Anno
Ultime notizie
Archivio notizie
Guida all'uso della Banca Dati
MOZIONE GENERALE DEL VI° CONGRESSO DI NTC
La pena di morte nel mondo (al 30 giugno 2016)
DISCORSO di Papa Francesco
SINTESI DEI FATTI PIÙ IMPORTANTI DEL 2015 (e dei primi sei mesi del 2016)
Analisi dati Rapporto 2015 e Obiettivi di NtC
Esecuzioni nel 2014
Esecuzioni nel 2015 (al 30 giugno)
Reportage Comore Sergio D'Elia
Reportage Niger Marco Perduca
Premio l'Abolizionista dell'Anno 2015
Messaggio di Sergio Mattarella al VI° Congresso di NtC
Relazione di Sergio D'Elia al VI° Congresso di NtC
Relazione di Elisabetta Zamparutti al VI° Congresso di NtC
Rapporto IL VOLTO SORRIDENTE DEI MULLAH
DOSSIER IRAN APRILE 2016
Dossier su Pena di Morte e Omosessualità
Reportage di Elisabetta Zamparutti
Protocollo di intesa tra NtC e CNF
Dichiarazione finale del seminario del Cairo 15/16 maggio 2017
Azioni in corso
Archivio azioni
Campagne in corso
Archivio campagne

RAPPORTO DEL SECONDO FORUM ANNUALE DELL'UE SULLA PENA DI MORTE IN ZAMBIA

RISOLUZIONE ONU 2012
RISOLUZIONE ONU 2010

DICHIARAZIONE DI LIBREVILLE

Organi Dirigenti
Dossier Iraq 2003

Le sedi
DICHIARAZIONE DI COTONOU 2014

I video
RISOLUZIONE ONU 2014

Adesioni Comuni, Province, Regioni

BILANCI DI NESSUNO TOCCHI CAINO

La campagna per la moratoria ONU delle esecuzioni capitali
DOSSIER GIAPPONE

DONA IL 5x1000 A NESSUNO TOCCHI CAINO
DOSSIER IRAN

FIRMATARI APPELLO ALLE NAZIONI UNITE

DEDUCIBILITA' FISCALE


Appello dei PREMI NOBEL
RISOLUZIONE ONU 2007
DOSSIER LIBIA
DOSSIER USA 2011
Abbiamo fatto
RISOLUZIONE ONU 2008
DOSSIER PENA DI MORTE 2008
VIDEO MISSIONE IN CIAD
Le pubblicazioni
RISOLUZIONE DELLA CONFERENZA DI KIGALI 2011

DOSSIER MORATORIA
DOSSIER COMMERCIO LETALE
DICHIARAZIONE FINALE DELLA CONFERENZA DI FREETOWN 2014
Gli obiettivi

L'AUTENTICA STORIA DEL 'TERRORISTA' SERGIO D'ELIA

Acquista il rapporto di Nessuno tocchi Caino

Contributi artistici

Contattaci
Organi Dirigenti
Newsletter
Iscriviti a NTC
Acquista le pubblicazioni
Forum utenti
Scarica l'appello per la moratoria

Il primo ministro di PNG, James Marape
Il primo ministro di PNG, James Marape
PENA DI MORTE, LA NUOVA GUINEA FERMA IL BOIA

