Anno
Ultime notizie
Archivio notizie
Guida all'uso della Banca Dati
MOZIONE GENERALE DEL VI° CONGRESSO DI NTC
La pena di morte nel mondo (al 30 giugno 2016)
DISCORSO di Papa Francesco
Analisi dati Rapporto 2015 e Obiettivi di NtC
SINTESI DEI FATTI PIÙ IMPORTANTI DEL 2015 (e dei primi sei mesi del 2016)
Esecuzioni nel 2014
Esecuzioni nel 2015 (al 30 giugno)
Reportage Comore Sergio D'Elia
Reportage Niger Marco Perduca
Premio l'Abolizionista dell'Anno 2015
Messaggio di Sergio Mattarella al VI° Congresso di NtC
Relazione di Sergio D'Elia al VI° Congresso di NtC
Relazione di Elisabetta Zamparutti al VI° Congresso di NtC
Rapporto IL VOLTO SORRIDENTE DEI MULLAH
DOSSIER IRAN APRILE 2016
Dossier su Pena di Morte e Omosessualità
Reportage di Elisabetta Zamparutti
Protocollo di intesa tra NtC e CNF
Dichiarazione finale del seminario del Cairo 15/16 maggio 2017
Azioni in corso
Archivio azioni
Campagne in corso
Archivio campagne

RAPPORTO DEL SECONDO FORUM ANNUALE DELL'UE SULLA PENA DI MORTE IN ZAMBIA

RISOLUZIONE ONU 2012
RISOLUZIONE ONU 2010

DICHIARAZIONE DI LIBREVILLE

Organi Dirigenti
Dossier Iraq 2003

Le sedi
DICHIARAZIONE DI COTONOU 2014

I video
RISOLUZIONE ONU 2014

Adesioni Comuni, Province, Regioni

BILANCI DI NESSUNO TOCCHI CAINO

La campagna per la moratoria ONU delle esecuzioni capitali
DOSSIER GIAPPONE

DONA IL 5x1000 A NESSUNO TOCCHI CAINO
DOSSIER IRAN

FIRMATARI APPELLO ALLE NAZIONI UNITE

DEDUCIBILITA' FISCALE


Appello dei PREMI NOBEL
RISOLUZIONE ONU 2007
DOSSIER LIBIA
DOSSIER USA 2011
Abbiamo fatto
RISOLUZIONE ONU 2008
DOSSIER PENA DI MORTE 2008
VIDEO MISSIONE IN CIAD
Le pubblicazioni
RISOLUZIONE DELLA CONFERENZA DI KIGALI 2011

DOSSIER MORATORIA
DOSSIER COMMERCIO LETALE
DICHIARAZIONE FINALE DELLA CONFERENZA DI FREETOWN 2014
Gli obiettivi

L'AUTENTICA STORIA DEL 'TERRORISTA' SERGIO D'ELIA

Acquista il rapporto di Nessuno tocchi Caino

Contributi artistici

Contattaci
Organi Dirigenti
Newsletter
Iscriviti a NTC
Acquista le pubblicazioni
Forum utenti
Scarica l'appello per la moratoria

USA - Texas
USA - Texas
USA - Texas. L'Amministrazione modifica il protocollo di esecuzione

21 aprile 2021:

Il Texas modifica il protocollo di esecuzione, e torna ad ammettere i “consiglieri spirituali”.
L’Amministrazione Penitenziaria del Texas (TDCJ) ha modificato il protocollo di esecuzione per consentire ai condannati di essere accompagnati nella camera delle esecuzioni da un consigliere spirituale di loro scelta.
La novità fa seguito a due anni di contenzioso sulle politiche del TDCJ che avevano negato ai condannati l'accesso del proprio consigliere spirituale nella camera delle esecuzioni. Le precedenti politiche del TDCJ avevano attirato una feroce opposizione in tutto lo spettro politico, unendo gli oppositori dei diritti civili dell'establishment religioso del governo e i sostenitori conservatori del libero esercizio della religione. La nuova disposizione supera un ostacolo creato dallo stesso Dipartimento che aveva indotto la Corte Suprema degli Stati Uniti a fermare le esecuzioni in Texas nel 2019 e nel 2020.
Questa vicenda è iniziata nel 2019 in Alabama, con l’esecuzione di Dominique Ray. Ray, musulmano, aveva chiesto di essere assistito dal suo imam di fiducia. L’amministrazione aveva risposto negativamente, e una corte d’appello federale aveva sospeso l’esecuzione dando ragione a Ray. Il 7 febbraio 2019 (vedi) la Corte Suprema degli Stati Uniti annullò la sospensione, e Ray fu giustiziato. La decisione della Corte Suprema sollevò molte polemiche, e furono in molti a sostenere che la libertà di religione, garantita dalla Costituzione, non si vede perché non debba valere per le ultime ore di un condannato a morte.
Un caso simile venne sollevato poche settimane dopo da Patrick Murphy, che si proclamava buddista. Nel suo caso il 28 marzo 2019 (vedi), la Corte Suprema degli Stati Uniti aveva sospeso all’ultimo minuto l’esecuzione per dargli il tempo di discutere un ricorso basato sulla discriminazione religiosa per il fatto che l’Amministrazione consentiva ai detenuti musulmani e cristiani di avere un consigliere spirituale presente nella camera delle esecuzioni, ma non consentiva un accesso simile ai prigionieri di altre fedi.
Nello scrivere la motivazione della sospensione a favore di Murphy, il giudice Brett Kavanaugh (il membro conservatore nominato dal Presidente Trump) aveva indicato le due opzioni secondo lui possibili: o ammettere tutti i consiglieri spirituali nella camera della morte, oppure estrometterli tutti e “limitarli” alla stanza dei testimoni.
Il 3 aprile 2019 (vedi) l’Amministrazione Penitenziaria aveva comunicato che, come suggerito dal giudice Kavanaugh, nessun assistente spirituale sarebbe più stato ammesso al fianco del detenuto nelle ultime fasi dell’esecuzione, sarebbero stati ospitati nella piccola stanza da cui, attraverso un vetro, i giornalisti seguivano le esecuzioni.
Dopo questa iniziativa, quasi 200 leader religiosi del Texas avevano inviato una lettera al TDCJ chiedendo di riconsiderare la decisione. Il nuovo protocollo, hanno scritto, "pone un muro tra il detenuto e il religioso, e viola la libertà religiosa che ha caratterizzato la nostra nazione sin dalla sua fondazione". Il Texas, noncurante, e ribadendo che i consiglieri spirituali venivano esclusi “per motivi di sicurezza” e non per altri motivi, ha riprogrammato l'esecuzione di Murphy per il 13 novembre 2019. Murphy ha fatto un nuovo ricorso, sostenendo che anche con le nuove norme persisteva una discriminazione. L’Amministrazione, che tra i suoi dipendenti ha cappellani cristiani e imam musulmani, consentiva ai cappellani o agli imam di rimanere con i detenuti fino al momento dell’ingresso nella camera di esecuzione, mentre richiedeva agli altri consiglieri spirituali di lasciare il detenuto due ore prima dell'esecuzione. Il 7 novembre 2019, il giudice George C. Hanks Jr. (United States District Court for the Southern District) ha sospeso l'esecuzione di Murphy per valutare l’accusa di discriminazione religiosa, accusa che, scriveva Hanks, sembrava fondata.
