Anno
Ultime notizie
Archivio notizie
Guida all'uso della Banca Dati
MOZIONE GENERALE DEL VI° CONGRESSO DI NTC
La pena di morte nel mondo (al 30 giugno 2016)
DISCORSO di Papa Francesco
Analisi dati Rapporto 2015 e Obiettivi di NtC
SINTESI DEI FATTI PIÙ IMPORTANTI DEL 2015 (e dei primi sei mesi del 2016)
Esecuzioni nel 2014
Esecuzioni nel 2015 (al 30 giugno)
Reportage Comore Sergio D'Elia
Reportage Niger Marco Perduca
Premio l'Abolizionista dell'Anno 2015
Messaggio di Sergio Mattarella al VI° Congresso di NtC
Relazione di Sergio D'Elia al VI° Congresso di NtC
Relazione di Elisabetta Zamparutti al VI° Congresso di NtC
Rapporto IL VOLTO SORRIDENTE DEI MULLAH
DOSSIER IRAN APRILE 2016
Dossier su Pena di Morte e Omosessualità
Reportage di Elisabetta Zamparutti
Protocollo di intesa tra NtC e CNF
Dichiarazione finale del seminario del Cairo 15/16 maggio 2017
Azioni in corso
Archivio azioni
Campagne in corso
Archivio campagne

RAPPORTO DEL SECONDO FORUM ANNUALE DELL'UE SULLA PENA DI MORTE IN ZAMBIA

RISOLUZIONE ONU 2012
RISOLUZIONE ONU 2010

DICHIARAZIONE DI LIBREVILLE

Organi Dirigenti
Dossier Iraq 2003

Le sedi
DICHIARAZIONE DI COTONOU 2014

I video
RISOLUZIONE ONU 2014

Adesioni Comuni, Province, Regioni

BILANCI DI NESSUNO TOCCHI CAINO

La campagna per la moratoria ONU delle esecuzioni capitali
DOSSIER GIAPPONE

DONA IL 5x1000 A NESSUNO TOCCHI CAINO
DOSSIER IRAN

FIRMATARI APPELLO ALLE NAZIONI UNITE

DEDUCIBILITA' FISCALE


Appello dei PREMI NOBEL
RISOLUZIONE ONU 2007
DOSSIER LIBIA
DOSSIER USA 2011
Abbiamo fatto
RISOLUZIONE ONU 2008
DOSSIER PENA DI MORTE 2008
VIDEO MISSIONE IN CIAD
Le pubblicazioni
RISOLUZIONE DELLA CONFERENZA DI KIGALI 2011

DOSSIER MORATORIA
DOSSIER COMMERCIO LETALE
DICHIARAZIONE FINALE DELLA CONFERENZA DI FREETOWN 2014
Gli obiettivi

L'AUTENTICA STORIA DEL 'TERRORISTA' SERGIO D'ELIA

Acquista il rapporto di Nessuno tocchi Caino

Contributi artistici

Contattaci
Organi Dirigenti
Newsletter
Iscriviti a NTC
Acquista le pubblicazioni
Forum utenti
Scarica l'appello per la moratoria

Sakae Menda
Sakae Menda
GIAPPONE: “HO PASSATO 34 ANNI NEL BRACCIO DELLA MORTE”

25 settembre 2009: un articolo su Sakae Menda, ex condannato a morte giapponese, è comparso lo scorso 15 settembre sul The Independent, a firma David McNeill:
“Quando il corpo non cede sotto il peso dei suoi 83 anni, e il sole splende sul suo luogo di nascita, Kyushu, in Giappone, Sakae Menda a volte si dimentica delle pene sofferte ed è consapevole di essere fortunato ad averla scampata. Ma per la maggior parte del tempo non può dimenticare che lo Stato giapponese gli ha rubato 34 anni di vita per un reato che non aveva commesso, né può scordarsi di quando pensava che ogni giorno dei 12.410 giorni trascorsi nel braccio della morte poteva essere l’ultimo. Perché, dice, “essere in attesa di morire è una forma di tortura, peggiore della morte stessa.”
Menda è il primo uomo liberato dal braccio della morte giapponese, un posto che in un recente rapporto si è meritato le critiche fulminanti di Amnesty International. I detenuti sono portati alla follia nell’attesa dell’esecuzione, sostiene Amnesty International, e almeno 5 dei 102 condannati a morte giapponesi sono malati di mente. Molti dei detenuti più anziani sono sull’orlo della senilità, ma i dati precisi della situazione non sono resi noti.
“La politica del governo è di non permettere visite ai detenuti nel braccio della morte e le nostre richieste d’accesso sono regolarmente respinte,” dice Amnesty, che definisce il sistema “vergognoso”.