30 gennaio 2022: Elisabetta Zamparutti su Il Riformista del 28 gennaio 2022

Per trovare Papua Nuova Guinea sul mappamondo, bisogna girarlo completamente rispetto a noi. Il giro è anche temporale, perché lì vivono tribù ancora isolate nella foresta. Ce n’è una che seppe dell’esistenza di altri popoli solo nel 1974, un anno prima che l’arcipelago raggiungesse la sua indipendenza.
Non ci sono state esecuzioni dal 1954 e, secondo alcuni analisti, ciò è dipeso dalla cultura tribale – retributiva all’incontrario – per cui i boia o i legislatori che avessero procurato o consentito la morte tramite esecuzione, avrebbero potuto subire la ritorsione violenta da parte del clan del giustiziato. Sta di fatto però che le sole impiccagioni di cui si è avuto notizia sono quelle avvenute sotto le varie amministrazioni britannica, tedesca e australiana. Abolita nel 1970 sotto l’amministrazione australiana, la pena di morte è stata reintrodotta nel 1991 per omicidio, tradimento e pirateria.
In un malsano tentativo di tenersi al passo con i tempi moderni, dopo tanti viaggi-studio in Tailandia, a Singapore, in Malesia, in Indonesia e negli Stati Uniti, il Parlamento introdusse nel 2013 la “civilissima” iniezione letale, con anche il plotone di esecuzione e la sedia elettrica in aggiunta al tradizionale metodo dell’impiccagione. Con l’occasione vennero inseriti nel codice penale anche i reati capitali di stupro aggravato, omicidi legati alla stregoneria e rapine violente. Già nel 2014, però, la difficoltà a procurarsi i farmaci per l’iniezione letale portò il Paese a rinunciare a questo metodo così moderno. E quando nel 2015, il Ministro della Giustizia e Procuratore Generale Lawrence Kalinoe annunciò la ripresa delle esecuzioni, vi fu il contenimento da parte del Primo Ministro Peter O’Neill che, invocando invece l’abolizione in nome della religione cristiana e delle tradizioni, prese decisamente le distanze da chi con la pena di morte pensava di far rispettare la legge e l’ordine nel Paese. A mitigare la bramosia della forca intervenne poi nel 2017 la Corte Nazionale che fece notare come mancasse un Comitato per la grazia e la revisione delle domande individuali di clemenza e pertanto sospese le esecuzioni in vista della costituzione di questo istituto di mitigazione delle pene.
In questo succedersi di opposte tendenze è emerso il senso di un ordine che ha portato il Parlamento di Papua Nuova Guinea ad abolire definitivamente la pena di morte. Il 20 gennaio scorso sono stati esaminati 11 disegni di legge, di cui 6 d’iniziativa del Ministro della Giustizia Bryan Kramer. Nell’illustrarli, il Ministro Kramer ha spiegato come fosse difficile per il Governo riuscire a praticare i metodi di esecuzione in modo umano. Sempre in Parlamento il Primo Ministro James Marape ha detto che la pena di morte “è stata contemplata nell’ordinamento per molti anni, ma in considerazione del trend globale e di studi internazionali, non è un deterrente”. Marape si è anche richiamato ai valori cristiani quando ha detto di ritenere prevalente il “non uccidere” e che solo a Dio spetta giudicare.
Secondo quanto reso pubblico dal commissario per i servizi penitenziari Stephen Pokanis, ci sono 14 detenuti nel braccio della morte della prigione di Bomana a Port Moresby, mentre altri condannati a morte sono reclusi in altre prigioni in tutto il Paese. La loro pena verrà commutata in ergastolo senza condizionale o con possibilità di condizionale dopo trent’anni a seconda dei casi.
C’è dunque molto da fare ancora perché Papua Nuova Guinea si liberi oltre che della pena di morte anche della pena fino alla morte. C’è da dire però che, almeno, dopo trent’anni, ha avuto la capacità di dire basta all’idea che legge e ordine si possano affermare solo attraverso la terribilità della pena. Da noi invece, dopo trent’anni, lo stato di guerra e di emergenza non è ancora finito, l’arsenale di leggi, misure, procedure e regimi speciali non è ancora stato smantellato. Anzi, c’è chi, per continuare a combattere la mafia, invoca ancora “carcere duro” e “fine pena mai”. E sbarra con i soliti anatemi, falsi allarmi e vere e proprie maledizioni la strada verso l’abolizione illuminata dalle sentenze della Corte Europea e della Corte Costituzionale.
Nel trentennale della introduzione della pena di morte, la Papuasia decide di abolirla. Nel trentennale della introduzione della pena fino alla morte, l’Italia la vorrebbe mantenere. Il livello di civiltà di un Paese si misura anche da questo.

