Anno
Ultime notizie
Archivio notizie
Guida all'uso della Banca Dati
MOZIONE GENERALE DEL VI° CONGRESSO DI NTC
La pena di morte nel mondo (al 30 giugno 2016)
DISCORSO di Papa Francesco
Analisi dati Rapporto 2015 e Obiettivi di NtC
SINTESI DEI FATTI PIÙ IMPORTANTI DEL 2015 (e dei primi sei mesi del 2016)
Esecuzioni nel 2014
Esecuzioni nel 2015 (al 30 giugno)
Reportage Comore Sergio D'Elia
Reportage Niger Marco Perduca
Premio l'Abolizionista dell'Anno 2015
Messaggio di Sergio Mattarella al VI° Congresso di NtC
Relazione di Sergio D'Elia al VI° Congresso di NtC
Relazione di Elisabetta Zamparutti al VI° Congresso di NtC
Rapporto IL VOLTO SORRIDENTE DEI MULLAH
DOSSIER IRAN APRILE 2016
Dossier su Pena di Morte e Omosessualità
Reportage di Elisabetta Zamparutti
Protocollo di intesa tra NtC e CNF
Dichiarazione finale del seminario del Cairo 15/16 maggio 2017
Azioni in corso
Archivio azioni
Campagne in corso
Archivio campagne

RAPPORTO DEL SECONDO FORUM ANNUALE DELL'UE SULLA PENA DI MORTE IN ZAMBIA

RISOLUZIONE ONU 2012
RISOLUZIONE ONU 2010

DICHIARAZIONE DI LIBREVILLE

Organi Dirigenti
Dossier Iraq 2003

Le sedi
DICHIARAZIONE DI COTONOU 2014

I video
RISOLUZIONE ONU 2014

Adesioni Comuni, Province, Regioni

BILANCI DI NESSUNO TOCCHI CAINO

La campagna per la moratoria ONU delle esecuzioni capitali
DOSSIER GIAPPONE

DONA IL 5x1000 A NESSUNO TOCCHI CAINO
DOSSIER IRAN

FIRMATARI APPELLO ALLE NAZIONI UNITE

DEDUCIBILITA' FISCALE


Appello dei PREMI NOBEL
RISOLUZIONE ONU 2007
DOSSIER LIBIA
DOSSIER USA 2011
Abbiamo fatto
RISOLUZIONE ONU 2008
DOSSIER PENA DI MORTE 2008
VIDEO MISSIONE IN CIAD
Le pubblicazioni
RISOLUZIONE DELLA CONFERENZA DI KIGALI 2011

DOSSIER MORATORIA
DOSSIER COMMERCIO LETALE
DICHIARAZIONE FINALE DELLA CONFERENZA DI FREETOWN 2014
Gli obiettivi

L'AUTENTICA STORIA DEL 'TERRORISTA' SERGIO D'ELIA

Acquista il rapporto di Nessuno tocchi Caino

Contributi artistici

Contattaci
Organi Dirigenti
Newsletter
Iscriviti a NTC
Acquista le pubblicazioni
Forum utenti
Scarica l'appello per la moratoria

USA - BJS
USA - BJS
USA - Pubblicato “Capital Punishment, 2019”

25 giugno 2021:

Pubblicato “Capital Punishment, 2019” a cura del BJS (Bureau of Justice Statistics), l’agenzia federale che raccoglie ed elabora i dati ufficiali sull’amministrazione della giustizia negli Stati Uniti. Lo studio, pubblicato il 25 giugno, è aggiornato al 31 dicembre 2019. È una pubblicazione preliminare rispetto al tradizionale Uniform Crime Report (UCR), il voluminoso, e complesso, insieme di dati e statistiche su tutti gli aspetti del “crimine” negli Stati Uniti. Come dice il titolo, Capital Punishment riguarda solo la Pena Capitale per come è stata amministrata nel corso del 2019. Le fonti dei dati sono tutte le Amministrazioni Penitenziarie del paese, e tutti i Procuratori Generali. A causa della complessità del lavoro, questi dati vengono pubblicati con molto ritardo rispetto a studi analoghi compiuti da Ong. Di solito i dati degli studi “ufficiosi” delle Ong (ad esempio Death Row USA del NAACP, e lo Year End Report del DPIC) e degli studi “ufficiali” (come questo) coincidono in larghissima misura. I dati principali indicati dal comunicato stampa che lancia oggi lo studio sono: a fine 2019 i condannati a morte (in 29 stati e nel sistema federale) erano 2.570, una diminuzione di 56 unità, -2,1% rispetto alla fine del 2018. 56 risulta dalla differenza tra 87 detenuti “vecchi” che hanno lasciato (per vari motivi, compresa, in 22 casi, l’esecuzione) il braccio della morte, e 31 “nuovi” che vi sono entrati.
Più in generale il rapporto indica che il numero di prigionieri nel braccio della morte negli Stati Uniti continua a diminuire mentre la quantità media di tempo in cui sono stati nel braccio della morte si avvicina ai 19 anni
Il BJS riferisce che il 2019 è stato il diciannovesimo anno consecutivo in cui il numero di detenuti nel braccio della morte è diminuito, in calo di oltre mille da quando ha raggiunto un picco di 3.601 nel 2000.
Di contro aumenta il tempo medio che i detenuti hanno trascorso nel braccio della morte: 18,7 anni.
Tale cifra è calcolata dalla data dell'ultima condanna a morte di un detenuto e non prende in considerazione il quasi 10% dei casi in cui un detenuto ha avuto una condanna a morte, poi annullata, e poi riemessa.
Più della metà dei detenuti attualmente nel braccio della morte (1.317, ovvero il 51,7%) sono stati condannati a morte nel 2000 o prima.
Per i 22 detenuti messi a morte nel 2019, il tempo medio trascorso tra l'emissione della condanna e l’esecuzione è stato di 264 mesi (22 anni), di gran lunga la media più alta da quando la pena capitale è ripresa negli Stati Uniti nel '76. Rappresenta un aumento di 21 mesi rispetto all'intervallo di tempo di 243 mesi tra la sentenza e l'esecuzione nel 2017, l'unica altra volta in cui la media ha superato i 20 anni. L'aumento nel 2019 è stato di 26 mesi in più rispetto al lasso di tempo medio di 238 mesi del 2018 tra la sentenza e l'esecuzione.
Il rapporto ha fornito ulteriori riscontri sull'invecchiamento del braccio della morte. Sia l'età media che quella mediana dei detenuti alla fine del 2019 era di 51 anni e il 22,4% dei detenuti aveva 60 anni o più. Ciò rispetto ai dati di fine anno 2000, quando l'età media e media dei condannati a morte era di 38 anni e il 2,7% aveva 60 o più anni.
Il livello di istruzione dei nuovi ingressi nel braccio della morte suggerisce una maggiore vulnerabilità degli imputati ora condannati a morte. Più della metà dei nuovi condannati aveva meno di un'istruzione superiore e il 31,3% aveva completato l'ottavo anno (scuole medie inferiori) o meno. Tra tutti i condannati a morte, il 44,6% ha completato l'11° anno o meno e l'11,8% ha completato l'8° anno o meno.
I bracci della morte sono cresciuti solo in tre stati (North Carolina, South Carolina e Ohio), che sono aumentati di un totale combinato di sei unità. In confronto, 19 stati hanno visto ridursi i bracci della morte. California (11), Pennsylvania (8), Texas (7) e Tennessee (6) hanno rappresentato il 57,1% della riduzione a livello nazionale, mentre nessun altro stato ha avuto uno spostamento di dimensioni pari a cinque unità.
L'esecuzione, ancora una volta, non è stata la ragione principale per cui i prigionieri sono stati rimossi dal braccio della morte nel 2019: tre quarti (74,7%) di coloro che sono usciti dal braccio della morte non sono stati giustiziati. Più della metà di coloro che sono usciti dal braccio della morte nel 2019 hanno avuto o il verdetto di colpevolezza o la condanna a morte annullata dai tribunali (43) o hanno ricevuto commutazioni di pena (2). Ventidue detenuti sono stati giustiziati e altri 20 sono morti nel braccio della morte per altre cause, sostanzialmente per cause naturali. Le esecuzioni riflettono il continuo isolamento geografico della pena di morte, con 20 delle 22 esecuzioni eseguite nel Sud.
Il rapporto del BJS corrobora l'analisi del DPIC del giugno 2020 (vedi NtC 22/06/2020) sul tempo che i condannati a morte trascorrono nel braccio della morte. A quel tempo, il DPIC aveva calcolato che, alla data del 1° gennaio 2020, almeno 1.344 detenuti nel braccio della morte - più della metà del totale della nazione – avevano una permanenza di 20 anni o più, in violazione dei trattati internazionali sottoscritti dagli Usa.

