Anno
Ultime notizie
Archivio notizie
Guida all'uso della Banca Dati
MOZIONE GENERALE DEL VI° CONGRESSO DI NTC
La pena di morte nel mondo (al 30 giugno 2016)
DISCORSO di Papa Francesco
SINTESI DEI FATTI PIÙ IMPORTANTI DEL 2015 (e dei primi sei mesi del 2016)
Analisi dati Rapporto 2015 e Obiettivi di NtC
Esecuzioni nel 2014
Esecuzioni nel 2015 (al 30 giugno)
Reportage Comore Sergio D'Elia
Reportage Niger Marco Perduca
Premio l'Abolizionista dell'Anno 2015
Messaggio di Sergio Mattarella al VI° Congresso di NtC
Relazione di Sergio D'Elia al VI° Congresso di NtC
Relazione di Elisabetta Zamparutti al VI° Congresso di NtC
Rapporto IL VOLTO SORRIDENTE DEI MULLAH
DOSSIER IRAN APRILE 2016
Dossier su Pena di Morte e Omosessualità
Reportage di Elisabetta Zamparutti
Protocollo di intesa tra NtC e CNF
Dichiarazione finale del seminario del Cairo 15/16 maggio 2017
Azioni in corso
Archivio azioni
Campagne in corso
Archivio campagne

RAPPORTO DEL SECONDO FORUM ANNUALE DELL'UE SULLA PENA DI MORTE IN ZAMBIA

RISOLUZIONE ONU 2012
RISOLUZIONE ONU 2010

DICHIARAZIONE DI LIBREVILLE

Organi Dirigenti
Dossier Iraq 2003

Le sedi
DICHIARAZIONE DI COTONOU 2014

I video
RISOLUZIONE ONU 2014

Adesioni Comuni, Province, Regioni

BILANCI DI NESSUNO TOCCHI CAINO

La campagna per la moratoria ONU delle esecuzioni capitali
DOSSIER GIAPPONE

DONA IL 5x1000 A NESSUNO TOCCHI CAINO
DOSSIER IRAN

FIRMATARI APPELLO ALLE NAZIONI UNITE

DEDUCIBILITA' FISCALE


Appello dei PREMI NOBEL
RISOLUZIONE ONU 2007
DOSSIER LIBIA
DOSSIER USA 2011
Abbiamo fatto
RISOLUZIONE ONU 2008
DOSSIER PENA DI MORTE 2008
VIDEO MISSIONE IN CIAD
Le pubblicazioni
RISOLUZIONE DELLA CONFERENZA DI KIGALI 2011

DOSSIER MORATORIA
DOSSIER COMMERCIO LETALE
DICHIARAZIONE FINALE DELLA CONFERENZA DI FREETOWN 2014
Gli obiettivi

L'AUTENTICA STORIA DEL 'TERRORISTA' SERGIO D'ELIA

Acquista il rapporto di Nessuno tocchi Caino

Contributi artistici

Contattaci
Organi Dirigenti
Newsletter
Iscriviti a NTC
Acquista le pubblicazioni
Forum utenti
Scarica l'appello per la moratoria

GIAPPONE: PRIGIONIERI DEL BRACCIO DELLA MORTE CONTRO LE ESECUZIONI SENZA PREAVVISO

25 ottobre 2022:

Due condannati a morte del Giappone hanno presentato una causa contro le modalità con cui le autorità applicano la pena di morte, ha riportato Vatican News il 24 ottobre 2022.
Le autorità giapponesi concedono ai prigionieri nel braccio della morte solo una o due ore di preavviso della loro impiccagione, una politica che secondo le autorità tutela la "stabilità emotiva" del detenuto.
Gli attivisti affermano invece che questa politica privi i prigionieri dei loro diritti legali, così come la possibilità di dire addio alla famiglia o ricevere ministri religiosi.
La causa, presentata da due prigionieri anonimi del braccio della morte al tribunale distrettuale di Osaka, contiene testimonianze toccanti.
"Quando l'addetto della prigione apre la porta della cella del prigioniero e annuncia l'esecuzione, il prigioniero viene immediatamente preso e portato sul luogo dell'esecuzione", ha scritto agli avvocati il prigioniero del braccio della morte Hiroshi Sakaguchi, riportato nella causa.
“Il prigioniero viene legato, ammanettato e portato con gli stessi vestiti sul posto delle esecuzioni, dove viene impiccato con un cappio. … Noi, i condannati, non siamo autorizzati a opporci all'esecuzione”.
Un'altra testimonianza è contenuta in un nastro audio registrato nel 1955, che racconta le ultime ore di un prigioniero senza nome in un’epoca in cui i termini di preavviso erano più lunghi. Nel nastro, si comprende che l'uomo riceve tre giorni di preavviso della sua esecuzione e trascorre il tempo salutando affettuosamente i detenuti e la sorella in visita, che singhiozza. Il nastro include il rumore dell'uomo che viene impiccato mentre i sacerdoti buddisti cantano i sutra.
Il Giappone ora ha ridotto il periodo di preavviso a una o due ore, negando ai prigionieri il tempo sufficiente per contattare chiunque fuori dal carcere o anche solo per riflettere sulla morte imminente.
Takeshi Kaneko, un avvocato che lavora a Osaka per i due prigionieri anonimi, dice che la politica è sbagliata.
"Se dai l’avviso il giorno stesso, non puoi prepararti bene", ha detto Kaneko. “È solo per comodità delle autorità che il prigioniero viene avvisato la mattina stessa. Questo è un errore".
Inoltre, questa politica nega ai detenuti la possibilità di contattare un avvocato, e quindi il diritto di appello. Almeno un prigioniero è stato giustiziato mentre era in corso un appello.
Il ministero della Giustizia giapponese non ha mai detto perché o quando abbia adottato le esecuzioni immediate. Dice solo che la politica garantisce la "stabilità emotiva" del prigioniero.
Gli attivisti ritengono che potrebbe essere un tentativo di prevenire suicidi. Un condannato a morte si è suicidato nel 1975 e l’adozione delle nuove modalità potrebbe risalire a quel periodo.
Incertezza e segretezza circondano le esecuzioni in Giappone.
Il ministero della Giustizia annuncia il nome e il crimine commesso dal prigioniero ma nient'altro, citando regole di riservatezza e privacy. Alcuni prigionieri hanno trascorso più di un decennio nel braccio della morte prima di essere uccisi in una data arbitraria.
La segretezza significa che non c'è quasi dibattito pubblico in Giappone sulla pena di morte o su come venga applicata. Gli attivisti ritengono che molte persone non siano nemmeno consapevoli del fatto che tutti i prigionieri vengano impiccati, una pratica invariata dal 19° secolo.
"Dato che solo due informazioni vengono divulgate dalle autorità, questa è una situazione in cui è impossibile discutere del sistema della pena di morte", ha affermato Kaneko.
L'attuale causa legale non mira certo a rovesciare la pena di morte. Gli avvocati stanno sfidando una piccola parte della procedura come modo per avviare una discussione più ampia.
"Vorrei chiedere a tutti cosa ne pensano della pena di morte", ha detto Kaneko.
“Il periodo di preavviso dovrebbe essere di 30 giorni, 90 giorni o anche più? Dal momento che non ci sono discussioni in Giappone, possiamo aumentare la consapevolezza sul problema".
Kaneko invita le autorità del Giappone a prendere in considerazione le procedure negli Stati Uniti, dove i prigionieri di alcuni stati hanno la libertà di incontrare ospiti, scrivere lettere e consumare un ultimo pasto a scelta. Ciò conserva parte della loro dignità e offre un certo sollievo.
Se il Giappone adottasse maggiore preavviso, potrebbe consentire ai prigionieri un'ultima cerimonia del tè e la possibilità di scrivere poesie haiku, sostengono i presentatori della causa presso il tribunale di Osaka.
Nel 1979, il Giappone è diventato membro della Convenzione sulle Libertà Civili, che proibisce metodi di esecuzione "dolorosi e umilianti". Il Comitato per le Libertà Civili, che sovrintende all'attuazione del documento, ha espresso più volte preoccupazione per il fatto che i detenuti nel braccio della morte giapponese vengano giustiziati senza preavviso e che le loro famiglie non possano prepararsi. Questo, si dice, è crudele.
Nel frattempo, il team legale di Osaka teme ritorsioni contro i due prigionieri per via della causa legale. Potrebbero essere giustiziati in qualsiasi giorno, per un motivo sconosciuto.
Per questa ragione, alla corte non è stato comunicato il loro nome.

