Anno
Ultime notizie
Archivio notizie
Guida all'uso della Banca Dati
MOZIONE GENERALE DEL VI° CONGRESSO DI NTC
La pena di morte nel mondo (al 30 giugno 2016)
DISCORSO di Papa Francesco
Analisi dati Rapporto 2015 e Obiettivi di NtC
SINTESI DEI FATTI PIÙ IMPORTANTI DEL 2015 (e dei primi sei mesi del 2016)
Esecuzioni nel 2014
Esecuzioni nel 2015 (al 30 giugno)
Reportage Comore Sergio D'Elia
Reportage Niger Marco Perduca
Premio l'Abolizionista dell'Anno 2015
Messaggio di Sergio Mattarella al VI° Congresso di NtC
Relazione di Sergio D'Elia al VI° Congresso di NtC
Relazione di Elisabetta Zamparutti al VI° Congresso di NtC
Rapporto IL VOLTO SORRIDENTE DEI MULLAH
DOSSIER IRAN APRILE 2016
Dossier su Pena di Morte e Omosessualità
Reportage di Elisabetta Zamparutti
Protocollo di intesa tra NtC e CNF
Dichiarazione finale del seminario del Cairo 15/16 maggio 2017
Azioni in corso
Archivio azioni
Campagne in corso
Archivio campagne

RAPPORTO DEL SECONDO FORUM ANNUALE DELL'UE SULLA PENA DI MORTE IN ZAMBIA

RISOLUZIONE ONU 2012
RISOLUZIONE ONU 2010

DICHIARAZIONE DI LIBREVILLE

Organi Dirigenti
Dossier Iraq 2003

Le sedi
DICHIARAZIONE DI COTONOU 2014

I video
RISOLUZIONE ONU 2014

Adesioni Comuni, Province, Regioni

BILANCI DI NESSUNO TOCCHI CAINO

La campagna per la moratoria ONU delle esecuzioni capitali
DOSSIER GIAPPONE

DONA IL 5x1000 A NESSUNO TOCCHI CAINO
DOSSIER IRAN

FIRMATARI APPELLO ALLE NAZIONI UNITE

DEDUCIBILITA' FISCALE


Appello dei PREMI NOBEL
RISOLUZIONE ONU 2007
DOSSIER LIBIA
DOSSIER USA 2011
Abbiamo fatto
RISOLUZIONE ONU 2008
DOSSIER PENA DI MORTE 2008
VIDEO MISSIONE IN CIAD
Le pubblicazioni
RISOLUZIONE DELLA CONFERENZA DI KIGALI 2011

DOSSIER MORATORIA
DOSSIER COMMERCIO LETALE
DICHIARAZIONE FINALE DELLA CONFERENZA DI FREETOWN 2014
Gli obiettivi

L'AUTENTICA STORIA DEL 'TERRORISTA' SERGIO D'ELIA

Acquista il rapporto di Nessuno tocchi Caino

Contributi artistici

Contattaci
Organi Dirigenti
Newsletter
Iscriviti a NTC
Acquista le pubblicazioni
Forum utenti
Scarica l'appello per la moratoria

IL CARCERE E’ UN PERICOLO PER LA SOCIETA’. VA ABOLITO

2 gennaio 2022:

Luigi Manconi* su Il Riformista del 31 dicembre 2021

Carissimi,
sono tentato di fare mio quel “sono un detenuto” di Totò Cuffaro perché convinto, come lui, che chi è stato recluso lo è in qualche modo per sempre. Nel senso che chi ha conosciuto la prigione ne subisce gli effetti e i condizionamenti per tutta la vita. Anch’io sono stato in cella per sette mesi, ma richiamare una durata tanto breve suona quasi ridicolo quando si parla davanti a “lungodegenti”: persone che il carcere lo patiranno per anni e per decenni.
D’altra parte, cinquant’anni fa, io ero un detenuto politico, arrestato a seguito di gravi scontri con militanti neofascisti. Questo è un dato importante perché io, quei sette mesi, non solo li ho trascorsi in diverse carceri italiane il cui livello di decoro era superiore a quello attuale, ma perché vivevo la reclusione con un atteggiamento di tranquillità operosa; e perché, soprattutto, la prigionia era conseguenza di una consapevole scelta politica e ciò dava al carcere un suo senso: un effetto collaterale, non voluto ma non sorprendente della militanza politica.
All’opposto, è mia convinzione che oggi il carcere non abbia alcun senso. Nessuna razionalità e nessuna utilità. Un sistema totalmente fallimentare rispetto allo scopo indicato dalla Carta costituzionale. Una macchina insensata: criminogena e patogena. Criminogena perché il suo effetto principale è quello di riprodurre all’infinito crimini e criminali. La sola ricerca attendibile sulla recidiva ci dice che, per chi sconta interamente la pena in carcere, la reiterazione del reato sfiora il settanta percento. Patogena in quanto genera malattia, autolesionismo, morte. Il tasso di suicidi, secondo uno studio condotto insieme al professor Giovanni Torrente, è superiore di sedici-diciassette volte rispetto a quello registrato nella corrispondente fascia d’età tra le persone libere. Da qui la convinzione profonda che il carcere vada abolito.
Nel 2015, con Stefano Anastasia, Valentina Calderone e Federica Resta, abbiamo scritto un libro con questo titolo: Abolire il carcere. Una ragionevole proposta per la sicurezza dei cittadini, pubblicato da Chiare Lettere, di cui stiamo curando una nuova edizione per i primi mesi dell’anno.
Dico subito che la nostra non è una provocazione né un palpito profetico. É, invece, un programma politico e una strategia normativa. Abolire il carcere significa, cioè, mettere in atto una serie di misure e provvedimenti capaci progressivamente ma concretamente di rendere la cella superflua, di ridurre la sua apparente necessità e ineludibilità: e di lavorare affinché costituisca davvero l’extrema ratio.
Quando, qualche tempo fa, mi capitò di essere Sottosegretario alla Giustizia con delega al carcere, insieme al magistrato Sebastiano Ardita, responsabile dell’ufficio Detenuti e trattamento del DAP, commissionammo un’indagine che evidenziò come la quota di reclusi “socialmente pericolosi” superasse di poco il dieci percento dell’intera popolazione detenuta. Per quella minoranza il carcere rappresenta, probabilmente, la sola possibile misura di contenimento. Ma per tutti gli altri?
Un programma alternativo è possibile, secondo i seguenti punti. Depenalizzazione. Va prevista una depenalizzazione generale, che sostituisca la sanzione penale con quella amministrativa o civile rispetto a reati non espressione di una particolare pericolosità dell’autore, e per il contrasto dei quali l’adozione di misure alternative non penali possa ritenersi sufficientemente dissuasiva. Decarcerizzazione. Il ricorso al carcere dev’essere limitato ai delitti di gravità e pericolosità tali da far temere il “pericolo della libertà” del loro autore. In sostituzione vanno previste la detenzione domiciliare o sanzioni interdittive, prescrittive e pecuniarie. In alcuni ordinamenti, quali quello tedesco, greco e danese, l’ambito di applicazione della multa è talmente ampio (si stima dell’85% delle pene irrogate in Germania), da limitare le pene detentive ai soli condannati socialmente pericolosi (stimati al 15% nella stessa Germania). Va da sé che le sanzioni pecuniarie
  debbano essere modulate in rapporto alla capacità economica dei condannati.
Una ulteriore e drastica riduzione della popolazione detenuta si può ottenere attraverso misure che riguardino tre “gruppi” vulnerabili, particolarmente numerosi nelle carceri: tossicomani, pazienti psichici, stranieri che, privi di regolari titoli di ingresso e soggiorno in Italia, finiscono col precipitare, per varie ragioni, nell’illegalità e nel circuito penale.
Se questi provvedimenti e la prospettiva nella quale vanno inseriti appaiono irrealizzabili è solo perché manca la volontà politica di tradurli in concreti progetti di riforma. E manca la consapevolezza di un dato generalmente trascurato, eppure rivelatore: la Costituzione non parla mai di carcere, né di pena detentiva. Anche se i costituenti conoscevano solo il carcere, forse l’avevano conosciuto tanto bene sulla propria pelle da non voler aggettivare le pene, lasciando campo libero a un legislatore che volesse cambiare radicalmente la fisionomia delle sanzioni. Siamo dunque autorizzati a osare. O, almeno, a sperare. Auguro un grande successo a Nessuno Tocchi Caino. (Ha collaborato Lucrezia Fortuna)

* Intervento al Congresso di Nessuno tocchi Caino

Altre news:
INDIA: STUDI UNIVERSITARI PER DUE CONDANNATI A MORTE
BIELORUSSIA: CAMERA BASSA APPROVA PENA DI MORTE PER TERRORISMO
VIETNAM: CONDANNATO A MORTE PER L’OMICIDIO DELLA SORELLA
PROSSIMI APPUNTAMENTI DI NESSUNO TOCCHI CAINO
IRAN - Maryam Kargardastjerdi, una donna speciale
IRAN - La ministra per gli Affari delle Donne e della Famiglia incoraggia le bambine a sposarsi
IRAN - Svezia. L'Iran convoca l'ambasciatore svedese
PROSSIMI APPUNTAMENTI DI NESSUNO TOCCHI CAINO

[<< Prec] 1 2
2022
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
  2021
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2020
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2019
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2018
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
 
2017
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2016
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2015
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2014
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2013
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2012
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
 
2011
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2010
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2009
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2008
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2007
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2006
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
 
2005
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2004
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
 
LA VETRINA E IL RETROBOTTEGA DEL NEGOZIO DELL’#ANTIMAFIA
  ITALIA: DA ‘CULLA’ A ‘TOMBA’ DEL DIRITTO?  
  APPELLO AL GOVERNATORE DELLA CALIFORNIA PER JARVIS JAY MASTERS  
  MOZIONE GENERALE DEL 40ESIMO CONGRESSO STRAORDINARIO DEL PARTITO RADICALE NONVIOLENTO, TRANSNAZIONALE E TRANSPARTITO  
  ELISABETTA ZAMPARUTTI CONFERMATA AL CPT PER SECONDO MANDATO  
  NESSUNO TOCCHI CAINO PRESENTA IL VOLUME ‘IL VIAGGIO DELLA SPERANZA’ IL 10 SETTEMBRE A BRINDISI  
news
-
azioni urgenti
-
banca dati
-
campagne
-
chi siamo
-
area utenti
-
privacy e cookies
-
credits