come Razieh, è stata giustiziata l'11 ottobre nella prigione di Mashhad.

[<< Prec] 1 2 3 [Succ >>]
2023
gennaio
  2022
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2021
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2020
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2019
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
 
2018
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2017
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2016
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2015
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2014
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2013
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
 
2012
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2011
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2010
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2009
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2008
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2007
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
 
2006
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2005
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2004
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
 
IRAN - La moglie di Djalali sollecita più impegno dall’Europa
  LA VETRINA E IL RETROBOTTEGA DEL NEGOZIO DELL’#ANTIMAFIA  
  ITALIA: DA ‘CULLA’ A ‘TOMBA’ DEL DIRITTO?  
  APPELLO AL GOVERNATORE DELLA CALIFORNIA PER JARVIS JAY MASTERS  
  MOZIONE GENERALE DEL 40ESIMO CONGRESSO STRAORDINARIO DEL PARTITO RADICALE NONVIOLENTO, TRANSNAZIONALE E TRANSPARTITO  
  ELISABETTA ZAMPARUTTI CONFERMATA AL CPT PER SECONDO MANDATO  
news
-
azioni urgenti
-
banca dati
-
campagne
-
chi siamo
-
area utenti
-
privacy e cookies
-
credits