Anno
Ultime notizie
Archivio notizie
Guida all'uso della Banca Dati
MOZIONE GENERALE DEL VI° CONGRESSO DI NTC
La pena di morte nel mondo (al 30 giugno 2016)
DISCORSO di Papa Francesco
Analisi dati Rapporto 2015 e Obiettivi di NtC
SINTESI DEI FATTI PIÙ IMPORTANTI DEL 2015 (e dei primi sei mesi del 2016)
Esecuzioni nel 2014
Esecuzioni nel 2015 (al 30 giugno)
Reportage Comore Sergio D'Elia
Reportage Niger Marco Perduca
Premio l'Abolizionista dell'Anno 2015
Messaggio di Sergio Mattarella al VI° Congresso di NtC
Relazione di Sergio D'Elia al VI° Congresso di NtC
Relazione di Elisabetta Zamparutti al VI° Congresso di NtC
Rapporto IL VOLTO SORRIDENTE DEI MULLAH
DOSSIER IRAN APRILE 2016
Dossier su Pena di Morte e Omosessualità
Reportage di Elisabetta Zamparutti
Protocollo di intesa tra NtC e CNF
Dichiarazione finale del seminario del Cairo 15/16 maggio 2017
Azioni in corso
Archivio azioni
Campagne in corso
Archivio campagne

RAPPORTO DEL SECONDO FORUM ANNUALE DELL'UE SULLA PENA DI MORTE IN ZAMBIA

RISOLUZIONE ONU 2012
RISOLUZIONE ONU 2010

DICHIARAZIONE DI LIBREVILLE

Organi Dirigenti
Dossier Iraq 2003

Le sedi
DICHIARAZIONE DI COTONOU 2014

I video
RISOLUZIONE ONU 2014

Adesioni Comuni, Province, Regioni

BILANCI DI NESSUNO TOCCHI CAINO

La campagna per la moratoria ONU delle esecuzioni capitali
DOSSIER GIAPPONE

DONA IL 5x1000 A NESSUNO TOCCHI CAINO
DOSSIER IRAN

FIRMATARI APPELLO ALLE NAZIONI UNITE

DEDUCIBILITA' FISCALE


Appello dei PREMI NOBEL
RISOLUZIONE ONU 2007
DOSSIER LIBIA
DOSSIER USA 2011
Abbiamo fatto
RISOLUZIONE ONU 2008
DOSSIER PENA DI MORTE 2008
VIDEO MISSIONE IN CIAD
Le pubblicazioni
RISOLUZIONE DELLA CONFERENZA DI KIGALI 2011

DOSSIER MORATORIA
DOSSIER COMMERCIO LETALE
DICHIARAZIONE FINALE DELLA CONFERENZA DI FREETOWN 2014
Gli obiettivi

L'AUTENTICA STORIA DEL 'TERRORISTA' SERGIO D'ELIA

Acquista il rapporto di Nessuno tocchi Caino

Contributi artistici

Contattaci
Organi Dirigenti
Newsletter
Iscriviti a NTC
Acquista le pubblicazioni
Forum utenti
Scarica l'appello per la moratoria

FLORIDA (USA): DA 32 ANNI NEL BRACCIO DELLA MORTE MA UN DETENUTO LO SCAGIONA

7 gennaio 2020:

Un detenuto afferma che James Dailey, prigioniero nel braccio della morte, sia innocente di un omicidio del 1985. Dailey, oggi 73 anni, bianco, è stato condannato per concorso nello stupro e omicidio della quattordicenne Shelly Boggio avvenuto nel maggio 1985 nella Contea di Pinellas, ma un altro uomo ha confessato l’omicidio. Per 32 anni, James Dailey è stato nel braccio della morte della Florida per un crimine che dice di non aver commesso. Il veterano del Vietnam resta nella "casa della morte" a Starke. Gli è stato concesso un rinvio dell’esecuzione quando i suoi avvocati di nuova nomina hanno presentato nuove prove in ottobre, ma quel rinvio è scaduto il 30 dicembre 2019. La vita di Dailey è nelle mani del governatore della Florida Ron DeSantis, che deve decidere se concedere a Dailey un'udienza davanti alla Commissione per gli atti di clemenza all’interno della quale gli avvocati potrebbero illustrare un fascicolo di 100 pagine con le nuove prove raccolte recentemente sul caso. Il caso ha sollevato numerosi appelli da parte della comunità cattolica americana. Lo scorso ottobre, l’invito degli otto vescovi della Florida al governatore (cattolico) Ron DeSantis e alla Corte Suprema dello Stato a riaprire il caso ha portato a una sospensione di tre mesi dell’esecuzione. Ma nulla ha finora convinto i giudici o il capo dell’esecutivo statale a permettere ai legali di Dailey di presentare nuove prove della sua innocenza. Un rifiuto motivato da impedimenti procedurali. «Mentre esortiamo sempre le autorità a interrompere ogni esecuzione e porre fine all’uso della pena di morte, questo caso è particolarmente allarmante – hanno scritto i vescovi –. La Florida commette più errori di qualsiasi altro Stato nel condannare a morte persone innocenti, e ci sono prove evidenti che la condanna a morte di James Dailey è l’ennesimo fallimento della giustizia». Dailey è in cella dal 1985 per l’omicidio, avvenuto il 5 maggio di quell’anno, della quattordicenne Shelly Boggio. Dailey proclama da sempre la sua innocenza e nessuna prova fisica lo lega al crimine. Nel corso del suo processo, l’unico testimone ad accusarlo fu un altro carcerato che sostenne, in cambio della libertà, che il sospetto gli aveva confidato la sua colpevolezza in carcere durante la detenzione preventiva. Inizialmente per ‘omicidio della ragazza era stato condannato Jack Pearcy, un amico di Dailey, anzi, un “coinquilino”, visto che dividevano lo stesso appartamento. Processato, Pearcy confessò, disse di aver raccolto la ragazza che faceva l’autostop assieme ad altre due coetanee, di aver convinto la ragazza a seguirlo nell’appartamente che condivideva con Dailey, che i due uomini si erano intrattenuti con lei, poi Dailey se ne era andato, e poi lui, Pearcy, aveva portato la ragazza in macchina in luogo isolato e l’aveva uccisa. Di questa sua ultima decisione si assumeva interamente la responsabilità e non implicava minimamente Dailey. Pearcy venne condannato all’ergastolo. In seguito la pubblica accusa, frustrata per non essere riuscita ad ottenere una condanna a morte, decise di riaprire il caso e sostenere la presenza anche di Dailey sulla scena del crimine. A supporto di questa ipotesi non aveva portato nessuna prova scientifica (impronte, sangue, o altri reperti sui quali oggi si sarebbero potuti fare dei test del Dna) e nessuna testimonianza diretta. Nel frattempo Dailey era stato arrestato e condannato a 20 anni (l’articolo non è chiaro in proposito, ma probabilmente l’accusa era di aver avuto un rapporto sessuale con una minorenne, Andrea Boggio appunto). Un vicino di cella di Dailey, Paul Skalnik, con un passato di informatore della polizia e che più volte aveva testimoniato in processi sostenendo di aver “raccolto confessioni” da compagni di detenzione, sostenne di aver captato anche una “confessione” di Dailey. Nonostante un poliziotto che lo conosceva bene durante la testimonianza in tribunale avesse definito Shalnik un «imbroglione di prima categoria», l’accusa convinse la giuria che era un testimone credibile, e il 7 agosto 1987 ottenne la condanna a morte di Dailey. Da allora Pearcy ha già firmato quattro dichiarazioni giurate che ribadiscono l’estraneità di Dailey. L’ultima, firmata il 18 dicembre 2019, è stata consegnata a mano al governatore della Florida negli ultimi giorni da tre ex prigionieri del braccio della morte, due della Florida – Juan Melendez ed Herman Lindsey – e uno dell’Ohio, Derrick Jamison, tutti assolti dal loro crimine e rilasciati dopo aver dimostrato la loro innocenza. Nella sua ultima dichiarazione Pearcy ripete: "James Dailey non ha avuto nulla a che fare con l'omicidio di Shelly Boggio. Ho commesso il crimine da solo. James Dailey era tornato a casa quando ho portato Shelly Boggio nel luogo dove alla fine l'ho uccisa." Organizzazioni come Innocence Project, Floridians for Alternatives to the Death Penalty (FADP) e le Diocesi cattoliche della Florida stanno supportando Dailey. Josh Dubin, avvocato di Dailey, ha dichiarato al FADP: “Stiamo supplicando il governatore DeSantis di dare a James Dailey un'udienza davanti alla Clemency Board, e speriamo che ci dia davvero quel forum in modo che tutti i fatti riguardanti l'inaffidabilità della condanna del signor Dailey possano essere portati alla luce". Dale Recinella, ex avvocato che è diventato cappellano del braccio della morte, ha incontrato Dailey nel braccio della morte per 21 anni e sta sostenendo la sua innocenza. "Credo che sia innocente in base a tutto ciò che ho potuto sperimentare e leggere", ha detto Recinella. "Come potremmo vivere in pace se avessimo ucciso un uomo innocente?". Nel frattempo, Andrea Boggio, cugina della vittima, afferma che i nuovi sviluppi hanno solo causato più dolore alla sua famiglia. "C'è già così tanta sofferenza", ha detto. "Siamo assolutamente disgustati dal fatto che ciò accada ancora e ci vergogniamo dello Stato della Florida. È ridicolo".

