Anno
Ultime notizie
Archivio notizie
Guida all'uso della Banca Dati
MOZIONE GENERALE DEL VI° CONGRESSO DI NTC
La pena di morte nel mondo (al 30 giugno 2016)
DISCORSO di Papa Francesco
Analisi dati Rapporto 2015 e Obiettivi di NtC
SINTESI DEI FATTI PIÙ IMPORTANTI DEL 2015 (e dei primi sei mesi del 2016)
Esecuzioni nel 2014
Esecuzioni nel 2015 (al 30 giugno)
Reportage Comore Sergio D'Elia
Reportage Niger Marco Perduca
Premio l'Abolizionista dell'Anno 2015
Messaggio di Sergio Mattarella al VI° Congresso di NtC
Relazione di Sergio D'Elia al VI° Congresso di NtC
Relazione di Elisabetta Zamparutti al VI° Congresso di NtC
Rapporto IL VOLTO SORRIDENTE DEI MULLAH
DOSSIER IRAN APRILE 2016
Dossier su Pena di Morte e Omosessualità
Reportage di Elisabetta Zamparutti
Protocollo di intesa tra NtC e CNF
Dichiarazione finale del seminario del Cairo 15/16 maggio 2017
Azioni in corso
Archivio azioni
Campagne in corso
Archivio campagne

RAPPORTO DEL SECONDO FORUM ANNUALE DELL'UE SULLA PENA DI MORTE IN ZAMBIA

RISOLUZIONE ONU 2012
RISOLUZIONE ONU 2010

DICHIARAZIONE DI LIBREVILLE

Organi Dirigenti
Dossier Iraq 2003

Le sedi
DICHIARAZIONE DI COTONOU 2014

I video
RISOLUZIONE ONU 2014

Adesioni Comuni, Province, Regioni

BILANCI DI NESSUNO TOCCHI CAINO

La campagna per la moratoria ONU delle esecuzioni capitali
DOSSIER GIAPPONE

DONA IL 5x1000 A NESSUNO TOCCHI CAINO
DOSSIER IRAN

FIRMATARI APPELLO ALLE NAZIONI UNITE

DEDUCIBILITA' FISCALE


Appello dei PREMI NOBEL
RISOLUZIONE ONU 2007
DOSSIER LIBIA
DOSSIER USA 2011
Abbiamo fatto
RISOLUZIONE ONU 2008
DOSSIER PENA DI MORTE 2008
VIDEO MISSIONE IN CIAD
Le pubblicazioni
RISOLUZIONE DELLA CONFERENZA DI KIGALI 2011

DOSSIER MORATORIA
DOSSIER COMMERCIO LETALE
DICHIARAZIONE FINALE DELLA CONFERENZA DI FREETOWN 2014
Gli obiettivi

L'AUTENTICA STORIA DEL 'TERRORISTA' SERGIO D'ELIA

Acquista il rapporto di Nessuno tocchi Caino

Contributi artistici

Contattaci
Organi Dirigenti
Newsletter
Iscriviti a NTC
Acquista le pubblicazioni
Forum utenti
Scarica l'appello per la moratoria

‘LA BIBBIA E IL FUCILE’, IL MOTTO CHE CONTINUA A ISPIRARE LA VISIONE DEL MONDO DEL PRESIDENTE TRUMP

5 novembre 2020:

