Anno
Ultime notizie
Archivio notizie
Guida all'uso della Banca Dati
MOZIONE GENERALE DEL VI° CONGRESSO DI NTC
La pena di morte nel mondo (al 30 giugno 2016)
DISCORSO di Papa Francesco
Analisi dati Rapporto 2015 e Obiettivi di NtC
SINTESI DEI FATTI PIÙ IMPORTANTI DEL 2015 (e dei primi sei mesi del 2016)
Esecuzioni nel 2014
Esecuzioni nel 2015 (al 30 giugno)
Reportage Comore Sergio D'Elia
Reportage Niger Marco Perduca
Premio l'Abolizionista dell'Anno 2015
Messaggio di Sergio Mattarella al VI° Congresso di NtC
Relazione di Sergio D'Elia al VI° Congresso di NtC
Relazione di Elisabetta Zamparutti al VI° Congresso di NtC
Rapporto IL VOLTO SORRIDENTE DEI MULLAH
DOSSIER IRAN APRILE 2016
Dossier su Pena di Morte e Omosessualità
Reportage di Elisabetta Zamparutti
Protocollo di intesa tra NtC e CNF
Dichiarazione finale del seminario del Cairo 15/16 maggio 2017
Azioni in corso
Archivio azioni
Campagne in corso
Archivio campagne

RAPPORTO DEL SECONDO FORUM ANNUALE DELL'UE SULLA PENA DI MORTE IN ZAMBIA

RISOLUZIONE ONU 2012
RISOLUZIONE ONU 2010

DICHIARAZIONE DI LIBREVILLE

Organi Dirigenti
Dossier Iraq 2003

Le sedi
DICHIARAZIONE DI COTONOU 2014

I video
RISOLUZIONE ONU 2014

Adesioni Comuni, Province, Regioni

BILANCI DI NESSUNO TOCCHI CAINO

La campagna per la moratoria ONU delle esecuzioni capitali
DOSSIER GIAPPONE

DONA IL 5x1000 A NESSUNO TOCCHI CAINO
DOSSIER IRAN

FIRMATARI APPELLO ALLE NAZIONI UNITE

DEDUCIBILITA' FISCALE


Appello dei PREMI NOBEL
RISOLUZIONE ONU 2007
DOSSIER LIBIA
DOSSIER USA 2011
Abbiamo fatto
RISOLUZIONE ONU 2008
DOSSIER PENA DI MORTE 2008
VIDEO MISSIONE IN CIAD
Le pubblicazioni
RISOLUZIONE DELLA CONFERENZA DI KIGALI 2011

DOSSIER MORATORIA
DOSSIER COMMERCIO LETALE
DICHIARAZIONE FINALE DELLA CONFERENZA DI FREETOWN 2014
Gli obiettivi

L'AUTENTICA STORIA DEL 'TERRORISTA' SERGIO D'ELIA

Acquista il rapporto di Nessuno tocchi Caino

Contributi artistici

Contattaci
Organi Dirigenti
Newsletter
Iscriviti a NTC
Acquista le pubblicazioni
Forum utenti
Scarica l'appello per la moratoria

Una decapitazione in Arabia Saudita
Una decapitazione in Arabia Saudita
ARABIA SAUDITA. QUATTORDICENNE IN ATTESA DI ESECUZIONE

27 ottobre 2005: un ragazzo di 14 anni, identificato come Ahmad al-D., è in attesa di essere giustiziato in Arabia Saudita, rende noto l’organizzazione Human Rights Watch. Il giovane è stato condannato a morte lo scorso luglio, al termine di un processo iniquo, per l’omicidio di un bambino di tre anni, Wala’ `Adil `Abd al-Badi`, avvenuto nel 2004 a Dammam. Sia la famiglia di Ahmad che quella del bambino ucciso sono egiziane, stabilitesi in Arabia Saudita. I parenti della vittima non hanno accettato il risarcimento in denaro (detto “prezzo del sangue) offerto dai familiari di Ahmad, rifiutandosi di perdonarlo. Pertanto Ahmad resta chiuso in carcere a Dammam.
“Giustiziare un adolescente per l’omicidio di un bambino aggraverebbe solo la tragedia”, ha detto Sarah Leah Whitson, responsabile Medio Oriente di Human Rights Watch, aggiungendo che “Re Abdullah dovrebbe commutare questa condanna a morte, nel rispetto degli obblighi internazionali dell’Arabia Saudita”. Il Paese ha ratificato la Convenzione sui Diritti del Fanciullo, che proibisce la pena capitale per reati commessi a meno di 18 anni e protegge i diritti dei minorenni accusati o giudicati responsabili di crimini.
Nel suo rapporto 2004 al Comitato delle Nazioni Uniti sui Diritti del Fanciullo, l’Arabia Saudita ha sostenuto che “la sharia in vigore nel Regno non impone mai condanne a morte nei confronti di persone che non hanno raggiunto la maggiore età”, e che “in base al Regolamento di Detenzione e al Regolamento dei Centri per Minori del A.H. 1395 (1975), viene definito minorenne ogni essere umani di età inferiore ai 18 anni”. Le autorità saudite – denuncia Human Rights Watch -  hanno violato il diritto di Ahmad al giusto processo, non consentendo adeguata tutela legale nel corso degli interrogatori, della detenzione e del processo. Resoconti di stampa e della polizia fanno sorgere dubbi sul suo equilibrio psichico in questo periodo e sulla capacità di contribuire alla propria difesa.
Ahmad ha detto al giornale online saudita al-Yaum al-Elektroni di aver confessato solo nel terzo interrogatorio di polizia, dal momento che “la mia forza è svanita ed ho perso la capacità di respingere le accuse”. Prima di essere processato, è stato rinchiuso in isolamento per tre mesi, durante i quali ha “pianto per la paura e la solitudine”.
Sebbene avesse 13 anni all’epoca dell’omicidio, il tribunale lo ha processato e condannato come un adulto, basandosi solo sulla valutazione del tono della sua voce e sulla presenza di peli pubici. (Fonti: HRW, 27/10/2005)

