Anno
Ultime notizie
Archivio notizie
Guida all'uso della Banca Dati
MOZIONE GENERALE DEL VI° CONGRESSO DI NTC
La pena di morte nel mondo (al 30 giugno 2016)
DISCORSO di Papa Francesco
SINTESI DEI FATTI PIÙ IMPORTANTI DEL 2015 (e dei primi sei mesi del 2016)
Analisi dati Rapporto 2015 e Obiettivi di NtC
Esecuzioni nel 2014
Esecuzioni nel 2015 (al 30 giugno)
Reportage Comore Sergio D'Elia
Reportage Niger Marco Perduca
Premio l'Abolizionista dell'Anno 2015
Messaggio di Sergio Mattarella al VI° Congresso di NtC
Relazione di Sergio D'Elia al VI° Congresso di NtC
Relazione di Elisabetta Zamparutti al VI° Congresso di NtC
Rapporto IL VOLTO SORRIDENTE DEI MULLAH
DOSSIER IRAN APRILE 2016
Dossier su Pena di Morte e Omosessualità
Reportage di Elisabetta Zamparutti
Protocollo di intesa tra NtC e CNF
Dichiarazione finale del seminario del Cairo 15/16 maggio 2017
Azioni in corso
Archivio azioni
Campagne in corso
Archivio campagne

RAPPORTO DEL SECONDO FORUM ANNUALE DELL'UE SULLA PENA DI MORTE IN ZAMBIA

RISOLUZIONE ONU 2012
RISOLUZIONE ONU 2010

DICHIARAZIONE DI LIBREVILLE

Organi Dirigenti
Dossier Iraq 2003

Le sedi
DICHIARAZIONE DI COTONOU 2014

I video
RISOLUZIONE ONU 2014

Adesioni Comuni, Province, Regioni

BILANCI DI NESSUNO TOCCHI CAINO

La campagna per la moratoria ONU delle esecuzioni capitali
DOSSIER GIAPPONE

DONA IL 5x1000 A NESSUNO TOCCHI CAINO
DOSSIER IRAN

FIRMATARI APPELLO ALLE NAZIONI UNITE

DEDUCIBILITA' FISCALE


Appello dei PREMI NOBEL
RISOLUZIONE ONU 2007
DOSSIER LIBIA
DOSSIER USA 2011
Abbiamo fatto
RISOLUZIONE ONU 2008
DOSSIER PENA DI MORTE 2008
VIDEO MISSIONE IN CIAD
Le pubblicazioni
RISOLUZIONE DELLA CONFERENZA DI KIGALI 2011

DOSSIER MORATORIA
DOSSIER COMMERCIO LETALE
DICHIARAZIONE FINALE DELLA CONFERENZA DI FREETOWN 2014
Gli obiettivi

L'AUTENTICA STORIA DEL 'TERRORISTA' SERGIO D'ELIA

Acquista il rapporto di Nessuno tocchi Caino

Contributi artistici

Contattaci
Organi Dirigenti
Newsletter
Iscriviti a NTC
Acquista le pubblicazioni
Forum utenti
Scarica l'appello per la moratoria

La sezione di Kaohsiung dell'Alta Corte di Taiwan
La sezione di Kaohsiung dell'Alta Corte di Taiwan
TAIWAN: CONDANNA CAPITALE COMMUTATA IN ERGASTOLO DOPO QUATTRO RIPETIZIONI DEL PROCESSO

9 maggio 2024:

La condanna a morte di un uomo di Taiwan è stata commutata in ergastolo il 7 maggio 2024 dalla sezione di Kaohsiung dell'Alta Corte del Paese, dopo che il suo processo è stato ripetuto per la quarta volta.
Secondo il verdetto della Corte del 7 maggio, l'uomo – che di cognome fa Liu - è stato accusato di aver derubato e ucciso una donna vicino al mercato Haluo, nel distretto Zuoying di Kaohsiung, il 3 dicembre 2014.
Secondo i precedenti verdetti, quel giorno Liu guidava uno scooter alla ricerca della sua ex ragazza, sperando di tornare insieme a lei,
Liu portava con sé un martello ed era intenzionato a minacciarla se si fosse rifiutata.
La sua ragazza non era però in casa, per cui Liu andò via.
Più tardi, lo stesso giorno, Liu vide una donna, che aveva appena finito di fare la spesa al mercato di Haluo e stava salendo in macchina.
Liu l’avrebbe aggredita con il martello nel tentativo di rubare il veicolo. Il colpo causò la caduta della donna sul sedile del passeggero, si legge nei primi verdetti.
Quando la vittima riprese conoscenza, Liu l'avrebbe colpita sulla testa altre 13 volte.
Tuttavia, non riuscì a portare via l'auto poiché il volante era bloccato e quindi avrebbe preso 2.000 dollari taiwanesi (61,79 dollari Usa) dalla borsa della donna e l'avrebbe violentata prima di andarsene, secondo i verdetti precedenti.
La donna, un'insegnante in pensione, è stata poi trovata morta in macchina dalla polizia.
Liu era stato condannato a morte per aver derubato e ucciso la donna in tutti e quattro i precedenti verdetti.
Tuttavia, dopo diversi ricorsi e dopo che la Corte Suprema ha rinviato il caso al tribunale di Kaohsiung quattro distinte volte, quest'ultimo ha stabilito il 7 maggio che la donna che Liu ha derubato e ucciso fosse una vittima casuale.
Il tribunale di Kaohsiung ha stabilito che Liu non aveva pianificato di derubare e uccidere la donna e quindi il crimine non rientra nella categoria dei "crimini più gravi".
Inoltre, la Corte ha stabilito che mancano prove che dimostrino che Liu abbia rubato 2.000 dollari taiwanesi alla vittima, nonostante l’uomo abbia confessato di averlo fatto, ed è difficile accertare che intendesse uccidere la vittima quando l'ha attaccata con il martello.
Inoltre, la Corte ha affermato che i risultati delle valutazioni psicologiche e delle indagini pre-sentenza hanno dimostrato che Liu è ancora socialmente recuperabile, pertanto la sua pena di morte è stata commutata in ergastolo e privazione del diritto di voto a vita.
La sentenza può ancora essere impugnata.
La condanna a 10 anni di Liu per stupro è già stata confermata in precedenti sentenze.
Venuto a conoscenza dell'ultima sentenza, il marito della vittima ha detto che farà tutto ciò che è in suo potere per ottenere giustizia per sua moglie.
Portando con sé la borsa rubata a sua moglie da Liu, il marito, di cognome Chang, ha detto ai giornalisti che Liu ha accorciato il manico del martello per renderlo più facile da portare con sé, il che indica che aveva "progettato di uccidere qualcuno".
Ha aggiunto che Liu si è assicurato che sua moglie fosse sola, l'ha seguita e ha aspettato che salisse in macchina. "Questo non conta come un piano (per ucciderla)?"
Chang ha poi chiesto perché la Corte ha affermato che manchino prove che Liu abbia derubato sua moglie e abbia chiesto alla famiglia di produrre prove dell'esatto importo rubato, dal momento che Liu stesso ha ammesso di aver rubato circa 2.000 dollari taiwanesi durante le indagini.
Chang ha anche sostenuto che il referto del Kaohsiung Veterans General Hospital indica che esiste un'alta possibilità che Liu possa commettere nuovamente reati sessuali entro 15 anni, mentre l'ospedale psichiatrico municipale di Kaohsiung Kai-Syuan ha confermato che l'uomo non ha problemi di salute mentale, tutti elementi ignorati dalla Corte.
Inoltre, Chang ha osservato che Liu ha disposto di tre avvocati della Legal Aid Foundation mentre lui inizialmente ne ha avuto solo uno dell'Associazione per il sostegno alle vittime. Anche dopo aver assunto un secondo avvocato, ha ancora avuto minore rappresentanza.
Chang ha continuato affermando che nei Paesi in cui la pena di morte è stata abolita, spesso esiste la possibilità dell'ergastolo senza condizionale per garantire che i colpevoli non possano rientrare nella società.
Tuttavia – ha aggiunto - la condanna all’ergastolo a Taiwan prevede ancora la possibilità di libertà condizionale, il che non solo non riesce a fornire una conclusione alle vittime e alle loro famiglie, ma aumenta la loro paura.
Nelle condizioni attuali, Taiwan non è pronta ad abolire la pena di morte, ha sottolineato.

