Anno
Ultime notizie
Archivio notizie
Guida all'uso della Banca Dati
MOZIONE GENERALE DEL VI° CONGRESSO DI NTC
La pena di morte nel mondo (al 30 giugno 2016)
DISCORSO di Papa Francesco
Analisi dati Rapporto 2015 e Obiettivi di NtC
SINTESI DEI FATTI PIÙ IMPORTANTI DEL 2015 (e dei primi sei mesi del 2016)
Esecuzioni nel 2014
Esecuzioni nel 2015 (al 30 giugno)
Reportage Comore Sergio D'Elia
Reportage Niger Marco Perduca
Premio l'Abolizionista dell'Anno 2015
Messaggio di Sergio Mattarella al VI° Congresso di NtC
Relazione di Sergio D'Elia al VI° Congresso di NtC
Relazione di Elisabetta Zamparutti al VI° Congresso di NtC
Rapporto IL VOLTO SORRIDENTE DEI MULLAH
DOSSIER IRAN APRILE 2016
Dossier su Pena di Morte e Omosessualità
Reportage di Elisabetta Zamparutti
Protocollo di intesa tra NtC e CNF
Dichiarazione finale del seminario del Cairo 15/16 maggio 2017
Azioni in corso
Archivio azioni
Campagne in corso
Archivio campagne

RAPPORTO DEL SECONDO FORUM ANNUALE DELL'UE SULLA PENA DI MORTE IN ZAMBIA

RISOLUZIONE ONU 2012
RISOLUZIONE ONU 2010

DICHIARAZIONE DI LIBREVILLE

Organi Dirigenti
Dossier Iraq 2003

Le sedi
DICHIARAZIONE DI COTONOU 2014

I video
RISOLUZIONE ONU 2014

Adesioni Comuni, Province, Regioni

BILANCI DI NESSUNO TOCCHI CAINO

La campagna per la moratoria ONU delle esecuzioni capitali
DOSSIER GIAPPONE

DONA IL 5x1000 A NESSUNO TOCCHI CAINO
DOSSIER IRAN

FIRMATARI APPELLO ALLE NAZIONI UNITE

DEDUCIBILITA' FISCALE


Appello dei PREMI NOBEL
RISOLUZIONE ONU 2007
DOSSIER LIBIA
DOSSIER USA 2011
Abbiamo fatto
RISOLUZIONE ONU 2008
DOSSIER PENA DI MORTE 2008
VIDEO MISSIONE IN CIAD
Le pubblicazioni
RISOLUZIONE DELLA CONFERENZA DI KIGALI 2011

DOSSIER MORATORIA
DOSSIER COMMERCIO LETALE
DICHIARAZIONE FINALE DELLA CONFERENZA DI FREETOWN 2014
Gli obiettivi

L'AUTENTICA STORIA DEL 'TERRORISTA' SERGIO D'ELIA

Acquista il rapporto di Nessuno tocchi Caino

Contributi artistici

Contattaci
Organi Dirigenti
Newsletter
Iscriviti a NTC
Acquista le pubblicazioni
Forum utenti
Scarica l'appello per la moratoria

USA - Guantanamo (Cuba)
USA - Guantanamo (Cuba)
USA - Guantánamo Bay, 20 anni dopo

9 gennaio 2022:

Guantánamo Bay, 20 anni dopo.
Il 4 gennaio 2002 l'ordine di allestire in fretta il campo. 3 giorni per costruirlo, ma ora sembra impossibile chiuderlo.
L'enclave gestita dagli Stati Uniti si è rivelata difficile da smantellare in 2 decenni, un'anomalia legale e una zavorra sulla reputazione globale dell'America.
Il 4 gennaio 2002, il generale di brigata Michael Lehnert aveva ricevuto un ordine di schieramento urgente. Gli veniva ordinato di prendere un piccolo contingente di marines e marinai e costruire un campo di prigionia nell'enclave militare gestita dagli Stati Uniti sulla costa meridionale di Cuba, Guantánamo Bay. Lehnert ha avuto 96 ore per schierare e costruire le prime 100 celle, in tempo per l’arrivo, l’11 gennaio, del primo aereo carico di prigionieri in arrivo dall’Afghanistan. Il lavoro è stato eseguito in tempo: una griglia di gabbie a maglie di catena circondate da filo spinato e 6 torri di guardia in compensato presidiate da tiratori scelti. C'erano 5 baracche senza finestre per gli interrogatori. Si chiamava Campo X-Ray. Il campo X-Ray è stato costruito in tre giorni, in seguito si è sviluppato ed espanso, e nel corso degli anni ha ospitato circa 780 detenuti, molti dei quali erano stati rastrellati arbitrariamente sul campo di battaglia. Uno studio universitario ha rilevato che il 55% di loro non aveva commesso atti ostili contro gli Stati Uniti oi suoi alleati. 3 degli ultimi quattro presidenti degli Stati Uniti (Donald Trump è l'eccezione) hanno cercato di chiuderlo, ma 20 anni dopo, è ancora lì, un'anomalia legale e un peso di piombo avvolto intorno alla reputazione globale dell'America. Con l'avvicinarsi del 20° anniversario, Lehnert, ora in pensione, è apparso a un'udienza al Senato e ha esternato i suoi ricordi con rammarico. "La velocità della creazione di Guantánamo e l'urgenza di ottenere informazioni hanno avuto conseguenze negative", ha detto Lehnert ai senatori. "Non sono un avvocato, ma anche io so che quando si rinuncia a generazioni di pensiero legale e precedenti, accadono cose brutte". Lehnert aveva fatto parte di un gruppo di ufficiali militari che avevano cercato di fare di Guantánamo un campo di prigionia convenzionale, soggetto alle convenzioni di Ginevra, ma erano stati scavalcati dai loro superiori al Pentagono, che avevano scelto il luogo proprio perché si trovava all'esterno dello “stato di diritto”.
"Ricordo di aver sentito conversazioni sul fatto che fosse utile creare una struttura per trattenere i terroristi catturati a Guantánamo, perché fondamentalmente non c'era un contesto legale chiaro e questo era visto come un vantaggio", Daniel Fried, un diplomatico statunitense che all'epoca lavorava alla Casa Bianca durante l’amministrazione Bush, ha detto al Guardian. “Quello che continuavo a sentire in quei giorni era che si trattasse di un mondo nuovo di zecca, le vecchie regole non si applicano. "Si è rivelato un terribile errore", ha detto. Lo stesso Fried urante l’amministrazione Obama è stato nominato inviato speciale per la chiusura di Guantánamo. Ha avuto un certo successo nel primo anno dell'amministrazione nel persuadere i governi alleati ad accettare i detenuti di Guantánamo, e la popolazione del campo è stata ridotta a 41, ma Barack Obama non ha mantenuto la sua promessa di chiuderlo completamente. Di fronte alla furiosa opposizione locale la sua amministrazione ha rinunciato all’idea di celebrare i processi a New York, e collocare i detenuti in una prigione vuota nell'Illinois. Guantánamo Bay (conosciuta nelle forze armate statunitensi con la sua abbreviazione GTMO) è stata lasciata a marcire. Le condizioni sono migliorate: i detenuti non sono più in isolamento e sono rinchiusi in blocchi di celle con frigoriferi e dispense comuni, ma il fatto della detenzione senza processo resta una costante. Nei 20 anni della sua esistenza, accuse formali sono state ratificate solo contro 12 detenuti, e solo 2 sono stati condannati dalle commissioni militari (Le Military Commissions sono l’equivalente di una Corte Marziale, ma le corti marziali processano i militari appartenenti alle proprie forze armate, mentre le Commissioni processano prigionieri stranieri). Il processo contro i cinque accusati di partecipazione diretta al complotto dell'11 settembre, inclusa la sua presunta mente, Khalid Sheikh Mohammed, non è nemmeno iniziato. Stanno entrando nel decimo anno di udienze preliminari. All'altro capo della scala, 13 detenuti di "basso valore" sono stati autorizzati al trasferimento, in alcuni casi molti anni fa. Ad esempio Tawfiq al-Bihani, uno yemenita prelevato in Iran nel 2001, è stato raccomandato per il rimpatrio nel 2010. Ma a causa dell'opposizione repubblicana del Congresso, dell'inerzia burocratica e della difficoltà di trovare paesi disposti ad accettarli, sono ancora bloccati sull'isola.
Il senatore democratico Dick Durbin, presiedendo l'audizione della commissione giudiziaria del mese scorso, ha osservato: "Siamo andati e tornati dai conflitti in quell’area, ma il centro di detenzione di Guantánamo è ancora aperto e ogni giorno che rimane aperto è un affronto al nostro sistema di giustizia e allo stato di diritto. È dove il giusto processo va a morire".
È anche il luogo in cui un numero crescente di detenuti può porre fine alla propria vita. Negli ultimi 20 anni, nove detenuti sono morti nel campo, sette dei quali per apparente suicidio. Uno di questi era Yasser Talal Al Zahrani, un saudita che al momento della sua cattura in Afghanistan nel 2002 era adolescente. Fu trovato morto nella sua cella 4 anni dopo. La sua famiglia insiste sul fatto che non si sia tolto la vita. "Molte persone non si rendono conto della gravità dell'essere imprigionati a GTMO", ha detto Omar Deghayes, cittadino libico e residente nel Regno Unito, che ha trascorso lì cinque anni senza accusa. È tornato cieco da un occhio. Sostiene siano i postumi di un’aggressione da parte di una guardia. “Non è come la gente immagina. È peggio", ha detto Deghayes. “Non vedo perché GTMO sia aperto quando la guerra in Afghanistan è finita. Metti le persone sotto processo, lascia che vedano le prove e rappresentino sé stesse, o rilasciale”.