La pena di morte non può essere considerata la parte per il tutto di un Paese. Meno che mai se si tratta degli Stati Uniti d’America, che sono anche la più antica democrazia del pianeta, l’ancora di salvezza e la terra promessa per perseguitati e rifugiati di tutto il mondo. La sua ripresa a livello federale, dopo decenni di caduta in disuso, può essere però indicativa del modo d’essere del suo Presidente, un segno anche del (suo) destino e di una maledizione (autoinflitta). È il tragico destino del capo di uno Stato che nella sua legittima difesa di Abele arriva all’eccesso o degrada nel difetto – è la stessa cosa – di diventare esso stesso Caino. È la maledizione che colpisce i fini giusti quando sono perseguiti con mezzi sbagliati, con mezzi che li prefigurano, li pregiudicano, li distruggono.
Non bastava la maledizione di una pandemia che ha flagellato per mesi gli Stati Uniti con il suo carico di dolore e di morte e che il comandante in capo ha sfidato con il viso scoperto, consigli e intrugli da apprendista stregone. Donald Trump ha voluto metterci del suo. Alla morte per cause naturali ha aggiunto e inflitto agli americani anche quella per mano dello Stato.
Erano diciassette anni che non accadevano esecuzioni federali, da sessantasette una donna non veniva mandata al patibolo.
Quest’anno era stata solo la “fascia della Bibbia”, il sud del Paese, il Texas, la Georgia, l’Alabama, il Tennessee, il Missouri, a praticare il rito arcaico dell’occhio per occhio, dente per dente, che lo stesso Antico Testamento concepisce come limite e misura – non più di un occhio, non più di un dente – e pure tempera con il monito divino “nessuno tocchi Caino”.
L’apprendista presidente ha esteso la “fascia della morte” a tutti gli Stati Uniti, che con le sue esecuzioni, non di un singolo Stato ma di tutta la Federazione, oggi appare agli occhi del mondo come un Paese mortifero, al pari dei primatisti mondiali della pena capitale, la Cina, l’Iran, l’Arabia Saudita e come altri stati canaglia che il presidente americano ha messo nella sua lista nera per le più gravi violazioni dei diritti umani.
Donald Trump non si è posto limiti e misure. Da luglio ha iniziato a svuotare il braccio della morte federale di Terre Haute. Non ha liberato i condannati a morte, seguendo l’esempio di governatori americani – democratici e repubblicani – che negli ultimi due anni, dalla California al Colorado, hanno stabilito moratorie o abolito la pena capitale. Li ha fatti fuori, ne ha uccisi sette che erano in attesa da venti o trent’anni. Li ha fatti giustiziare su un lettino a forma di croce, il simbolo universale di pace e amore convertito e tradito nello strumento di un estremo supplizio capitale.
Non può essere “crudele e inusuale”, ha stabilito la Corte Suprema, se la pena di morte in America vuole essere “legittima”. Christopher Vialva è stato giustiziato il 24 settembre a Terre Haute per il furto d’auto e l’omicidio di due giovani pastori dell’Iowa nel 1999, quando aveva 19 anni. È stato ucciso con una dose letale di Pentobarbital, un veleno che provoca una sensazione di panico, soffocamento, annegamento.
Se nulla fermerà la mano del boia, i primi di dicembre, Lisa Montgomery diventerà la prima donna a essere giustiziata da quasi settanta anni per un delitto talmente efferato da dubitare della sua capacità di intendere e volere al momento del fatto (ha strangolato una donna, ha tagliato il suo addome con un coltello da cucina, ha prelevato il feto di otto mesi ed è scappata).
L’ultima donna a essere messa a morte negli Stati Uniti era stata Bonnie Heady che fu uccisa nella camera a gas del Missouri nel 1953, ai tempi del Presidente Ike Eisenhower, il generale che aveva denunciato il complesso militare-industriale come un pericolo mortale per il mondo e gli stessi Stati Uniti.
Ai nostri tempi, per Donald Trump, il complesso militare-industriale non è più un pericolo, il complesso carcerario-industriale è in costante crescita e la pena di morte è tornata di moda a livello federale. In America, ci sono più di 2.250.000 persone in prigione, il record mondiale d’imprigionamento, circa 2.500 detenute nel braccio della morte, sette esecuzioni federali sono state effettuate da luglio a oggi.
Non siamo più ai tempi del Far West e dei pionieri alla ventura in un mondo sconosciuto e irto di pericoli, ma la regola di vita, pura e semplice, di allora, “la Bibbia e il fucile”, continua a ispirare la visione del mondo di oggi del Presidente Trump.
Il suo modo di pensare, di sentire e di agire ha letteralmente avvelenato la campagna elettorale americana. Il Presidente ha iniettato odio, paura e morte nelle vene degli americani, non solo dei condannati a morte. Con l’uso cinico della pena capitale a fini elettorali, con il suo esercizio aberrante e abusivo del dolore altrui, ha fatto della più solida democrazia liberale del mondo, terra di grandi contrasti, diversità e promesse, uno Stato-Caino, testimone e vittima della aberrante logica della vendetta, della catena perpetua nella quale odio si aggiunge a odio, violenza a violenza, dolore a dolore.

