Anno
Ultime notizie
Archivio notizie
Guida all'uso della Banca Dati
MOZIONE GENERALE DEL VI° CONGRESSO DI NTC
La pena di morte nel mondo (al 30 giugno 2016)
DISCORSO di Papa Francesco
Analisi dati Rapporto 2015 e Obiettivi di NtC
SINTESI DEI FATTI PIÙ IMPORTANTI DEL 2015 (e dei primi sei mesi del 2016)
Esecuzioni nel 2014
Esecuzioni nel 2015 (al 30 giugno)
Reportage Comore Sergio D'Elia
Reportage Niger Marco Perduca
Premio l'Abolizionista dell'Anno 2015
Messaggio di Sergio Mattarella al VI° Congresso di NtC
Relazione di Sergio D'Elia al VI° Congresso di NtC
Relazione di Elisabetta Zamparutti al VI° Congresso di NtC
Rapporto IL VOLTO SORRIDENTE DEI MULLAH
DOSSIER IRAN APRILE 2016
Dossier su Pena di Morte e Omosessualità
Reportage di Elisabetta Zamparutti
Protocollo di intesa tra NtC e CNF
Dichiarazione finale del seminario del Cairo 15/16 maggio 2017
Azioni in corso
Archivio azioni
Campagne in corso
Archivio campagne

RAPPORTO DEL SECONDO FORUM ANNUALE DELL'UE SULLA PENA DI MORTE IN ZAMBIA

RISOLUZIONE ONU 2012
RISOLUZIONE ONU 2010

DICHIARAZIONE DI LIBREVILLE

Organi Dirigenti
Dossier Iraq 2003

Le sedi
DICHIARAZIONE DI COTONOU 2014

I video
RISOLUZIONE ONU 2014

Adesioni Comuni, Province, Regioni

BILANCI DI NESSUNO TOCCHI CAINO

La campagna per la moratoria ONU delle esecuzioni capitali
DOSSIER GIAPPONE

DONA IL 5x1000 A NESSUNO TOCCHI CAINO
DOSSIER IRAN

FIRMATARI APPELLO ALLE NAZIONI UNITE

DEDUCIBILITA' FISCALE


Appello dei PREMI NOBEL
RISOLUZIONE ONU 2007
DOSSIER LIBIA
DOSSIER USA 2011
Abbiamo fatto
RISOLUZIONE ONU 2008
DOSSIER PENA DI MORTE 2008
VIDEO MISSIONE IN CIAD
Le pubblicazioni
RISOLUZIONE DELLA CONFERENZA DI KIGALI 2011

DOSSIER MORATORIA
DOSSIER COMMERCIO LETALE
DICHIARAZIONE FINALE DELLA CONFERENZA DI FREETOWN 2014
Gli obiettivi

L'AUTENTICA STORIA DEL 'TERRORISTA' SERGIO D'ELIA

Acquista il rapporto di Nessuno tocchi Caino

Contributi artistici

Contattaci
Organi Dirigenti
Newsletter
Iscriviti a NTC
Acquista le pubblicazioni
Forum utenti
Scarica l'appello per la moratoria

IRAN: CONDANNATO A MORTE IL PRIGIONIERO POLITICO CURDO HOUSHMAND ALIPOUR

10 gennaio 2020:

Un tribunale iraniano il 29 dicembre 2019 ha condannato a morte il prigioniero politico curdo Houshmand Alipour. Houshmand Alipour è stato condannato a morte dalla corte rivoluzionaria di Sanandaj, capitale della provincia del Kurdistan, nell'Iran occidentale. Houshmand Alipour e Mohammad Ostadghader, entrambi appartenenti alla minoranza curda dell'Iran, sono stati arrestati il 3 agosto 2018, sospettati di aver preso parte a un attacco armato contro una base delle forze di sicurezza in quella città. Per il Ministero dell'Intelligence si trattava dell’arresto di gruppi "separatisti e Takfiri" che avevano attaccato una base di sicurezza a Saqqez, nella provincia del Kurdistan. I due arrestati sono stati mostrati alla televisione di stato quattro giorni dopo, il 7 agosto, facendo una "confessione" forzata che si incriminava. Il 9 agosto il Kurdistan Freedom Party (PAK), un gruppo di opposizione curda, ha rilasciato una dichiarazione assumendosi la responsabilità dell'attacco. Ha dichiarato che Houshmand Alipour e Mohammad Ostadghader sono stati arrestati dopo essere intervenuti per salvare membri del PAK feriti che avevano preso parte all'attacco. All'epoca, il padre di Houshmand, Mostafa Alipour, dichiarò che il figlio era stato sottoposto a "gravi torture" perché confessasse, ma che suo figlio non era coinvolto in nessuna operazione armata. Il tribunale ha processato Alipour di "Baghi", termine arabo che significa rivolta armata. Houshmand Alipour è stato trasferito nella prigione centrale di Saqez 110 giorni dopo il suo arresto. Aveva trascorso i 110 giorni precedenti nel centro di detenzione dell’intelligence a Sanandaj. Alla sua famiglia è stato permesso di visitarlo solo una volta durante tutta la detenzione. L'Iran ha una “tradizione” di condanne a morte di detenuti politici sulla base di confessioni forzate. Questa tattica dell'apparato dell'intelligence e della repressione del regime è stata a lungo un argomento di discussione e critica tra le organizzazioni internazionali per i diritti umani, che periodicamente condannano il regime per violazione dei diritti più elementari dei prigionieri politici. Il canale televisivo statale IRIB (Islamic Republic of Iran Broadcasting) ha una lunga storia di messa in onda di tali confessioni forzate.

