Anno
Ultime notizie
Archivio notizie
Guida all'uso della Banca Dati
MOZIONE GENERALE DEL VI° CONGRESSO DI NTC
La pena di morte nel mondo (al 30 giugno 2016)
DISCORSO di Papa Francesco
SINTESI DEI FATTI PIÙ IMPORTANTI DEL 2015 (e dei primi sei mesi del 2016)
Analisi dati Rapporto 2015 e Obiettivi di NtC
Esecuzioni nel 2014
Esecuzioni nel 2015 (al 30 giugno)
Reportage Comore Sergio D'Elia
Reportage Niger Marco Perduca
Premio l'Abolizionista dell'Anno 2015
Messaggio di Sergio Mattarella al VI° Congresso di NtC
Relazione di Sergio D'Elia al VI° Congresso di NtC
Relazione di Elisabetta Zamparutti al VI° Congresso di NtC
Rapporto IL VOLTO SORRIDENTE DEI MULLAH
DOSSIER IRAN APRILE 2016
Dossier su Pena di Morte e Omosessualità
Reportage di Elisabetta Zamparutti
Protocollo di intesa tra NtC e CNF
Dichiarazione finale del seminario del Cairo 15/16 maggio 2017
Azioni in corso
Archivio azioni
Campagne in corso
Archivio campagne

RAPPORTO DEL SECONDO FORUM ANNUALE DELL'UE SULLA PENA DI MORTE IN ZAMBIA

RISOLUZIONE ONU 2012
RISOLUZIONE ONU 2010

DICHIARAZIONE DI LIBREVILLE

Organi Dirigenti
Dossier Iraq 2003

Le sedi
DICHIARAZIONE DI COTONOU 2014

I video
RISOLUZIONE ONU 2014

Adesioni Comuni, Province, Regioni

BILANCI DI NESSUNO TOCCHI CAINO

La campagna per la moratoria ONU delle esecuzioni capitali
DOSSIER GIAPPONE

DONA IL 5x1000 A NESSUNO TOCCHI CAINO
DOSSIER IRAN

FIRMATARI APPELLO ALLE NAZIONI UNITE

DEDUCIBILITA' FISCALE


Appello dei PREMI NOBEL
RISOLUZIONE ONU 2007
DOSSIER LIBIA
DOSSIER USA 2011
Abbiamo fatto
RISOLUZIONE ONU 2008
DOSSIER PENA DI MORTE 2008
VIDEO MISSIONE IN CIAD
Le pubblicazioni
RISOLUZIONE DELLA CONFERENZA DI KIGALI 2011

DOSSIER MORATORIA
DOSSIER COMMERCIO LETALE
DICHIARAZIONE FINALE DELLA CONFERENZA DI FREETOWN 2014
Gli obiettivi

L'AUTENTICA STORIA DEL 'TERRORISTA' SERGIO D'ELIA

Acquista il rapporto di Nessuno tocchi Caino

Contributi artistici

Contattaci
Organi Dirigenti
Newsletter
Iscriviti a NTC
Acquista le pubblicazioni
Forum utenti
Scarica l'appello per la moratoria

IRAN - Jafar Javanmardi
IRAN - Jafar Javanmardi
IRAN - Agente di polizia Jafar Javanmardi condannato a morte per l’uccisione di un manifestate

3 aprile 2024:

03/04/2024 - IRAN. Agente di polizia condannato a morte per l’uccisione di un manifestate
I possibili motivi dietro un fatto più unico che raro
I media internazionali, tra cui l'Agence France Presse, hanno riferito mercoledì che un agente di polizia iraniano, Jafar Javanmardi, è stato condannato a morte per l'uccisione di un manifestante durante la rivolta nazionale della fine del 2022. La vittima, Mehran Samak, aveva espresso il suo sostegno al movimento di protesta antigovernativo il 30 novembre di quell'anno suonando il clacson del suo veicolo per festeggiare la sconfitta della nazionale di calcio iraniana contro gli Stati Uniti ai Mondiali. In risposta a quel gesto, Javanmardi avrebbe sparato almeno un colpo di fucile calibro 12, uccidendo Samak.
La notizia della condanna di Javanmardi non ha chiarito se fosse o meno l'unico agente coinvolto nell'incidente. Né hanno specificato quali prove siano state utilizzate dalla corte per accertare che fosse l'unico responsabile dell'omicidio. Questo è probabilmente degno di nota perché dalla fine del 2022, diversi manifestanti sono stati ritenuti responsabili dell'uccisione di agenti di sicurezza, ma mai il contrario.
In molti casi, le prove utilizzate per condannare i manifestanti includevano confessioni che si presumeva fossero state estorte con la tortura, mentre i tribunali sono stati accusati di aver soppresso prove che dimostravano l'innocenza di alcuni imputati. Queste pratiche sono state utilizzate anche per assicurare condanne a più persone in relazione a singole morti. Secondo quanto riferito, decine di persone sono state condannate a morte e almeno nove sono state giustiziate finora, anche se le accuse alla base di queste esecuzioni non sono tecnicamente di omicidio, ma piuttosto di "inimicizia contro Dio" e "diffusione della corruzione sulla Terra".
Javanmardi, invece, è stato condannato a morte "in conformità con la legge islamica nota come legge 'qisas', con l'accusa di omicidio premeditato", secondo un avvocato della famiglia di Samak. Ciò indica che le uccisioni illegali da parte delle forze di sicurezza e le azioni di protesta che portano a lesioni o morte sono considerate categoricamente diverse dalla magistratura iraniana, anche se l'esito è lo stesso in alcuni casi.
Naturalmente, raramente l'esito è lo stesso e la condanna a morte di Javanmardi sembra essere unica. Nei 19 mesi trascorsi dall'inizio della rivolta, non sono state registrate altre sentenze di questo tipo da parte della polizia o di altre autorità. In effetti, Javanmardi è uno dei pochissimi agenti ad affrontare qualsiasi ripercussione legale per le azioni intraprese durante la rivolta, nonostante il fatto che centinaia di manifestanti siano stati uccisi nelle strade e nelle strutture di detenzione tra il settembre 2022 e la fine dello stesso anno.
Secondo il principale gruppo di opposizione pro-democrazia, l'Organizzazione Mojahedin del Popolo dell'Iran, il numero di vittime ha raggiunto rapidamente le 750 unità, mentre oltre 30.000 manifestanti sono stati arrestati. Nel suo recente rapporto, una missione d'inchiesta sulla repressione del regime ha riferito al Consiglio per i Diritti Umani delle Nazioni Unite che ci sono stati sicuramente più di 550 morti tra i manifestanti e che le autorità hanno deliberatamente mirato a causare lesioni permanenti con pratiche come sparare con fucili da caccia caricati a pallini direttamente sugli occhi delle persone.
Teheran ha di fatto confermato la stima degli arresti del PMOI, ma continua a negare le cifre delle vittime.
L'annuncio della condanna di Javanmardi è probabilmente una conseguenza delle preoccupazioni suscitate nelle autorità iraniane dall'attenzione internazionale al rapporto iniziale della missione d'inchiesta. La condanna a morte di un agente di polizia abusivo può dare un'impressione superficiale di equilibrio e imparzialità nella risposta del regime alla rivolta del 2022. Ma ovviamente questa impressione svanisce quando il caso di Javanmardi viene contestualizzato con tutti i procedimenti giudiziari a carico di manifestanti non violenti e con tutte le accuse di abusi che sono state esplicitamente respinte dalle autorità del regime.
Non è il primo caso in cui queste autorità chiedono apparentemente all'opinione pubblica di dare loro credito per aver protetto i diritti dei manifestanti. Poco dopo che le proteste a livello nazionale hanno cominciato a diminuire d’intensità all'inizio del 2023, la Guida Suprema Ali Khamenei aveva annunciato un'ampia offerta di amnistia alle persone che erano state arrestate durante la rivolta e che avevano già ricevuto pene detentive o stavano affrontando procedimenti che avrebbero potuto portare a pene pluriennali. I media di Stato iraniani hanno citato esplicitamente questo annuncio come prova di compassione e pazienza da parte delle forze dell'ordine iraniane, ma i gruppi di attivisti hanno subito sollevato dubbi sulla veridicità dell'offerta di Khamenei e sui termini dell'eventuale rilascio dei detenuti.
Questi dubbi sono stati poi confermati dalle notizie secondo cui i beneficiari dell'amnistia sono stati costretti a firmare lettere di scuse che di fatto sono diventate confessioni di crimini in assenza di un processo. Le lettere contenevano anche la promessa di evitare attività simili in futuro, fornendo così un pretesto per un nuovo arresto nel caso in cui si scoprisse che gli ex arrestati continuavano a sostenere il cambiamento politico o sociale. Negli ultimi mesi, con la prosecuzione della repressione del dissenso da parte del regime, sono stati segnalati numerosi casi di persone beneficiarie dell'amnistia che sono state arrestate e condannate a pene chiaramente ancora legate alla rivolta del 2022.
La condanna a morte di Javanmardi potrebbe avere lo scopo di distogliere l'attenzione da questo fenomeno e dai risultati della missione d'inchiesta dell'UNHRC. Ma in assenza di una vera trasparenza sul suo caso e su altri simili, è più probabile che l'agente di polizia condannato diventi semplicemente un nuovo punto di discussione sulla propensione del regime per le condanne a sfondo politico, le confessioni forzate e i capri espiatori. Ciò è particolarmente probabile alla luce del fatto che Javanmardi non è l'unico funzionario del regime a essere vistosamente ritenuto responsabile di più ampie malefatte in momenti di sensibilità politica per il regime.

