Anno
Ultime notizie
Archivio notizie
Guida all'uso della Banca Dati
MOZIONE GENERALE DEL VI° CONGRESSO DI NTC
La pena di morte nel mondo (al 30 giugno 2016)
DISCORSO di Papa Francesco
SINTESI DEI FATTI PIÙ IMPORTANTI DEL 2015 (e dei primi sei mesi del 2016)
Analisi dati Rapporto 2015 e Obiettivi di NtC
Esecuzioni nel 2014
Esecuzioni nel 2015 (al 30 giugno)
Reportage Comore Sergio D'Elia
Reportage Niger Marco Perduca
Premio l'Abolizionista dell'Anno 2015
Messaggio di Sergio Mattarella al VI° Congresso di NtC
Relazione di Sergio D'Elia al VI° Congresso di NtC
Relazione di Elisabetta Zamparutti al VI° Congresso di NtC
Rapporto IL VOLTO SORRIDENTE DEI MULLAH
DOSSIER IRAN APRILE 2016
Dossier su Pena di Morte e Omosessualità
Reportage di Elisabetta Zamparutti
Protocollo di intesa tra NtC e CNF
Dichiarazione finale del seminario del Cairo 15/16 maggio 2017
Azioni in corso
Archivio azioni
Campagne in corso
Archivio campagne

RAPPORTO DEL SECONDO FORUM ANNUALE DELL'UE SULLA PENA DI MORTE IN ZAMBIA

RISOLUZIONE ONU 2012
RISOLUZIONE ONU 2010

DICHIARAZIONE DI LIBREVILLE

Organi Dirigenti
Dossier Iraq 2003

Le sedi
DICHIARAZIONE DI COTONOU 2014

I video
RISOLUZIONE ONU 2014

Adesioni Comuni, Province, Regioni

BILANCI DI NESSUNO TOCCHI CAINO

La campagna per la moratoria ONU delle esecuzioni capitali
DOSSIER GIAPPONE

DONA IL 5x1000 A NESSUNO TOCCHI CAINO
DOSSIER IRAN

FIRMATARI APPELLO ALLE NAZIONI UNITE

DEDUCIBILITA' FISCALE


Appello dei PREMI NOBEL
RISOLUZIONE ONU 2007
DOSSIER LIBIA
DOSSIER USA 2011
Abbiamo fatto
RISOLUZIONE ONU 2008
DOSSIER PENA DI MORTE 2008
VIDEO MISSIONE IN CIAD
Le pubblicazioni
RISOLUZIONE DELLA CONFERENZA DI KIGALI 2011

DOSSIER MORATORIA
DOSSIER COMMERCIO LETALE
DICHIARAZIONE FINALE DELLA CONFERENZA DI FREETOWN 2014
Gli obiettivi

L'AUTENTICA STORIA DEL 'TERRORISTA' SERGIO D'ELIA

Acquista il rapporto di Nessuno tocchi Caino

Contributi artistici

Contattaci
Organi Dirigenti
Newsletter
Iscriviti a NTC
Acquista le pubblicazioni
Forum utenti
Scarica l'appello per la moratoria

Il presidente degli Stati Uniti Joe Biden
Il presidente degli Stati Uniti Joe Biden
USA, DOPO LE CRITICHE A BIDEN ARRIVA LA (QUASI) MORATORIA

10 luglio 2021:

Valerio Fioravanti su Il Riformista del 9 luglio 2021

Ci sono degli inconvenienti a essere “l’uomo più potente del mondo”: se una cosa non funziona, diventa difficile dare la colpa a qualcun altro. Va bene, ammesso che un Presidente degli Stati Uniti possa ancora oggi essere considerato l’uomo più potente del globo, rimane il fatto che quasi tutti i media avevano criticato Merrick Garland, il Ministro della Giustizia di Biden, per aver cercato di ottenere la condanna a morte per un giovane terrorista ceceno (vedi Riformista 25 giugno). Le critiche erano più che giustificate: Biden, e la sua vice Harris, in campagna elettorale avevano entrambi fatto promesse molto “garantiste”. Biden non ha preso la parola su questo incidente, ha incaricato un portavoce di fare riferimento a una non meglio precisata “autonomia” del Ministro Garland, e ha aspettato qualche giorno che le polemiche si smorzassero.
Una settimana dopo, probabilmente certi di aver trovato il momento opportuno, la congregazione ebraica Dor Hadash ha scritto a Garland, ebreo anche lui: “non vogliamo che il governo chieda la pena di morte contro un suprematista bianco che nel 2018 ha ucciso 11 fedeli nella nostra sinagoga di Pittsburgh”. È passata un’altra settimana, e Garland, evidentemente questa volta non “in autonomia” da Biden, ha disposto che non vengano chieste altre condanne a morte fino a quando alcuni aspetti delle leggi in materia non saranno riesaminati. Sui media non americani tutti hanno titolato che si trattava di una moratoria. In realtà è una “quasi moratoria”.
Garland infatti ha sospeso non l’intro meccanismo della pena di morte federale, ma solo le modifiche che a questo meccanismo sono state apportate sotto l’amministrazione Trump, che come è noto, con l’avvicinarsi delle elezioni, voleva dare prova di “durezza” e ha modificato alcuni regolamenti per aggirare alcune questioni di metodo (per le esecuzioni) poste da giudici federali.
Il portavoce della Casa Bianca, Andrew Bates, ha fatto eco: “Il Presidente Biden approva l’iniziativa del Procuratore Generale. Egli nutre notevoli preoccupazioni sulla pena di morte e su come viene applicata, e crede che il Dipartimento di Giustizia dovrebbe tornare alla sua precedente prassi di non compiere esecuzioni”. Questo è il problema: “la precedente prassi di non compiere esecuzioni” è stata la strategia degli ultimi presidenti, tra cui il conservatore George W. Bush e il progressista Barak Obama, di lasciare tutto fermo, limitandosi a evitare che nuove esecuzioni venissero messe in calendario. Poi è arrivato Trump, e ci ha messo poco a far saltare una strategia basata solo sul far finta di nulla.
E infatti, gli avversari della pena di morte sono preoccupati: se Biden non va oltre, per il prossimo presidente “durista” sarebbe questione di poche ore ricominciare con le esecuzioni. Vogliono che Biden commuti tutte le condanne a morte federali in altrettanti ergastoli. Dopo una commutazione, in base all’ovvio principio che una legge può essere retroattiva se migliora le condizioni di un reo, ma non può esserlo se le peggiora, perché un nuovo presidente potesse far compiere altre esecuzioni servirebbe prima cambiare di nuovo la legge, poi celebrare nuovi processi, ottenere nuove condanne a morte, attendere il lungo iter dei ricorsi… insomma, dopo le commutazioni servirebbero molti anni per una eventuale nuova esecuzione.
Ma se fino a ora tutti i “garantisti” si sono dichiarati largamente insoddisfatti, è anche vero che tutti confidano in una evoluzione. Robert Dunham, Direttore del Death Penalty Information Center, ha notato: “Se la revisione che farà il Dipartimento è così limitata come suggerisce il memorandum – cioè, affronta solo le cose che l’amministrazione Trump ha fatto per accelerare le esecuzioni – a malapena scalfisce la superficie della riforma della pena di morte. In poche parole, se l’amministrazione non abroga o commuta, non sta prendendo provvedimenti per porre fine alla pena di morte federale. Biden non sta adempiendo all’impegno della campagna elettorale”. La ONG Witness to Innocence ha twittato che l’azione del Dipartimento di Giustizia è un “passo nella giusta direzione, ma non abbastanza. Biden può e deve commutare le condanne a morte”. Suor Helen Prejean, una delle più note attiviste statunitensi contro la pena di morte, che è stata anche Presidente di Nessuno tocchi Caino, ha commentato: “Mentre una moratoria sulle esecuzioni federali ha un valore simbolico, abbiamo visto il pericolo di mezze misure che non affrontano completamente la fondamentale fragilità del nostro sistema di pena di morte. È necessario di più”.

