Anno
Ultime notizie
Archivio notizie
Guida all'uso della Banca Dati
MOZIONE GENERALE DEL VI° CONGRESSO DI NTC
La pena di morte nel mondo (al 30 giugno 2016)
DISCORSO di Papa Francesco
Analisi dati Rapporto 2015 e Obiettivi di NtC
SINTESI DEI FATTI PIÙ IMPORTANTI DEL 2015 (e dei primi sei mesi del 2016)
Esecuzioni nel 2014
Esecuzioni nel 2015 (al 30 giugno)
Reportage Comore Sergio D'Elia
Reportage Niger Marco Perduca
Premio l'Abolizionista dell'Anno 2015
Messaggio di Sergio Mattarella al VI° Congresso di NtC
Relazione di Sergio D'Elia al VI° Congresso di NtC
Relazione di Elisabetta Zamparutti al VI° Congresso di NtC
Rapporto IL VOLTO SORRIDENTE DEI MULLAH
DOSSIER IRAN APRILE 2016
Dossier su Pena di Morte e Omosessualità
Reportage di Elisabetta Zamparutti
Protocollo di intesa tra NtC e CNF
Dichiarazione finale del seminario del Cairo 15/16 maggio 2017
Azioni in corso
Archivio azioni
Campagne in corso
Archivio campagne

RAPPORTO DEL SECONDO FORUM ANNUALE DELL'UE SULLA PENA DI MORTE IN ZAMBIA

RISOLUZIONE ONU 2012
RISOLUZIONE ONU 2010

DICHIARAZIONE DI LIBREVILLE

Organi Dirigenti
Dossier Iraq 2003

Le sedi
DICHIARAZIONE DI COTONOU 2014

I video
RISOLUZIONE ONU 2014

Adesioni Comuni, Province, Regioni

BILANCI DI NESSUNO TOCCHI CAINO

La campagna per la moratoria ONU delle esecuzioni capitali
DOSSIER GIAPPONE

DONA IL 5x1000 A NESSUNO TOCCHI CAINO
DOSSIER IRAN

FIRMATARI APPELLO ALLE NAZIONI UNITE

DEDUCIBILITA' FISCALE


Appello dei PREMI NOBEL
RISOLUZIONE ONU 2007
DOSSIER LIBIA
DOSSIER USA 2011
Abbiamo fatto
RISOLUZIONE ONU 2008
DOSSIER PENA DI MORTE 2008
VIDEO MISSIONE IN CIAD
Le pubblicazioni
RISOLUZIONE DELLA CONFERENZA DI KIGALI 2011

DOSSIER MORATORIA
DOSSIER COMMERCIO LETALE
DICHIARAZIONE FINALE DELLA CONFERENZA DI FREETOWN 2014
Gli obiettivi

L'AUTENTICA STORIA DEL 'TERRORISTA' SERGIO D'ELIA

Acquista il rapporto di Nessuno tocchi Caino

Contributi artistici

Contattaci
Organi Dirigenti
Newsletter
Iscriviti a NTC
Acquista le pubblicazioni
Forum utenti
Scarica l'appello per la moratoria

USA
USA
USA - Stati a guida repubblicana spendono ingenti somme per le esecuzioni

9 aprile 2021:

Stati a guida repubblicana che spendono segretamente ingenti somme in farmaci per le esecuzioni
Documenti ottenuti dal Guardian mostrano che tre stati pagano somme astronomiche per aggirare - quasi certamente illegalmente - i divieti sui farmaci letali
I documenti mostrano che i leader repubblicani non solo sono disposti a calpestare le leggi statali e federali, ma sono anche pronti a spendere molto denaro.
L'esborso più sbalorditivo è stato fatto dall'Arizona, uno stato in cui i repubblicani hanno la maggioranza in entrambe le camere, ed il governatore. Un documento di una sola pagina con pesanti cancellature ottenuto dal Guardian registra che lo scorso ottobre l’Amministrazione Penitenziaria ha ordinato 1.000 fiale di sale sodico pentobarbital, ciascuna contenente 1 g, da spedire in "barattoli e scatole non contrassegnati". In calce al documento si legge: "Importo pagato: $ 1.500.000".
Ai sensi della legge dell'Arizona e della legge federale, è un reato vendere pentobarbital senza una prescrizione valida, ma i medici non sono autorizzati dalle loro associazioni professionali a prescrivere farmaci letali, o meglio, farmaci che non siano a scopi terapeutici o medici.
Il Guardian ha chiesto al dipartimento di correzione dell'Arizona di spiegare il suo acquisto, apparentemente illegale e a prezzi fortemente ricaricati, di pentobarbital. Il dipartimento ha detto che non intende rispondere a domande el genere, sottolineando che le informazioni richieste dal Guardian erano "riservate per legge", il che significa che sono segrete per ordine del tribunale.
Altri documenti ottenuti dal Guardian si riferiscono al Tennessee e al Missouri. In Tennessee, il Dipartimento ha speso $ 190.000 dal 2017 al 2020 per acquisire midazolam, bromuro di vecuronio e cloruro di potassio, i 3 farmaci del suo protocollo di iniezione letale.
Durante quel periodo, lo stato, usando quei prodotti, ha giustiziato due detenuti: Billy Irick e Donnie Johnson. Ciò suggerisce un costo di quasi 100.000 dollari per ogni esecuzione per i soli farmaci.
In Missouri, l’amministrazione penitenziaria tra il 2015 e il 2020 ha investito oltre 160.000 dollari in farmaci letali per compiere 10 esecuzioni, con un costo medio per i contribuenti di $ 16.000 per esecuzione.
Queste somme sono ben lontane dai costi iniziali delle iniezioni letali. L'uso di farmaci per uccidere i detenuti è stato sperimentato nel 1977 in Oklahoma, dove i funzionari erano convinti che sarebbe stato sia umano che economico, prevedendo un costo di 10 dollari per esecuzione.
Nessuna delle due aspirazioni si è dimostrata vera. La presunta umanità delle iniezioni letali è stata smentita da una serie di malfunzionamenti che hanno scioccato la nazione.
L'ultima volta che l'Arizona ha messo a morte un detenuto è stato nel 2014, quando gli addetti hanno impiegato quasi due ore, e 15 iniezioni, per uccidere un rantolante e gemente Joseph Wood.
Dietro la spesa abnorme degli Stati c'è il rifiuto generale dei produttori e distributori farmaceutici di consentire che i loro prodotti vengano utilizzati nelle esecuzioni statunitensi. I farmaci sono fatti per salvare vite umane, sostengono, non per uccidere.
Di conseguenza, gli stati che vogliono compiere esecuzioni sono stati costretti a concludere accordi sempre più dubbi, e spesso illegali, con fornitori in patria e all'estero. Nel 2010, cinque stati americani hanno acquistato illegalmente farmaci letali senza l'approvazione della Food and Drug Administration federale da Dream Pharma, un grossista che opera in una scuola guida a Londra.
Da allora, gli stati si sono spinti fino e oltre i confini della legalità per eludere il boicottaggio dei fornitori. "Gli stati sono passati da un farmaco all'altro, hanno attraversato i confini statali per ottenere farmaci, pagato in contanti e “al nero”, omettendo di emettere le regolari fatture, pur di mantenere segreti gli acquisti", ha detto Deborah Denno, professore alla Fordham Law School.
Denno ha aggiunto: "Tutte queste azioni sono violazioni delle leggi statali o federali, e tutte hanno finito per aumentare il prezzo dei farmaci".
Negli ultimi anni, 19 stati e il governo federale hanno emesso leggi per rendere segrete molte parti delle procedure di esecuzione, dedicando particolare attenzione all’approvvigionamento dei farmaci letali. Anche questo consente a produttori e rivenditori senza scrupoli di aumentare i loro prezzi.
"Ogni volta che un governo si ritira nel segreto, sai che c'è un problema. Se non si deve rendere conto, si apre la porta al favoritismo, alla corruzione, e si ha comunque a che fare con persone che certo non hanno come priorità l’interesse pubblico", ha affermato Robert Dunham, direttore esecutivo del Death Penalty Information Center.
Prashant Yadav, docente alla Harvard Medical School, ha affermato che i prezzi vengono spesso aumentati del 1.000% o più rispetto al tasso praticato nei normali mercati farmaceutici. "Questi farmaci vengono scambiati in una zona di apparato normativo poco chiaro, e quindi di solito hanno un prezzo più alto", ha detto.
Un'altra causa dell'aumento dei prezzi dei farmaci è il costo delle controversie legali. Tra il 2018 e il 2020, il Nevada ha speso oltre $ 100.000 per difendersi in una causa intentata da un produttore farmaceutico che ha sostenuto che i suoi farmaci fossero stati ottenuti in modo fraudolento.
Uno dei paradossi di questo mercato parallelo dei farmaci letali è che i protagonisti sono esclusivamente amministratori repubblicani, che spesso affermano di essere il partito del conservatorismo fiscale e della minore intromissione del governo. Hannah Cox, direttrice di “Conservatori Preoccupati per la Pena di Morte”, ha detto che le cifre rivelate del Guardian sono scioccanti. "Non puoi candidarti e dire che sei un repubblicano conservatore fiscale, o che sei filo-governativo e per il libero mercato, e poi comportarti in questo modo. È completamente in contraddizione con ogni valore conservatore", ha detto.