I detenuti sono privati di ogni contatto col mondo esterno, tenuti in isolamento e costretti ad attendere in media oltre sette anni, a volte decenni, in celle dalle dimensioni di un gabinetto mentre il sistema legale li stritola. Quando arriva il decreto di esecuzione, i condannati hanno, letteralmente, minuti per sistemare le loro cose prima di infilare la testa nel cappio. Siccome l’ordine può arrivare in qualunque momento, i detenuti vivono ogni giorno pensando che potrebbe essere l’ultimo, ricorda Menda, che fu incastrato dalla polizia per un caso di duplice omicidio.

La mattina presto del 30 dicembre 1948, un assassino fece irruzione nella casa di un sacerdote e di sua moglie, vicino l’abitazione di Menda, e li uccise a coltellate e a colpi d’ascia. Menda si trovò nel posto sbagliato al momento sbagliato, e fu arrestato in un caso a parte relativo a un furto di riso. La polizia lo trattenne per tre settimane senza che vedesse un avvocato finché non riuscirono a estorcergli una confessione. Condannato nel 1951, non avrebbe più messo piede fuori dal carcere di Fukuoka fino al 1983, quando fu riconosciuto innocente.

Una vita ridotta in una cella di isolamento di 5 metri quadri, senza riscaldamento, illuminata giorno e notte e costantemente monitorata. Menda racconta quando per la prima volta ha sentito dalla sua cella uno dei detenuti che veniva portato al patibolo. È stato un evento che lo ha fatto uscire fuori di testa e lo ha portato a urlare così tanto da fargli meritare un chobatsu (una punizione): in quel caso, si trattò di due mesi con le mani legate così che era ridotto a mangiare come un animale.
Ma ogni mattina, dopo la colazione, quando sarebbe arrivato lo squadrone dell’esecuzione, ritornava il terrore che quello potesse essere il suo ultimo giorno. “Le guardie si sarebbero fermate davanti alla tua cella, il tuo cuore sarebbe impazzito, poi loro avrebbero proseguito e tu avresti potuto riprendere a respirare,” ricorda vivamente Menda che avrebbe visto dozzine di altri detenuti trascinati via.
“Mentre venivano portati alla forca, gli uomini urlavano: ‘Me ne andrò per primo e ti aspetterò’,” ricorda Menda. La moglie Tamae definisce un ‘miracolo’ il fatto che suo marito sia rimasto sano di mente. “E’ un tipo molto irascibile e ostinato e credo sia sopravvissuto grazie al fatto che non aveva un’istruzione e non poteva capire il senso di quello che gli stava capitando.”

Gli abolizionisti sperano che il nuovo governo Democratico di Yukio Hatoyama discuterà l’eliminazione della pena di morte.
Ma Menda è pessimista. “Quando sono stato rilasciato, la gente ha iniziato a interessarsi alla causa (dell’abolizione) ma poi ha perso interesse. La democrazia giapponese ha solo 60 anni. Il concetto di diritti umani non è radicato nella nostra storia,” dice Menda. L’avvocatessa Noguchi, che ha lasciato il servizio penitenziario per la pratica legale nel 1980, ritiene che la riforma è attesa da troppo tempo. “Il sistema è persino peggiorato rispetto a 30 anni fa. Le regole sui contatti con il mondo esterno, inclusa la corrispondenza e gli incontri con i familiari, sono diventate più rigide. Prima ai condannati l’esecuzione veniva notificata 24 ore prima, ora lo sanno solo con poche ore d’anticipo.”
Più di vent’anni di libertà non hanno affievolito l’avversione di Menda nei confronti della polizia e della magistratura. Lui sostiene che il sistema che ha distrutto la sua vita non è cambiato: la polizia può ancora trattenere un sospetto per 23 giorni senza alcun controllo giudiziario; le confessioni hanno ancora un peso enorme, con oltre il 99% delle accuse che si risolvono in una vittoria della procura nei processi, mentre i condannati continuano a essere tenuti in isolamento potenzialmente all’infinito.
“Il potere qui ha il sopravvento,” dice Menda. “Sono andato a trovare la polizia quando sono stato rilasciato e ho chiesto loro come si sentissero dopo quello che mi avevano fatto. Hanno risposto che stavano facendo solo il loro lavoro.” (Fonte: Independent.co.uk, 15/09/09)