Altre news:
EGITTO: 10 CONDANNATI A MORTE PER ATTACCHI ALLA POLIZIA
RDC: 51 CONDANNATI A MORTE PER GLI OMICIDI DI DUE ESPERTI ONU
USA - Tennessee. Pervis Payne condannato all’ergastolo “semplice”
IRAN - Mehrdad Karimpour e Farid Mohammadi impiccati a Maragheh il 30 gennaio
IRAN - Mohammadreza Afaridoun giustiziato a Zahedan il 30 gennaio
IL DRAMMA DI CLAUDIO, STA MALE E VA CURATO MA NON È UN UOMO: È UN CARCERATO!
MYANMAR: PIU’ DI 100 CONDANNATI A MORTE A YANGON DAL COLPO DI STATO
IRAN - Nasser Sohrabzehi (Sohrab Zehi) giustiziato a Zahedan il 29 gennaio
IRAN - Hossein Kaveh giustiziato nella prigione di Rasht il 29 gennaio
USA - Alabama. Matthew Reeves è stato giustiziato il 27 gennaio
USA - Alabama. La condanna a morte di Cory Maples è stata annullata
PAKISTAN: CONDANNATO A MORTE PER L’OMICIDIO DELLA MOGLIE
INDIA: CONDANNATO A MORTE NEL BIHAR PER LO STUPRO DI UNA BAMBINA
USA - Pubblicato “Capital Punishment, 2020”
IRAN - Mir Soltan Amiri giustiziato nella prigione di Urmia il 27 gennaio
USA - Oklahoma. Donald Grant è stato giustiziato
BANGLADESH: CONDANNATO A MORTE PER OMICIDIO E STUPRO
IRAN - Mohammad Ghaneh e Akbar … giustiziati a Shiraz il 26 gennaio
IRAN - I fratelli Yasser e Younes Nourizadeh condannati a morte
PAKISTAN: CONDANNATO A MORTE PER GLI OMICIDI DELLA MOGLIE E DI TRE BAMBINI
IRAN - Rapporto di fine anno di Iran-HRM
BANGLADESH: CINQUE CONDANNATI A MORTE PER L’OMICIDIO DI UNA DONNA
IRAN - La prigione di Qarchak, un incubo per le detenute iraniane
KENYA: CONDANNATO A MORTE PER RAPINE CON VIOLENZA
NIGERIA: GOVERNATORE DI BENUE CONCEDE L’AMNISTIA A 50 DETENUTI
IRAN - Narges Mohammadi condannata a otto anni di reclusione e 70 frustate
MYANMAR: DUE NOTI ATTIVISTI CONDANNATI A MORTE DALLA GIUNTA MILITARE
INDIA: ALTA CORTE DI BOMBAY COMMUTA IN ERGASTOLO LE CONDANNE A MORTE DI DUE SORELLE
NEL REGNO DI BIN SALMAN TORNANO A ROTOLARE TESTE
A POGGIOREALE PER VISITARE ANCHE I CAINI DI FORZA NUOVA

1 2 3 4 [Succ >>]
2024
gennaio
febbraio
marzo
aprile
  2023
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2022
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2021
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2020
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
 
2019
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2018
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2017
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2016
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2015
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2014
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
 
2013
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2012
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2011
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2010
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2009
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2008
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
 
2007
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2006
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2005
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2004
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
 
Convegno a Spoleto
  IRAN - La moglie di Djalali sollecita più impegno dall’Europa  
  LA VETRINA E IL RETROBOTTEGA DEL NEGOZIO DELL’#ANTIMAFIA  
  ITALIA: DA ‘CULLA’ A ‘TOMBA’ DEL DIRITTO?  
  APPELLO AL GOVERNATORE DELLA CALIFORNIA PER JARVIS JAY MASTERS  
  MOZIONE GENERALE DEL 40ESIMO CONGRESSO STRAORDINARIO DEL PARTITO RADICALE NONVIOLENTO, TRANSNAZIONALE E TRANSPARTITO  
news
-
azioni urgenti
-
banca dati
-
campagne
-
chi siamo
-
area utenti
-
privacy e cookies
-
credits