Anno
Ultime notizie
Archivio notizie
Guida all'uso della Banca Dati
MOZIONE GENERALE DEL VI° CONGRESSO DI NTC
La pena di morte nel mondo (al 30 giugno 2016)
DISCORSO di Papa Francesco
Analisi dati Rapporto 2015 e Obiettivi di NtC
SINTESI DEI FATTI PIÙ IMPORTANTI DEL 2015 (e dei primi sei mesi del 2016)
Esecuzioni nel 2014
Esecuzioni nel 2015 (al 30 giugno)
Reportage Comore Sergio D'Elia
Reportage Niger Marco Perduca
Premio l'Abolizionista dell'Anno 2015
Messaggio di Sergio Mattarella al VI° Congresso di NtC
Relazione di Sergio D'Elia al VI° Congresso di NtC
Relazione di Elisabetta Zamparutti al VI° Congresso di NtC
Rapporto IL VOLTO SORRIDENTE DEI MULLAH
DOSSIER IRAN APRILE 2016
Dossier su Pena di Morte e Omosessualità
Reportage di Elisabetta Zamparutti
Protocollo di intesa tra NtC e CNF
Dichiarazione finale del seminario del Cairo 15/16 maggio 2017
Azioni in corso
Archivio azioni
Campagne in corso
Archivio campagne

RAPPORTO DEL SECONDO FORUM ANNUALE DELL'UE SULLA PENA DI MORTE IN ZAMBIA

RISOLUZIONE ONU 2012
RISOLUZIONE ONU 2010

DICHIARAZIONE DI LIBREVILLE

Organi Dirigenti
Dossier Iraq 2003

Le sedi
DICHIARAZIONE DI COTONOU 2014

I video
RISOLUZIONE ONU 2014

Adesioni Comuni, Province, Regioni

BILANCI DI NESSUNO TOCCHI CAINO

La campagna per la moratoria ONU delle esecuzioni capitali
DOSSIER GIAPPONE

DONA IL 5x1000 A NESSUNO TOCCHI CAINO
DOSSIER IRAN

FIRMATARI APPELLO ALLE NAZIONI UNITE

DEDUCIBILITA' FISCALE


Appello dei PREMI NOBEL
RISOLUZIONE ONU 2007
DOSSIER LIBIA
DOSSIER USA 2011
Abbiamo fatto
RISOLUZIONE ONU 2008
DOSSIER PENA DI MORTE 2008
VIDEO MISSIONE IN CIAD
Le pubblicazioni
RISOLUZIONE DELLA CONFERENZA DI KIGALI 2011

DOSSIER MORATORIA
DOSSIER COMMERCIO LETALE
DICHIARAZIONE FINALE DELLA CONFERENZA DI FREETOWN 2014
Gli obiettivi

L'AUTENTICA STORIA DEL 'TERRORISTA' SERGIO D'ELIA

Acquista il rapporto di Nessuno tocchi Caino

Contributi artistici

Contattaci
Organi Dirigenti
Newsletter
Iscriviti a NTC
Acquista le pubblicazioni
Forum utenti
Scarica l'appello per la moratoria

USA - Utah
USA - Utah
USA - Utah. Quattro procuratori supportano l’abolizione della pena di morte

14 settembre 2021:

