Anno
Ultime notizie
Archivio notizie
Guida all'uso della Banca Dati
MOZIONE GENERALE DEL VI° CONGRESSO DI NTC
La pena di morte nel mondo (al 30 giugno 2016)
DISCORSO di Papa Francesco
Analisi dati Rapporto 2015 e Obiettivi di NtC
SINTESI DEI FATTI PIÙ IMPORTANTI DEL 2015 (e dei primi sei mesi del 2016)
Esecuzioni nel 2014
Esecuzioni nel 2015 (al 30 giugno)
Reportage Comore Sergio D'Elia
Reportage Niger Marco Perduca
Premio l'Abolizionista dell'Anno 2015
Messaggio di Sergio Mattarella al VI° Congresso di NtC
Relazione di Sergio D'Elia al VI° Congresso di NtC
Relazione di Elisabetta Zamparutti al VI° Congresso di NtC
Rapporto IL VOLTO SORRIDENTE DEI MULLAH
DOSSIER IRAN APRILE 2016
Dossier su Pena di Morte e Omosessualità
Reportage di Elisabetta Zamparutti
Protocollo di intesa tra NtC e CNF
Dichiarazione finale del seminario del Cairo 15/16 maggio 2017
Azioni in corso
Archivio azioni
Campagne in corso
Archivio campagne

RAPPORTO DEL SECONDO FORUM ANNUALE DELL'UE SULLA PENA DI MORTE IN ZAMBIA

RISOLUZIONE ONU 2012
RISOLUZIONE ONU 2010

DICHIARAZIONE DI LIBREVILLE

Organi Dirigenti
Dossier Iraq 2003

Le sedi
DICHIARAZIONE DI COTONOU 2014

I video
RISOLUZIONE ONU 2014

Adesioni Comuni, Province, Regioni

BILANCI DI NESSUNO TOCCHI CAINO

La campagna per la moratoria ONU delle esecuzioni capitali
DOSSIER GIAPPONE

DONA IL 5x1000 A NESSUNO TOCCHI CAINO
DOSSIER IRAN

FIRMATARI APPELLO ALLE NAZIONI UNITE

DEDUCIBILITA' FISCALE


Appello dei PREMI NOBEL
RISOLUZIONE ONU 2007
DOSSIER LIBIA
DOSSIER USA 2011
Abbiamo fatto
RISOLUZIONE ONU 2008
DOSSIER PENA DI MORTE 2008
VIDEO MISSIONE IN CIAD
Le pubblicazioni
RISOLUZIONE DELLA CONFERENZA DI KIGALI 2011

DOSSIER MORATORIA
DOSSIER COMMERCIO LETALE
DICHIARAZIONE FINALE DELLA CONFERENZA DI FREETOWN 2014
Gli obiettivi

L'AUTENTICA STORIA DEL 'TERRORISTA' SERGIO D'ELIA

Acquista il rapporto di Nessuno tocchi Caino

Contributi artistici

Contattaci
Organi Dirigenti
Newsletter
Iscriviti a NTC
Acquista le pubblicazioni
Forum utenti
Scarica l'appello per la moratoria

L'ex Presidente pakistano Pervez Musharraf
Il Presidente pakistano Pervez Musharraf
PAKISTAN. APPELLO DI LONDRA PER SALVARE BRITANNICO CONDANNATO A MORTE

14 maggio 2006: il neo-ministro degli Esteri del Regno Unito, Margaret Beckett, rivolgerà questa settimana un appello al presidente pakistano Pervez Musharraf, affinché fermi l’esecuzione di un cittadino britannico riconosciuto colpevole di omicidio.
L’impiccagione di Mirza Tahir Hussain, di Leeds, è in programma nella prigione centrale Adiala di Rawalpindi all’alba del 1° giugno, giorno del suo 36° compleanno.
In origine, il giovane è stato riconosciuto colpevole di omicidio e condannato a morte da un tribunale ordinario per aver ucciso nel 1988 l’autista di un taxi, durante una visita in Pakistan.
Tuttavia nei processi d’appello del 1992 e 1996 sono state annullate sia la condanna capitale che il giudizio di colpevolezza, per insufficienza di prove.
Ma pochi giorni dopo il secondo appello, proprio quando si sentiva vicino alla liberazione, Hussain è stato accusato dello stesso crimine davanti ad un tribunale della sharia, in seguito alle pressioni dei familiari della vittima.
Nel 1998 è arrivata la decisione del tribunale islamico, che lo ha riconosciuto colpevole di omicidio a scopo di rapina e condannato a morte.
I tre giudici religiosi si sono tuttavia divisi per 2 a 1, con il giudice Abdul Waheed che ha definito il giudizio di colpevolezza un “errore giudiziario”, perché fondato su accuse non suffragate da prove.
Secondo il giudice, ci sarebbero inoltre pesanti “contraddizioni” tra i racconti dei testimoni oculari, molti dei quali parenti della vittima. Principi basilari dell’attività investigativa e della medicina legale sarebbero stati “ignorati”.
La condanna capitale è stata poi confermata dalla sezione religiosa della Corte Suprema pakistana, che ha esaminato il caso nel 2003 e 2004.
Lo scorso anno Hussain ha presentato domanda di grazia al presidente Musharraf, che l’ha respinta. Per diversi mesi l’esecuzione è rimasta in sospeso, mentre la famiglia di Hussain tentava di negoziare un “prezzo del sangue” con i parenti dell’ucciso. Il mese scorso la trattativa si è chiusa con un nulla di fatto.
La versione dei fatti fornita da Hussain è completamente diversa.
Giunto in Pakistan per incontrare la propria famiglia, la sera del 17 dicembre 1988 Hussain avrebbe preso un taxi. Il conducente, Jamshed Khan, avrebbe estratto una pistola per aggredirlo. Nella colluttazione sarebbe partito il colpo che ha ucciso Khan.
Hussain sostiene che nessun testimone ha assistito ai fatti e di essere stato picchiato dalla polizia e costretto a confessare l’omicidio.
La condanna a morte è stata emessa nonostante la Sharia stabilisca che l’imputato deve ripetere o confermare davanti al tribunale qualsiasi confessione resa in precedenza, cosa che Hussain non ha fatto. Sempre secondo la Sharia, per confermare una condanna a morte devono esserci almeno due testimoni. (Fonti: The Observer, 14/05/2006)