(Fonte: Focus Taiwan, 07/05/2024)

Altre news:
IRAN - Mostafa Alipour giustiziato a Yazd il 9 giugno
IRAN - Annullata la condanna a morte di Seyed Mohammad-Javad Vafaie
IRAN - Narges Mohammadi non presenzia all’ennesimo processo contro di lei
NON REPRESSIONE MA RELAZIONI UMANE PER CARCERI PIÙ SICURE
IN PAKISTAN GOVERNA IL BOIA E LA LIBERTÀ È BLASFEMA
USA - Maryland. Commutata in 2 ergastoli la condanna di Kenneth J. Lighty
VIETNAM: CONDANNATO A MORTE PER GLI OMICIDI DEI GENITORI
PAKISTAN: CONDANNATO A MORTE PER OMICIDI DI FAMILIARI
IRAN - Confermata la condanna a morte del religioso sunnita Mohammad Khezrnejad
IRAN - Hatem Özdemir ricorre in appello contro la condanna a morte
PAKISTAN: CONDANNATO A MORTE PER OMICIDIO AD ATTOCK
SUDAN: CONDANNATI A MORTE DUE OPPOSITORI POLITICI
IRAN - Nader Khosrawi e Nasrollah Ayoubi giustiziati a Zanjan il 5 giugno
NIGERIA: CONDANNATA A MORTE PER L’OMICIDIO DELL’EX MARITO
IRAN - Premio Havel assegnato a Toomaj Salehi
INDIA: CONDANNATO A MORTE PER LO STUPRO E OMICIDIO DI UNA BAMBINA DI 5 ANNI
BANGLADESH: CINQUE CONDANNATI A MORTE PER OMICIDIO
AFGHANISTAN: I TALEBANI FUSTIGANO IN PUBBLICO 30 PERSONE
YEMEN: TRIBUNALE HOUTHI EMETTE 44 CONDANNE A MORTE PER SPIONAGGIO
TONGA: IL PARLAMENTO RESPINGE LA PENA DI MORTE PER REATI DI DROGA
IRAQ: ALTRE OTTO ESECUZIONI PER ‘TERRORISMO’
IRAN - Iman Rezaiepour giustiziato a Neyshabur il 2 giugno
UN MONDO SENZA CARCERE, UN CODICE PENALE SENZA PENE
USA - Idaho. Chad Daybell, 55 anni, bianco, condannato a morte
IRAN - 3 uomini giustiziati a Shiraz il 1° giugno
UN PROCESSO FARSA, 47 ANNI DI PRIGIONE. LIBERATE IL PELLEROSSA PELTIER

[<< Prec] 1 2
2024
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
  2023
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2022
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2021
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2020
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
 
2019
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2018
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2017
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2016
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2015
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2014
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
 
2013
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2012
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2011
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2010
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2009
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2008
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
 
2007
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2006
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2005
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2004
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
 
Convegno a Spoleto
  IRAN - La moglie di Djalali sollecita più impegno dall’Europa  
  LA VETRINA E IL RETROBOTTEGA DEL NEGOZIO DELL’#ANTIMAFIA  
  ITALIA: DA ‘CULLA’ A ‘TOMBA’ DEL DIRITTO?  
  APPELLO AL GOVERNATORE DELLA CALIFORNIA PER JARVIS JAY MASTERS  
  MOZIONE GENERALE DEL 40ESIMO CONGRESSO STRAORDINARIO DEL PARTITO RADICALE NONVIOLENTO, TRANSNAZIONALE E TRANSPARTITO  
news
-
azioni urgenti
-
banca dati
-
campagne
-
chi siamo
-
area utenti
-
privacy e cookies
-
credits