Anno
Ultime notizie
Archivio notizie
Guida all'uso della Banca Dati
MOZIONE GENERALE DEL VI° CONGRESSO DI NTC
La pena di morte nel mondo (al 30 giugno 2016)
DISCORSO di Papa Francesco
Analisi dati Rapporto 2015 e Obiettivi di NtC
SINTESI DEI FATTI PIÙ IMPORTANTI DEL 2015 (e dei primi sei mesi del 2016)
Esecuzioni nel 2014
Esecuzioni nel 2015 (al 30 giugno)
Reportage Comore Sergio D'Elia
Reportage Niger Marco Perduca
Premio l'Abolizionista dell'Anno 2015
Messaggio di Sergio Mattarella al VI° Congresso di NtC
Relazione di Sergio D'Elia al VI° Congresso di NtC
Relazione di Elisabetta Zamparutti al VI° Congresso di NtC
Rapporto IL VOLTO SORRIDENTE DEI MULLAH
DOSSIER IRAN APRILE 2016
Dossier su Pena di Morte e Omosessualità
Reportage di Elisabetta Zamparutti
Protocollo di intesa tra NtC e CNF
Dichiarazione finale del seminario del Cairo 15/16 maggio 2017
Azioni in corso
Archivio azioni
Campagne in corso
Archivio campagne

RAPPORTO DEL SECONDO FORUM ANNUALE DELL'UE SULLA PENA DI MORTE IN ZAMBIA

RISOLUZIONE ONU 2012
RISOLUZIONE ONU 2010

DICHIARAZIONE DI LIBREVILLE

Organi Dirigenti
Dossier Iraq 2003

Le sedi
DICHIARAZIONE DI COTONOU 2014

I video
RISOLUZIONE ONU 2014

Adesioni Comuni, Province, Regioni

BILANCI DI NESSUNO TOCCHI CAINO

La campagna per la moratoria ONU delle esecuzioni capitali
DOSSIER GIAPPONE

DONA IL 5x1000 A NESSUNO TOCCHI CAINO
DOSSIER IRAN

FIRMATARI APPELLO ALLE NAZIONI UNITE

DEDUCIBILITA' FISCALE


Appello dei PREMI NOBEL
RISOLUZIONE ONU 2007
DOSSIER LIBIA
DOSSIER USA 2011
Abbiamo fatto
RISOLUZIONE ONU 2008
DOSSIER PENA DI MORTE 2008
VIDEO MISSIONE IN CIAD
Le pubblicazioni
RISOLUZIONE DELLA CONFERENZA DI KIGALI 2011

DOSSIER MORATORIA
DOSSIER COMMERCIO LETALE
DICHIARAZIONE FINALE DELLA CONFERENZA DI FREETOWN 2014
Gli obiettivi

L'AUTENTICA STORIA DEL 'TERRORISTA' SERGIO D'ELIA

Acquista il rapporto di Nessuno tocchi Caino

Contributi artistici

Contattaci
Organi Dirigenti
Newsletter
Iscriviti a NTC
Acquista le pubblicazioni
Forum utenti
Scarica l'appello per la moratoria

USA - Perché, dopo 20 anni, i processi per l''11 Settembre non iniziano

21 luglio 2021:

Come ennesima conseguenza del fatto che gli statunitensi cercano di processare degli estremisti islamici inventando una procedura penale e un diritto internazionale “ad personam”, a 20 anni dagli attentati dell’11 Settembre non solo i processi non sono ancora iniziati, ma i giudici incaricati continuano a dimettersi. L’ultimo è il generale Mark S. Martins, il procuratore capo nei processi della Military Commission di Guantanamo. La Commissione Militare è una specie di Corte Marziale, ma mentre una corte marziale processa i militari delle proprie Forze Armate, la Military Commission, una invenzione del 2006 dell’Amministrazione Bush, processa gli estremisti islamici considerati “prigionieri di guerra”, una specie di Corte di Norimberga o Tribunale Penale Internazionale, ma unilaterale. Il generale Martins ha ricoperto l’incarico durante le amministrazioni Obama e Trump. Ora ha annunciato che il 30 settembre andrà in pensione anticipata. Secondo il New York Times, Martins vorrebbe utilizzare le confessioni ottenute sotto tortura, e fin qui aveva avuto il consenso delle due amministrazioni precedenti. Adesso, seppure senza una presa di posizione netta, i nuovi dirigenti insediati da Biden contrastano questa impostazione, temendone le conseguenze a medio e lungo termine. A noi italiani sembrerebbe quasi ovvio che le confessioni ottenute notoriamente sotto tortura siano di difficile utilizzo, ma qui la questione è più complessa. I detenuti di Guantanamo sono stati tutti arrestati dai servizi segreti. I quali non vogliono fornire le prove su cui si sono basati, perché verosimilmente si tratta solo di segnalazioni ottenute da informatori. L’impossibilità di fornire riscontri fattuali, e la volontà di tutelare le identità degli informatori, e le identità degli stati che hanno collaborato “attraverso scorciatoie legali”, fa sì che, di fatto, manchino prove concrete contro gli imputati. Si deve per forza fare affidamento sulle confessioni estorte sotto tortura. Ma questo solleva un problema pratico: e se uno statunitense, diciamo un militare o un agente dei servizi, o un diplomatico, venisse arrestato all’estero, e rilasciasse delle confessioni sotto tortura, con quale autorevolezza potrebbero gli Stati Uniti pretendere la restituzione dell’arrestato se ora mettono per iscritto che le confessioni sotto tortura sono utilizzabili? L’amministrazione Biden sta cercando di “girare intorno al problema” e, pur non avendo in mente una vera soluzione, intanto non vuole una dichiarazione formale di “utilizzabilità delle confessioni”. La situazione è rimasta in stallo per diversi mesi, si è cercato di argomentare che le frasi precise pronunciate dagli imputati non potessero essere usati nello stilare una sentenza, ma si potesse comunque utilizzare “il loro senso complessivo”. Alla fine Martins si è dimesso. Il caso più importante che doveva seguire Martins era il processo Khalid Shaikh Mohammed + 4, accusati di essere le “menti” degli attentati dell’11 settembre 2001. Un sostituto di Martins non è ancora stato nominato, e quando lo sarà avrà bisogno di tempo per studiare gli incartamenti. A 20 anni dai fatti, il processo non è nemmeno iniziato.
Prima di Martins si erano dimessi altri giudici militati. Nell’aprile 2020 si era ritirato il colonnello Shane Cohen, il 3° giudice chiamato a presiedere la Commissione Militare. Anche i 2 predecessori si erano dimessi. E nel settembre 2018, un mese dopo la nomina, si era ritirato il colonnello Shelley Schools, il terzo giudice chiamato a presiedere il processo “USS Cole”. Il suo predecessore, il colonnello Vance Spath si era ritirato nel luglio 2018, non riuscendo a gestire le dimissioni di tutti gli avvocati di Abd al-Rahim al-Nashiri, processato come “mente” dell’attentato al cacciatorpediniere USS Cole che nel 2000 ha ucciso 17 marinai statunitensi. Gli avvocati, alcuni anche militari, si erano dimessi per protesta dopo aver scoperto che i loro colloqui con l’imputato venivano intercettati illegalmente. E come se le cose non si fossero complicate abbastanza, la corte federale che da Washington supervisiona i processi di Guantanamo nell’aprile 2019 aveva annullato tutte le decisioni prese da Spath negli ultimi due anni, perché l’uomo aveva annunciato le dimissioni, ma non aveva precisato che aveva già accettato un incarico come giudice dell’immigrazione. Noi non ci vediamo niente di strano nel fatto che un giudice cambi incarico, ma la corte federale ha (giustamente) eccepito che Spath per cambiare incarico aveva bisogno del consenso del Dipartimento di Giustizia, lo stesso dipartimento che gestisce anche la pubblica accusa nei processi di Guantanamo. Questo solleva un legittimo dubbio sull’imparzialità delle decisioni prese da Spath, e siccome gli Stati Uniti chiedono la pena di morte per Al-Nashiri, all’imputato devono essere fornito un “giudice inappuntabile”.

https://deathpenaltyinfo.org/news/at-odds-with-biden-administration-over-use-of-statements-obtained-by-torture-chief-guant%C3%A1namo-prosecutor-retires

(Fonti: DPIC, NtC, 21/07/2021)

