Anno
Ultime notizie
Archivio notizie
Guida all'uso della Banca Dati
MOZIONE GENERALE DEL VI° CONGRESSO DI NTC
La pena di morte nel mondo (al 30 giugno 2016)
DISCORSO di Papa Francesco
SINTESI DEI FATTI PIÙ IMPORTANTI DEL 2015 (e dei primi sei mesi del 2016)
Analisi dati Rapporto 2015 e Obiettivi di NtC
Esecuzioni nel 2014
Esecuzioni nel 2015 (al 30 giugno)
Reportage Comore Sergio D'Elia
Reportage Niger Marco Perduca
Premio l'Abolizionista dell'Anno 2015
Messaggio di Sergio Mattarella al VI° Congresso di NtC
Relazione di Sergio D'Elia al VI° Congresso di NtC
Relazione di Elisabetta Zamparutti al VI° Congresso di NtC
Rapporto IL VOLTO SORRIDENTE DEI MULLAH
DOSSIER IRAN APRILE 2016
Dossier su Pena di Morte e Omosessualità
Reportage di Elisabetta Zamparutti
Protocollo di intesa tra NtC e CNF
Dichiarazione finale del seminario del Cairo 15/16 maggio 2017
Azioni in corso
Archivio azioni
Campagne in corso
Archivio campagne

RAPPORTO DEL SECONDO FORUM ANNUALE DELL'UE SULLA PENA DI MORTE IN ZAMBIA

RISOLUZIONE ONU 2012
RISOLUZIONE ONU 2010

DICHIARAZIONE DI LIBREVILLE

Organi Dirigenti
Dossier Iraq 2003

Le sedi
DICHIARAZIONE DI COTONOU 2014

I video
RISOLUZIONE ONU 2014

Adesioni Comuni, Province, Regioni

BILANCI DI NESSUNO TOCCHI CAINO

La campagna per la moratoria ONU delle esecuzioni capitali
DOSSIER GIAPPONE

DONA IL 5x1000 A NESSUNO TOCCHI CAINO
DOSSIER IRAN

FIRMATARI APPELLO ALLE NAZIONI UNITE

DEDUCIBILITA' FISCALE


Appello dei PREMI NOBEL
RISOLUZIONE ONU 2007
DOSSIER LIBIA
DOSSIER USA 2011
Abbiamo fatto
RISOLUZIONE ONU 2008
DOSSIER PENA DI MORTE 2008
VIDEO MISSIONE IN CIAD
Le pubblicazioni
RISOLUZIONE DELLA CONFERENZA DI KIGALI 2011

DOSSIER MORATORIA
DOSSIER COMMERCIO LETALE
DICHIARAZIONE FINALE DELLA CONFERENZA DI FREETOWN 2014
Gli obiettivi

L'AUTENTICA STORIA DEL 'TERRORISTA' SERGIO D'ELIA

Acquista il rapporto di Nessuno tocchi Caino

Contributi artistici

Contattaci
Organi Dirigenti
Newsletter
Iscriviti a NTC
Acquista le pubblicazioni
Forum utenti
Scarica l'appello per la moratoria

IRANIANI PRONTI A TUTTO. E NOI CHE FACCIAMO PER LORO?

22 ottobre 2022:

Roberto Rampi su Il Riformista del 21 ottobre 2022

Da quando con passione seguo le drammatiche vicende del popolo iraniano, lo sviluppo di un regime che nel tempo è riuscito persino a peggiorare, nonostante partisse da vette drammatiche di violenza, e le ambiguità responsabili dell’Unione Europea e dei governi italiani nei confronti di questo regime, le straordinarie manifestazioni della diaspora iraniana, le azioni politiche della resistenza, mai eravamo arrivati a un punto così importante di mobilitazione nel Paese. Troppe persone costrette a violenze di ogni tipo e private della speranza oggi non hanno nulla da perdere e sono pronte a tutto per cambiare.
L’Iran è campione mondiale di esecuzioni. Nel mio impegno per la moratoria globale della pena di morte ho iniziato ad approfondire le caratteristiche di un regime che non solo uccide il suo popolo con processi sommari e per “reati contro la morale”, a partire dalla omosessualità. Ma lo fa spettacolarizzando la violenza, impiccando al braccio di grandi gru da costruzione donne, uomini, ragazze, bambini davanti a una folla spesso obbligata ad assistere. Uccide i minori, fa dello spettacolo della violenza la cifra di un sistema di potere fondato sul terrore. E proprio per questo oltre a essere crudele con i propri cittadini l’attuale governo iraniano esporta violenza nel mondo, finanziando gruppi terroristi in tutto il Medioriente.
In questi anni in parlamento abbiamo sollevato con le diverse organizzazioni per i diritti umani e con gli stessi iraniani della diaspora il problema dell’atteggiamento dell’Italia e dell’Europa, che hanno scelto l’illusione degli investimenti economici e del potenziale di crescita del Paese rispetto alla intransigenza sui diritti umani, promuovendo iniziative, scambi, incontri come se il governo iraniano fosse un normale interlocutore. Nonostante non possano esistere investimenti sicuri in contesti privi di stato di diritto, dove la corruzione e l’arbitrio assoluto governano tanto l’economia che la vita umana.
È stata alimentata la favola delle cosiddette componenti riformiste del regime, e l’idea di possibili accordi in particolare sulla questione nucleare. Anche di fronte al rapimento e alla condanna di Ahmadreza Djalali e alla comprovata organizzazione di un tentato attentato sul suolo europeo la strategia non è cambiata. E alle ripetute interrogazioni si è risposto con una flemma degna di ben altra condizione.
Oggi grazie al sacrificio in particolare di alcune giovani donne qualcosa si smuove nella opinione pubblica e anche nel sistema dell’informazione.
Un movimento internazionale sembra attivarsi e aprire lo sguardo verso un regime che mostra forti segnali di cedimento, nonostante abbia saputo muoversi nelle profonde fratture della nuova situazione internazionale per attirare investimenti e stringere alleanze, in particolare con Russia e Turchia. Mi auguro che l’Italia sappia essere protagonista di una nuova fase.
Alle manifestazioni di piazza e ai tagli di capelli in solidarietà con le donne iraniane devono seguire processi di disinvestimento economico, soprattutto delle aziende a partecipazione statale, e la comunità internazionale deve favorire un cambio di regime, senza alcun cedimento a frange interne al potere che hanno partecipato alle nefandezze che opprimono da oltre quarant’anni un grande Paese, facendo oltraggio a una cultura millenaria fatta di apertura, pluralismo, convivenza.
Oggi l’Iran aspetta che il mondo intero riconosca il diritto del suo popolo di difendersi dalle violenze del regime, di organizzarsi, un aiuto concreto in termini di sanzioni e un supporto attraverso la riattivazione della rete interna e le condanne nette sul piano internazionale, il superamento della normalizzazione dei rapporti diplomatici.
La scorsa settimana all’Assemblea Parlamentare del Consiglio d’Europa oltre 100 parlamentari di Paesi e gruppi politici diversi hanno sottoscritto una dichiarazione molto netta in tal senso. Dopo avere richiamato il ruolo svolto dall’attuale Presidente della Repubblica Islamica Ebrahim Raisi nel massacro di prigionieri politici nel 1988 – secondo alcuni rapporti, i giustiziati furono 30.000, il 90% dei quali erano sostenitori dei Mujahedin del Popolo – i parlamentari del Consiglio d’Europa hanno invitato gli Stati membri europei e la comunità internazionale a condannare fermamente le uccisioni e gli arresti di manifestanti in corso in Iran, a riconoscere il diritto del popolo iraniano a resistere alla repressione e a difendersi, a fornire accesso gratuito a Internet per il popolo iraniano.
Il tempo per un Iran libero è adesso.