La Corte d’Appello federale (5° Circuito) il giorno prima della prevista esecuzione confermò la validità della sospensione, e la pubblica accusa decise di non fare ricorso alla Corte Suprema. Successivamente, il Texas aveva messo in calendario l’esecuzione di Ruben Gutierrez per il 16 giugno 2020.
Gutierrez, un cattolico, ha chiesto all’Amministrazione di avere un cappellano nella camera delle esecuzioni. L’Amministrazione ha rifiutato, Gutierrez ha fatto ricorso, e poco prima dell’esecuzione la Corte Suprema degli Stati Uniti aveva sospeso l’esecuzione, ordinando che la questione del sacerdote venisse riesaminata da un giudice federale. Un giudice federale aveva dato ragione a Gutierrez, rilevando che la presenza di un cappellano non avrebbe costituito una situazione di pericolo. La pubblica accusa aveva impugnato la sentenza, e la corte d’appello federale (Fifth U.S. Circuit Court) aveva annullato la sentenza favorevole a Gutierrez. Il 25 gennaio 2021 (vedi) la Corte Suprema è tornata sul caso, e, un’ora prima dell’esecuzione, ha annullato la sentenza della corte d’appello, confermando che la questione del sacerdote doveva essere esaminata più approfonditamente. Nel frattempo in Texas, dal luglio 2020, diverse esecuzioni sono stare rinviate per l’epidemia di Covid. Ora che lo stato si appresta a ricominciare (l’esecuzione di Quintin Jones è in calendario per il 19 maggio), la riammissione dei religiosi nella camera della morte, allargata anche a religioni prima escluse, riduce il contenzioso. In questa direzione va il commento di Robert Dunham, direttore del Death Penalty Information Center: "Non credo che il Texas fosse animato da uno spirito di umanità. Chiaramente il TDCJ ha capito che questo era una soluzione per riprendere le esecuzioni". Più elogiativo era stato il commento del reverendo battista Rick McClatchy: "Appartengo a una tradizione di fede che valorizza la pratica del ministero per i giustiziati. “Fu Gesù a modellare questo tipo di ministero per gli uomini che venivano giustiziati con lui. I miei valori civici americani mi portano a credere che anche ai condannati a morte e ai leader religiosi che li assistono debba essere garantito il diritto al libero esercizio della religione".
Nel frattempo la questione dei cappellani ha avuto delle evoluzioni anche in Alabama, dove era iniziata. Anche l’Alabama aveva deciso di abolire la presenza dei consiglieri spirituali, ed anche l’Alabama aveva pensato di motivare la decisione con “motivi di sicurezza” nel tentativo di aggirare il tema della libertà di culto. Il 10 febbraio 2021 la Corte d’Appello dell’11° Circuito aveva sospeso l’esecuzione di Willie B. Smith poche ore prima che avesse luogo, e il giorno dopo (vedi 11/02/2021) la Corte Suprema degli Stati Uniti aveva confermato la validità della sospensione. L’Amministrazione dell’Alabama non ha ancora preso una decisione, ma il 25 febbraio (vedi) in un comunicato stampa ha reso noto di avere allo studio “una modifica al protocollo di esecuzione al fine di prevedere la presenza di consiglieri spirituali nel rispetto delle norme di sicurezza”.

