Anno
Ultime notizie
Archivio notizie
Guida all'uso della Banca Dati
MOZIONE GENERALE DEL VI° CONGRESSO DI NTC
La pena di morte nel mondo (al 30 giugno 2016)
DISCORSO di Papa Francesco
Analisi dati Rapporto 2015 e Obiettivi di NtC
SINTESI DEI FATTI PIÙ IMPORTANTI DEL 2015 (e dei primi sei mesi del 2016)
Esecuzioni nel 2014
Esecuzioni nel 2015 (al 30 giugno)
Reportage Comore Sergio D'Elia
Reportage Niger Marco Perduca
Premio l'Abolizionista dell'Anno 2015
Messaggio di Sergio Mattarella al VI° Congresso di NtC
Relazione di Sergio D'Elia al VI° Congresso di NtC
Relazione di Elisabetta Zamparutti al VI° Congresso di NtC
Rapporto IL VOLTO SORRIDENTE DEI MULLAH
DOSSIER IRAN APRILE 2016
Dossier su Pena di Morte e Omosessualità
Reportage di Elisabetta Zamparutti
Protocollo di intesa tra NtC e CNF
Dichiarazione finale del seminario del Cairo 15/16 maggio 2017
Azioni in corso
Archivio azioni
Campagne in corso
Archivio campagne

RAPPORTO DEL SECONDO FORUM ANNUALE DELL'UE SULLA PENA DI MORTE IN ZAMBIA

RISOLUZIONE ONU 2012
RISOLUZIONE ONU 2010

DICHIARAZIONE DI LIBREVILLE

Organi Dirigenti
Dossier Iraq 2003

Le sedi
DICHIARAZIONE DI COTONOU 2014

I video
RISOLUZIONE ONU 2014

Adesioni Comuni, Province, Regioni

BILANCI DI NESSUNO TOCCHI CAINO

La campagna per la moratoria ONU delle esecuzioni capitali
DOSSIER GIAPPONE

DONA IL 5x1000 A NESSUNO TOCCHI CAINO
DOSSIER IRAN

FIRMATARI APPELLO ALLE NAZIONI UNITE

DEDUCIBILITA' FISCALE


Appello dei PREMI NOBEL
RISOLUZIONE ONU 2007
DOSSIER LIBIA
DOSSIER USA 2011
Abbiamo fatto
RISOLUZIONE ONU 2008
DOSSIER PENA DI MORTE 2008
VIDEO MISSIONE IN CIAD
Le pubblicazioni
RISOLUZIONE DELLA CONFERENZA DI KIGALI 2011

DOSSIER MORATORIA
DOSSIER COMMERCIO LETALE
DICHIARAZIONE FINALE DELLA CONFERENZA DI FREETOWN 2014
Gli obiettivi

L'AUTENTICA STORIA DEL 'TERRORISTA' SERGIO D'ELIA

Acquista il rapporto di Nessuno tocchi Caino

Contributi artistici

Contattaci
Organi Dirigenti
Newsletter
Iscriviti a NTC
Acquista le pubblicazioni
Forum utenti
Scarica l'appello per la moratoria

SIRIA: GIUSTIZIATI 24 ‘TERRORISTI’ PER INCENDI DOLOSI

23 ottobre 2021:

Le autorità siriane hanno giustiziato 24 persone dopo averle riconosciute colpevoli di terrorismo per aver appiccato degli incendi devastanti lo scorso anno, causando la morte di tre persone e bruciando migliaia di ettari di foreste, ha comunicato il Ministero della Giustizia il 21 ottobre 2021.
Esecuzioni pubblicizzate di un folto gruppo di persone sono rare in Siria, paese in cui un conflitto decennale ha causato centinaia di migliaia di morti e sfollato metà della popolazione, inclusi 5 milioni di rifugiati fuori dal paese.
Nell'ottobre 2020 scoppiarono incendi in diversi paesi del Medio Oriente, nel corso di un'ondata di caldo insolita per quel periodo dell'anno, lasciando la Siria particolarmente colpita. Tre persone morirono a causa degli incendi, che bruciarono anche vaste aree di foreste, per lo più nelle regioni di Latakia e nella provincia centrale di Homs, controllate dal governo.
La città natale del presidente Bashar Assad, Qardaha, nella provincia di Latakia, fu duramente colpita dagli incendi, che danneggiarono gravemente un edificio utilizzato come deposito per l'azienda statale del tabacco, parte del quale è crollato.
Assad ha fatto una rara visita nella regione poco dopo che l'incendio è stato domato.
Il Ministero della Giustizia il 21 ottobre ha dichiarato che le 24 persone giustiziate il giorno prima erano "criminali che hanno compiuto attacchi terroristici provocando morti e danni alle infrastrutture statali e alle proprietà pubbliche e private attraverso l'uso di materiale infiammabile". Il comunicato ha aggiunto che altre 11 persone sono state condannate all'ergastolo nello stesso caso.
Altri nove, tra cui cinque minorenni, hanno ricevuto pene detentive.
Le pene detentive per i minori variano dai 10 ai 12 anni, ha precisato il Ministero della Giustizia.
Non vengono forniti ulteriori dettagli sulle circostanze delle esecuzioni o su come siano state praticate.
Per i civili, la pena di morte in Siria viene solitamente eseguita mediante impiccagione.
Le leggi siriane prevedono la pena di morte per reati quali terrorismo, spionaggio, tradimento, incendio doloso e diserzione dall'esercito.
"Le esecuzioni di ieri di 24 persone dimostrano il disprezzo del governo siriano per il diritto internazionale, in particolare per il diritto alla vita", ha affermato Diana Semaan, ricercatrice sulla Siria per Amnesty International.
Semaan ha aggiunto che le condanne a morte sono spesso emesse al termine di processi segreti o procedimenti giudiziari che mancano di garanzie di base come il diritto a un avvocato, con confessioni estorte generalmente sotto tortura o altri maltrattamenti e costrizioni.
Nel 2017, un rapporto di Amnesty International ha reso noto che 13.000 persone sono state giustiziate con impiccagioni di massa segrete nella prigione di Saydnaya in Siria, tra settembre 2011 e dicembre 2015, al culmine della guerra civile.
Le esecuzioni – sostiene Amnesty - sono state autorizzate ai più alti livelli del governo siriano.
Il rapporto afferma che tra le 20 e le 50 persone siano state impiccate ogni settimana, anche due volte a settimana, nella prigione di Saydnaya, in quella che l'organizzazione ha definito una "calcolata campagna di esecuzioni extragiudiziarie". Esperti sui diritti umani delle Nazioni Unite hanno anche riferito di uccisioni di massa di prigionieri che il governo deteneva in centri ufficiali e informali, spesso effettuate di nascosto.
Le persone giustiziate il 20 ottobre erano tra le decine di persone imprigionate alla fine del 2020 che avrebbero confessato di aver pianificato l'accensione di incendi a partire dall'agosto dello scorso anno, secondo la dichiarazione del Ministero della Giustizia. Avrebbero appiccato incendi a partire da settembre, colpendo 280 città e villaggi e danneggiando 370 abitazioni, ha aggiunto il Ministero, secondo cui un totale di 24.000 ettari di foreste e piantagioni sono stati bruciati.

(Fonti: AP, 21/10/2021)

Altre news:
SINGAPORE: CONFERMATE DUE CONDANNE CAPITALI PER TRAFFICO DI CANNABIS
NIGERIA: DUE CONDANNATI A MORTE PER OMICIDIO NELL’AKWA IBOM
PAKISTAN: GOVERNO PROVINCIALE DEL KHYBER PAKHTUNKHWA APPROVA LA PENA DI MORTE PER CHI STUPRA BAMBINI
2021
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2020
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2019
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2018
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2017
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
 
2016
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2015
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2014
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2013
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2012
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2011
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
 
2010
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2009
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2008
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2007
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2006
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2005
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
 
2004
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
 
LA VETRINA E IL RETROBOTTEGA DEL NEGOZIO DELL’#ANTIMAFIA
  ITALIA: DA ‘CULLA’ A ‘TOMBA’ DEL DIRITTO?  
  APPELLO AL GOVERNATORE DELLA CALIFORNIA PER JARVIS JAY MASTERS  
  MOZIONE GENERALE DEL 40ESIMO CONGRESSO STRAORDINARIO DEL PARTITO RADICALE NONVIOLENTO, TRANSNAZIONALE E TRANSPARTITO  
  ELISABETTA ZAMPARUTTI CONFERMATA AL CPT PER SECONDO MANDATO  
  NESSUNO TOCCHI CAINO PRESENTA IL VOLUME ‘IL VIAGGIO DELLA SPERANZA’ IL 10 SETTEMBRE A BRINDISI  
news
-
azioni urgenti
-
banca dati
-
campagne
-
chi siamo
-
area utenti
-
privacy e cookies
-
credits