Altre news:
USA - Alabama. Jimmy O'Neal Spencer sentenced to death
SOMALIA: TRIBUNALE MILITARE FUCILA DUE AL-SHABAB
SINGAPORE: CONDANNA A MORTE OBBLIGATORIA PER TRAFFICO DI EROINA
IRAN - Donna non identificata giustiziata a Borujerd il 27 ottobre
IRAN - Una donna, non identificata, giustiziata a Boroujerd il 27 ottobre
BANGLADESH: TRE CONDANNATI A MORTE PER L’OMICIDIO DI UN AVVERSARIO POLITICO
USA - Texas. Robert Solis, 50 anni, bianco, condannato a morte
IRAQ: UNA CONDANNA A MORTE PER L’OMICIDIO DI UN ATTIVISTA ANTIGOVERNATIVO
APPELLO PER UN’ALTRA PACE, FONDATA SULLA VERITA’ E ORIENTATA ALLA RICONCILIAZIONE
IRAN - Hossein Valizadeh giustiziato ad Hamadan il 25 ottobrea
USA - Florida. Mark Wilson condannato a morte
BANGLADESH: 10 CONDANNATI A MORTE PER GLI OMICIDI DI TRE COMMERCIANTI DI BESTIAME
IRAN - Alireza Janipour giustiziato ad Hamadan il 25 ottobre
IRAN - Proteste in Iran: almeno 234 di cui 29 minori uccisi
GIAPPONE: PRIGIONIERI DEL BRACCIO DELLA MORTE CONTRO LE ESECUZIONI SENZA PREAVVISO
USA - Florida. Allen Cox condannato a morte
EGITTO: NOVE MEMBRI DI UNA FAMIGLIA CONDANNATI A MORTE PER OMICIDIO
IRAN - 500 giustiziati in Iran dall’inizio dell’anno
GHANA: GIUDICE DELLA CORTE SUPREMA FAVOREVOLE AD ABOLIZIONE PENA CAPITALE
USA - California. Scott Peterson trasferito dal braccio della morte
IRAN - Mohammad Esfandiari giustiziato a Barazjan il 24 ottobre
USA - Ancora un rinvio al processo per l’11 Settembre a Guantanamo
IRAN - Sajjad Zainivandnejad giustiziato a Borujerd il 23 ottobre
IRAN - Yousef Faraji giustiziato ad Aligudarz il 22 ottobre
IRAN - Tre uomini di etnia baluca giustiziati il 22 ottobre
ALGERIA: GIORNALISTA OPPOSITORE CONDANNATO A MORTE
I BUONI FUORI, I CATTIVI IN CELLA: FACCE DELLA STESSA MEDAGLIA
BANGLADESH: QUATTRO CONDANNATI A MORTE PER LO STUPRO E OMICIDIO DI UNA RAGAZZA
USA - Oklahoma. Benjamin Cole è stato giustiziato
USA - Louisiana. Formalizzata la condanna a morte di Kevin Daigle

1 2 3 4 [Succ >>]
2024
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
  2023
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2022
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2021
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2020
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
 
2019
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2018
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2017
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2016
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2015
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2014
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
 
2013
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2012
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2011
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2010
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2009
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2008
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
 
2007
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2006
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2005
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2004
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
 
Convegno a Spoleto
  IRAN - La moglie di Djalali sollecita più impegno dall’Europa  
  LA VETRINA E IL RETROBOTTEGA DEL NEGOZIO DELL’#ANTIMAFIA  
  ITALIA: DA ‘CULLA’ A ‘TOMBA’ DEL DIRITTO?  
  APPELLO AL GOVERNATORE DELLA CALIFORNIA PER JARVIS JAY MASTERS  
  MOZIONE GENERALE DEL 40ESIMO CONGRESSO STRAORDINARIO DEL PARTITO RADICALE NONVIOLENTO, TRANSNAZIONALE E TRANSPARTITO  
news
-
azioni urgenti
-
banca dati
-
campagne
-
chi siamo
-
area utenti
-
privacy e cookies
-
credits