Altre news:
GIAPPONE: MINISTRO GIUSTIZIA, PIU’ TRASPARENZA SULLA PENA DI MORTE
MALESIA: CONDANNA A MORTE PER TRAFFICO CANNABIS
GIAPPONE: CONDANNA A MORTE COMMUTATA IN ERGASTOLO
SOMALIA: CONDANNA A MORTE NEL PUNTLAND
PENA DI MORTE: UNIONE AFRICANA CHIEDE ABOLIZIONE IN TUTTO IL CONTINENTE
IRAN: CINQUE IMPICCATI PER TRAFFICO DI DROGA
MALESIA: CONDANNA CAPITALE PER TRAFFICO DI EROINA
SOMALIA: FRANCESE CONDANNATO A MORTE DA MILIZIA AL-SHABAB
SOMALIA: GIUSTIZIATI PER SPIONAGGIO DA MILIZIA SHEBAB
BIELORUSSIA: APPELLO ALL’ESAME DELLA CORTE SUPREMA
NIGERIA: GOVERNO VUOLE PENA DI MORTE PER FARMACI CONTRAFFATTI
IRAN: DONNA IMPICCATA PER OMICIDIO
KIRGHIZISTAN: ALTI FUNZIONARI CHIEDONO RIPRISTINO PENA CAPITALE
TANZANIA: TRE CONDANNATI ALLA FORCA PER OMICIDIO ALBINO
TEXAS (USA): 18° GIUSTIZIATO NELLO STATO DA INIZIO ANNO
GAMBIA: PRESIDENTE PROMETTE APPLICAZIONE DELLA PENA DI MORTE
NIGERIA: POCHE SPERANZE PER CONNAZIONALI CONDANNATI ALL’ESTERO
TANZANIA: ONU CHIEDE ABOLIZIONE PENA DI MORTE
VIETNAM: DUE DONNE CONDANNATE A MORTE PER DROGA
CINA: CONFERMATE DIECI CONDANNE CAPITALI
USA: ESECUZIONE PIU’ VICINA PER BRITANNICA LINDA CARTY
GIAPPONE: NUOVO MINISTRO GIUSTIZIA CHIEDE DIBATTITO SU PENA CAPITALE
UGANDA: DESTINO INCERTO PER PRIGIONIERI IN BRACCIO DELLA MORTE
MALESIA: DUE CONDANNE A MORTE PER TRAFFICO MARIJUANA
ALGERIA: RINGRAZIAMENTI PER LA GRAZIA DI GHEDDAFI
UGANDA: SOLDATO CONDANNATO ALL’IMPICCAGIONE
CINA: QUATTRO GIUSTIZIATI PER DROGA
PAKISTAN: DUE CONDANNE A MORTE PER OMICIDIO
MALESIA: CONDANNATO ALLA FORCA PER TRAFFICO DI MARIJUANA
INDONESIA: ACEH, LAPIDAZIONE PER GLI ADULTERI

1 2 [Succ >>]
2021
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
  2020
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2019
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2018
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2017
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
 
2016
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2015
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2014
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2013
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2012
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2011
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
 
2010
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2009
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2008
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2007
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2006
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2005
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
 
2004
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
 
LA VETRINA E IL RETROBOTTEGA DEL NEGOZIO DELL’#ANTIMAFIA
  ITALIA: DA ‘CULLA’ A ‘TOMBA’ DEL DIRITTO?  
  APPELLO AL GOVERNATORE DELLA CALIFORNIA PER JARVIS JAY MASTERS  
  MOZIONE GENERALE DEL 40ESIMO CONGRESSO STRAORDINARIO DEL PARTITO RADICALE NONVIOLENTO, TRANSNAZIONALE E TRANSPARTITO  
  ELISABETTA ZAMPARUTTI CONFERMATA AL CPT PER SECONDO MANDATO  
  NESSUNO TOCCHI CAINO PRESENTA IL VOLUME ‘IL VIAGGIO DELLA SPERANZA’ IL 10 SETTEMBRE A BRINDISI  
news
-
azioni urgenti
-
banca dati
-
campagne
-
chi siamo
-
area utenti
-
privacy e cookies
-
credits