Anno
Ultime notizie
Archivio notizie
Guida all'uso della Banca Dati
MOZIONE GENERALE DEL VI° CONGRESSO DI NTC
La pena di morte nel mondo (al 30 giugno 2016)
DISCORSO di Papa Francesco
Analisi dati Rapporto 2015 e Obiettivi di NtC
SINTESI DEI FATTI PIÙ IMPORTANTI DEL 2015 (e dei primi sei mesi del 2016)
Esecuzioni nel 2014
Esecuzioni nel 2015 (al 30 giugno)
Reportage Comore Sergio D'Elia
Reportage Niger Marco Perduca
Premio l'Abolizionista dell'Anno 2015
Messaggio di Sergio Mattarella al VI° Congresso di NtC
Relazione di Sergio D'Elia al VI° Congresso di NtC
Relazione di Elisabetta Zamparutti al VI° Congresso di NtC
Rapporto IL VOLTO SORRIDENTE DEI MULLAH
DOSSIER IRAN APRILE 2016
Dossier su Pena di Morte e Omosessualità
Reportage di Elisabetta Zamparutti
Protocollo di intesa tra NtC e CNF
Dichiarazione finale del seminario del Cairo 15/16 maggio 2017
Azioni in corso
Archivio azioni
Campagne in corso
Archivio campagne

RAPPORTO DEL SECONDO FORUM ANNUALE DELL'UE SULLA PENA DI MORTE IN ZAMBIA

RISOLUZIONE ONU 2012
RISOLUZIONE ONU 2010

DICHIARAZIONE DI LIBREVILLE

Organi Dirigenti
Dossier Iraq 2003

Le sedi
DICHIARAZIONE DI COTONOU 2014

I video
RISOLUZIONE ONU 2014

Adesioni Comuni, Province, Regioni

BILANCI DI NESSUNO TOCCHI CAINO

La campagna per la moratoria ONU delle esecuzioni capitali
DOSSIER GIAPPONE

DONA IL 5x1000 A NESSUNO TOCCHI CAINO
DOSSIER IRAN

FIRMATARI APPELLO ALLE NAZIONI UNITE

DEDUCIBILITA' FISCALE


Appello dei PREMI NOBEL
RISOLUZIONE ONU 2007
DOSSIER LIBIA
DOSSIER USA 2011
Abbiamo fatto
RISOLUZIONE ONU 2008
DOSSIER PENA DI MORTE 2008
VIDEO MISSIONE IN CIAD
Le pubblicazioni
RISOLUZIONE DELLA CONFERENZA DI KIGALI 2011

DOSSIER MORATORIA
DOSSIER COMMERCIO LETALE
DICHIARAZIONE FINALE DELLA CONFERENZA DI FREETOWN 2014
Gli obiettivi

L'AUTENTICA STORIA DEL 'TERRORISTA' SERGIO D'ELIA

Acquista il rapporto di Nessuno tocchi Caino

Contributi artistici

Contattaci
Organi Dirigenti
Newsletter
Iscriviti a NTC
Acquista le pubblicazioni
Forum utenti
Scarica l'appello per la moratoria

IRAN - Ebrahim Raisi
IRAN - Ebrahim Raisi
IRAN, PER IL DOPO-ROUHANI PRONTO IL ‘RE DELLA FORCA’

28 maggio 2021:

Elisabetta Zamparutti su Il Riformista del 28 maggio 2021

Hassan Rouhani lascia la Presidenza dell’Iran dopo otto anni e oltre 4.530 esecuzioni compiute durante il suo mandato, che aveva preso avvio nel 2013 con una riconferma nel 2017.Sette sono i candidati alle presidenziali del 18 giugno, tutti vagliati dal Consiglio dei Guardiani secondo regole chiare. Devono essere maschi, sciiti e ferrei sostenitori del principio del velayat-e faqih cioè del potere clericale assoluto che poi è quello della Guida Suprema. Uno tra tutti è il favorito. Quello che ha il sostegno di Ali Khamenei, la Guida Suprema appunto. È Ebrahim Raisi, il capo del sistema giudiziario iraniano. Ha firmato l’accettazione della candidatura l’ultimo giorno utile. Pressoché in contemporanea alla firma dei moduli presso il Ministero dell’Interno, Raisi ha firmato altri quattro “moduli”: gli ordini di esecuzione di quattro condanne a morte che da lì a poco sono state portate a termine. “Cambiamento” e “gioventù” sono gli slogan della sua campagna elettorale. Slogan paradossali per un probabile presidente che da capo del giudiziario non ha cambiato registro sulla pena di morte, anche nei confronti dei minori.
Il primo a salire sul patibolo, all’alba del 15 maggio, è stato Ali-Morad Zabihi impiccato nel carcere di Qazvin per un’accusa di droga. Il giorno successivo è stata la volta di due altri giovani uomini: Amir Bayati, impiccato all’alba nel carcere di Shiraz per un omicidio non intenzionale avvenuto durante una rissa per strada; Jamal Mohammadi, ucciso nel carcere di Ilam per aver ucciso un suo superiore a seguito di un diverbio. Infine, il 17 maggio, mentre il sole si alzava sul cielo di Isfahan, nel carcere della città, saliva sul patibolo Mehran Narouei, un laureato in scienze politiche di etnia baluci. È stato impiccato dopo cinque anni nel braccio della morte per un reato legato alla droga, nonostante la pena gli fosse stata sospesa.
Nessuna di queste quattro esecuzioni è stata resa nota dagli organi di stampa ufficiali iraniani.
Da quando, nel marzo del 2019, Raisi è divenuto Capo della magistratura per scelta diretta della Guida Suprema, le esecuzioni si sono succedute a un ritmo di circa una ogni due giorni. Durante le elezioni presidenziali del 2017, quando Hassan Rouhani ed Ebrahim Raisi si contendevano la Presidenza, il primo ebbe a descrivere il secondo come un individuo appassionato di gabbie e forche. “La nostra gente – aveva detto Rhouani – non sceglierà chi negli ultimi 38 anni si è occupato solo di esecuzioni e prigioni”.
In effetti Raisi ha ricoperto diversi ruoli importanti nella magistratura iraniana prima di arrivare al vertice: Procuratore dal 1980 al 1994, Vice Capo della Magistratura dal 2004 al 2014, Procuratore Generale dal 2014 al 2016. In tali vesti ha detenuto, torturato e giustiziato migliaia di uomini e donne. In un’occasione, ha lodato l’amputazione della mano di un ladro, definendola “punizione divina” e “fonte di orgoglio”. Raisi ha fatto anche parte della “Commissione della morte” che nel 1988, nell’arco di poche settimane, decise e mise in atto per ordine dell’allora Guida Suprema, l’ayatollah Ruhollah Khomeini, un massacro di oltre 30 mila prigionieri politici, soprattutto Mojahedin del Popolo.
Ebrahimi Raisi è sottoposto a sanzioni USA dal marzo 2019.
È tra i “Volti della repressione in Iran” che come Nessuno tocchi Caino abbiamo chiesto all’Unione Europea di inserire tra i soggetti responsabili di gravi violazioni dei diritti umani.
È notizia di questi giorni che Mehran Gharabaghi e Majid Khademi, due ragazzi di 29 anni arrestati nel gennaio del 2019, sono sotto processo e rischiano l’esecuzione per legami, veri o presunti, con quel movimento, i Mojahedin del Popolo, che cercò di annegare nel sangue trentatré anni fa. Pochi giorni fa, a processo ancora in corso, il Ministero dell’Intelligence ha preannunciato l’esecuzione di Mehran alla famiglia Gharabaghi chiedendo loro di fare pressioni sul figlio affinché rinunci alle sue opinioni e cooperi con l’intelligence contro i Mojahedin del Popolo.
“Cambiamento” e “gioventù” dice oggi il candidato Raisi. Ma la sua mente continua a essere agitata dagli stessi fantasmi di un regime clericale fuori dal mondo e fuori dal tempo. Il vero cambiamento che deve avvenire in Iran è quello verso un’alternativa radicale, laica, democratica al regime oscurantista, teocratico, illiberale dei mullah. Ma perché ciò avvenga è necessario e urgente un cambio radicale di regime nella politica europea che, purtroppo, continua a essere tollerante e accondiscendente nei
confronti di questo Iran, quello del potere assoluto e mortifero incarnato dalla Guida Suprema e dal suo candidato preferito, il patito delle prigioni e dei forconi.

