Anno
Ultime notizie
Archivio notizie
Guida all'uso della Banca Dati
MOZIONE GENERALE DEL VI° CONGRESSO DI NTC
La pena di morte nel mondo (al 30 giugno 2016)
DISCORSO di Papa Francesco
Analisi dati Rapporto 2015 e Obiettivi di NtC
SINTESI DEI FATTI PIÙ IMPORTANTI DEL 2015 (e dei primi sei mesi del 2016)
Esecuzioni nel 2014
Esecuzioni nel 2015 (al 30 giugno)
Reportage Comore Sergio D'Elia
Reportage Niger Marco Perduca
Premio l'Abolizionista dell'Anno 2015
Messaggio di Sergio Mattarella al VI° Congresso di NtC
Relazione di Sergio D'Elia al VI° Congresso di NtC
Relazione di Elisabetta Zamparutti al VI° Congresso di NtC
Rapporto IL VOLTO SORRIDENTE DEI MULLAH
DOSSIER IRAN APRILE 2016
Dossier su Pena di Morte e Omosessualità
Reportage di Elisabetta Zamparutti
Protocollo di intesa tra NtC e CNF
Dichiarazione finale del seminario del Cairo 15/16 maggio 2017
Azioni in corso
Archivio azioni
Campagne in corso
Archivio campagne

RAPPORTO DEL SECONDO FORUM ANNUALE DELL'UE SULLA PENA DI MORTE IN ZAMBIA

RISOLUZIONE ONU 2012
RISOLUZIONE ONU 2010

DICHIARAZIONE DI LIBREVILLE

Organi Dirigenti
Dossier Iraq 2003

Le sedi
DICHIARAZIONE DI COTONOU 2014

I video
RISOLUZIONE ONU 2014

Adesioni Comuni, Province, Regioni

BILANCI DI NESSUNO TOCCHI CAINO

La campagna per la moratoria ONU delle esecuzioni capitali
DOSSIER GIAPPONE

DONA IL 5x1000 A NESSUNO TOCCHI CAINO
DOSSIER IRAN

FIRMATARI APPELLO ALLE NAZIONI UNITE

DEDUCIBILITA' FISCALE


Appello dei PREMI NOBEL
RISOLUZIONE ONU 2007
DOSSIER LIBIA
DOSSIER USA 2011
Abbiamo fatto
RISOLUZIONE ONU 2008
DOSSIER PENA DI MORTE 2008
VIDEO MISSIONE IN CIAD
Le pubblicazioni
RISOLUZIONE DELLA CONFERENZA DI KIGALI 2011

DOSSIER MORATORIA
DOSSIER COMMERCIO LETALE
DICHIARAZIONE FINALE DELLA CONFERENZA DI FREETOWN 2014
Gli obiettivi

L'AUTENTICA STORIA DEL 'TERRORISTA' SERGIO D'ELIA

Acquista il rapporto di Nessuno tocchi Caino

Contributi artistici

Contattaci
Organi Dirigenti
Newsletter
Iscriviti a NTC
Acquista le pubblicazioni
Forum utenti
Scarica l'appello per la moratoria

USA - Guantanamo
USA - Guantanamo
I SENATORI ‘LIBERAL’ AMERICANI CHIEDONO A BIDEN DI CHIUDERE GUANTANAMO. PER I ‘DEMOCRATICI’ ITALIANI IL 41 BIS NON SI TOCCA, ANZI, VA COPERTO CON IL SEGRETO DI STATO

23 aprile 2021:

Valerio Fioravanti

Il 16 aprile scorso, 24 senatori “liberal” hanno esortato Biden a chiudere Guantanamo. La loro posizione è netta: “Guantanamo è simbolo di illegalità e violazioni dei diritti umani. Ha danneggiato la reputazione dell’America, alimentato il fanatismo anti-musulmano, e indebolito la capacità degli Stati Uniti di contrastare il terrorismo e combattere per i diritti umani e lo stato di diritto in tutto il mondo.”
Nessuno tocchi Caino segue con regolarità le vicende di Guantanamo, e dei processi militari che non riescono nemmeno a iniziare. In quel luogo si addensano molte contraddizioni del sistema giudiziario statunitense, e più in generale di un sistema democratico quando decide di prendere delle scorciatoie.
Al termine della guerra Ispano-Americana nel 1898, gli Stati Uniti “liberarono” Cuba dal dominio coloniale spagnolo, e per “riconoscenza” le nuove autorità insediate concessero in usufrutto gratuito eterno l’estremità orientale dell’isola, quella dove era sbarcato Cristoforo Colombo. Gli Usa ci impiantarono una base navale, che però non fu mai considerata di fondamentale rilevanza, nemmeno dopo la rivoluzione comunista, perché a meno di 200 chilometri dalla Florida, dove era più facile ed economico tenere navi e personale. Guantanamo è invece tornata utilissima quando, pochi mesi dopo gli attentati dell’11 settembre 2001, l’amministrazione Bush decise di “rastrellare” sospetti qaedisti in giro per il mondo. Con modi spicci, utilizzando “informatori” e non vere e proprie indagini, gli Usa sequestrarono cittadini stranieri, li tennero per mesi e anni in prigioni segrete della Cia all’interno di basi militari in altri paesi e li interrogarono utilizzando varie forme di tortura. Se queste persone fossero state portate a giudizio in un normale tribunale, i difensori avrebbero, ovviamente, contestato le torture. Le quali sono tutte avvenute con il tacito consenso delle autorità dei paesi che ospitavano i “black sites”, i “siti neri” della Cia.
Nel tentativo di tenere in equilibrio alcuni dei diritti “incomprimibili” della difesa, ma anche i “diritti” della Cia a non far arrestare i propri funzionari e i “diritti” del governo Usa a non crearsi gravissime crisi diplomatiche con i paesi che avevano collaborato, si è pensato alla strana soluzione “oltreoceano” di Cuba, e a processi celebrati in corti militari e non federali. Con queste premesse Guantanamo nel corso di ormai quasi 20 anni ha “ospitato” circa 780 prigionieri. I processi non sono mai riusciti a partire, troppe le questioni preliminari che si sono rivelate insormontabili, e troppi soprattutto i detenuti nei confronti dei quali l’amministrazione non è nemmeno riuscita a formulare accuse precise. Tolti una decina di casi, nessuno dei detenuti di Guantanamo, a 20 anni dall’arresto, è mai stato nemmeno rinviato a giudizio. Uno solo è stato processato e condannato. Nel corso degli ultimi anni, 731 detenuti sono stati “restituiti” ai paesi da cui erano stati prelevati, nove sono morti di malattia e alcuni liberati. Oggi ne rimangono 40. Pochi, ma comunque un grosso problema.
I senatori delineano i passi da intraprendere: ripristinare l’ufficio del Dipartimento di Stato, smantellato dall’amministrazione Trump, adibito alla negoziazione con i governi stranieri per trasferire i prigionieri in altri paesi; negoziare trasferimenti all’estero per tutti coloro nei cui confronti l’amministrazione non riesce a formulare incriminazioni precise; utilizzare i tribunali federali per perseguire accordi di patteggiamento con i detenuti e consentire loro di scontare la detenzione residua all’estero.
Le probabilità di successo di Biden non sono chiare. Obama appena entrato in carica emise un ordine di chiusura, ma la procedura venne bloccata da una veemente opposizione, non solo repubblicana. E a guardar bene, in effetti, anche questa lettera è firmata solo da metà dei senatori “liberal” che dovrebbero aiutare Biden in questo passo storico.
A margine di tutto questo, ma è il margine migliore, dobbiamo ricordare che tutte queste informazioni, e altre, sono aggiornate da un sito del New York Times che si chiama “The Guantanamo Docket”. Tutti i “prisoners” sono identificati per nome e tracciati in tempo reale. È un servizio “di democrazia” sconosciuto in Italia dove, ad esempio, i detenuti al 41 bis sono “oscurati” da una specie di segreto di stato che i “grandi” media non ritengono di dover scalfire, e lasciano a quelli “piccoli” come questa il compito di difendere lo stato di diritto.