https://iranfocus.com/human-rights/50982-questionable-motives-behind-irans-death-sentence-for-police-officer-who-killed-protester/

(Fonte: iranfocus.com)

Altre news:
IRAN - Soraya Mohammadi giustiziata a Karaj il 24 aprile
IRAQ: QUASI 100 CONDANNE CAPITALI E ALL’ERGASTOLO PER DROGA TRA 2023 E 2024
SOMALIA: RILASCIATI SEI MAROCCHINI CHE ERANO STATI CONDANNATI A MORTE
IRAN - La morte di Raisi non significa la chiusura del caso sui suoi crimini
‘COMPRESENZA’
IRAN - Fardin Musazadeh e Mehdi Khadem giustiziati ad Ardebil il 19 maggio
IRAN - Ramin Saadat giustiziato a Miandoab il 18 maggio
IRAN - 4 donne premio Nobel per la Pace chiedono di porre fine alla serie di esecuzioni in Iran
VERONA: 20 MAGGIO VISITA AL CARCERE E CONFERENZA
‘IL PROCESSO? CHI SE NE FREGA, LI TENIAMO A GUANTANAMO A VITA’
ARABIA SAUDITA: SCIITA GIUSTIZIATO PER MINACCIA ALLA SICUREZZA NAZIONALE
LA VIA D’USCITA CHIAMATA PERDONO
IRAN - 1 donna, 5 uomini giustiziati a Urmia il 18 maggio
IRAN - Asghar Hajizadeh e Kaveh Bashangeh giustiziati a Salmas il 18 maggio
IRAN - 25 curdi giustiziati a maggio
IRAN - Yaser Abdollahi giustiziato a Isfahan il 18 maggio
IRAN Fatemeh Abdollahi giustiziata a Neyshabur il 18 maggio
IRAN - Giovane ebreo a rischio di esecuzione
NIGERIA: CONDANNATO ALLA LAPIDAZIONE PER OMOSESSUALITÀ DA UN TRIBUNALE DELLA SHARIA
IRAN - Azione urgente per fermare l'esecuzione di Parvin Mousavi
‘COMPRESENZA’ IL 17 MAGGIO AL CARCERE DI OPERA
BANGLADESH: ALTA CORTE LIMITA L’ISOLAMENTO PER I PRIGIONIERI DEL BRACCIO DELLA MORTE
IRAN - Razieh, una donna, giustiziata a Mashhad il 15 maggio
‘COMPRESENZA’ IL 17 MAGGIO AL CARCERE DI OPERA
IRAN - 5 uomini giustiziati a Karaj il 15 maggio
IRAQ: UNA CONDANNA A MORTE PER TRAFFICO DI DROGA
IRAN - Jafar Aslani giustiziato a Qazvin il 15 maggio
IRAN - Reza Gholamhosseini e Farokh Khan Mohammadi giustiziati a Ilam il 14 maggio
IRAN - Naser Atarod giustiziato a Qom il 14 maggio
USA - Ohio. Gurpreet Singh, 41 anni, asiatico, condannato a morte

1 2 3 4 [Succ >>]
2024
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
  2023
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2022
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2021
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2020
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
 
2019
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2018
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2017
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2016
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2015
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2014
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
 
2013
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2012
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2011
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2010
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2009
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2008
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
 
2007
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2006
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2005
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2004
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
 
Convegno a Spoleto
  IRAN - La moglie di Djalali sollecita più impegno dall’Europa  
  LA VETRINA E IL RETROBOTTEGA DEL NEGOZIO DELL’#ANTIMAFIA  
  ITALIA: DA ‘CULLA’ A ‘TOMBA’ DEL DIRITTO?  
  APPELLO AL GOVERNATORE DELLA CALIFORNIA PER JARVIS JAY MASTERS  
  MOZIONE GENERALE DEL 40ESIMO CONGRESSO STRAORDINARIO DEL PARTITO RADICALE NONVIOLENTO, TRANSNAZIONALE E TRANSPARTITO  
news
-
azioni urgenti
-
banca dati
-
campagne
-
chi siamo
-
area utenti
-
privacy e cookies
-
credits