Col passare del tempo, sempre più prigionieri rischiano la morte a Guantánamo per cause naturali. Diventerà sempre più una casa di cura molto costosa, ma molto rudimentale, nei Caraibi. Secondo il New York Times, il Pentagono ha chiesto 88 milioni di dollari per costruire un ospizio per i detenuti anziani. Il campo di prigionia costa già oltre mezzo miliardo di dollari all'anno, con circa 14 milioni di dollari per detenuto, rispetto ai circa 80.000 dollari di un detenuto nelle carceri "supermax" statunitensi. Joe Biden, come Obama, si è impegnato a chiudere il campo, ma finora ha ridotto di uno solo la popolazione carceraria. Abdul Latif Nasser, un marocchino catturato in Afghanistan, è stato rimpatriato nel suo paese d'origine a luglio, dopo essere stato trattenuto per 19 anni senza accuse. Era sul punto di essere rilasciato nel 2016, ma le pratiche necessarie non erano state completate in tempo prima che l'amministrazione Trump entrasse in carica. Tutto il lavoro sui rilasci si è interrotto e Nasser ha dovuto aspettare quasi altri 5 anni. Il suo avvocato, Thomas Durkin, dubita che il rilascio di Nasser faccia parte di un più ampio piano amministrativo per chiudere la prigione.
"Non sono sicuro di quale sia la loro strategia", ha detto Durkin. “Dicono di voler chiudere Guantánamo, ma sembrano incappare negli stessi problemi di Obama... Guantánamo ha preso vita propria. È un enorme albatro politico e francamente Obama ha lasciato cadere la palla”. (Probabilmente la metafora dell’albatro fa riferimento alle enormi capacità di planata dell’uccello marino, che gli permettono di rimanere in volo continuo quasi all’infinito, ndt) Nel 2010, il Congresso, allora guidato dai repubblicani, aveva approvato un disegno di legge sulla spesa per la difesa che includeva clausole volte a prevenire i trasferimenti di prigionieri negli Stati Uniti e a porre restrizioni ai trasferimenti da Guantánamo. Tali restrizioni da allora sono state rinnovate e adeguate ogni anno. I critici di Biden affermano che Biden sta usando il Congresso come scusa per i suoi lenti progressi. Sottolineano che non ha nominato un inviato speciale e la sua amministrazione ha rifiutato gli inviti a inviare funzionari all'udienza del Senato su Guantánamo. Un influente repubblicano nella commissione giudiziaria del Senato, Chuck Grassley, ha schernito la squadra di Biden, dicendo: "Nessuno dell'amministrazione è venuto a difendere il piano del presidente di chiudere Guantánamo, e non sono sicuro che ci sia un piano".
I funzionari dell'amministrazione insistono sul fatto che gran parte del lavoro di base per lo svuotamento del campo viene svolto dietro le quinte senza clamore e che, con un numero relativamente piccolo di detenuti rimasti, non era più necessario un inviato speciale. "Il dipartimento di stato dispone di una squadra funzionari nel suo ufficio di antiterrorismo che si concentra sui trasferimenti di Guantánamo e su questioni correlate", ha affermato un alto funzionario dell'amministrazione. “Il dipartimento si impegna a garantire che possa affrontare efficacemente le esigenze di questa missione prioritaria. Con solo 39 detenuti rimasti, ora ci troviamo di fronte a un panorama molto diverso”.
Ciò che non è cambiato in quel panorama è la ferma opposizione repubblicana a qualsiasi mossa verso la chiusura del campo di prigionia. I leader repubblicani del Congresso, che hanno sostenuto i trasferimenti sotto l'amministrazione Bush, ora descrivono tutti i detenuti di Guantánamo, dagli accusati dell'11 settembre a quelli autorizzati al rilascio anni fa, come "terroristi". Nell'udienza di dicembre, Grassley ha invocato "oltre 4.000 nostri uomini hanno dato la vita in una guerra al terrorismo in Iraq e Afghanistan". "I veterani di quelle guerre hanno dato vita e corpo per proteggere gli americani dai terroristi, come quelli di Guantánamo Bay", ha detto Grassley. Di fronte a tale opposizione assolutista, Hina Shamsi, direttrice del progetto di sicurezza nazionale presso l'American Civil Liberties Union, ha affermato che la migliore strategia per l’amministrazione sarebbe quella di abbandonare la sua opposizione nei casi di habeas corpus (quando i difensori insistono sulla mancanza di prove, ndt) e consentire ai tribunali di ordinare il trasferimento dei prigionieri, che così potrebbero essere fatti "in modo responsabile, legale e sicuro", ha detto Shamsi. "Con i trasferimenti ordinati dal tribunale, non ci sono requisiti di notifica al Congresso". Per quanto riguarda i detenuti già rinviati a giudizio, ha sostenuto che l'amministrazione dovrebbe perseguire un patteggiamento, il che comporterebbe, tra gli altri compromessi, la rimozione della pena di morte dal tavolo. La tempesta politica che scoppierebbe su qualsiasi patteggiamento sarebbe esplosiva e fornirebbe ulteriore carburante ai repubblicani per descrivere Biden come debole di fronte ai nemici dell'America. Ma Bernard Harcourt, un professore di diritto che ha rappresentato anche Abdul Latif Nasser, ha detto che la politica per Biden non migliorerà affatto. "Questi sono il tipo di spine che devi estrarre immediatamente", ha detto Harcourt. “Con le elezioni di metà mandato e poi un'altra elezione presidenziale, la pressione non si allenterà. Andrà solo peggio".  

