Anno
Ultime notizie
Archivio notizie
Guida all'uso della Banca Dati
MOZIONE GENERALE DEL VI° CONGRESSO DI NTC
La pena di morte nel mondo (al 30 giugno 2016)
DISCORSO di Papa Francesco
SINTESI DEI FATTI PIÙ IMPORTANTI DEL 2015 (e dei primi sei mesi del 2016)
Analisi dati Rapporto 2015 e Obiettivi di NtC
Esecuzioni nel 2014
Esecuzioni nel 2015 (al 30 giugno)
Reportage Comore Sergio D'Elia
Reportage Niger Marco Perduca
Premio l'Abolizionista dell'Anno 2015
Messaggio di Sergio Mattarella al VI° Congresso di NtC
Relazione di Sergio D'Elia al VI° Congresso di NtC
Relazione di Elisabetta Zamparutti al VI° Congresso di NtC
Rapporto IL VOLTO SORRIDENTE DEI MULLAH
DOSSIER IRAN APRILE 2016
Dossier su Pena di Morte e Omosessualità
Reportage di Elisabetta Zamparutti
Protocollo di intesa tra NtC e CNF
Dichiarazione finale del seminario del Cairo 15/16 maggio 2017
Azioni in corso
Archivio azioni
Campagne in corso
Archivio campagne

RAPPORTO DEL SECONDO FORUM ANNUALE DELL'UE SULLA PENA DI MORTE IN ZAMBIA

RISOLUZIONE ONU 2012
RISOLUZIONE ONU 2010

DICHIARAZIONE DI LIBREVILLE

Organi Dirigenti
Dossier Iraq 2003

Le sedi
DICHIARAZIONE DI COTONOU 2014

I video
RISOLUZIONE ONU 2014

Adesioni Comuni, Province, Regioni

BILANCI DI NESSUNO TOCCHI CAINO

La campagna per la moratoria ONU delle esecuzioni capitali
DOSSIER GIAPPONE

DONA IL 5x1000 A NESSUNO TOCCHI CAINO
DOSSIER IRAN

FIRMATARI APPELLO ALLE NAZIONI UNITE

DEDUCIBILITA' FISCALE


Appello dei PREMI NOBEL
RISOLUZIONE ONU 2007
DOSSIER LIBIA
DOSSIER USA 2011
Abbiamo fatto
RISOLUZIONE ONU 2008
DOSSIER PENA DI MORTE 2008
VIDEO MISSIONE IN CIAD
Le pubblicazioni
RISOLUZIONE DELLA CONFERENZA DI KIGALI 2011

DOSSIER MORATORIA
DOSSIER COMMERCIO LETALE
DICHIARAZIONE FINALE DELLA CONFERENZA DI FREETOWN 2014
Gli obiettivi

L'AUTENTICA STORIA DEL 'TERRORISTA' SERGIO D'ELIA

Acquista il rapporto di Nessuno tocchi Caino

Contributi artistici

Contattaci
Organi Dirigenti
Newsletter
Iscriviti a NTC
Acquista le pubblicazioni
Forum utenti
Scarica l'appello per la moratoria

IL LAVORO IN CARCERE NON PUÒ ESSERE LAVORO FORZATO: MINISTERO CONDANNATO

20 aprile 2024:

Giorgio Marchetti* su L’Unità di sabato 20 aprile 2024

Nel carcere di Ancona-Montacuto a un detenuto disabile al 100% era stato assegnato un altro detenuto quale assistente alla persona per coricarsi e alzarsi dal letto, lavarsi, cucinare e consumare i pasti e, più in generale, per fornirgli aiuto fisico, attività svolta per 16 mesi tra il 2021 e il 2022 e retribuita pari mediamente a 3 ore di lavoro al giorno ancorché il servizio si protraesse oltre tale orario, sovente anche la notte. Nonostante le rimostranze per l’ingiusto trattamento retributivo, l’Amministrazione penitenziaria faceva orecchie da mercante. Spazientito, il detenuto-lavoratore in prossimità del fine pena si era rivolto al proprio legale, chi vi scrive, al fine di agire giudizialmente per ottenere la giusta retribuzione per le ore effettivamente lavorate.
Con una sentenza coraggiosa, come pure ne sono intervenute altre negli ultimi tempi da parte dei tribunali del lavoro nazionali, il Tribunale di Roma, Sezione lavoro (territorialmente competente per le cause contro il Ministero), dott.ssa De Renzis, con Sent. n. 3573/2024 del 22 marzo scorso, ha contribuito a porre una cesura a questo diffuso malcostume, a tacer di illiceità, e condannava il Ministero della Giustizia al pagamento della somma di euro 12.636 a integrazione della retribuzione per le ore lavorate e non pagate oltre alle ferie maturate e agli interessi nonché al pagamento delle spese di lite pari a 3.223 euro, motivando la decisione: “va posto in rilievo che il lavoro penitenziario non ha carattere afflittivo, ma va remunerato secondo quanto previsto dalla legge n. 354 del 1975, contenente Norme sull’ordinamento penitenziario e sulla esecuzione delle misure privative e limitative della libertà (articoli 20 e 22). Va, pertanto, riconosciuto il diritto del ricorrente al pagamento delle differenze retributive per le ore effettivamente lavorate”.
La riforma dell’ordinamento penitenziario del 2 ottobre 2018 (D.lgs. 124/2018) ha interessato anche il lavoro carcerario in tutti i suoi aspetti. All’art. 2 si enuncia che negli istituti penitenziari e nelle strutture ove siano eseguite misure privative della libertà devono essere favorite in ogni modo la destinazione dei detenuti e degli internati al lavoro e la loro partecipazione a corsi di formazione professionale.
Viene fissato il principio per cui il lavoro penitenziario non ha carattere afflittivo, non è obbligatorio ed è remunerato; l’organizzazione e i metodi del lavoro penitenziario devono riflettere quelli del lavoro nella società libera al fine di far acquisire ai soggetti una preparazione professionale adeguata alle normali condizioni lavorative per agevolarne il reinserimento sociale, ciò anche in ossequio all’articolo 1 della Costituzione; la remunerazione è quella prevista dagli ordinari contratti collettivi e accordi sindacali sebbene ridotta di un terzo.
Tra le altre modalità, è previsto il lavoro intramurario, che è quasi sempre domestico alle dipendenze dell’amministrazione e consiste nello svolgimento di attività necessarie alla gestione materiale degli istituti: barberia, cucina, lavanderia, distribuzione dei pasti, assistenza alla persona per i detenuti disabili e così via. Ci sono poi le mansioni classiche che appartengono alla MOF (Manutenzione Ordinaria Fabbricati): idraulici, imbianchini, muratori.
Il lavoro intramurario è molto appetibile dai detenuti, che riescono così a incamerare denaro per rendersi la vita più agevole durante la detenzione, destinare qualche somma ai familiari o mettere da parte piccoli risparmi da utilizzare dopo il fine pena; esso si colloca nell’ambito delle risorse trattamentali al fine di responsabilizzare il detenuto e contribuire alla sua risocializzazione, ciò che costituisce la finalità della pena.
Per questo motivo la legge correda il più possibile di diritti il lavoro penitenziario, in specie quello intramurario, al precipuo scopo di affermare la dignità della persona e del lavoro, diritto non scalfito dallo stato di detenzione. Allora, tra gli elementi rilevanti affinché il lavoro risulti dignitoso, emerge in primis la giusta retribuzione delle prestazioni effettuate. Dopo questo ulteriore inequivocabile arresto della giurisprudenza, confidiamo tutti in un maggior rispetto della legge da parte dell’Amministrazione penitenziaria in ossequio alle regole che lo Stato stesso si è dato.
* Avvocato del foro di Macerata