Altre news:
IRAN - Quattro uomini giustiziati nella prigione di Rajai Shahr il 31 luglio
IRAN - Esmail Fatehi, Mansour Mohammadi e Mozafar ... giustiziati nella prigione di Qazvin il 28 luglio
IRAN - Vahid Raisi giustiziato nella prigione di Jiroft il 28 luglio
IRAN - Mohandes ... giustiziato il 27 luglio nella prigione di Karaj
IRAN - Akbar Abedanpour giustiziato il 25 luglio nella prigione di Isfahan
IRAN - Un detenuto non identificato giustiziato il 25 luglio nella prigione di Isfahan
IRAN - Ebrahim Shehbakhsh giustiziato nella prigione di Isfahan il 25 luglio
IRAN - Bakhtiar Salemi giustiziato nella prigione di Shirvan il 25 luglio
IRAN - Amir e Sohrab Heydari giustiziati nella prigione di Yazd il 25 luglio
NIGERIA: CONDANNATO A MORTE PER L’OMICIDIO DELLA MOGLIE DEL SUO CAPO
VIETNAM: RIPORTATO NEL BRACCIO DELLA MORTE PRIGIONIERO CHE ERA EVASO
SIERRA LEONE: PARLAMENTO DISCUTE DDL ABOLIZIONISTA
MYANMAR: 65 CONDANNATI A MORTE DAI TRIBUNALI DELLA GIUNTA MILITARE
IRAN - Hossein Abdollahzadeh giustiziato nella prigione di Shiraz il 20 luglio
IRAN - La polizia usa la forza estrema per sedare le proteste nel Khuzestan
GAMBIA: EX MEMBRO DELLA GIUNTA CONDANNATO A MORTE PER OMICIDIO
THAILANDIA: CONDANNA A MORTE CONFERMATA PER IL MAESTRO RAPINATORE
IRAN - Hossein Sadeghi giustiziato nella prigione di Isfahan il 19 luglio
NIGERIA: CONDANNATO A MORTE PER RAPINA A MANO ARMATA
NIGERIA: CINQUE CONDANNATI A MORTE PER SEQUESTRO
IRAN - Babak Aslani e Mohsen Asl-Hosseini giustiziati nella prigione di Urmia il 18 luglio
IRAN - 4 uomini giustiziati nella prigione di Isfahan il 18 luglio
IRAN - Hossein Mohammadi giustiziato nella prigione di Zanjan il 18 luglio
IRAN - Shahbaz Jadidi fu giustiziato nella prigione di Yasuj il 18 luglio
STORIA DI SACCO E VANZETTI, IL PROCESSO INGIUSTO E LA NASCITA DELLA LOTTA CONTRO LA PENA CAPITALE
IRAN - Un uomo, non identificato, giustiziato in una prigione di Teheran il 17 luglio
CINA: CONDANNATO A MORTE PER L’OMICIDIO DI UN VOLONTARIO ANTI-PANDEMIA
BANGLADESH: MILITANTE ISLAMISTA GIUSTIZIATO PER ATTENTATO ESPLOSIVO
COSÌ GRATTERI E L’ANTIMAFIA HANNO DISTRUTTO LA MIA AZIENDA E LA MIA VITA
USA - California. Il giudice Fidler ha condannato a morte Michael Gargiulo

1 2 3 4 [Succ >>]
2022
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
  2021
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2020
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2019
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2018
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
 
2017
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2016
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2015
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2014
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2013
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2012
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
 
2011
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2010
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2009
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2008
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2007
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2006
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
 
2005
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2004
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
 
LA VETRINA E IL RETROBOTTEGA DEL NEGOZIO DELL’#ANTIMAFIA
  ITALIA: DA ‘CULLA’ A ‘TOMBA’ DEL DIRITTO?  
  APPELLO AL GOVERNATORE DELLA CALIFORNIA PER JARVIS JAY MASTERS  
  MOZIONE GENERALE DEL 40ESIMO CONGRESSO STRAORDINARIO DEL PARTITO RADICALE NONVIOLENTO, TRANSNAZIONALE E TRANSPARTITO  
  ELISABETTA ZAMPARUTTI CONFERMATA AL CPT PER SECONDO MANDATO  
  NESSUNO TOCCHI CAINO PRESENTA IL VOLUME ‘IL VIAGGIO DELLA SPERANZA’ IL 10 SETTEMBRE A BRINDISI  
news
-
azioni urgenti
-
banca dati
-
campagne
-
chi siamo
-
area utenti
-
privacy e cookies
-
credits