Anno
Ultime notizie
Archivio notizie
Guida all'uso della Banca Dati
MOZIONE GENERALE DEL VI° CONGRESSO DI NTC
La pena di morte nel mondo (al 30 giugno 2016)
DISCORSO di Papa Francesco
Analisi dati Rapporto 2015 e Obiettivi di NtC
SINTESI DEI FATTI PIÙ IMPORTANTI DEL 2015 (e dei primi sei mesi del 2016)
Esecuzioni nel 2014
Esecuzioni nel 2015 (al 30 giugno)
Reportage Comore Sergio D'Elia
Reportage Niger Marco Perduca
Premio l'Abolizionista dell'Anno 2015
Messaggio di Sergio Mattarella al VI° Congresso di NtC
Relazione di Sergio D'Elia al VI° Congresso di NtC
Relazione di Elisabetta Zamparutti al VI° Congresso di NtC
Rapporto IL VOLTO SORRIDENTE DEI MULLAH
DOSSIER IRAN APRILE 2016
Dossier su Pena di Morte e Omosessualità
Reportage di Elisabetta Zamparutti
Protocollo di intesa tra NtC e CNF
Dichiarazione finale del seminario del Cairo 15/16 maggio 2017
Azioni in corso
Archivio azioni
Campagne in corso
Archivio campagne

RAPPORTO DEL SECONDO FORUM ANNUALE DELL'UE SULLA PENA DI MORTE IN ZAMBIA

RISOLUZIONE ONU 2012
RISOLUZIONE ONU 2010

DICHIARAZIONE DI LIBREVILLE

Organi Dirigenti
Dossier Iraq 2003

Le sedi
DICHIARAZIONE DI COTONOU 2014

I video
RISOLUZIONE ONU 2014

Adesioni Comuni, Province, Regioni

BILANCI DI NESSUNO TOCCHI CAINO

La campagna per la moratoria ONU delle esecuzioni capitali
DOSSIER GIAPPONE

DONA IL 5x1000 A NESSUNO TOCCHI CAINO
DOSSIER IRAN

FIRMATARI APPELLO ALLE NAZIONI UNITE

DEDUCIBILITA' FISCALE


Appello dei PREMI NOBEL
RISOLUZIONE ONU 2007
DOSSIER LIBIA
DOSSIER USA 2011
Abbiamo fatto
RISOLUZIONE ONU 2008
DOSSIER PENA DI MORTE 2008
VIDEO MISSIONE IN CIAD
Le pubblicazioni
RISOLUZIONE DELLA CONFERENZA DI KIGALI 2011

DOSSIER MORATORIA
DOSSIER COMMERCIO LETALE
DICHIARAZIONE FINALE DELLA CONFERENZA DI FREETOWN 2014
Gli obiettivi

L'AUTENTICA STORIA DEL 'TERRORISTA' SERGIO D'ELIA

Acquista il rapporto di Nessuno tocchi Caino

Contributi artistici

Contattaci
Organi Dirigenti
Newsletter
Iscriviti a NTC
Acquista le pubblicazioni
Forum utenti
Scarica l'appello per la moratoria

PENA DI MORTE, NEL 2007 L’ITALIA SCRIVE LA PAROLA FINE

2 ottobre 2021:

Pasquale Hamel su Il Riformista del 1° ottobre 2021

Già immediatamente dopo la liquidazione del duce e l’ascesa del generale Pietro Badoglio al vertice del governo del Paese il dibattito sul mantenimento o meno della pena di morte tornò, prepotentemente, all’ordine del giorno. La decisione in merito, tuttavia, tardò a essere assunta per le notevoli resistenze che erano subito emerse all’interno della compagine governativa. Per superare l’impasse, visto che il governo non decideva, la magistratura adottò motu proprio una sorta di moratoria in attesa che venisse emanata la norma abrogativa.
Le resistenze in sede di governo erano motivate dalle preoccupazioni per le conseguenze che la cancellazione della pena capitale potevano avere sulla già precaria condizione dell’ordine pubblico. C’era, tuttavia, da tenere conto l’idea che l’Italia del dopoguerra dovesse necessariamente voltare pagina rispetto alle scelte del precedente regime e se dunque il fascismo aveva reintrodotto la pena di morte il ritorno della democrazia non poteva sfuggire all’imperativo categorico dell’abolizione.
Nonostante fosse convinzione generale che la pena capitale dovesse essere cancellata, il governo Bonomi approvava però una normativa che contraddiceva quest’indirizzo. Si trattava della cosiddetta legge fondamentale n.159 del 27 luglio del 1944 che prevedeva la fucilazione per i gerarchi fascisti e per i collaborazionisti dei nazi-fascisti. Un fatto eccezionale dettato dalla congiuntura che il Paese stava vivendo. E tuttavia, poche settimane dopo, su proposta del democristiano Umberto Tupini – uno dei fautori del ritorno al codice Zanardelli – il 10 agosto 1944 veniva emanato il decreto luogotenenziale n.244 che prevedeva, per tutti i reati per i quali era prevista nel codice penale vigente, la sostituzione della pena capitale con l’ergastolo con l’eccezione dei codici militari e della sopracitata legge 159.
Ed arriviamo alla Costituente. Seppure il riferimento alla nobile tradizione giuridico-filosofica abolizionista, che risaliva al Beccaria, fosse argomento prevalente del dibattito alla Costituente, la decisione di dare un taglio netto col passato non fu così semplice. Si temeva, infatti, che una decisione non adeguatamente ponderata accrescesse le difficoltà nell’azione di repressione del crimine. Animarono quella discussione grandi giuristi come Giovanni Leone, Giuseppe Bettiol, Girolamo Bellavista, Giuseppe Dossetti, Aldo Moro e Amerigo Crispo, alcuni dei quali, pur affermando in linea di principio la tesi abolizionista, concentrarono la loro attenzione sulla possibilità, in casi eccezionali, di consentirne il ripristino. Ma l’avere accettato il principio che la pena non dovesse rispondere all’idea di vendetta quanto piuttosto tendere alla rieducazione tagliava ogni possibilità di concionare ulteriormente sull’argomento, almeno per quanto riguardava i delitti comuni, ta
 nto da far apparire perfino pleonastico lo stesso quarto comma dell’art. 27 della Costituzione il quale, appunto, disponeva che nel nostro ordinamento “non è ammessa la pena di morte, se non nei casi previsti dalle leggi militari e di guerra”.
Con l’entrata in vigore della Costituzione la lunga storia del processo abolizionista non si fermò. Il 4° comma dello stesso articolo 27 continuava infatti a prevedere quell’eccezione che mal si conciliava con il disegno complessivo offerto dall’architettura costituzionale. In forza proprio di quell’inciso i codici militari continuarono legittimamente a prevedere la pena capitale. Si dovette così aspettare fino al 1994 perché con la legge 13 ottobre n. 589 si disponesse anche per i codici militari la commutazione della pena di morte con l’ergastolo.
Ma detta norma di abolizione, in assenza della modifica costituzionale, prestava il fianco alla possibilità di reintroduzione della pena capitale. E non era un pericolo peregrino visto che un democratico come Ugo La Malfa, in occasione del rapimento Moro, aveva apertamente parlato di ripristino della pena di morte e che il Movimento sociale aveva addirittura promosso nel 1982 una petizione popolare – firmata perfino dal figlio di Giacomo Matteotti – per la sua reintroduzione nei casi di terrorismo. Per sanare l’aporia si dovette procedere a modificare il dettato del 4° comma dell’art.27 della Costituzione. Infatti la legge costituzionale n°1 del 2007 cancellò dall’art.27 l’inciso che ne consentiva l’applicazione relativamente alle leggi militari e di guerra.
In questo lungo e accidentato cammino, conclusosi appunto nel 2007, restava tuttavia la soddisfazione nel sottolineare che, proprio la legislazione italiana con le sue scelte abolizioniste, ancora una volta si
poneva all’avanguardia anche in considerazione del fatto che gli ordinamenti delle grandi democrazie europee, Inghilterra e Francia in testa, continuarono ancora per molti decenni, a contemplare nei loro ordinamenti la pena capitale. Il Regno Unito abolì infatti la pena di morte solo il 18 dicembre 1969, mentre in Francia si dovette attendere addirittura il 9 ottobre del 1981.