Altre news:
MALESIA: CONDANNA A MORTE COMMUTATA IN 33 ANNI DI CARCERE
NAPOLI: 28 MAGGIO 'LA COSTITUZIONE, LA CONDIZIONE CARCERARIA E LA DESERTIFICAZIONE AFFETTIVA'
INDIA: TRE CONDANNATI A MORTE PER L’OMICIDIO DELLA VICINA 71ENNE
IL REGIME DEI MULLAH DIVORA CORPI UMANI
LA SMANIA DEI LEGISLATORI: PUNIRE, PUNIRE, PUNIRE
IRAN - Respinto ricorso del condannato a morte ebreo Arvin Ghahremani
IRAN - Soraya Mohammadi giustiziata a Karaj il 24 aprile
SIRIA: TRE CONDANNE A MORTE PER GLI OMICIDI DI UN ATTIVISTA E DI SUA MOGLIE
EGITTO: INSEGNANTE CONDANNATO A MORTE PER L’OMICIDIO DI UN LICEALE
‘LEGGE E ORDINE’ NELLE CARCERI: SORVEGLIARE E PUNIRE
USA - Texas. Un detective: “Non c'è stato alcun crimine nel caso di Robert Roberson”
SOMALIA: UN CONDANNATO A MORTE E TRE AL CARCERE PER LEGAMI CON AL-SHABAB
MALESIA: CONDANNA A MORTE COMMUTATA IN 40 ANNI DI CARCERE IN UN CASO DI TRIPLICE OMICIDIO
BAHRAIN: IL RE GRAZIA PIÙ DI 1.500 DETENUTI
BANGLADESH: DUE CONDANNATI A MORTE PER L’OMICIDIO DI UN COMMESSO
SOMALIA: RILASCIATI SEI MAROCCHINI CHE ERANO STATI CONDANNATI A MORTE
IRAQ: QUASI 100 CONDANNE CAPITALI E ALL’ERGASTOLO PER DROGA TRA 2023 E 2024
IRAN - Dissidente esprime gioia per la morte di Raisi
USA - Pubblicate, contemporaneamente, le ultime 5 edizioni di "Death Row USA"
Regno Unito - Insufficienti le garanzie USA par l'estradizione di Julian Assange
IRAN - La morte di Raisi non significa la chiusura del caso sui suoi crimini
IRAN - NCRI: la morte di Raisi assesta un colpo strategico a Khamenei
USA - Alabama. Il procuratore distrettuale interviene a sostegno di Toforest Johnson
IRAN - Hatem Ozdemir nuovamente condannato a morte
IRAN - Fardin Musazadeh e Mehdi Khadem giustiziati ad Ardebil il 19 maggio
‘COMPRESENZA’
IRAN - 4 uomini giustiziati a Shiraz il 19 maggio
IRAN - 4 donne premio Nobel per la Pace chiedono di porre fine alla serie di esecuzioni in Iran
ARABIA SAUDITA: SCIITA GIUSTIZIATO PER MINACCIA ALLA SICUREZZA NAZIONALE
IRAN - Ramin Saadat giustiziato a Miandoab il 18 maggio

1 2 3 4 [Succ >>]
2024
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
  2023
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2022
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2021
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2020
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
 
2019
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2018
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2017
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2016
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2015
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2014
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
 
2013
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2012
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2011
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2010
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2009
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2008
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
 
2007
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2006
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2005
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2004
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
 
Convegno a Spoleto
  IRAN - La moglie di Djalali sollecita più impegno dall’Europa  
  LA VETRINA E IL RETROBOTTEGA DEL NEGOZIO DELL’#ANTIMAFIA  
  ITALIA: DA ‘CULLA’ A ‘TOMBA’ DEL DIRITTO?  
  APPELLO AL GOVERNATORE DELLA CALIFORNIA PER JARVIS JAY MASTERS  
  MOZIONE GENERALE DEL 40ESIMO CONGRESSO STRAORDINARIO DEL PARTITO RADICALE NONVIOLENTO, TRANSNAZIONALE E TRANSPARTITO  
news
-
azioni urgenti
-
banca dati
-
campagne
-
chi siamo
-
area utenti
-
privacy e cookies
-
credits