https://www.theguardian.com/us-news/2022/jan/09/guantanamo-bay-20-years-on-detainees

 

(Fonte: The Guardian, 09/01/2022)

Altre news:
NIGERIA: CARCERE PER CHI PAGA IL RISCATTO E PENA DI MORTE PER I SEQUESTRATORI
IRAN - Svezia. Ahmadreza Djalali a rischio imminente di esecuzione
INDIA: STUDI UNIVERSITARI PER DUE CONDANNATI A MORTE
USA - Missouri Carman Deck è stato giustiziato
INDIA: CINQUE CONDANNATI A MORTE E UNO ALL’ERGASTOLO PER OMICIDI SU COMMISSIONE
IRAN - Maryam Kargardastjerdi, una donna speciale
IRAN - La ministra per gli Affari delle Donne e della Famiglia incoraggia le bambine a sposarsi
BIELORUSSIA: CAMERA BASSA APPROVA PENA DI MORTE PER TERRORISMO
PROSSIMI APPUNTAMENTI DI NESSUNO TOCCHI CAINO
IRAN - Svezia. L'Iran convoca l'ambasciatore svedese
VIETNAM: CONDANNATO A MORTE PER L’OMICIDIO DELLA SORELLA
PROSSIMI APPUNTAMENTI DI NESSUNO TOCCHI CAINO

[<< Prec] 1 2 3
2022
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
  2021
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2020
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2019
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2018
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
 
2017
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2016
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2015
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2014
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2013
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2012
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
 
2011
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2010
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2009
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2008
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2007
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2006
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
 
2005
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2004
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
 
LA VETRINA E IL RETROBOTTEGA DEL NEGOZIO DELL’#ANTIMAFIA
  ITALIA: DA ‘CULLA’ A ‘TOMBA’ DEL DIRITTO?  
  APPELLO AL GOVERNATORE DELLA CALIFORNIA PER JARVIS JAY MASTERS  
  MOZIONE GENERALE DEL 40ESIMO CONGRESSO STRAORDINARIO DEL PARTITO RADICALE NONVIOLENTO, TRANSNAZIONALE E TRANSPARTITO  
  ELISABETTA ZAMPARUTTI CONFERMATA AL CPT PER SECONDO MANDATO  
  NESSUNO TOCCHI CAINO PRESENTA IL VOLUME ‘IL VIAGGIO DELLA SPERANZA’ IL 10 SETTEMBRE A BRINDISI  
news
-
azioni urgenti
-
banca dati
-
campagne
-
chi siamo
-
area utenti
-
privacy e cookies
-
credits