Altre news:
INDIA. PAKISTANO CONDANNATO A MORTE PER TERRORISMO
BANGLADESH. CONDANNATO A MORTE PER L’OMICIDIO DELLA MOGLIE
BANGLADESH. SEI CONDANNATI A MORTE PER OMICIDIO CREDITORE
MISSOURI. QUINTA ESECUZIONE DELL’ANNO
AUSTRALIA. I ‘NOVE DI BALI’ RISCHIANO CONDANNA A MORTE, POLIZIA DIFENDE PROPRIO OPERATO
OHIO. TERZA ESECUZIONE DALL’INIZIO DELL’ANNO
GHANA. MINISTRO DELLA GIUSTIZIA PROPONE ABOLIZIONE PENA DI MORTE
AUSTRALIA. ANCORA UN APPELLO DEL GOVERNO PER GRAZIA A NGUYEN
CALIFORNIA. RESTA FISSATA AL 13 DICEMBRE ESECUZIONE ‘TOOKIE’ WILLIAMS
SINGAPORE. SEMPRE PIU’ VICINA ESECUZIONE CITTADINO AUSTRALIANO
IRAQ. SONO QUATTORDICI I DETENUTI NEL BRACCIO DELLA MORTE
EMIRATI ARABI. COMMUTATA CONDANNA A MORTE PER DROGA
SRI LANKA. CONDANNATO A MORTE PER 4,6 GRAMMI DI EROINA
TEXAS. GIUSTIZIATO QUINDICESIMO DETENUTO DA INIZIO ANNO
INDIA. PRESIDENTE ESORTA GOVERNO A RICONSIDERARE LA GRAZIA
NTC. ‘CONDANNA A MORTE DI SADDAM SAREBBE RITORNO AL PASSATO’
BANGLADESH. ATTENDE ESECUZIONE PER CRIMINE COMMESSO A 14 ANNI
THAILANDIA. ITALIANO RISCHIA PENA DI MORTE PER DROGA
NEW YORK. NESSUNO TOCCHI CAINO PRESENTA RAPPORTO 2005 ALLE NAZIONI UNITE
USA. DPIC, ‘NASCOSTE ALLE GIURIE INFORMAZIONI DETERMINANTI’
STATI UNITI. BUSH CHIEDE ALLA LIBIA DI LIBERARE LE INFERMIERE BULGARE
LIBIA. ‘NO’ DI TRIPOLI ALLA RICHIESTA USA DI LIBERARE LE INFERMIERE BULGARE
TENNESSEE. PER LA CORTE SUPREMA L’INIEZIONE LETALE NON E' CRUDELE
IRAN. CONDANNATA A MORTE PER L’OMICIDIO DEL MARITO
GIAPPONE. TRE CONDANNATI A MORTE PER OMICIDI COMMESSI A 18 E 19 ANNI
IRAN. CONDANNATA ALLA LAPIDAZIONE PER ADULTERIO
CINA. OTTO CONDANNE A MORTE PER TRAFFICO DI ARMI
KIRGHIZISTAN. VERSO L’ELIMINAZIONE DELLA PENA CAPITALE DALLA COSTITUZIONE
UNIONE EUROPEA. ‘PEGGIORA LA SITUAZIONE DEI DIRITTI UMANI IN IRAN’
RUSSIA. ‘DOBBIAMO ABOLIRE LA PENA DI MORTE SUBITO’

1 2 [Succ >>]
2022
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
  2021
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2020
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2019
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2018
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
 
2017
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2016
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2015
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2014
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2013
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2012
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
 
2011
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2010
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2009
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2008
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2007
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2006
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
 
2005
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2004
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
 
IRAN - La moglie di Djalali sollecita più impegno dall’Europa
  LA VETRINA E IL RETROBOTTEGA DEL NEGOZIO DELL’#ANTIMAFIA  
  ITALIA: DA ‘CULLA’ A ‘TOMBA’ DEL DIRITTO?  
  APPELLO AL GOVERNATORE DELLA CALIFORNIA PER JARVIS JAY MASTERS  
  MOZIONE GENERALE DEL 40ESIMO CONGRESSO STRAORDINARIO DEL PARTITO RADICALE NONVIOLENTO, TRANSNAZIONALE E TRANSPARTITO  
  ELISABETTA ZAMPARUTTI CONFERMATA AL CPT PER SECONDO MANDATO  
news
-
azioni urgenti
-
banca dati
-
campagne
-
chi siamo
-
area utenti
-
privacy e cookies
-
credits