Anno
Ultime notizie
Archivio notizie
Guida all'uso della Banca Dati
MOZIONE GENERALE DEL VI° CONGRESSO DI NTC
La pena di morte nel mondo (al 30 giugno 2016)
DISCORSO di Papa Francesco
Analisi dati Rapporto 2015 e Obiettivi di NtC
SINTESI DEI FATTI PIÙ IMPORTANTI DEL 2015 (e dei primi sei mesi del 2016)
Esecuzioni nel 2014
Esecuzioni nel 2015 (al 30 giugno)
Reportage Comore Sergio D'Elia
Reportage Niger Marco Perduca
Premio l'Abolizionista dell'Anno 2015
Messaggio di Sergio Mattarella al VI° Congresso di NtC
Relazione di Sergio D'Elia al VI° Congresso di NtC
Relazione di Elisabetta Zamparutti al VI° Congresso di NtC
Rapporto IL VOLTO SORRIDENTE DEI MULLAH
DOSSIER IRAN APRILE 2016
Dossier su Pena di Morte e Omosessualità
Reportage di Elisabetta Zamparutti
Protocollo di intesa tra NtC e CNF
Dichiarazione finale del seminario del Cairo 15/16 maggio 2017
Azioni in corso
Archivio azioni
Campagne in corso
Archivio campagne

RAPPORTO DEL SECONDO FORUM ANNUALE DELL'UE SULLA PENA DI MORTE IN ZAMBIA

RISOLUZIONE ONU 2012
RISOLUZIONE ONU 2010

DICHIARAZIONE DI LIBREVILLE

Organi Dirigenti
Dossier Iraq 2003

Le sedi
DICHIARAZIONE DI COTONOU 2014

I video
RISOLUZIONE ONU 2014

Adesioni Comuni, Province, Regioni

BILANCI DI NESSUNO TOCCHI CAINO

La campagna per la moratoria ONU delle esecuzioni capitali
DOSSIER GIAPPONE

DONA IL 5x1000 A NESSUNO TOCCHI CAINO
DOSSIER IRAN

FIRMATARI APPELLO ALLE NAZIONI UNITE

DEDUCIBILITA' FISCALE


Appello dei PREMI NOBEL
RISOLUZIONE ONU 2007
DOSSIER LIBIA
DOSSIER USA 2011
Abbiamo fatto
RISOLUZIONE ONU 2008
DOSSIER PENA DI MORTE 2008
VIDEO MISSIONE IN CIAD
Le pubblicazioni
RISOLUZIONE DELLA CONFERENZA DI KIGALI 2011

DOSSIER MORATORIA
DOSSIER COMMERCIO LETALE
DICHIARAZIONE FINALE DELLA CONFERENZA DI FREETOWN 2014
Gli obiettivi

L'AUTENTICA STORIA DEL 'TERRORISTA' SERGIO D'ELIA

Acquista il rapporto di Nessuno tocchi Caino

Contributi artistici

Contattaci
Organi Dirigenti
Newsletter
Iscriviti a NTC
Acquista le pubblicazioni
Forum utenti
Scarica l'appello per la moratoria

Asif Pervaiz
Asif Pervaiz
‘PAKISTAN, ASIF CONDANNATO A MORTE PER BLASFEMIA, LA MOGLIE MARILYN E I QUATTRO FIGLI PICCOLI IN FUGA PER SALVARSI LA VITA’ di Sergio D’Elia

4 novembre 2020:

Se nel mondo laico occidentale offendere Maometto, altri profeti o le sacre scritture può scatenare l’ira di fanatici armati di coltello pronti a sgozzare il “blasfemo”, in alcuni Paesi a maggioranza musulmana l’integralismo è anche legge di Stato e punisce la blasfemia con la pena di morte.
In Pakistan, la legge contro la blasfemia è stata introdotta dal generale Mohammad Zia-ul-Haq nel 1985. Da allora, centinaia di persone – musulmani e non – sono state incriminate. Nessuno è stato giustiziato e molte condanne sono state poi respinte in appello. Però, ci sono ancora circa 80 persone in prigione accusate di blasfemia, metà delle quali a rischio di pena di morte o di pena fino alla morte.
Laddove lo Stato non arriva o assolve, la giustizia privata e sommaria è pronta a supplire in maniera letale. Decine di persone in attesa del processo o assolte dalle accuse sono state massacrate da fanatici religiosi per strada, in prigione e addirittura nei tribunali. Gli stessi avvocati difensori sono stati vittime di attacchi e sono stati colpiti anche giudici che hanno prosciolto gli imputati.
Nel settembre scorso, Asif Pervaiz, un cristiano di 37 anni, è stato condannato a morte dopo sette anni di custodia cautelare. Il suo capo in una fabbrica di abbigliamento lo aveva accusato di aver inviato messaggi sacrileghi dal suo cellulare. Da allora, la moglie Marilyn e i suoi quattro figli piccoli hanno dovuto fuggire per salvarsi la vita.
Accade spesso che il “reato” di blasfemia sia solo il pretesto per regolamenti di conti che nulla hanno a che fare con la religione. La legge a volte è usata per prendere di mira i rivali in affari. I cristiani e le altre minoranze religiose continuano a essere i principali bersagli di abusi in base alle leggi sulla blasfemia. Anche false accuse possono innescare processi giudiziari nelle aule dei tribunali e una caccia all’uomo nelle strade e nelle case dei miscredenti. Alcuni degli imputati non sono mai arrivati a giudizio. Alla fine di luglio, un cittadino americano, Tahir Ahmad Naseem, è stato ucciso a colpi d’arma da fuoco in un’aula di tribunale a Peshawar. Era in prigione dal 2018 e gli hanno sparato perché apparteneva all’Ahmadiyya, una corrente di pensiero dell’Islam che predica la nonviolenza e la fratellanza universale.
Il caso più noto è quello di Asia Bibi, una madre di quattro figli che ha trascorso quasi un decennio nel braccio della morte prima di essere rilasciata grazie a una grande mobilitazione internazionale. Una donna l’aveva accusata di aver insultato l’Islam per una frase buttata lì durante un battibecco con altre donne che l’avevano umiliata per aver bevuto un bicchiere dal pozzo a lei proibito, in quanto “infedele cristiana” e quindi “impura”. Durante e dopo il processo, le furie integraliste islamiche hanno chiesto la sua morte, hanno minacciato gli avvocati e ucciso il Governatore della Provincia del Punjab e il Ministro delle minoranze che avevano parlato in sua difesa e chiesto la riforma delle leggi sulla blasfemia. Nel novembre del 2018, Asia Bibi è stata assolta dalla Corte Suprema, scarcerata dalla prigione di Multan e trasferita in una località segreta per tutelarne la sicurezza. Dopo molti mesi di vita da clandestina suo malgrado, è stata autorizzata a rifugiarsi in Canada insieme alla sua famiglia.
Dopo l’assoluzione, il suo avvocato, Saiful Malook, è stato costretto a rifugiarsi per un po’ di tempo in Olanda per sottrarsi alla vendetta degli estremisti islamici. Ma poi è ritornato per difendere Asif Pervaiz e altre vittime come lui di false accuse di blasfemia spesso motivate da vendette personali o odio religioso. “Gli avvocati non hanno una religione, lottano solo per la giustizia”, ha detto Malook. Asif ha già passato sette anni in attesa della decisione del tribunale. Chissà quanti anni dovrà aspettare prima che tutto sia finito. Intanto, la moglie Marilyn continua a nascondersi perché si sente minacciata e cerca di mantenere i suoi tre figli e la figlia al sicuro dall’ira e dalle minacce di morte dei fanatici religiosi.