Quattro procuratori supportano l’abolizione della pena di morte.
Quattro procuratori distrettuali dello Utah, in rappresentanza di contee che comprendono il 57,5% della popolazione dello stato, hanno esortato il legislatore statale e il governatore dello Utah Spencer Cox a emanare una legislazione per abrogare e sostituire la pena di morte dello Utah.
In una lettera aperta a Cox e al Parlamento pubblicata il 14 settembre 2021, il procuratore distrettuale della contea di Salt Lake, Sim Gill, il procuratore della contea di Grand, Christina Sloan, il procuratore della contea di Summit, Margaret Olson e il procuratore della contea di Utah, David Leavitt - due repubblicani e due democratici – hanno definito la pena capitale “un grave difetto” nel funzionamento della legge “che crea responsabilità improprie nei confronti delle vittime, dei diritti processuali degli imputati, e per la cosa pubblica”.
I quattro pubblici ministeri hanno scritto: “La pena di morte nello Utah oggi è una sentenza permanente e irreversibile all'interno di un sistema imperfetto. Non riesce a scoraggiare la criminalità. Ritraumatizza le vittime. Si applica in modo sproporzionato alle minoranze. È costoso. E rende coercitivi i patteggiamenti”. Approvando la legislazione proposta l'8 settembre dai due parlamentari repubblicani Lowry Snow e Daniel McCay, i pubblici ministeri hanno affermato che "ll Parlamento renderebbe un miglior servizio allo Stato se sostituisse la pena di morte con una pena di ergastolo con libertà condizionale non prima di 45 anni o, in subordine, non prima di 25 anni”.
I pubblici ministeri hanno commentato la loro lettera in una conferenza stampa. Notando che, negli Stati Uniti, da quando la pena capitale è ripresa negli anni '70 per ogni 9 esecuzioni compiute un imputato è stato riconosciuto innocente dopo la condanna a morte, Gill ha affermato: "Se un pilota d’aereo facesse bene solo il 90% degli atterraggi, diremmo che quella persona non dovrebbe volare". Leavitt è stato più schietto. "La pena di morte", ha detto, "è semplicemente una grande bugia che diciamo a noi stessi per aiutarci a credere che stiamo facendo la differenza".
Snow e McCay, che già in altre occasioni avevano sottolineato l'impatto negativo della pena di morte sui familiari delle vittime, sono tornati sull’argomento. Olson ha detto: “Contrariamente a quello che si dice, ossia che la pena di morte aiuta i parenti delle vittime a “chiudere un capitolo doloroso, la lunghezza degli appelli, previsti e garantiti dalla Costituzione, significa che una condanna a morte impiegherà decenni per essere comminata ed eventualmente, se mai, applicata. … Dal 2000, nel braccio della morte sono morti più uomini di vecchiaia nello Utah che per esecuzione”.
La lettera aperta ha anche affrontato direttamente la questione della discriminazione razziale. La popolazione dello Utah è composta per oltre l'86% da bianchi, ma nel braccio della morte il 42,9% dei detenuti è di colore. La lettera afferma che le prime due persone giustiziate nel territorio dello Utah erano nativi americani e due delle sette persone giustiziate nello Utah dal 1977 ad oggi erano nere. "A parità di reato, nello stato dello Utah le minoranze razziali hanno maggiori probabilità di essere giustiziate rispetto ai bianchi". Attualmente tra le 7 persone detenute nel braccio della morte ci sono un nero, un latino e un nativo americano.
I pubblici ministeri hanno anche affrontato quello che hanno descritto come "l'impatto intrinsecamente coercitivo" della pena di morte sui patteggiamenti. "La necessità di un imputato di contrattare per la propria vita nella cultura legale di oggi... dà ai già potenti pubblici ministeri un ulteriore potere, troppo potere, per costringere un imputato a confessare senza nemmeno fare il processo", afferma la lettera. Leavitt ha dichiarato all'agenzia di stampa KSL di Salt Lake City: "Vogliamo davvero vivere in una società in cui il governo minaccerà di ucciderci a meno che non accettiamo di trascorrere il resto della nostra vita in prigione, e allo stesso tempo permettiamo al governo di non dover nemmeno fare un processo pubblico per dimostrare il suo caso contro di noi?"
I pubblici ministeri concludono la loro lettera con un invito ad aggiungere al codice penale l’opzione di ergastolo con la condizionale non prima di 45 anni. "Come pubblici ministeri, non cerchiamo pietà per gli assassini, ma giustizia per le persone", spiegano. “Ergastolo con la condizionale non prima di 45 anni significherà che se un criminale mai uscirà, lo farà solo al tramonto della vita. Ciò proteggerà la collettività e, per quanto possibile, fornirà una piccola misura di giustizia per ciò che quella persona ha portato via”. I pubblici ministeri comunque, in subordine, ricordano al legislatore che pene alternative alla condanna a morte potrebbero essere l’all’ergastolo senza condizionale, o con la condizionale non prima di 25 anni.
Gill ha spiegato perché l’opzione “45 anni” sia, secondo loro, da privilegiare. “Ho parlato con troppe vittime che hanno detto: “appena 25 anni? È tutto ciò che possiamo aspettarci?” 45 anni invece significa che prendiamo sul serio la questione. Ciò riconosce la gravità del danno e il tipo di responsabilità che le vittime cercano".
La lettera è stata rilasciata meno di una settimana dopo che i due parlamentari repubblicani hanno annunciato un rinnovato sforzo per abrogare la pena di morte, e che Leavitt ha annunciato che nella sua contea non chiederà più condanne a morte. La lettera dei pubblici ministeri ha fatto eco ai sentimenti espressi dai parlamentari Snow e McCray, secondo i quali la pena di morte "crea false aspettative per la società, crea false aspettative per le vittime e le loro famiglie e aumenta il costo per lo stato dello Utah e per gli stati che hanno ancora la pena capitale”.

https://deathpenaltyinfo.org/news/four-utah-prosecutors-urge-legislature-to-repeal-death-penalty

(Fonti: DPIC, 14/09/2021)