Altre news:
FILIPPINE. INIZIATO DIBATTITO PARLAMENTARE SULL’ABOLIZIONE DELLA PENA DI MORTE
TEXAS. SOSPENSIONE REVOCATA, VIA LIBERA ALL’INIEZIONE LETALE
RUSSIA. KULAYEV HA COMMESSO UN 'ATTO DI TERRORISMO'
TEXAS. CORTE D’APPELLO SOSPENDE INIEZIONE LETALE
BIRMANIA. DUE CONDANNATI A MORTE AD APRILE
IRAN. IMPICCATI A 17 E 20 ANNI PER OMICIDIO E STUPRO
ZAMBIA. DUE CONDANNE A MORTE PER OMICIDIO
VIETNAM. TRE CONDANNE A MORTE PER TRAFFICO DI DROGA
SINGAPORE. 34.000 FIRME CONTRO L’ESECUZIONE DI TOOK LENG HOW
NTC: A RISCHIO LA CREDIBILITA’ DEL NUOVO CONSIGLIO ONU
ARABIA SAUDITA. DUE INDIANI CONDANNATI A MORTE PER TRAFFICO DI DROGA
ONU. CONSIGLIO DIRITTI UMANI, SEGGI A CINA, CUBA E ARABIA SAUDITA
REGNO UNITO. ‘SE RIMPATRIATA IN IRAN RISCHIO LA LAPIDAZIONE’
COREA DEL SUD. COMMISSIONE DIRITTI UMANI SI OCCUPERA’ DEL CONDANNATO NORD-COREANO
EGITTO. DUE FRATELLI A RISCHIO DI IMMINENTE ESECUZIONE
IRAN. IMPICCATO NEL KHUZESTAN PER OMICIDIO
VIRGINIA, USA. ESONERATO DAL BRACCIO DELLA MORTE E RISARCITO
IRAN. ‘GRAVE PREOCCUPAZIONE’ DELLA UE PER AUMENTO ESECUZIONI
TEXAS, USA. OTTAVA ESECUZIONE DELL’ANNO NELLO STATO
IRAN. CONFERMATA CONDANNA CAPITALE PER OMICIDIO
IRAN. CONDANNATI A MORTE GIOVANI DI 17 E 26 ANNI
STATI UNITI. CONDANNA ALL’ERGASTOLO PER MOUSSAOUI
TEXAS. ‘AVETE GIUSTIZIATO UN INNOCENTE’
CINA. SE RIMPATRIATI TRE UIGURI RISCHIANO L’ESECUZIONE
IRAN. IMPICCATA IN PUBBLICO PER OMICIDIO
SOMALIA. RAGAZZO GIUSTIZIA ASSASSINO DEL PADRE
ZAMBIA. CORTE SUPREMA, QUATTRO CONDANNE CAPITALI APPROVATE E UNA ANNULLATA
KUWAIT. CINQUE IMPICCATI PER OMICIDIO, STUPRO E TRAFFICO DI DROGA
OHIO, USA. INIEZIONE LETALE CON ‘PROBLEMI TECNICI’
STATI UNITI. NUOVO GIUDICE CORTE SUPREMA S. ALITO PER ANNULLAMENTO CONDANNA

[<< Prec] 1 2
2022
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
  2021
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2020
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2019
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2018
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
 
2017
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2016
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2015
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2014
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2013
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2012
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
 
2011
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2010
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2009
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2008
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2007
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2006
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
 
2005
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2004
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
 
IRAN - La moglie di Djalali sollecita più impegno dall’Europa
  LA VETRINA E IL RETROBOTTEGA DEL NEGOZIO DELL’#ANTIMAFIA  
  ITALIA: DA ‘CULLA’ A ‘TOMBA’ DEL DIRITTO?  
  APPELLO AL GOVERNATORE DELLA CALIFORNIA PER JARVIS JAY MASTERS  
  MOZIONE GENERALE DEL 40ESIMO CONGRESSO STRAORDINARIO DEL PARTITO RADICALE NONVIOLENTO, TRANSNAZIONALE E TRANSPARTITO  
  ELISABETTA ZAMPARUTTI CONFERMATA AL CPT PER SECONDO MANDATO  
news
-
azioni urgenti
-
banca dati
-
campagne
-
chi siamo
-
area utenti
-
privacy e cookies
-
credits