(Fonti: iran-hrm)

Altre news:
AFGHANISTAN: FUNZIONARI RIPORTANO L’ESECUZIONE DI 6 MEMBRI DI UNA FAMIGLIA DA PARTE DEI TALEBANI
TUNISIA: 8 CONDANNATI A MORTE PER LE UCCISIONI DELLE GUARDIE PRESIDENZIALI
ARABIA SAUDITA: GIUSTIZIATO A RIYADH PER OMICIDIO
TEXAS (USA): GIUSTIZIATO JOHN GARDNER
NIGERIA: TRE CONDANNE A MORTE NELLO STATO DI ADAMAWA
ARABIA SAUDITA: GIUSTIZIATO PER OMICIDIO NEL GOVERNATORATO DI AL-MAKHWAH
ARABIA SAUDITA: NUOVO PROCESSO PER EGIZIANO CONDANNATO A MORTE PER TRAFFICO DI DROGA
MYANMAR: CONDANNATO ALL’IMPICCAGIONE PER OMICIDIO
ARABIA SAUDITA: DUE GIUSTIZIATI A TABUK PER TRAFFICO DI DROGA
LA UE CONDANNA LE ESECUZIONI IN SOMALILAND
EGITTO: NUOVO PROCESSO PER DUE MONACI COPTI CONDANNATI A MORTE PER OMICIDIO
MALESIA: LA PENA DI MORTE NON SARA’ TOTALMENTE ABOLITA
ARABIA SAUDITA: GIUSTIZIATO UN SAUDITA PER OMICIDIO NELLA REGIONE DI JAZAN
SOMALILAND (SOMALIA): SEI GIUSTIZIATI PER OMICIDIO E TERRORISMO
BANGLADESH: CORTE SUPREMA CONFERMA CONDANNA CAPITALE PER CRIMINI CONTRO L’UMANITA’
PAKISTAN: ANNULLATA CONDANNA A MORTE DELL’EX PRESIDENTE MUSHARRAF
ARABIA SAUDITA: 184 GIUSTIZIATI NEL 2019
INDIA: DUE CONDANNATI A MORTE PER L’OMICIDIO E STUPRO DI UNA MINORENNE
BIELORUSSIA: EMESSE LE PRIME DUE CONDANNE CAPITALI DEL 2020
CINA: CONDANNA A MORTE CONFERMATA
SOMALIA: MILITARE CONDANNATO A MORTE DA TRIBUNALE MILITARE DEL PUNTLAND
IRAN: ALMENO 400 DONNE UCCISE NELLE PROTESTE DEL NOVEMBRE 2019
UGANDA: CORTE MARZIALE EMETTE QUATTRO CONDANNE A MORTE PER OMICIDIO
INDIA: QUATTRO IMPICCAGIONI FISSATE PER IL 22 GENNAIO
THAILANDIA: SEI CONDANNATI A MORTE PER OMICIDIO
BAHRAIN: CONFERMATE LE CONDANNE A MORTE DI DUE ATTIVISTI PRO-DEMOCRAZIA
SRI LANKA: MINISTRO DELLA GIUSTIZIA FAVOREVOLE ALLA RIPRESA DELLE ESECUZIONI
ZAMBIA: POLIZIOTTO CONDANNATO ALL’IMPICCAGIONE PER L’OMICIDIO DI UN COLLEGA
FLORIDA (USA): DA 32 ANNI NEL BRACCIO DELLA MORTE MA UN DETENUTO LO SCAGIONA
NIGERIA: SONO 2.745 I PRIGIONIERI NEL BRACCIO DELLA MORTE

[<< Prec] 1 2 3 [Succ >>]
2022
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
  2021
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2020
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2019
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2018
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
 
2017
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2016
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2015
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2014
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2013
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2012
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
 
2011
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2010
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2009
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2008
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2007
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2006
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
 
2005
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2004
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
 
IRAN - La moglie di Djalali sollecita più impegno dall’Europa
  LA VETRINA E IL RETROBOTTEGA DEL NEGOZIO DELL’#ANTIMAFIA  
  ITALIA: DA ‘CULLA’ A ‘TOMBA’ DEL DIRITTO?  
  APPELLO AL GOVERNATORE DELLA CALIFORNIA PER JARVIS JAY MASTERS  
  MOZIONE GENERALE DEL 40ESIMO CONGRESSO STRAORDINARIO DEL PARTITO RADICALE NONVIOLENTO, TRANSNAZIONALE E TRANSPARTITO  
  ELISABETTA ZAMPARUTTI CONFERMATA AL CPT PER SECONDO MANDATO  
news
-
azioni urgenti
-
banca dati
-
campagne
-
chi siamo
-
area utenti
-
privacy e cookies
-
credits