(Fonti: Vatican News, 24/10/2022)

Altre news:
USA - Alabama. Jimmy O'Neal Spencer sentenced to death
SINGAPORE: CONDANNA A MORTE OBBLIGATORIA PER TRAFFICO DI EROINA
SOMALIA: TRIBUNALE MILITARE FUCILA DUE AL-SHABAB
IRAN - Donna non identificata giustiziata a Borujerd il 27 ottobre
BANGLADESH: TRE CONDANNATI A MORTE PER L’OMICIDIO DI UN AVVERSARIO POLITICO
IRAN - Una donna, non identificata, giustiziata a Boroujerd il 27 ottobre
USA - Texas. Robert Solis, 50 anni, bianco, condannato a morte
APPELLO PER UN’ALTRA PACE, FONDATA SULLA VERITA’ E ORIENTATA ALLA RICONCILIAZIONE
IRAQ: UNA CONDANNA A MORTE PER L’OMICIDIO DI UN ATTIVISTA ANTIGOVERNATIVO
IRAN - Alireza Janipour giustiziato ad Hamadan il 25 ottobre
IRAN - Hossein Valizadeh giustiziato ad Hamadan il 25 ottobrea
USA - Florida. Mark Wilson condannato a morte
BANGLADESH: 10 CONDANNATI A MORTE PER GLI OMICIDI DI TRE COMMERCIANTI DI BESTIAME
IRAN - Proteste in Iran: almeno 234 di cui 29 minori uccisi
USA - California. Scott Peterson trasferito dal braccio della morte
IRAN - Mohammad Esfandiari giustiziato a Barazjan il 24 ottobre
USA - Florida. Allen Cox condannato a morte
EGITTO: NOVE MEMBRI DI UNA FAMIGLIA CONDANNATI A MORTE PER OMICIDIO
IRAN - 500 giustiziati in Iran dall’inizio dell’anno
GHANA: GIUDICE DELLA CORTE SUPREMA FAVOREVOLE AD ABOLIZIONE PENA CAPITALE
USA - Ancora un rinvio al processo per l’11 Settembre a Guantanamo
IRAN - Sajjad Zainivandnejad giustiziato a Borujerd il 23 ottobre
IRAN - Yousef Faraji giustiziato ad Aligudarz il 22 ottobre
IRAN - Tre uomini di etnia baluca giustiziati il 22 ottobre
IRANIANI PRONTI A TUTTO. E NOI CHE FACCIAMO PER LORO?
ALGERIA: GIORNALISTA OPPOSITORE CONDANNATO A MORTE
I BUONI FUORI, I CATTIVI IN CELLA: FACCE DELLA STESSA MEDAGLIA
USA - Louisiana. Formalizzata la condanna a morte di Kevin Daigle
VOGHERA: 21 OTTOBRE CONFERENZA ‘BASTA MORTE PER PENA!’
BANGLADESH: QUATTRO CONDANNATI A MORTE PER LO STUPRO E OMICIDIO DI UNA RAGAZZA

1 2 3 4 [Succ >>]
2024
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
  2023
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2022
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2021
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2020
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
 
2019
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2018
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2017
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2016
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2015
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2014
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
 
2013
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2012
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2011
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2010
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2009
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2008
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
 
2007
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2006
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2005
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2004
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
 
Convegno a Spoleto
  IRAN - La moglie di Djalali sollecita più impegno dall’Europa  
  LA VETRINA E IL RETROBOTTEGA DEL NEGOZIO DELL’#ANTIMAFIA  
  ITALIA: DA ‘CULLA’ A ‘TOMBA’ DEL DIRITTO?  
  APPELLO AL GOVERNATORE DELLA CALIFORNIA PER JARVIS JAY MASTERS  
  MOZIONE GENERALE DEL 40ESIMO CONGRESSO STRAORDINARIO DEL PARTITO RADICALE NONVIOLENTO, TRANSNAZIONALE E TRANSPARTITO  
news
-
azioni urgenti
-
banca dati
-
campagne
-
chi siamo
-
area utenti
-
privacy e cookies
-
credits