https://deathpenaltyinfo.org/news/bureau-of-justice-statistics-reports-number-on-death-row-down-average-time-on-death-row-approaches-19-years

(Fonti: DPIC, 25/06/2021)

Altre news:
IRAN - Mohammad Taher Soleimani giustiziato nella prigione di Mahabad il 30 giugno
SOMALIA: 18 MEMBRI DI AL-SHABAAB GIUSTIZIATI NEL PUNTLAND
IRAN - Massoud Esfandiari giustiziato il 30 giugno nella prigione di Kermanshah
EGITTO: NOVE GIUSTIZIATI AL CAIRO
IRAN - Azim Karimizayi giustiziato nella prigione di Mashhad il 30 giugno
IRAN - Un uomo, identificato solo come A. A., giustiziato a Mashhad il 30 giugno
IRAN - Un uomo, identificato solo come “M.” è stato giustiziato a Mashhad il 30 giugno
USA - Texas. John Hummel è stato giustiziato il 30 giugno
IRAN - Il minorenne condannato a morte Ali Arjangi eviterà l’esecuzione
USA - Nevada. Hikma Phamaceuticals cita in giudizio l'Amministrazione Penitenziaria
IRAN - Azione urgente per salvare Hossein Kheiri
USA - Texas. Clamoroso record di diffidenti nei confronti della pena di morte
MYANMAR: ALMENO 64 CONDANNATI A MORTE PER LE PROTESTE CONTRO IL COLPO DI STATO
IRAN - Ali Khamenei grazia 5.100 detenuti
IRAN - Raisi deve essere ritenuto responsabile di tortura
USA - Ohio. David Braden è la prima persona a lasciare il braccio della morte per la nuova legge sulla malattia mentale
IRAN - Hashem Torabi giustiziato nella prigione di Zahedan il 26 giugno
IRAN - Abdulhamid Ghanbarzehi e un altro uomo giustiziati nella prigione di Zahedan il 26 giugno
BATTISTI PRENDA ESEMPIO DA PANNELLA: UNA BATTAGLIA NON VIOLENTA NON PUÒ ESSERE FINO ALLA MORTE
GIAPPONE: CONDANNATO A MORTE PER AVER INVESTITO E UCCISO DUE SPAZZINI CON UN CAMION
USA - La sinagoga di Pittsburgh non vuole la pena di morte per Robert Bowers
SRI LANKA: CONDANNATI A MORTE PROTESTANO CONTRO LA CONCESSIONE SELETTIVA DELLA GRAZIA
EGITTO: GIUSTIZIATI OTTO PRIGIONIERI
IRAQ: CONDANNATO A MORTE PER L’UCCISIONE DI UNA FAMIGLIA
PENA DI MORTE, BIDEN TENTENNA: ‘IO DICO NO, MA SE INSISTETE…’
IRAQ: 13 CONDANNE A MORTE PER TERRORISMO
EGITTO: DUE CONDANNE A MORTE PER OMICIDIO
BANGLADESH: GIUSTIZIATO PER L’OMICIDIO DELLA MOGLIE COMMESSO 17 ANNI FA
USA - Florida. Brandon Bradley all'ergastolo per l'omicidio di una vice-sceriffo
IRAN - Rapporto dell'Alto Commissario delle Nazioni Unite per i Diritti Umani

1 2 3 [Succ >>]
2021
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2020
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2019
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2018
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2017
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
 
2016
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2015
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2014
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2013
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2012
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2011
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
 
2010
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2009
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2008
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2007
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2006
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2005
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
 
2004
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
 
LA VETRINA E IL RETROBOTTEGA DEL NEGOZIO DELL’#ANTIMAFIA
  ITALIA: DA ‘CULLA’ A ‘TOMBA’ DEL DIRITTO?  
  APPELLO AL GOVERNATORE DELLA CALIFORNIA PER JARVIS JAY MASTERS  
  MOZIONE GENERALE DEL 40ESIMO CONGRESSO STRAORDINARIO DEL PARTITO RADICALE NONVIOLENTO, TRANSNAZIONALE E TRANSPARTITO  
  ELISABETTA ZAMPARUTTI CONFERMATA AL CPT PER SECONDO MANDATO  
  NESSUNO TOCCHI CAINO PRESENTA IL VOLUME ‘IL VIAGGIO DELLA SPERANZA’ IL 10 SETTEMBRE A BRINDISI  
news
-
azioni urgenti
-
banca dati
-
campagne
-
chi siamo
-
area utenti
-
privacy e cookies
-
credits