Anno
Ultime notizie
Archivio notizie
Guida all'uso della Banca Dati
MOZIONE GENERALE DEL VI° CONGRESSO DI NTC
La pena di morte nel mondo (al 30 giugno 2016)
DISCORSO di Papa Francesco
Analisi dati Rapporto 2015 e Obiettivi di NtC
SINTESI DEI FATTI PIÙ IMPORTANTI DEL 2015 (e dei primi sei mesi del 2016)
Esecuzioni nel 2014
Esecuzioni nel 2015 (al 30 giugno)
Reportage Comore Sergio D'Elia
Reportage Niger Marco Perduca
Premio l'Abolizionista dell'Anno 2015
Messaggio di Sergio Mattarella al VI° Congresso di NtC
Relazione di Sergio D'Elia al VI° Congresso di NtC
Relazione di Elisabetta Zamparutti al VI° Congresso di NtC
Rapporto IL VOLTO SORRIDENTE DEI MULLAH
DOSSIER IRAN APRILE 2016
Dossier su Pena di Morte e Omosessualità
Reportage di Elisabetta Zamparutti
Protocollo di intesa tra NtC e CNF
Dichiarazione finale del seminario del Cairo 15/16 maggio 2017
Azioni in corso
Archivio azioni
Campagne in corso
Archivio campagne

RAPPORTO DEL SECONDO FORUM ANNUALE DELL'UE SULLA PENA DI MORTE IN ZAMBIA

RISOLUZIONE ONU 2012
RISOLUZIONE ONU 2010

DICHIARAZIONE DI LIBREVILLE

Organi Dirigenti
Dossier Iraq 2003

Le sedi
DICHIARAZIONE DI COTONOU 2014

I video
RISOLUZIONE ONU 2014

Adesioni Comuni, Province, Regioni

BILANCI DI NESSUNO TOCCHI CAINO

La campagna per la moratoria ONU delle esecuzioni capitali
DOSSIER GIAPPONE

DONA IL 5x1000 A NESSUNO TOCCHI CAINO
DOSSIER IRAN

FIRMATARI APPELLO ALLE NAZIONI UNITE

DEDUCIBILITA' FISCALE


Appello dei PREMI NOBEL
RISOLUZIONE ONU 2007
DOSSIER LIBIA
DOSSIER USA 2011
Abbiamo fatto
RISOLUZIONE ONU 2008
DOSSIER PENA DI MORTE 2008
VIDEO MISSIONE IN CIAD
Le pubblicazioni
RISOLUZIONE DELLA CONFERENZA DI KIGALI 2011

DOSSIER MORATORIA
DOSSIER COMMERCIO LETALE
DICHIARAZIONE FINALE DELLA CONFERENZA DI FREETOWN 2014
Gli obiettivi

L'AUTENTICA STORIA DEL 'TERRORISTA' SERGIO D'ELIA

Acquista il rapporto di Nessuno tocchi Caino

Contributi artistici

Contattaci
Organi Dirigenti
Newsletter
Iscriviti a NTC
Acquista le pubblicazioni
Forum utenti
Scarica l'appello per la moratoria

COME UCCIDE L’INIEZIONE LETALE, IL METODO RITENUTO ‘UMANO’ CHE PROCURA ATROCI SOFFERENZE

6 novembre 2021:

Sergio D’Elia su Il Riformista del 5 novembre 2021

I Paesi che hanno deciso di passare dalla sedia elettrica, l’impiccagione o la fucilazione alla iniezione letale come metodo di esecuzione, hanno presentato questa “riforma” come una conquista di civiltà e un modo più umano e indolore per giustiziare i condannati a morte. La realtà è diversa.
Alcuni prigionieri ci mettono molti minuti prima di morire. Altri cadono in preda all’angoscia. Anche se l’iniezione letale è somministrata senza errori tecnici, i giustiziati avvertono un senso di asfissia come se stessero per annegare o morire strozzati. L’idea convenzionale dell’iniezione letale come una morte serena e indolore è molto discutibile.
John Grant era nero ed era stato condannato a morte per l’omicidio di un bianco, Gay Carter, un addetto alla caffetteria della prigione.
È stato giustiziato con un’iniezione letale nello Stato americano dell’Oklahoma il 28 ottobre scorso. Testimoni dei media dell’esecuzione hanno riferito che Grant ha avuto ripetute convulsioni e ha vomitato per quasi 15 minuti dopo che gli è stato somministrato il farmaco mortale.
È stato il primo detenuto a essere messo a morte da quando una serie di esecuzioni fallite aveva portato a una moratoria temporanea sulla pena capitale nello Stato.
Nell’aprile 2014, un altro nero, Clayton Lockett era rimasto con la bocca aperta e in convulsione per 43 minuti prima di morire. Un “farmaco” gli era stato iniettato nel tessuto muscolare invece che nel flusso sanguigno. Con Lockett che si contorceva, l’esecuzione fu annullata ma era ormai troppo tardi, morì sulla barella in una pozza di sangue. Nel gennaio 2015, per uccidere Charles Warner l’Amministrazione Penitenziaria ha usato consapevolmente un farmaco diverso da quello previsto: l’acetato di potassio al posto del cloruro di potassio come terzo farmaco nel protocollo di iniezione letale dello Stato. “Sembra acido… Il mio corpo è in fiamme,” l’hanno sentito dire alcuni testimoni presenti alla sua esecuzione.
L’Oklahoma aveva poi bloccato le esecuzioni nel settembre 2015, quando l’allora governatore Mary Fallin all’ultimo minuto ha annullato quella di Richard Glossip dopo aver saputo che il farmaco sbagliato stava per essere usato di nuovo.
Ma la “moratoria” di fatto è durata solo sei anni, fino alla settimana scorsa, quando John Grant, 60 anni, è stato messo in croce sul lettino dell’iniezione letale. L’Oklahoma Department of Corrections ha detto che l’esecuzione di Grant è andata come previsto e “senza complicazioni”. Il condannato ha vomitato e ha avuto convulsioni in tutto il corpo due dozzine di volte prima di essere dichiarato morto, hanno detto invece i testimoni sulla scena del delitto di stato.
Gli avvocati di Grant hanno sostenuto che l’uso del sedativo, il midazolam, identificato come un potenziale fattore in una serie di esecuzioni fallite in Oklahoma, costituiva una punizione “crudele e inusuale”, formula che nell’esecuzione penale identifica i casi di violazione dei diritti costituzionali dei condannati a morte.
Una Corte d’appello federale aveva sospeso l’esecuzione di Grant per le preoccupazioni sul cocktail di droga usato per mettere a morte i detenuti nello stato del Midwest, ma la Corte Suprema, divenuta a maggioranza conservatrice dopo le nomine di giudici decisi da Donald Trump, ha revocato la sospensione dell’ultimo minuto e ha permesso che l’esecuzione continuasse con solo i tre giudici liberali che si sono opposti.
Il crudele e fallimentare protocollo dell’iniezione letale dell’Oklahoma doveva andare sotto processo nel febbraio 2022. Invece, la fretta di uccidere ha annullato la decisione della Corte d’appello e, con la vita di Grant, rischia anche di uccidere le speranze degli altri prigionieri del braccio della morte che hanno sfidato il protocollo di esecuzione dell’Oklahoma.
Il dipartimento di correzione ha affermato che l’Oklahoma continuerà a utilizzare il protocollo che si è dimostrato “umano ed efficace” e che non intendeva modificare le procedure di esecuzione a seguito dell’esecuzione di Grant.
Un altro condannato a morte, Julius Jones, un afroamericano di 41 anni, dovrebbe essere giustiziato il 18 novembre per l’omicidio di un uomo d’affari bianco.
Grant si è assunto la piena responsabilità dell’omicidio di cui è stato accusato e ha trascorso i suoi anni nel braccio della morte cercando di capire ed espiare le sue azioni.
Jones ha invece costantemente proclamato la sua innocenza di cui sono convinti anche celebrità come Kim Kardashian e il quarterback dei Cleveland Browns Baker Mayfield.
Ma la fretta di uccidere non fa distinzioni tra colpevoli e innocenti. Tanto il modo di uccidere è dolce e indolore. Umano, troppo umano.

Altre news:
RUSSIA: IL PRESIDENTE DELLA CORTE COSTITUZIONALE METTE IN DISCUSSIONE LA MORATORIA SULLA PENA DI MORTE
SUDAN DEL SUD: IMPICCATO PER GLI OMICIDI DI TRE BAMBINI
IRAN - L’esecuzione di Heydar Ghorbani registrata dalle autorità come “morte per cause sconosciute”
USA - Guantánamo Bay, 20 anni dopo
IRAN - Appello internazionale per salvare la vita a Mohammad Javad Vafaei
IRAN - Mohammad Rasoul Paghadam giustiziato nella prigione di Qazvin il 9 gennaio
RAFFAELE LOMBARDO: NESSUNO TOCCHI CAINO, LA SUA ASSOLUZIONE AFFERMA LO STATO DI DIRITTO CONTRO IL DIRITTO DEL NEMICO
AIUTIAMO CHI VUOLE RIALZARSI, LA VENDETTA NON È CRISTIANA
MESSAGGIO DI SERGIO D’ELIA IN OCCASIONE DEL SUO COMPLEANNO
IRAN - Rapporto Hengaw: 52 portatori di frontiera curdi uccisi dalle forze dell’ordine nel 2021
NIGERIA: CONDANNATO ALL’IMPICCAGIONE PER L’OMICIDIO DEL VICINO
KUWAIT: CONDANNA A MORTE CONFERMATA
IL CARCERE E’ UN PERICOLO PER LA SOCIETA’. VA ABOLITO
IRAN - Mohammad Salarzehi giustiziato nella prigione di Shiraz il 2 gennaio
NOI ERGASTOLANI, NAVI DI TESEO
NIGERIA: SEI CONDANNE A MORTE COMMUTATE IN ERGASTOLO NELLO STATO DI ONDO
IRAN - Jalil Eshterak giustiziato nella prigione di Zabol il 1° gennaio
IRAN - Rapporto di fine anno di Javanehha

[<< Prec] 1 2 3
2022
gennaio
  2021
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2020
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2019
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2018
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
 
2017
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2016
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2015
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2014
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2013
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2012
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
 
2011
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2010
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2009
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2008
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2007
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2006
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
 
2005
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2004
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
 
LA VETRINA E IL RETROBOTTEGA DEL NEGOZIO DELL’#ANTIMAFIA
  ITALIA: DA ‘CULLA’ A ‘TOMBA’ DEL DIRITTO?  
  APPELLO AL GOVERNATORE DELLA CALIFORNIA PER JARVIS JAY MASTERS  
  MOZIONE GENERALE DEL 40ESIMO CONGRESSO STRAORDINARIO DEL PARTITO RADICALE NONVIOLENTO, TRANSNAZIONALE E TRANSPARTITO  
  ELISABETTA ZAMPARUTTI CONFERMATA AL CPT PER SECONDO MANDATO  
  NESSUNO TOCCHI CAINO PRESENTA IL VOLUME ‘IL VIAGGIO DELLA SPERANZA’ IL 10 SETTEMBRE A BRINDISI  
news
-
azioni urgenti
-
banca dati
-
campagne
-
chi siamo
-
area utenti
-
privacy e cookies
-
credits