Il link all’articolo di Sergio D’Elia sul Riformista https://www.ilriformista.it/la-bibbia-e-il-fucile-il-motto-che-continua-a-ispirare-la-visione-del-mondo-del-presidente-trump-172752/?fbclid=IwAR2SvguAuMOKFH3_amu-sMus-PiZaMb7-vm5beXL9Q6vCQsttWvGSfJ2Cs4

Altre news:
CINA: EX PRESIDENTE DI BANCA CONDANNATO A MORTE CON PENA SOSPESA
IRAN - Un uomo, non identificato, giustiziato il 7 novembre nella prigione di Mashhad.
SUDAN: CONDANNATO ALL’IMPICCAGIONE PER L’OMICIDIO E STUPRO DI UNA BAMBINA
SOMALIA: DUE CONDANNE A MORTE NEL PUNTLAND PER L’OMICIDIO E STUPRO DI UNA RAGAZZA
CINA: INFERMIERA CONDANNATA A MORTE PER L’OMICIDIO DI UN COLLEGA CHE LA RICATTAVA
BANGLADESH: AUTISTA DI BUS E DUE ADDETTI CONDANNATI A MORTE PER L’OMICIDIO DI UN PASSEGGERO
‘PAKISTAN, ASIF CONDANNATO A MORTE PER BLASFEMIA, LA MOGLIE MARILYN E I QUATTRO FIGLI PICCOLI IN FUGA PER SALVARSI LA VITA’ di Sergio D’Elia
EAU: CORTE SUPREMA ANNULLA DUE CONDANNE CAPITALI E ORDINA NUOVO PROCESSO
SINGAPORE: CONDANNATO A MORTE PER TRAFFICO DI EROINA
BANGLADESH: CONDANNATO ALL’IMPICCAGIONE PER AVER PICCHIATO A MORTE LA MOGLIE PER LA DOTE
BANGLADESH: IMPICCATO PER GLI OMICIDI DI MOGLIE E FIGLIA
CINA: CAPO DI UNA BANDA MAFIOSA CONDANNATO A MORTE
IRAN - Sempre sulle 4 esecuzioni effettuate a Urmia il 29 ottobre.
INDIA: CORTE SUPREMA COMMUTA CONDANNA A MORTE IN ERGASTOLO
BANGLADESH: TRE CONDANNATI A MORTE PER L’OMICIDIO DI UN GUIDATORE DI RISCIO’
PAKISTAN: CONDANNATO A MORTE PER L’OMICIDIO DELLA MADRE
QATAR: QUATTRO INDIANI CONDANNATI A MORTE PER L’OMICIDIO DI UN COMMERCIANTE
PAKISTAN: DEVONO NASCONDERSI FAMILIARI DI CRISTIANO CONDANNATO A MORTE PER BLASFEMIA
IRAN - Jafar Hassani giustiziato nella prigione centrale di Rasht il 1° novembre.
AUGURI AL RIFORMISTA!

[<< Prec] 1 2 3
2022
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
  2021
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2020
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2019
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2018
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
 
2017
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2016
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2015
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2014
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2013
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2012
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
 
2011
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2010
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2009
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2008
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2007
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2006
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
 
2005
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2004
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
 
IRAN - La moglie di Djalali sollecita più impegno dall’Europa
  LA VETRINA E IL RETROBOTTEGA DEL NEGOZIO DELL’#ANTIMAFIA  
  ITALIA: DA ‘CULLA’ A ‘TOMBA’ DEL DIRITTO?  
  APPELLO AL GOVERNATORE DELLA CALIFORNIA PER JARVIS JAY MASTERS  
  MOZIONE GENERALE DEL 40ESIMO CONGRESSO STRAORDINARIO DEL PARTITO RADICALE NONVIOLENTO, TRANSNAZIONALE E TRANSPARTITO  
  ELISABETTA ZAMPARUTTI CONFERMATA AL CPT PER SECONDO MANDATO  
news
-
azioni urgenti
-
banca dati
-
campagne
-
chi siamo
-
area utenti
-
privacy e cookies
-
credits