Altre news:
IRAN -
MALESIA: CONDANNATO A MORTE PER TRAFFICO DI DROGA
MALAWI: CORTE SUPREMA DICHIARA INCOSTITUZIONALE LA PENA DI MORTE
EGITTO: 17 GIUSTIZIATI PER L’ATTACCO CONTRO LA POLIZIA NEL 2013
INDIA: COMMUTATA IN ERGASTOLO LA CONDANNA CAPITALE EMESSA PER LO STUPRO E OMICIDIO DI UNA BAMBINA
ARRESTI DEGLI EX TERRORISTI IN FRANCIA, D’ELIA: ‘UNA DECISIONE ANACRONISTICA’
VIETNAM: 19ENNE CONDANNATO A MORTE PER OMICIDIO E RAPINA
KENYA: UN DETENUTO LIBERATO DAL BRACCIO DELLA MORTE, UN ALTRO CI RESTA
EGITTO: NOVE GIUSTIZIATI PER L’ATTACCO CONTRO LA POLIZIA NEL 2013
USA - South Carolina. Commissione Giustizia della Camera approva elettrocuzione e fucilazione
IRAN - “La comunità internazionale deve unirsi contro i processi farsa iraniani
EGITTO: GRUPPO LEGATO ALL’ISIS GIUSTIZIA TRE PERSONE ACCUSATE DI SOSTEGNO AL GOVERNO
IRAN - Habibullah Sheikh-Hossein giustiziato il 26 aprile nella prigione di Sabzevar
IRAN - Nazanin Zaghari-Ratcliffe condannata a un altro anno di prigione.
USA - Tennessee. Parlamento approva legge sulla disabilità intellettiva
VIETNAM: CONDANNATO A MORTE PER TRAFFICO DI DROGA
IRAN - Seyyed Sadrollah Fazeli Zare è il secondo uomo condannato a morte per aver “insultato il profeta”
IRAN - 6 uomini di etnia baluca giustiziati nella prigione di Birjand il 24 aprile
TAIWAN: L’OBIETTIVO FINALE RESTA L’ABOLIZIONE DELLA PENA DI MORTE
IL MIO CORPO È CHIUSO IN QUESTO INFERNO PERÒ LA MIA ANIMA E LA MIA FORZA SONO LÌ CON VOI… IO SONO LIBERO!
VIETNAM: DUE CONDANNATI A MORTE PER IL TRAFFICO DI 31 KG DI METANFETAMINE
SOMALIA: TRIBUNALE MILITARE CONDANNA A MORTE 5 AL-SHABAB NEL PUNTLAND
IRAN - Due uomini condannati a morte per aver “insultato Maometto”
INDONESIA: SEI DETENUTI CONDANNATI A MORTE PER GLI OMICIDI DI CINQUE POLIZIOTTI
USA - Texas. L'Amministrazione modifica il protocollo di esecuzione
AMNESTY INTERNATIONAL: NEL 2020 ESECUZIONI NEL MONDO DIMINUITE DI UN QUARTO RISPETTO ALL’ANNO PRECEDENTE
NIGERIA: DETENUTO SENZA ACCUSE UOMO CHE SI DEFINISCE ATEO
INDIA: DETENUTO NEL BRACCIO DELLA MORTE MUORE DI COVID-19
IRAQ: CONDANNA A MORTE CONFERMATA NELLA REGIONE CURDA
IRAN - Iran al 174° posto nel mondo, su 180, quanto a libertà di stampa

1 2 3 4 [Succ >>]
2021
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
  2020
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2019
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2018
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2017
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
 
2016
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2015
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2014
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2013
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2012
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2011
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
 
2010
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2009
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2008
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2007
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2006
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2005
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
 
2004
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
 
LA VETRINA E IL RETROBOTTEGA DEL NEGOZIO DELL’#ANTIMAFIA
  ITALIA: DA ‘CULLA’ A ‘TOMBA’ DEL DIRITTO?  
  APPELLO AL GOVERNATORE DELLA CALIFORNIA PER JARVIS JAY MASTERS  
  MOZIONE GENERALE DEL 40ESIMO CONGRESSO STRAORDINARIO DEL PARTITO RADICALE NONVIOLENTO, TRANSNAZIONALE E TRANSPARTITO  
  ELISABETTA ZAMPARUTTI CONFERMATA AL CPT PER SECONDO MANDATO  
  NESSUNO TOCCHI CAINO PRESENTA IL VOLUME ‘IL VIAGGIO DELLA SPERANZA’ IL 10 SETTEMBRE A BRINDISI  
news
-
azioni urgenti
-
banca dati
-
campagne
-
chi siamo
-
area utenti
-
privacy e cookies
-
credits