Altre news:
USA - California. Il giudice Fidler ha condannato a morte Michael Gargiulo
MALESIA: CONDANNA A MORTE ANNULLATA PER ‘AVVOCATO INCOMPETENTE’
SOMALIA: GIUSTIZIATO PER LO STUPRO E OMICIDIO DELLA FIGLIASTRA
YEMEN: TRIBUNALE HOUTHI CONDANNA A MORTE UOMO MEDIANTE CROCIFISSSIONE
IRAN - Rischio di 5a ondata, mentre si blocca la campagna nazionale di vaccinazione
IRAN - Afshin Gheidar giustiziato nella prigione di Rajai Shahr il 14 luglio
ROMA: GIOVEDI’ 15 LUGLIO D’ELIA E CRESPI PRESENTANO ‘COMPRESENZA’
GUINEA EQUATORIALE: LA PENA CAPITALE SARÀ ELIMINATA ‘MOLTO PRESTO’
IRAN - Farzan Masoumzadeh e Omid Yari giustiziati nella prigione di Rasht il 14 luglio
IRAN - Mohammad Abdolrahim giustiziato nella prigione di Rajai Shahr il 14 luglio
PAKISTAN: UNA CONDANNA A MORTE PER OMICIDIO
INDIA: CONDANNATO A MORTE PER IL MACABRO OMICIDIO DELLA MADRE
NIGERIA: GIOVANE CONDANNATO ALL’IMPICCAGIONE PER RAPINA A MANO ARMATA
PAKISTAN: GUARDIA CONDANNATA A MORTE PER L’OMICIDIO DEL DIRETTORE DI BANCA
IRAN - Raouf Rezaeifar, Mohammad Farokhi e Hashem Bavarmand giustiziati a Isfahan il 13 luglio
IRAN - Tre uomini giustiziati nella prigione di Isfahan il 13 luglio
IRAN - Ali Mohammadi giustiziato nella prigione di Jiroft il 13 luglio
IRAN - Scampa alla forca dopo il perdono dei parenti della vittima
IRAN - Farhad Najafi e Ali Ahmadi giustiziati nella prigione di Maragheh il 5 luglio
PAKISTAN: DUE FRATELLI CONDANNATI A MORTE PER OMICIDIO
SOMALIA: PRIGIONIERO FUGGE DAL BRACCIO DELLA MORTE DEL PUNTLAND
YEMEN: CINQUE CONDANNATI A MORTE PER SPIONAGGIO DA TRIBUNALE HOUTHI
IRAN - Hassan Nemati Mohammad Hassan Taheri giustiziati nella prigione di Shiraz l’11 luglio
IRAN - Mohammad Ali Sharifi giustiziato nella prigione di Jiroft l’11 luglio
IRAN - Mohammad Hassan Taheri Haghighi giustiziato ad Adelabad l'11 luglio
IRAN - Mehdi Sarhadi giustiziato nella prigione di Isfahan il 10 luglio
LA LEZIONE DEL CASO CRESPI: BASTA CARCERE A OGNI COSTO
KUWAIT: CONDANNATO A MORTE PER L’OMICIDIO DI UNA DONNA CHE LO RESPINGEVA
MYANMAR: 16 CONDANNATI A MORTE PER GLI OMICIDI DI UN PRESUNTO INFORMATORE E DEI SUOI FIGLI
IRAN - Mehdi Ghanbari giustiziato nella prigione di Rajai Shahr il 10 luglio

[<< Prec] 1 2 3 4 [Succ >>]
2024
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
  2023
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2022
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2021
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2020
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
 
2019
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2018
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2017
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2016
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2015
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2014
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
 
2013
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2012
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2011
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2010
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2009
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2008
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
 
2007
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2006
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2005
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2004
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
 
Convegno a Spoleto
  IRAN - La moglie di Djalali sollecita più impegno dall’Europa  
  LA VETRINA E IL RETROBOTTEGA DEL NEGOZIO DELL’#ANTIMAFIA  
  ITALIA: DA ‘CULLA’ A ‘TOMBA’ DEL DIRITTO?  
  APPELLO AL GOVERNATORE DELLA CALIFORNIA PER JARVIS JAY MASTERS  
  MOZIONE GENERALE DEL 40ESIMO CONGRESSO STRAORDINARIO DEL PARTITO RADICALE NONVIOLENTO, TRANSNAZIONALE E TRANSPARTITO  
news
-
azioni urgenti
-
banca dati
-
campagne
-
chi siamo
-
area utenti
-
privacy e cookies
-
credits