Anno
Ultime notizie
Archivio notizie
Guida all'uso della Banca Dati
MOZIONE GENERALE DEL VI° CONGRESSO DI NTC
La pena di morte nel mondo (al 30 giugno 2016)
DISCORSO di Papa Francesco
Analisi dati Rapporto 2015 e Obiettivi di NtC
SINTESI DEI FATTI PIÙ IMPORTANTI DEL 2015 (e dei primi sei mesi del 2016)
Esecuzioni nel 2014
Esecuzioni nel 2015 (al 30 giugno)
Reportage Comore Sergio D'Elia
Reportage Niger Marco Perduca
Premio l'Abolizionista dell'Anno 2015
Messaggio di Sergio Mattarella al VI° Congresso di NtC
Relazione di Sergio D'Elia al VI° Congresso di NtC
Relazione di Elisabetta Zamparutti al VI° Congresso di NtC
Rapporto IL VOLTO SORRIDENTE DEI MULLAH
DOSSIER IRAN APRILE 2016
Dossier su Pena di Morte e Omosessualità
Reportage di Elisabetta Zamparutti
Protocollo di intesa tra NtC e CNF
Dichiarazione finale del seminario del Cairo 15/16 maggio 2017
Azioni in corso
Archivio azioni
Campagne in corso
Archivio campagne

RAPPORTO DEL SECONDO FORUM ANNUALE DELL'UE SULLA PENA DI MORTE IN ZAMBIA

RISOLUZIONE ONU 2012
RISOLUZIONE ONU 2010

DICHIARAZIONE DI LIBREVILLE

Organi Dirigenti
Dossier Iraq 2003

Le sedi
DICHIARAZIONE DI COTONOU 2014

I video
RISOLUZIONE ONU 2014

Adesioni Comuni, Province, Regioni

BILANCI DI NESSUNO TOCCHI CAINO

La campagna per la moratoria ONU delle esecuzioni capitali
DOSSIER GIAPPONE

DONA IL 5x1000 A NESSUNO TOCCHI CAINO
DOSSIER IRAN

FIRMATARI APPELLO ALLE NAZIONI UNITE

DEDUCIBILITA' FISCALE


Appello dei PREMI NOBEL
RISOLUZIONE ONU 2007
DOSSIER LIBIA
DOSSIER USA 2011
Abbiamo fatto
RISOLUZIONE ONU 2008
DOSSIER PENA DI MORTE 2008
VIDEO MISSIONE IN CIAD
Le pubblicazioni
RISOLUZIONE DELLA CONFERENZA DI KIGALI 2011

DOSSIER MORATORIA
DOSSIER COMMERCIO LETALE
DICHIARAZIONE FINALE DELLA CONFERENZA DI FREETOWN 2014
Gli obiettivi

L'AUTENTICA STORIA DEL 'TERRORISTA' SERGIO D'ELIA

Acquista il rapporto di Nessuno tocchi Caino

Contributi artistici

Contattaci
Organi Dirigenti
Newsletter
Iscriviti a NTC
Acquista le pubblicazioni
Forum utenti
Scarica l'appello per la moratoria

Nicola Gratteri
Nicola Gratteri
COSÌ GRATTERI E L’ANTIMAFIA HANNO DISTRUTTO LA MIA AZIENDA E LA MIA VITA

17 luglio 2021:

Roberto Corbo su Il Riformista del 16 luglio 2021

Mi chiamo Roberto Corbo. Oggi ho 45 anni. Sono un imprenditore edile. Forse. Certo, prima lo ero.
Nel gennaio 2018, sono arrestato nell’ambito dell’operazione Stige della Procura di Catanzaro. Il capo di imputazione dice: concorso esterno in associazione mafiosa. Si racconta che avrei avuto contatti con un noto esponente della ndrina calabrese, e di avergli messo a disposizione la mia azienda, una Società per Azioni.
Procediamo con ordine.
Sono casertano e le mie attività si sviluppavano, principalmente, nel centro nord Italia.
A fine 2012/2013 mi reco alla Banca MPS di Siena per richiedere un mutuo edile per la costruzione di un complesso immobiliare a Monteriggioni, Siena. La banca per prassi nomina un perito di fiducia per le necessarie verifiche. Il perito di fiducia era il noto affiliato alla ndrina, residente e con studio a Siena.
Il mutuo non viene erogato. Qualche tempo dopo il perito mi contatta per presentarmi un cugino che avrebbe mostrato interesse ad acquistare la mia operazione. Non si conclude nulla e i rapporti cessano a metà 2014.
Dopo quattro anni, nel 2018, vengo tratto in arresto insieme ai due, al noto perito e a suo cugino. Trascorsi venti giorni di carcere, il Tribunale del Riesame annulla l’ordinanza cautelare per carenza di gravi indizi. Il tribunale, in particolare, affermava che dal contenuto delle intercettazioni telefoniche non emergessero elementi sufficienti per sostenere una agevolazione alle attività del clan coinvolto.
È finita. Pensavo. E invece la mia storia doveva ancora iniziare.
Sempre nel 2018, la Prefettura di Caserta emette, facendo suo l’impianto accusatorio di Catanzaro, una informativa antimafia (interdittiva). Di conseguenza mi vengono revocati tutti gli appalti e le concessioni. Sono costretto a licenziare tutti i dipendenti.
Il giudice della cautela espressamente afferma che non vi è stata attività di agevolazione e nessun tentativo di infiltrazione. Il Prefetto, al contrario, sulla base degli stessi fatti, ritiene che vi sia stata agevolazione e infiltrazione mafiosa nella Corbo Group S.p.A.
Non mi arrendo e decido di chiedere al tribunale delle misure di prevenzione che la mia società sia sottoposta alla misura del controllo giudiziario di cui all’articolo 34 bis del Decreto Legislativo n. 159/2011, chiedendo la “bonifica” dell’azienda per poter tornare a lavorare.
Nel frattempo, la mia vicenda cautelare ha un sussulto: la procura appella la sentenza del Tribunale del Riesame in Cassazione. Si è trattato di un sussulto. A Roma quel ricorso è dichiarato inammissibile.
Nel settembre 2019, sono assolto dal Gup di Catanzaro perché il fatto non sussiste.
Dopo poco, arriva il decreto del Tribunale di Santa Maria Capua Vetere che dichiara conclusa positivamente la procedura del controllo giudiziario. I Giudici scrivono che bisogna prendere atto del fatto che per la società non sia emerso… alcun dato significativo sintomatico di fatti estranei alla normale gestione aziendale. La white list mi viene allora concessa. Sembra tutto finito: inizio a lavorare e a contrattualizzare con la pubblica amministrazione.
Ancora una volta non è così. Le cose precipitano di nuovo.
Nel giugno 2020, la Procura di Catanzaro propone appello contro la sentenza di assoluzione.
A gennaio 2021, il Consiglio di Stato rigetta il ricorso contro l’interdittiva. I giudici di Palazzo Spada ritengono che quei fatti (ma quali? una teorica messa a disposizione agevolatrice deducibile da una telefonata!) pur non essendo idonei a sostenere una condanna in sede penale sono, però, idonei a sostenere l’interdittiva antimafia. Il controllo giudiziario è come se non ci fosse mai stato. Né conta quanto detto dal Tribunale del Riesame che ha escluso del tutto la contiguità compiacente dell’impresa Corbo Group ritenendo che la stessa non abbia mai svolto attività di agevolazione a beneficio del sodalizio criminoso.
Lo ripeto, perché a me appare incredibile: sia il Tribunale del Riesame sia il controllo giudiziario sia il GUP hanno escluso qualunque contiguità. Il decreto che dichiara la chiusura del controllo giudiziario riporta espressamente che le accuse rispetto ai tentativi di infiltrazione mafiosa si sono rivelate “del tutto infondate”.
Ma per il Consiglio di Stato nulla di questo ha valore.
È l’autonomia dei giudicati, mi spiega il mio avvocato. Autonomia dei giudicati che mi rende un imprenditore dimezzato: estraneo e bonificato per taluni, marcato per sempre per altri.
La Prefettura, notizia da poco giunta, sembra decisa a emettere una nuova informativa. Alla mia istanza di ammissione alle white list ha risposto: ci sono ostacoli. Quali? Quelli soliti. Da lì non si passa. Lì sono incatenato.

