Anno
Ultime notizie
Archivio notizie
Guida all'uso della Banca Dati
MOZIONE GENERALE DEL VI° CONGRESSO DI NTC
La pena di morte nel mondo (al 30 giugno 2016)
DISCORSO di Papa Francesco
Analisi dati Rapporto 2015 e Obiettivi di NtC
SINTESI DEI FATTI PIÙ IMPORTANTI DEL 2015 (e dei primi sei mesi del 2016)
Esecuzioni nel 2014
Esecuzioni nel 2015 (al 30 giugno)
Reportage Comore Sergio D'Elia
Reportage Niger Marco Perduca
Premio l'Abolizionista dell'Anno 2015
Messaggio di Sergio Mattarella al VI° Congresso di NtC
Relazione di Sergio D'Elia al VI° Congresso di NtC
Relazione di Elisabetta Zamparutti al VI° Congresso di NtC
Rapporto IL VOLTO SORRIDENTE DEI MULLAH
DOSSIER IRAN APRILE 2016
Dossier su Pena di Morte e Omosessualità
Reportage di Elisabetta Zamparutti
Protocollo di intesa tra NtC e CNF
Dichiarazione finale del seminario del Cairo 15/16 maggio 2017
Azioni in corso
Archivio azioni
Campagne in corso
Archivio campagne

RAPPORTO DEL SECONDO FORUM ANNUALE DELL'UE SULLA PENA DI MORTE IN ZAMBIA

RISOLUZIONE ONU 2012
RISOLUZIONE ONU 2010

DICHIARAZIONE DI LIBREVILLE

Organi Dirigenti
Dossier Iraq 2003

Le sedi
DICHIARAZIONE DI COTONOU 2014

I video
RISOLUZIONE ONU 2014

Adesioni Comuni, Province, Regioni

BILANCI DI NESSUNO TOCCHI CAINO

La campagna per la moratoria ONU delle esecuzioni capitali
DOSSIER GIAPPONE

DONA IL 5x1000 A NESSUNO TOCCHI CAINO
DOSSIER IRAN

FIRMATARI APPELLO ALLE NAZIONI UNITE

DEDUCIBILITA' FISCALE


Appello dei PREMI NOBEL
RISOLUZIONE ONU 2007
DOSSIER LIBIA
DOSSIER USA 2011
Abbiamo fatto
RISOLUZIONE ONU 2008
DOSSIER PENA DI MORTE 2008
VIDEO MISSIONE IN CIAD
Le pubblicazioni
RISOLUZIONE DELLA CONFERENZA DI KIGALI 2011

DOSSIER MORATORIA
DOSSIER COMMERCIO LETALE
DICHIARAZIONE FINALE DELLA CONFERENZA DI FREETOWN 2014
Gli obiettivi

L'AUTENTICA STORIA DEL 'TERRORISTA' SERGIO D'ELIA

Acquista il rapporto di Nessuno tocchi Caino

Contributi artistici

Contattaci
Organi Dirigenti
Newsletter
Iscriviti a NTC
Acquista le pubblicazioni
Forum utenti
Scarica l'appello per la moratoria

NOI ERGASTOLANI, NAVI DI TESEO

2 gennaio 2022:

Giuseppe Grassonelli* su Il Riformista del 31 dicembre 2021

Il laboratorio di “Spes contra spem” si rinnova nel carcere di Opera con cadenza mensile da anni, grazie a Rita Bernardini, Sergio D’Elia ed Elisabetta Zamparutti, che ne sono ideatori e artefici. Sono stati gli ultimi a sospendere le attività nel marzo 2020 e i primi a riprenderla, e sono sempre loro i primi a tornare «dentro» ogni volta che è possibile; tornano per prendersi cura di un «ritorno» più grande, che si avvera come una nuova nascita, quello di noi ergastolani ostativi.
Io sono al mio trentesimo Natale in carcere e ho sperimentato che le persone possono trasformarsi grazie agli incontri speciali, che io chiamo relazioni significanti, perché arricchiscono il senso della nostra vita, inducendoci alla riflessione e all’esercizio del senso critico. Sono queste relazioni a renderci partecipi di una comunità da cui nei fatti siamo esclusi. In carcere si è soli e anche privati dell’intimità con se stessi, per questo io ho imparato a farmi compagnia studiando, ho appreso come esprimermi e scrivere, per poi ricevere la lezione più grande: comprendere la gravità dei miei errori. Allo stesso tempo ho scoperto anche che le parole che avevo studiato sarebbero rimaste uno strumento inutile in assenza di comunicazione e per questo gli amici di Nessuno tocchi Caino, che ci ascoltano e combattono in nome della fiducia nel nostro cambiamento, hanno tutta la nostra gratitudine.
«Abolire il carcere» è l’argomento principale del Congresso e immagino chi obietta che io, che sono stato un criminale, non abbia il diritto di parlare di abolizione del carcere. Ebbene, non solo costui ha ragione, ma al suo valido argomento aggiungo che, se non mi avessero arrestato trent’anni fa, avrei continuato a commettere crimini. Per questo io non sono per l’abolizione del carcere in sé, ma solo di quel carcere che continua a essere tale con persone che sono diverse rispetto al loro passato. Io sono contrario al carcere che uccide i detenuti tenendoli in condizione di disumanità, ma auspico un’istituzione che rieduchi i criminali e li restituisca alla società come persone nuove.
Nei mesi scorsi con alcuni miei compagni abbiamo partecipato a un seminario di filosofia tenuto dall’Università Statale di Milano incentrato sull’identità personale sotto il profilo storico, filosofico, letterario. In una di queste lezioni abbiamo affrontato il paradosso della nave di Teseo, che narra di un’imbarcazione di legno sulla quale viaggiò il mitico eroe greco. La storia vuole che questa nave si sia conservata intatta nel corso degli anni, ma davvero pensate che questo sia possibile? La realtà dei fatti è che ogni parte dell’imbarcazione che si logorava veniva sostituita, una tavola dopo l’altra, una trave e poi un’altra ancora. Al suo ritorno la nave fu riconosciuta come la nave di Teseo, ma sotto quella apparente identità c’era una nave nuova.
Questo paradosso è una metafora della nostra condizione, perché i miei compagni e io, ognuno con i suoi decenni di detenzione, siamo tutti ancora delle navi di Teseo; eppure molte cose sono mutate nel frattempo. Come quella nave anche noi abbiamo affrontato un lungo viaggio e siamo cambiati da un punto di vista culturale, psicologico, sociale. Noi siamo trasformati da un punto di vista umano, siamo altri, ma per la legge rispondiamo sempre alla stessa identità e dunque dobbiamo restare qua, ancorati allo stesso porto, come navi di Teseo, per effetto di norme ostative che, ignorando e rifiutando la nostra trasformazione, impediscono ogni sviluppo.
Chi sostiene queste norme ci ripete che noi abbiamo commesso il male più grande, che noi abbiamo tolto la vita ad altri, perciò si giustifica la nostra condanna a vita. Io ho sbagliato e ogni giorno, da trent’anni, chiedo perdono ai familiari delle mie vittime e a loro rinnovo il mio profondo cordoglio, e continuerò a farlo ogni giorno. E chiedo perdono alla collettività per averla resa insicura a causa delle mie azioni violente e penso altresì alle persone che hanno assistito alle mie azioni violente. Anche a loro io chiedo perdono.
Le norme ostative ci dicono che non abbiamo il diritto di chiedere nulla, ma noi ostinatamente continueremo a chiedere alle persone per bene e alla società civile, alla comunità e alle istituzioni proprio quello che noi non abbiamo avuto. Noi chiediamo quella pietà che noi non abbiamo avuto, la capacità di perdonare che noi non abbiamo avuto, vi chiediamo quell’umanità che noi non abbiamo avuto. Noi vi chiediamo la capacità di amare che noi non abbiamo avuto.

* Intervento al Congresso di Nessuno tocchi Caino

Altre news:
INDIA: STUDI UNIVERSITARI PER DUE CONDANNATI A MORTE
IRAN - La ministra per gli Affari delle Donne e della Famiglia incoraggia le bambine a sposarsi
VIETNAM: CONDANNATO A MORTE PER L’OMICIDIO DELLA SORELLA
PROSSIMI APPUNTAMENTI DI NESSUNO TOCCHI CAINO
IRAN - Maryam Kargardastjerdi, una donna speciale
IRAN - Svezia. L'Iran convoca l'ambasciatore svedese
BIELORUSSIA: CAMERA BASSA APPROVA PENA DI MORTE PER TERRORISMO
PROSSIMI APPUNTAMENTI DI NESSUNO TOCCHI CAINO

[<< Prec] 1 2 3
2022
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
  2021
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2020
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2019
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2018
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
 
2017
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2016
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2015
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2014
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2013
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2012
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
 
2011
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2010
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2009
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2008
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2007
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2006
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
 
2005
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2004
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
 
LA VETRINA E IL RETROBOTTEGA DEL NEGOZIO DELL’#ANTIMAFIA
  ITALIA: DA ‘CULLA’ A ‘TOMBA’ DEL DIRITTO?  
  APPELLO AL GOVERNATORE DELLA CALIFORNIA PER JARVIS JAY MASTERS  
  MOZIONE GENERALE DEL 40ESIMO CONGRESSO STRAORDINARIO DEL PARTITO RADICALE NONVIOLENTO, TRANSNAZIONALE E TRANSPARTITO  
  ELISABETTA ZAMPARUTTI CONFERMATA AL CPT PER SECONDO MANDATO  
  NESSUNO TOCCHI CAINO PRESENTA IL VOLUME ‘IL VIAGGIO DELLA SPERANZA’ IL 10 SETTEMBRE A BRINDISI  
news
-
azioni urgenti
-
banca dati
-
campagne
-
chi siamo
-
area utenti
-
privacy e cookies
-
credits