Anno
Ultime notizie
Archivio notizie
Guida all'uso della Banca Dati
MOZIONE GENERALE DEL VI° CONGRESSO DI NTC
La pena di morte nel mondo (al 30 giugno 2016)
DISCORSO di Papa Francesco
Analisi dati Rapporto 2015 e Obiettivi di NtC
SINTESI DEI FATTI PIÙ IMPORTANTI DEL 2015 (e dei primi sei mesi del 2016)
Esecuzioni nel 2014
Esecuzioni nel 2015 (al 30 giugno)
Reportage Comore Sergio D'Elia
Reportage Niger Marco Perduca
Premio l'Abolizionista dell'Anno 2015
Messaggio di Sergio Mattarella al VI° Congresso di NtC
Relazione di Sergio D'Elia al VI° Congresso di NtC
Relazione di Elisabetta Zamparutti al VI° Congresso di NtC
Rapporto IL VOLTO SORRIDENTE DEI MULLAH
DOSSIER IRAN APRILE 2016
Dossier su Pena di Morte e Omosessualità
Reportage di Elisabetta Zamparutti
Protocollo di intesa tra NtC e CNF
Dichiarazione finale del seminario del Cairo 15/16 maggio 2017
Azioni in corso
Archivio azioni
Campagne in corso
Archivio campagne

RAPPORTO DEL SECONDO FORUM ANNUALE DELL'UE SULLA PENA DI MORTE IN ZAMBIA

RISOLUZIONE ONU 2012
RISOLUZIONE ONU 2010

DICHIARAZIONE DI LIBREVILLE

Organi Dirigenti
Dossier Iraq 2003

Le sedi
DICHIARAZIONE DI COTONOU 2014

I video
RISOLUZIONE ONU 2014

Adesioni Comuni, Province, Regioni

BILANCI DI NESSUNO TOCCHI CAINO

La campagna per la moratoria ONU delle esecuzioni capitali
DOSSIER GIAPPONE

DONA IL 5x1000 A NESSUNO TOCCHI CAINO
DOSSIER IRAN

FIRMATARI APPELLO ALLE NAZIONI UNITE

DEDUCIBILITA' FISCALE


Appello dei PREMI NOBEL
RISOLUZIONE ONU 2007
DOSSIER LIBIA
DOSSIER USA 2011
Abbiamo fatto
RISOLUZIONE ONU 2008
DOSSIER PENA DI MORTE 2008
VIDEO MISSIONE IN CIAD
Le pubblicazioni
RISOLUZIONE DELLA CONFERENZA DI KIGALI 2011

DOSSIER MORATORIA
DOSSIER COMMERCIO LETALE
DICHIARAZIONE FINALE DELLA CONFERENZA DI FREETOWN 2014
Gli obiettivi

L'AUTENTICA STORIA DEL 'TERRORISTA' SERGIO D'ELIA

Acquista il rapporto di Nessuno tocchi Caino

Contributi artistici

Contattaci
Organi Dirigenti
Newsletter
Iscriviti a NTC
Acquista le pubblicazioni
Forum utenti
Scarica l'appello per la moratoria

IRAN - Female prison guards inside Tehran's Evin prison
IRAN - Female prison guards inside Tehran's Evin prison
IRAN - Abusi e molestie sessuali sistematiche contro le donne detenute

31 maggio 2021:

Il difensore dei diritti umani Narges Mohammadi afferma che le autorità carcerarie iraniane usano sistematicamente abusi e molestie sessuali per spezzare la volontà delle donne detenute, e che lei stessa è stata una vittima.
La paura, la vergogna e una cultura dell'”evitare” possono impedire a molte vittime di parlare apertamente.
Ma Mohammadi e altre ex detenute in Iran hanno condiviso le loro esperienze il 27 maggio durante una discussione di gruppo sull'app di social media Clubhouse, un incontro online a cui si è unito anche il premio Nobel per la pace in esilio iraniano Shirin Ebadi.
"Mi sentivo come una pecora gettata in un’automobile", ha detto Mohammadi al gruppo del suo trasferimento forzato nel 2019 da una prigione di Teheran alla città nordoccidentale di Zanjan.
Ha detto che un direttore della prigione le ha tenuto la parte inferiore del corpo, l'ha spinta in una macchina e si è seduto sulle sue gambe, poi le ha chiesto di accendergli una sigaretta.
Donne detenute nel mirino
"Non posso ridurlo a un'aggressione fisica", ha detto Mohammadi al gruppo. “Prendono di mira i detenuti in base al loro genere”.
Dice di aver anche appreso durante la detenzione di altre detenute che sono state molestate e abusate sessualmente, inclusa una donna che soffriva di gravi problemi mentali dopo essere stata palpeggiata dal suo interrogatore.
"Devo chiedere al capo della magistratura Ebrahim Raisi in persona in base a quale norma del regolamento mi è stato chiesto di accendere la sigaretta per il capo della prigione", ha detto Mohammadi al gruppo. "c’è forse una norma che prevede che io debba fumare assieme al direttore della tua prigione?"
Mohammadi è la portavoce del Defenders of Human Rights Center, un'organizzazione co-fondata da Ebadi che ora è bandita in Iran.
Nell'ottobre 2020, Mohammadi è stata rilasciata anticipatamente dalla condanna a 10 anni di carcere che ha ricevuto con accuse derivanti dal suo impegno per i diritti umani.
Il suo rilascio è stato ottenuto grazie ad una forte mobilitazione scaturita dalla preoccupazione per le sue condizioni di salute, con appelli lanciati dalle Nazioni Unite e da gruppi internazionali per i diritti umani.
A meno di un anno dalla scarcerazione però, la donna ora rischia una nuova condanna a 30 mesi di carcere e 80 frustate con l'accusa di "diffondere propaganda" contro l'establishment clericale iraniano, "diffamazione" e "ribellione contro le autorità carcerarie".
Dice che la sentenza è una punizione per la sua sfida e il rifiuto di rimanere in silenzio sulle violazioni dei diritti, inclusa la sua partecipazione a un sit-in carcerario di protesta contro una micidiale repressione del novembre 2019 da parte delle autorità iraniane contro i manifestanti anti-establishment.
Mohammadi ha detto che se una persona importante come lei può essere maltrattata così facilmente, si preoccupa del destino delle detenute che non hanno la sua statura pubblica.
“Sono una donna di 48 anni. La gente mi conosce", ha detto. "Quando ho visto come mi hanno trattato, ho continuato a pensare a come trattano le donne più giovani che sono sconosciute e sono tenute in isolamento".
Mohammadi ha affermato che le giovani detenute sono spesso costrette dalle autorità carcerarie a sottoporsi a test di verginità.
Anche altre detenute negli ultimi anni hanno accusato gli interrogatori di molestie sessuali e abusi psicologici.
Niloufar Bayani, una ecologista ora detenuta, ha scritto lettere alle autorità spiegando in dettaglio come è stata torturata durante 1.200 ore di interrogatorio.
Dice che i suoi interrogatori l'hanno minacciata di stupro e morte, le hanno fatto imitare i versi degli animali selvatici e l'hanno costretta a prendere parte ai loro giochi sessuali.
Il silenzio non porta cambiamento
L'app Clubhouse ha fornito agli iraniani una nuova piattaforma per connettersi e discutere di questioni di ampio respiro e, a volte, sfidare i funzionari che partecipano a discussioni in tempo reale.
La vincitrice del Premio Nobel per la pace Ebadi, avvocato per i diritti umani in Iran per molti anni prima di essere costretta all'esilio, ha detto alla riunione del 27 maggio che le donne dovrebbero essere incoraggiate a fare il nome dei loro aguzzini, e farli vergognare.