Il link all’articolo di S. D’Elia sul Riformista del 3 novembre https://www.ilriformista.it/la-bibbia-e-il-fucile-il-motto-che-continua-a-ispirare-la-visione-del-mondo-del-presidente-trump-172752/?fbclid=IwAR2SvguAuMOKFH3_amu-sMus-PiZaMb7-vm5beXL9Q6vCQsttWvGSfJ2Cs4

Altre news:
IRAN - “I prigionieri politici vengono sistematicamente affamati".
CINA: EX PRESIDENTE DI BANCA CONDANNATO A MORTE CON PENA SOSPESA
SUDAN: CONDANNATO ALL’IMPICCAGIONE PER L’OMICIDIO E STUPRO DI UNA BAMBINA
SOMALIA: DUE CONDANNE A MORTE NEL PUNTLAND PER L’OMICIDIO E STUPRO DI UNA RAGAZZA
CINA: INFERMIERA CONDANNATA A MORTE PER L’OMICIDIO DI UN COLLEGA CHE LA RICATTAVA
‘LA BIBBIA E IL FUCILE’, IL MOTTO CHE CONTINUA A ISPIRARE LA VISIONE DEL MONDO DEL PRESIDENTE TRUMP
BANGLADESH: AUTISTA DI BUS E DUE ADDETTI CONDANNATI A MORTE PER L’OMICIDIO DI UN PASSEGGERO
BANGLADESH: CONDANNATO ALL’IMPICCAGIONE PER AVER PICCHIATO A MORTE LA MOGLIE PER LA DOTE
EAU: CORTE SUPREMA ANNULLA DUE CONDANNE CAPITALI E ORDINA NUOVO PROCESSO
SINGAPORE: CONDANNATO A MORTE PER TRAFFICO DI EROINA
BANGLADESH: IMPICCATO PER GLI OMICIDI DI MOGLIE E FIGLIA
CINA: CAPO DI UNA BANDA MAFIOSA CONDANNATO A MORTE
IRAN - Sempre sulle 4 esecuzioni effettuate a Urmia il 29 ottobre.
INDIA: CORTE SUPREMA COMMUTA CONDANNA A MORTE IN ERGASTOLO
PAKISTAN: CONDANNATO A MORTE PER L’OMICIDIO DELLA MADRE
BANGLADESH: TRE CONDANNATI A MORTE PER L’OMICIDIO DI UN GUIDATORE DI RISCIO’
PAKISTAN: DEVONO NASCONDERSI FAMILIARI DI CRISTIANO CONDANNATO A MORTE PER BLASFEMIA
IRAN - Jafar Hassani giustiziato nella prigione centrale di Rasht il 1° novembre.
AUGURI AL RIFORMISTA!
QATAR: QUATTRO INDIANI CONDANNATI A MORTE PER L’OMICIDIO DI UN COMMERCIANTE

[<< Prec] 1 2 3
2022
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
  2021
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2020
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2019
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2018
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
 
2017
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2016
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2015
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2014
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2013
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2012
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
 
2011
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2010
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2009
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2008
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2007
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2006
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
 
2005
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2004
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
 
IRAN - La moglie di Djalali sollecita più impegno dall’Europa
  LA VETRINA E IL RETROBOTTEGA DEL NEGOZIO DELL’#ANTIMAFIA  
  ITALIA: DA ‘CULLA’ A ‘TOMBA’ DEL DIRITTO?  
  APPELLO AL GOVERNATORE DELLA CALIFORNIA PER JARVIS JAY MASTERS  
  MOZIONE GENERALE DEL 40ESIMO CONGRESSO STRAORDINARIO DEL PARTITO RADICALE NONVIOLENTO, TRANSNAZIONALE E TRANSPARTITO  
  ELISABETTA ZAMPARUTTI CONFERMATA AL CPT PER SECONDO MANDATO  
news
-
azioni urgenti
-
banca dati
-
campagne
-
chi siamo
-
area utenti
-
privacy e cookies
-
credits