https://www.theguardian.com/world/2021/apr/09/revealed-republican-led-states-secretly-spending-huge-sums-on-execution-drugs

(Fonte: The Guardian, 09/04/2021)

Altre news:
IRAN - Arsalan Zare giustiziato nella prigione di Shiraz il 12 aprile
IRAN - Hossein Ramezani giustiziato il 12 aprile
IRAN - Giustiziati 3 uomini, Merhdad Jalali, Mohsen Madavian e Ramezan Ali Shahroodi
ARABIA: TRE SOLDATI GIUSTIZIATI PER ‘ALTO TRADIMENTO’
IRAN - Ghorban Karimi giustiziato l 12 aprile
IRAN - Appello di Amnesty International per Farhad Salehi Jabehdar
IRAN - Morteza Kabiri giustiziato nella prigione di Isfahan l'11 aprile
LA STORIA DI ANTONIO, APPESO AL FILO DELLA VITA E DELLA SPERANZA CHE ANCHE LA CONSULTA HA TESO
IRAN - Bayazid Rashidi giustiziato il 10 aprile nella prigione di Urmia
DAL PAKISTAN UNA LEZIONE DI CIVILTA’: MORATORIA DELLE ESECUZIONI E DIRITTO ALLA ASPETTATIVA DI VITA
MYANMAR: 19 CONDANNATI A MORTE PER L’OMICIDIO DI UN MILITARE
COREA DEL NORD: PRESIDENTE DI COMMISSIONE MINISTERIALE GIUSTIZIATO PER AVER CRITICATO IL GOVERNO
INDIA: CONDANNATO A MORTE PER L’OMICIDIO DELLA MOGLIE INCINTA
USA - Ohio. Il governatore DeWine rinvia al 2024 altre 3 esecuzioni.
IRAN - 4 uomini giustiziati nella prigione di Urmia il 9 aprile
IRAN - A.A e K.H. giustiziati nella prigione di Babol l’8 aprile.
IRAN - Safar Rahimi è giustiziato nella prigione di Taybad l'8 aprile
USA - Ohio. Jonathan Mann, figlio di una vittima, contro la pena di morte
MAROCCO: CONFERMATA CONDANNA A MORTE PER LO STUPRO E OMICIDIO DI UN RAGAZZINO
INDONESIA: CONDANNATI ALLA FUCILAZIONE 13 MEMBRI DI UNA BANDA DI TRAFFICANTI DI DROGA
PAKISTAN: UNA CONDANNA CAPITALE E UNA ALL’ERGASTOLO IN UN CASO DI OMICIDIO
THAILANDIA: CONDANNATO A MORTE PER L’OMICIDIO DI UNA DONNA
IRAN - Yasser Daryayi-Narouyi giustiziato nella prigione di Sabzevar il 7 aprile.
CINA: DUE EX ALTI FUNZIONARI UIGURI CONDANNATI A MORTE PER ‘SEPARATISMO’
USA - Florida. Crosley Green è stato liberato
PAKISTAN: TRE CONDANNE A MORTE COMMUTATE IN ERGASTOLO
ETIOPIA: CONDANNA A MORTE PER OMICIDIO
IRAN - Hojat Ghaed giustiziato nella prigione di Zanjan il 5 aprile
IRAN - Identificate 12 donne nel braccio della morte di Urmia
USA - Militare. A Guantanamo sono rimasti 40 detenuti

[<< Prec] 1 2 3 4 [Succ >>]
2022
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2021
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2020
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2019
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2018
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
 
2017
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2016
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2015
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2014
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2013
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2012
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
 
2011
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2010
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2009
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2008
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2007
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2006
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
 
2005
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2004
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
 
IRAN - La moglie di Djalali sollecita più impegno dall’Europa
  LA VETRINA E IL RETROBOTTEGA DEL NEGOZIO DELL’#ANTIMAFIA  
  ITALIA: DA ‘CULLA’ A ‘TOMBA’ DEL DIRITTO?  
  APPELLO AL GOVERNATORE DELLA CALIFORNIA PER JARVIS JAY MASTERS  
  MOZIONE GENERALE DEL 40ESIMO CONGRESSO STRAORDINARIO DEL PARTITO RADICALE NONVIOLENTO, TRANSNAZIONALE E TRANSPARTITO  
  ELISABETTA ZAMPARUTTI CONFERMATA AL CPT PER SECONDO MANDATO  
news
-
azioni urgenti
-
banca dati
-
campagne
-
chi siamo
-
area utenti
-
privacy e cookies
-
credits