(3-Fine)

Altre news:
IRAN - Coppia di amanti condannata a morte per adulterio
COME UCCIDE L’INIEZIONE LETALE, IL METODO RITENUTO ‘UMANO’ CHE PROCURA ATROCI SOFFERENZE
SBATTUTO AL CARCERE DURO PER FARE COMPAGNIA AL BOSS, L’APPELLO DI UN DETENUTO IN ISOLAMENTO SENZA MOTIVO
NIGERIA: CONDANNATO A MORTE PER RAPINA A MANO ARMATA
GIAPPONE: CONDANNATI A MORTE FANNO CAUSA AL GOVERNO PER LE ESECUZIONI SENZA PREAVVISO
IRAN - Kamran Rezaiefar condannato a morte
IRAN - Saeed … giustiziato nella prigione di Rajai Shahr il 4 novembre
KUWAIT: CONDANNATA A MORTE PER L’OMICIDIO DEL MARITO
IRAQ: DUE CONDANNATI A MORTE PER GLI OMICIDI DI DUE GIORNALISTI
IRAN - Abdullah … giustiziato nella prigione di Mashhad il 3 novembre
IRAN - Manouchehr Kazemi-Varmaleh giustiziato nella prigione di Rajai Shahr il 3 novembre
IRAN - Javad Ghaljayi giustiziato nella prigione di Zahedan il 3 novembre
IRAQ: DUE CONDANNATI A MORTE PER L’UCCISIONE DI UN MANIFESTANTE
IRAN - L'esecuzione del “minorenne” Arman Abdolali è stata rinviata per la quinta volta
ARABIA SAUDITA: GIUSTIZIATO PER ATTACCHI CONTRO LA SICUREZZA
IRAN - Mohammad Eghbal-Raisi giustiziato nella prigione di Shiraz il 2 novembre
INDIA: QUATTRO CONDANNATI A MORTE PER GLI ATTENTATI DEL 2013 A PATNA
BANGLADESH: CONDANNATO A MORTE PER L’OMICIDIO DELLA MOGLIE
PAKISTAN: DUE CONDANNATI A MORTE PER GLI OMICIDI DI QUATTRO SORELLE
USA - Oklahoma. Commissione raccomanda di nuovo di commutare la condanna a morte di Julius Jones

[<< Prec] 1 2 3
2021
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
  2020
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2019
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2018
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2017
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
 
2016
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2015
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2014
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2013
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2012
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2011
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
 
2010
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2009
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2008
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2007
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2006
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2005
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
 
2004
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
 
LA VETRINA E IL RETROBOTTEGA DEL NEGOZIO DELL’#ANTIMAFIA
  ITALIA: DA ‘CULLA’ A ‘TOMBA’ DEL DIRITTO?  
  APPELLO AL GOVERNATORE DELLA CALIFORNIA PER JARVIS JAY MASTERS  
  MOZIONE GENERALE DEL 40ESIMO CONGRESSO STRAORDINARIO DEL PARTITO RADICALE NONVIOLENTO, TRANSNAZIONALE E TRANSPARTITO  
  ELISABETTA ZAMPARUTTI CONFERMATA AL CPT PER SECONDO MANDATO  
  NESSUNO TOCCHI CAINO PRESENTA IL VOLUME ‘IL VIAGGIO DELLA SPERANZA’ IL 10 SETTEMBRE A BRINDISI  
news
-
azioni urgenti
-
banca dati
-
campagne
-
chi siamo
-
area utenti
-
privacy e cookies
-
credits