Altre news:
ARABIA SAUDITA: OMICIDA PERDONATO DAL PADRE DELLA VITTIMA A POCHI MINUTI DALL’ESECUZIONE
IRAN - Abusi e molestie sessuali sistematiche contro le donne detenute
COREA DEL NORD: GIUSTIZIATO PER AVER VENDUTO ILLEGALMENTE FILM E VIDEO SUDCOREANI
IRAN - Yousef e Shamsi Pirostovan (Pir-Ostovan) giustiziati nella prigione di Qazvin il 30 maggio
IRAN - Incriminato per spionaggio il turista francese Benjamin Berier
IRAN - Identificati i 6 uomini di etnia baluca giustiziati nella prigione di Birjand
ZIMBABWE: UNA STATUA PER L’EROINA ANTI-COLONIALISTA IMPICCATA DAI BIANCHI
NON CHIAMATELA PREVENZIONE, QUESTA E’ UNA PERSECUZIONE
USA - Arizona. Ripristinata la camera a gas
VIETNAM: NIGERIANO CONDANNATO A MORTE PER TRAFFICO DI DROGA
EGITTO: CONDANNATO A MORTE PER L’OMICIDIO DEL FRATELLO
TAIWAN: CONDANNA A MORTE PER OMICIDIO
CORTE SUPREMA: PENA DI MORTE CONFERMATA PER LA ‘RAPITRICE DI DAMMAM’
INDIA: CONDANNATI A MORTE 12 MEMBRI DI UNA BANDA DI RAPINATORI
USA - California. Commissione raccomanda l'abrogazione della pena di morte
SUDAN: PARAMILITARE CONDANNATO A MORTE PER L’OMICIDIO DI UN MANIFESTANTE
IRAN - Saba Kord Afshari in sciopero della fame
INDIA: 13 ASSOLTI NEL CASO DEL MASSACRO DI SENARI
ZAMBIA: CONDANNATO ALL’IMPICCAGIONE PER LO STUPRO E OMICIDIO DELLA FIGLIA DI TRE GIORNI
IRAN - Kianoosh Ali-Moradi e Ahmad Qodrati giustiziati nella prigione di Isfahan il 24 maggio
IRAN - Nuova sentenza nel caso artificioso contro Narges Mohammadi
IRAN - Il Belucistan non è meno della Palestina
IRAN - Una donna, Kobra Fatemi, impiccata nella prigione di Yazd il 23 maggio
IRAN - Saleh Shariati, minorenne condannato a morte, assolto in appello.
L’EREDITÀ SECONDO PANNELLA: ‘FATE DELLA MANCANZA UNA PRESENZA’
MALESIA: COPPIA CONDANNATA A MORTE PER L’OMICIDIO DEL FIGLIO
LA CONOSCENZA COME DIRITTO UMANO. IL CONSIGLIO D’EUROPA DICE SI’
VIETNAM: TRE CONDANNATI A MORTE A HO CHI MINH CITY PER REATI DI DROGA
USA - L’ergastolo senza condizionale è una condanna a morte, ma con meno protezioni legali
IRAN - Secondo PMOI/MEK alla data del 21 maggio le vittime del Coronavirus sarebbero 294.800

1 2 3 4 [Succ >>]
2021
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
  2020
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2019
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2018
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2017
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
 
2016
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2015
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2014
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2013
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2012
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2011
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
 
2010
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2009
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2008
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2007
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2006
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2005
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
 
2004
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
 
LA VETRINA E IL RETROBOTTEGA DEL NEGOZIO DELL’#ANTIMAFIA
  ITALIA: DA ‘CULLA’ A ‘TOMBA’ DEL DIRITTO?  
  APPELLO AL GOVERNATORE DELLA CALIFORNIA PER JARVIS JAY MASTERS  
  MOZIONE GENERALE DEL 40ESIMO CONGRESSO STRAORDINARIO DEL PARTITO RADICALE NONVIOLENTO, TRANSNAZIONALE E TRANSPARTITO  
  ELISABETTA ZAMPARUTTI CONFERMATA AL CPT PER SECONDO MANDATO  
  NESSUNO TOCCHI CAINO PRESENTA IL VOLUME ‘IL VIAGGIO DELLA SPERANZA’ IL 10 SETTEMBRE A BRINDISI  
news
-
azioni urgenti
-
banca dati
-
campagne
-
chi siamo
-
area utenti
-
privacy e cookies
-
credits