"Molte non sono pronte a parlare di queste cose, per non perdere ulteriormente la reputazione, o perché non hanno alcuna speranza di giustizia", ha detto Ebadi durante l'incontro online.
"Narges [Mohammadi] dovrebbe essere elogiata per aver parlato ad alta voce e aver dato alle altre il coraggio di parlare", ha detto Ebadi. "Il silenzio non cambia nulla".
Diverse altre ex detenute hanno anche parlato di esperienze di abusi e molestie da parte dei carcerieri.
Intimidazione sessuale
L'attivista per i diritti umani Maryam Shafipour ha affermato di essere costantemente preoccupata per le aggressioni sessuali dopo che uno dei suoi interrogatori l'ha minacciata, dicendo: "Posso tenerti qui e fare quello che voglio con te".
"Spingeva la parte inferiore del suo corpo sulla mia sedia e faceva rumori", ha detto Shafipour, che è stata arrestata nel 2014 per le sue attività nel campo dei diritti umani.
Mahvash Sabeti è una insegnante e poetessa che ha trascorso quasi un decennio nella prigione Evin di Teheran con accuse legate al suo lavoro nella gestione degli affari della comunità baha'i in Iran, una minoranza religiosa perseguitata la cui fede non è riconosciuta nella repubblica islamica.
Molte donne iraniane hanno affermato di aver subito molestie e abusi sessuali in carcere.
Sabeti, che è stata rilasciata nel 2017, ha affermato di aver dovuto affrontare regolarmente l'umiliazione di genere.
"In tutte le fasi degli interrogatori, siamo state guardate come una donna, un secondo sesso", ha spiegato. “Quando mi hanno chiesto di collaborare e ho rifiutato, mi è stato detto: ‘Sei una donna. Non hai coraggio.'”
Vecchie cicatrici, anni di traumi
I resoconti più dolorosi sono venuti da donne che furono incarcerate negli anni poco dopo la rivoluzione iraniana del 1979.
Banou Saberi ha raccontato di essere stata violentata nel 1982 da tre uomini che affermavano di essere stati incaricati di far rispettare la legge islamica.
Dopo il suo arresto nel 1986, gli inquirenti hanno usato la circostanza di quello stupro come minaccia per fare pressione su di lei e sulla sua famiglia, incluso suo marito, che è stato giustiziato nel 1988.
"Hanno detto a mio marito che ero una prostituta e ho inventato questa affermazione [di stupro] per coprire il fatto che non ero vergine quando ci siamo sposati", ha ricordato Saberi.
Anche dopo il suo rilascio, ha affermato che le autorità iraniane l'avrebbero regolarmente convocata e insultata con insulti sessuali.
Saberi ora vive negli Stati Uniti. Ha detto che si sente ancora traumatizzata a causa dell'abuso psicologico che ha subito più di tre decenni fa.
"Fino a qualche anno fa, ogni volta che affittavo una casa, guardavo l'armadio per vedere se era abbastanza grande da poterci dormire la notte perché mi sentivo così insicura", ha detto al gruppo mentre singhiozzava.
Monireh Baradaran, una ex prigioniera politica che ha pubblicato un libro di memorie sui suoi anni di carcere dal 1981 al 1991, ha raccontato come il suo chador le sia caduto dalla testa mentre veniva frustata da un inquirente.
Ha detto che il suo interrogatore le ha urlato contro perché poteva vedere i suoi capelli. Secondo le leggi islamiche applicate in Iran dopo la rivoluzione del 1979, le donne devono coprirsi i capelli e il corpo in pubblico.
"Ricordo che sono svenuta", ha detto. "Quando ho ripreso conoscenza, la prima cosa che ho sentito è stata l'interrogatore che mi diceva: 'Sei senza vergogna! Copriti.'"
Baradaran ha detto che durante i suoi anni in prigione, le donne erano uguali agli uomini quando si trattava di tortura. Ma ha detto che le detenute, oltre alle torture fisiche, subiscono anche "ulteriori pressioni" a causa del genere.
Alcune detenute hanno affermato di aver subito stupri nelle carceri iraniane negli anni '80.
Ci sono state anche accuse di stupro da parte di donne arrestate nel 2009 durante la repressione dello stato contro le proteste di piazza di massa per il contestato risultato delle elezioni presidenziali.