(Fonti: firstcoastnews.com)

Altre news:
AFGHANISTAN: FUNZIONARI RIPORTANO L’ESECUZIONE DI 6 MEMBRI DI UNA FAMIGLIA DA PARTE DEI TALEBANI
TUNISIA: 8 CONDANNATI A MORTE PER LE UCCISIONI DELLE GUARDIE PRESIDENZIALI
ARABIA SAUDITA: GIUSTIZIATO A RIYADH PER OMICIDIO
TEXAS (USA): GIUSTIZIATO JOHN GARDNER
NIGERIA: TRE CONDANNE A MORTE NELLO STATO DI ADAMAWA
ARABIA SAUDITA: GIUSTIZIATO PER OMICIDIO NEL GOVERNATORATO DI AL-MAKHWAH
ARABIA SAUDITA: NUOVO PROCESSO PER EGIZIANO CONDANNATO A MORTE PER TRAFFICO DI DROGA
ARABIA SAUDITA: DUE GIUSTIZIATI A TABUK PER TRAFFICO DI DROGA
LA UE CONDANNA LE ESECUZIONI IN SOMALILAND
MYANMAR: CONDANNATO ALL’IMPICCAGIONE PER OMICIDIO
EGITTO: NUOVO PROCESSO PER DUE MONACI COPTI CONDANNATI A MORTE PER OMICIDIO
ARABIA SAUDITA: GIUSTIZIATO UN SAUDITA PER OMICIDIO NELLA REGIONE DI JAZAN
SOMALILAND (SOMALIA): SEI GIUSTIZIATI PER OMICIDIO E TERRORISMO
MALESIA: LA PENA DI MORTE NON SARA’ TOTALMENTE ABOLITA
ARABIA SAUDITA: 184 GIUSTIZIATI NEL 2019
PAKISTAN: ANNULLATA CONDANNA A MORTE DELL’EX PRESIDENTE MUSHARRAF
BANGLADESH: CORTE SUPREMA CONFERMA CONDANNA CAPITALE PER CRIMINI CONTRO L’UMANITA’
INDIA: DUE CONDANNATI A MORTE PER L’OMICIDIO E STUPRO DI UNA MINORENNE
CINA: CONDANNA A MORTE CONFERMATA
BIELORUSSIA: EMESSE LE PRIME DUE CONDANNE CAPITALI DEL 2020
IRAN: CONDANNATO A MORTE IL PRIGIONIERO POLITICO CURDO HOUSHMAND ALIPOUR
SOMALIA: MILITARE CONDANNATO A MORTE DA TRIBUNALE MILITARE DEL PUNTLAND
IRAN: ALMENO 400 DONNE UCCISE NELLE PROTESTE DEL NOVEMBRE 2019
UGANDA: CORTE MARZIALE EMETTE QUATTRO CONDANNE A MORTE PER OMICIDIO
BAHRAIN: CONFERMATE LE CONDANNE A MORTE DI DUE ATTIVISTI PRO-DEMOCRAZIA
THAILANDIA: SEI CONDANNATI A MORTE PER OMICIDIO
INDIA: QUATTRO IMPICCAGIONI FISSATE PER IL 22 GENNAIO
SRI LANKA: MINISTRO DELLA GIUSTIZIA FAVOREVOLE ALLA RIPRESA DELLE ESECUZIONI
ZAMBIA: POLIZIOTTO CONDANNATO ALL’IMPICCAGIONE PER L’OMICIDIO DI UN COLLEGA
NIGERIA: SONO 2.745 I PRIGIONIERI NEL BRACCIO DELLA MORTE

[<< Prec] 1 2 3 [Succ >>]
2022
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
  2021
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2020
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2019
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2018
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
 
2017
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2016
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2015
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2014
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2013
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2012
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
 
2011
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2010
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2009
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2008
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2007
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2006
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
 
2005
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2004
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
 
IRAN - La moglie di Djalali sollecita più impegno dall’Europa
  LA VETRINA E IL RETROBOTTEGA DEL NEGOZIO DELL’#ANTIMAFIA  
  ITALIA: DA ‘CULLA’ A ‘TOMBA’ DEL DIRITTO?  
  APPELLO AL GOVERNATORE DELLA CALIFORNIA PER JARVIS JAY MASTERS  
  MOZIONE GENERALE DEL 40ESIMO CONGRESSO STRAORDINARIO DEL PARTITO RADICALE NONVIOLENTO, TRANSNAZIONALE E TRANSPARTITO  
  ELISABETTA ZAMPARUTTI CONFERMATA AL CPT PER SECONDO MANDATO  
news
-
azioni urgenti
-
banca dati
-
campagne
-
chi siamo
-
area utenti
-
privacy e cookies
-
credits