Altre news:
IRAN - Quattro uomini giustiziati nella prigione di Rajai Shahr il 31 luglio
IRAN - Vahid Raisi giustiziato nella prigione di Jiroft il 28 luglio
IRAN - Esmail Fatehi, Mansour Mohammadi e Mozafar ... giustiziati nella prigione di Qazvin il 28 luglio
IRAN - Mohandes ... giustiziato il 27 luglio nella prigione di Karaj
IRAN - Akbar Abedanpour giustiziato il 25 luglio nella prigione di Isfahan
IRAN - Bakhtiar Salemi giustiziato nella prigione di Shirvan il 25 luglio
IRAN - Amir e Sohrab Heydari giustiziati nella prigione di Yazd il 25 luglio
IRAN - Un detenuto non identificato giustiziato il 25 luglio nella prigione di Isfahan
IRAN - Ebrahim Shehbakhsh giustiziato nella prigione di Isfahan il 25 luglio
VIETNAM: RIPORTATO NEL BRACCIO DELLA MORTE PRIGIONIERO CHE ERA EVASO
NIGERIA: CONDANNATO A MORTE PER L’OMICIDIO DELLA MOGLIE DEL SUO CAPO
MYANMAR: 65 CONDANNATI A MORTE DAI TRIBUNALI DELLA GIUNTA MILITARE
USA - Perché, dopo 20 anni, i processi per l''11 Settembre non iniziano
SIERRA LEONE: PARLAMENTO DISCUTE DDL ABOLIZIONISTA
THAILANDIA: CONDANNA A MORTE CONFERMATA PER IL MAESTRO RAPINATORE
IRAN - Hossein Abdollahzadeh giustiziato nella prigione di Shiraz il 20 luglio
IRAN - La polizia usa la forza estrema per sedare le proteste nel Khuzestan
GAMBIA: EX MEMBRO DELLA GIUNTA CONDANNATO A MORTE PER OMICIDIO
NIGERIA: CINQUE CONDANNATI A MORTE PER SEQUESTRO
NIGERIA: CONDANNATO A MORTE PER RAPINA A MANO ARMATA
IRAN - Hossein Sadeghi giustiziato nella prigione di Isfahan il 19 luglio
IRAN - Babak Aslani e Mohsen Asl-Hosseini giustiziati nella prigione di Urmia il 18 luglio
IRAN - Shahbaz Jadidi fu giustiziato nella prigione di Yasuj il 18 luglio
IRAN - 4 uomini giustiziati nella prigione di Isfahan il 18 luglio
IRAN - Hossein Mohammadi giustiziato nella prigione di Zanjan il 18 luglio
BANGLADESH: MILITANTE ISLAMISTA GIUSTIZIATO PER ATTENTATO ESPLOSIVO
CINA: CONDANNATO A MORTE PER L’OMICIDIO DI UN VOLONTARIO ANTI-PANDEMIA
IRAN - Un uomo, non identificato, giustiziato in una prigione di Teheran il 17 luglio
STORIA DI SACCO E VANZETTI, IL PROCESSO INGIUSTO E LA NASCITA DELLA LOTTA CONTRO LA PENA CAPITALE
USA - California. Il giudice Fidler ha condannato a morte Michael Gargiulo

1 2 3 4 [Succ >>]
2022
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
  2021
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2020
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2019
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2018
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
 
2017
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2016
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2015
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2014
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2013
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2012
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
 
2011
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2010
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2009
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2008
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2007
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2006
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
 
2005
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2004
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
 
IRAN - La moglie di Djalali sollecita più impegno dall’Europa
  LA VETRINA E IL RETROBOTTEGA DEL NEGOZIO DELL’#ANTIMAFIA  
  ITALIA: DA ‘CULLA’ A ‘TOMBA’ DEL DIRITTO?  
  APPELLO AL GOVERNATORE DELLA CALIFORNIA PER JARVIS JAY MASTERS  
  MOZIONE GENERALE DEL 40ESIMO CONGRESSO STRAORDINARIO DEL PARTITO RADICALE NONVIOLENTO, TRANSNAZIONALE E TRANSPARTITO  
  ELISABETTA ZAMPARUTTI CONFERMATA AL CPT PER SECONDO MANDATO  
news
-
azioni urgenti
-
banca dati
-
campagne
-
chi siamo
-
area utenti
-
privacy e cookies
-
credits