https://www.rferl.org/a/women-sexual-abuse-iran-prisons/31282808.html

 

(Fonte: RFE/RL)

Altre news:
ARABIA SAUDITA: OMICIDA PERDONATO DAL PADRE DELLA VITTIMA A POCHI MINUTI DALL’ESECUZIONE
COREA DEL NORD: GIUSTIZIATO PER AVER VENDUTO ILLEGALMENTE FILM E VIDEO SUDCOREANI
IRAN - Yousef e Shamsi Pirostovan (Pir-Ostovan) giustiziati nella prigione di Qazvin il 30 maggio
IRAN - Incriminato per spionaggio il turista francese Benjamin Berier
IRAN - Identificati i 6 uomini di etnia baluca giustiziati nella prigione di Birjand
ZIMBABWE: UNA STATUA PER L’EROINA ANTI-COLONIALISTA IMPICCATA DAI BIANCHI
IRAN, PER IL DOPO-ROUHANI PRONTO IL ‘RE DELLA FORCA’
NON CHIAMATELA PREVENZIONE, QUESTA E’ UNA PERSECUZIONE
USA - Arizona. Ripristinata la camera a gas
VIETNAM: NIGERIANO CONDANNATO A MORTE PER TRAFFICO DI DROGA
EGITTO: CONDANNATO A MORTE PER L’OMICIDIO DEL FRATELLO
TAIWAN: CONDANNA A MORTE PER OMICIDIO
CORTE SUPREMA: PENA DI MORTE CONFERMATA PER LA ‘RAPITRICE DI DAMMAM’
INDIA: CONDANNATI A MORTE 12 MEMBRI DI UNA BANDA DI RAPINATORI
USA - California. Commissione raccomanda l'abrogazione della pena di morte
SUDAN: PARAMILITARE CONDANNATO A MORTE PER L’OMICIDIO DI UN MANIFESTANTE
IRAN - Saba Kord Afshari in sciopero della fame
INDIA: 13 ASSOLTI NEL CASO DEL MASSACRO DI SENARI
ZAMBIA: CONDANNATO ALL’IMPICCAGIONE PER LO STUPRO E OMICIDIO DELLA FIGLIA DI TRE GIORNI
IRAN - Kianoosh Ali-Moradi e Ahmad Qodrati giustiziati nella prigione di Isfahan il 24 maggio
IRAN - Nuova sentenza nel caso artificioso contro Narges Mohammadi
IRAN - Il Belucistan non è meno della Palestina
IRAN - Una donna, Kobra Fatemi, impiccata nella prigione di Yazd il 23 maggio
IRAN - Saleh Shariati, minorenne condannato a morte, assolto in appello.
L’EREDITÀ SECONDO PANNELLA: ‘FATE DELLA MANCANZA UNA PRESENZA’
MALESIA: COPPIA CONDANNATA A MORTE PER L’OMICIDIO DEL FIGLIO
LA CONOSCENZA COME DIRITTO UMANO. IL CONSIGLIO D’EUROPA DICE SI’
VIETNAM: TRE CONDANNATI A MORTE A HO CHI MINH CITY PER REATI DI DROGA
USA - L’ergastolo senza condizionale è una condanna a morte, ma con meno protezioni legali
IRAN - Secondo PMOI/MEK alla data del 21 maggio le vittime del Coronavirus sarebbero 294.800

1 2 3 4 [Succ >>]
2021
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
  2020
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2019
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2018
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2017
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
 
2016
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2015
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2014
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2013
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2012
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2011
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
 
2010
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2009
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2008
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2007
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2006
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2005
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
 
2004
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
 
LA VETRINA E IL RETROBOTTEGA DEL NEGOZIO DELL’#ANTIMAFIA
  ITALIA: DA ‘CULLA’ A ‘TOMBA’ DEL DIRITTO?  
  APPELLO AL GOVERNATORE DELLA CALIFORNIA PER JARVIS JAY MASTERS  
  MOZIONE GENERALE DEL 40ESIMO CONGRESSO STRAORDINARIO DEL PARTITO RADICALE NONVIOLENTO, TRANSNAZIONALE E TRANSPARTITO  
  ELISABETTA ZAMPARUTTI CONFERMATA AL CPT PER SECONDO MANDATO  
  NESSUNO TOCCHI CAINO PRESENTA IL VOLUME ‘IL VIAGGIO DELLA SPERANZA’ IL 10 SETTEMBRE A BRINDISI  
news
-
azioni urgenti
-
banca dati
-
campagne
-
chi siamo
-
area utenti
-
privacy e cookies
-
credits