Altre news:
IRAN - Sohrab Naji e Vahab Samadi giustiziati a Shiraz il 25 settembre
BIELORUSSIA, IL BOIA D’EUROPA CHE NON SI FERMA DAVANTI A NIENTE
INDIA: NOVE CONDANNATI A MORTE PER GLI OMICIDI DI TRE MEMBRI DI UNA FAMIGLIA
UNA TELEFONATA ALLUNGA LA VITA, NO A PASSI INDIETRO SUI COLLOQUI
SIRIA: GIUSTIZIATI 24 ‘TERRORISTI’ PER INCENDI DOLOSI
GAMBIA: CONDANNA A MORTE PER OMICIDIO
USA - Alabama. Willie Smith, 51 anni, nero, è stato giustiziato
BANGLADESH: POLIZIOTTO CONDANNATO A MORTE PER L’OMICIDIO DELLA MOGLIE
INDIA: PRIGIONIERI DEL BRACCIO DELLA MORTE CON DISTURBI PSICHIATRICI
ZIMBABWE: CONDANNATO A MORTE PER L’OMICIDIO DEL DATORE DI LAVORO
BANGLADESH: CONDANNATO A MORTE PER L’OMICIDIO DELLA MADRE
MALESIA: MADRE DI NOVE FIGLI CONDANNATA A MORTE PER DROGA
COREA DEL SUD: ASSOLTO DALL’ACCUSA DI ESSERE UNA SPIA, MA E’ MORTO SETTE ANNI FA
PAKISTAN: TRE CONDANNATI A MORTE IN UN CASO DI STUPRO E OMICIDIO
GAZA: DUE CONDANNE A MORTE PER COLLABORAZIONE CON ISRAELE
GIORDANIA: CONFERMATA CONDANNA CAPITALE PER OMICIDIO D’”ONORE”
QUANTO COSTA FAR MANGIARE I CARCERATI, QUANDO I DETENUTI DIVENTANO UN BUSINESS
AFGHANISTAN: PUNIZIONI PUBBLICHE SOLO SU ORDINE DELLA CORTE SUPREMA
STOP AI COLORI NEL BRACCIO DELLA MORTE, IN GIAPPONE VIETATI PASTELLI E TEMPERAMATITE
INDIA: CONDANNATO A MORTE PER DEGLI OMICIDI DI ‘ONORE’
CINA: CONDANNATO A MORTE PER L’OMICIDIO DELLA EX MOGLIE
SINGAPORE: CONFERMATA CONDANNA ALL’IMPICCAGIONE PER TRAFFICO DI CANNABIS
NIGERIA: CONDANNATO ALL’IMPICCAGIONE PER L’OMICIDIO DELLA MOGLIE
IRAN - Ali Omar Amrolelahi e un uomo non identificato giustiziati a Qom il 13 ottobre
INDIA: CONDANNATO A MORTE PER L’OMICIDIO DELLA MADRE
IRAN - Hossein Amiri, Hossein Shamsi, Ali Mokhtari e Yavar Dehzadeh giustiziati a Isfahan il 12 ottobre
BANGLADESH: CINQUE CONDANNATI A MORTE PER OMICIDIO
IRAN - Urgente: il giovane Arman Abdolali sarà giustiziato tra 24 ore
UE: REVOCARE LE CONDANNE A MORTE, COMPRESE QUELLE DI GIORNALISTI NELLO YEMEN
IRAN - Ebrahim Rakhshani giustiziato a Ghaen l'11 ottobre

1 2 [Succ >>]
2021
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
  2020
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2019
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2018
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2017
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
 
2016
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2015
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2014
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2013
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2012
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2011
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
 
2010
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2009
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2008
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2007
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2006
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2005
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
 
2004
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
 
LA VETRINA E IL RETROBOTTEGA DEL NEGOZIO DELL’#ANTIMAFIA
  ITALIA: DA ‘CULLA’ A ‘TOMBA’ DEL DIRITTO?  
  APPELLO AL GOVERNATORE DELLA CALIFORNIA PER JARVIS JAY MASTERS  
  MOZIONE GENERALE DEL 40ESIMO CONGRESSO STRAORDINARIO DEL PARTITO RADICALE NONVIOLENTO, TRANSNAZIONALE E TRANSPARTITO  
  ELISABETTA ZAMPARUTTI CONFERMATA AL CPT PER SECONDO MANDATO  
  NESSUNO TOCCHI CAINO PRESENTA IL VOLUME ‘IL VIAGGIO DELLA SPERANZA’ IL 10 SETTEMBRE A BRINDISI  
news
-
azioni urgenti
-
banca dati
-
campagne
-
chi siamo
-
area utenti
-
privacy e cookies
-
credits