https://deathpenaltyinfo.org/news/texas-revises-execution-protocol-to-permit-spiritual-advisers-in-death-chamber

 

 

 

(Fonti: DPIC, NtC, 21/04/2021)

Altre news:
IRAN -
MALAWI: CORTE SUPREMA DICHIARA INCOSTITUZIONALE LA PENA DI MORTE
MALESIA: CONDANNATO A MORTE PER TRAFFICO DI DROGA
INDIA: COMMUTATA IN ERGASTOLO LA CONDANNA CAPITALE EMESSA PER LO STUPRO E OMICIDIO DI UNA BAMBINA
ARRESTI DEGLI EX TERRORISTI IN FRANCIA, D’ELIA: ‘UNA DECISIONE ANACRONISTICA’
EGITTO: 17 GIUSTIZIATI PER L’ATTACCO CONTRO LA POLIZIA NEL 2013
IRAN - “La comunità internazionale deve unirsi contro i processi farsa iraniani
EGITTO: NOVE GIUSTIZIATI PER L’ATTACCO CONTRO LA POLIZIA NEL 2013
USA - South Carolina. Commissione Giustizia della Camera approva elettrocuzione e fucilazione
VIETNAM: 19ENNE CONDANNATO A MORTE PER OMICIDIO E RAPINA
KENYA: UN DETENUTO LIBERATO DAL BRACCIO DELLA MORTE, UN ALTRO CI RESTA
VIETNAM: CONDANNATO A MORTE PER TRAFFICO DI DROGA
IRAN - Habibullah Sheikh-Hossein giustiziato il 26 aprile nella prigione di Sabzevar
IRAN - Nazanin Zaghari-Ratcliffe condannata a un altro anno di prigione.
USA - Tennessee. Parlamento approva legge sulla disabilità intellettiva
EGITTO: GRUPPO LEGATO ALL’ISIS GIUSTIZIA TRE PERSONE ACCUSATE DI SOSTEGNO AL GOVERNO
IRAN - Seyyed Sadrollah Fazeli Zare è il secondo uomo condannato a morte per aver “insultato il profeta”
IRAN - 6 uomini di etnia baluca giustiziati nella prigione di Birjand il 24 aprile
VIETNAM: DUE CONDANNATI A MORTE PER IL TRAFFICO DI 31 KG DI METANFETAMINE
I SENATORI ‘LIBERAL’ AMERICANI CHIEDONO A BIDEN DI CHIUDERE GUANTANAMO. PER I ‘DEMOCRATICI’ ITALIANI IL 41 BIS NON SI TOCCA, ANZI, VA COPERTO CON IL SEGRETO DI STATO
IL MIO CORPO È CHIUSO IN QUESTO INFERNO PERÒ LA MIA ANIMA E LA MIA FORZA SONO LÌ CON VOI… IO SONO LIBERO!
TAIWAN: L’OBIETTIVO FINALE RESTA L’ABOLIZIONE DELLA PENA DI MORTE
IRAN - Due uomini condannati a morte per aver “insultato Maometto”
INDONESIA: SEI DETENUTI CONDANNATI A MORTE PER GLI OMICIDI DI CINQUE POLIZIOTTI
SOMALIA: TRIBUNALE MILITARE CONDANNA A MORTE 5 AL-SHABAB NEL PUNTLAND
NIGERIA: DETENUTO SENZA ACCUSE UOMO CHE SI DEFINISCE ATEO
AMNESTY INTERNATIONAL: NEL 2020 ESECUZIONI NEL MONDO DIMINUITE DI UN QUARTO RISPETTO ALL’ANNO PRECEDENTE
INDIA: DETENUTO NEL BRACCIO DELLA MORTE MUORE DI COVID-19
IRAQ: CONDANNA A MORTE CONFERMATA NELLA REGIONE CURDA
IRAN - Iran al 174° posto nel mondo, su 180, quanto a libertà di stampa

1 2 3 4 [Succ >>]
2021
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
  2020
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2019
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2018
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2017
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
 
2016
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2015
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2014
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2013
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2012
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2011
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
 
2010
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2009
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2008
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2007
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2006
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2005
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
 
2004
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
 
LA VETRINA E IL RETROBOTTEGA DEL NEGOZIO DELL’#ANTIMAFIA
  ITALIA: DA ‘CULLA’ A ‘TOMBA’ DEL DIRITTO?  
  APPELLO AL GOVERNATORE DELLA CALIFORNIA PER JARVIS JAY MASTERS  
  MOZIONE GENERALE DEL 40ESIMO CONGRESSO STRAORDINARIO DEL PARTITO RADICALE NONVIOLENTO, TRANSNAZIONALE E TRANSPARTITO  
  ELISABETTA ZAMPARUTTI CONFERMATA AL CPT PER SECONDO MANDATO  
  NESSUNO TOCCHI CAINO PRESENTA IL VOLUME ‘IL VIAGGIO DELLA SPERANZA’ IL 10 SETTEMBRE A BRINDISI  
news
-
azioni urgenti
-
banca dati
-
campagne
-
chi siamo
-
area utenti
-
privacy e cookies
-
credits