Anno
Ultime notizie
Archivio notizie
Guida all'uso della Banca Dati
MOZIONE GENERALE DEL VI° CONGRESSO DI NTC
La pena di morte nel mondo (al 30 giugno 2016)
DISCORSO di Papa Francesco
Analisi dati Rapporto 2015 e Obiettivi di NtC
SINTESI DEI FATTI PIÙ IMPORTANTI DEL 2015 (e dei primi sei mesi del 2016)
Esecuzioni nel 2014
Esecuzioni nel 2015 (al 30 giugno)
Reportage Comore Sergio D'Elia
Reportage Niger Marco Perduca
Premio l'Abolizionista dell'Anno 2015
Messaggio di Sergio Mattarella al VI° Congresso di NtC
Relazione di Sergio D'Elia al VI° Congresso di NtC
Relazione di Elisabetta Zamparutti al VI° Congresso di NtC
Rapporto IL VOLTO SORRIDENTE DEI MULLAH
DOSSIER IRAN APRILE 2016
Dossier su Pena di Morte e Omosessualità
Reportage di Elisabetta Zamparutti
Protocollo di intesa tra NtC e CNF
Dichiarazione finale del seminario del Cairo 15/16 maggio 2017
Azioni in corso
Archivio azioni
Campagne in corso
Archivio campagne

RAPPORTO DEL SECONDO FORUM ANNUALE DELL'UE SULLA PENA DI MORTE IN ZAMBIA

RISOLUZIONE ONU 2012
RISOLUZIONE ONU 2010

DICHIARAZIONE DI LIBREVILLE

Organi Dirigenti
Dossier Iraq 2003

Le sedi
DICHIARAZIONE DI COTONOU 2014

I video
RISOLUZIONE ONU 2014

Adesioni Comuni, Province, Regioni

BILANCI DI NESSUNO TOCCHI CAINO

La campagna per la moratoria ONU delle esecuzioni capitali
DOSSIER GIAPPONE

DONA IL 5x1000 A NESSUNO TOCCHI CAINO
DOSSIER IRAN

FIRMATARI APPELLO ALLE NAZIONI UNITE

DEDUCIBILITA' FISCALE


Appello dei PREMI NOBEL
RISOLUZIONE ONU 2007
DOSSIER LIBIA
DOSSIER USA 2011
Abbiamo fatto
RISOLUZIONE ONU 2008
DOSSIER PENA DI MORTE 2008
VIDEO MISSIONE IN CIAD
Le pubblicazioni
RISOLUZIONE DELLA CONFERENZA DI KIGALI 2011

DOSSIER MORATORIA
DOSSIER COMMERCIO LETALE
DICHIARAZIONE FINALE DELLA CONFERENZA DI FREETOWN 2014
Gli obiettivi

L'AUTENTICA STORIA DEL 'TERRORISTA' SERGIO D'ELIA

Acquista il rapporto di Nessuno tocchi Caino

Contributi artistici

Contattaci
Organi Dirigenti
Newsletter
Iscriviti a NTC
Acquista le pubblicazioni
Forum utenti
Scarica l'appello per la moratoria

USA - Sirhan Sirhan
USA - Sirhan Sirhan
USA - California. Sirhan Sirhan ha avuto un primo parere favorevole alla libertà condizionale

27 agosto 2021:

California Sirhan Sirhan, l'uomo che nel 1968 a Los Angeles ha assassinato il senatore Bob Kennedy, ha avuto un primo parere favorevole alla libertà condizionale dopo 53 anni. Oggi in suo favore, al termine di un’udienza in videoconferenza, si sono pronunciati i 2 membri di una sottocommissione della Board of Parole Hearings che ha l’incarico di stabilire, tenendo una cosiddetta “Lifer Hearing”, se un ergastolano ha ancora quella che in italiano si chiama “pericolosità sociale”, ossia se il detenuto è ancora considerato pericoloso per la società. Entro 90 giorni il parere favorevole espresso oggi dovrà essere confermato (o meno) dai 17 membri della Board of Parole Hearings. In caso anche il secondo esame fosse positivo, la “raccomandazione di clemenza” verrà inviata al Governatore, il quale entro 30 giorni potrà accettarla, modificarla, oppure respingerla.
Sirhan, 77 anni, Palestinese di origini giordane, cristiano, venne condannato a morte nel 1969. Nel 1972, dopo che la legge capitale della California era stata dichiarata incostituzionale, e prima che una modifica legislativa la facesse dichiarare nuovamente costituzionale, Sirhan ebbe la pena commutata in ergastolo. Allora non esisteva l’ergastolo senza condizionale. Per l’ergastolo “normale” la condizionale può essere chiesta dopo 25 anni. Sirhan ha presentato la richiesta 15 volte, ed è sempre stata respinta. Quest’anno, anche grazie ad una innovativa presa di posizione del procuratore distrettuale della Contea di Los Angeles, George Gascon, la sua richiesta ha superato il 1° esame.
Gascon, che in passato è stato anche vicecapo della polizia di Los Angeles, la città dove Sirhan ha ucciso Kennedy, ritiene che il compito del pubblico accusatore termini con il processo, e che la Pubblica Accusa non debba interferire con chi è chiamato a valutare l’eventuale percorso rieducativo di un condannato. Per questo motivo, a differenza degli scorsi anni, la Pubblica Accusa non si è opposta alla richiesta di libertà condizionale di Sirhan, così come non si sta opponendo in casi simili.
Se non si è opposta la Procura, a favore di Sirhan si sono espressi 2 degli 8 figli della vittima, Robert e Douglas Kennedy, ed anche Paul Schrade, un sindacalista amico di Kennedy che venne ferito gravemente, seppure involontariamente, da Sirhan. Dopo che la stampa ha diffuso la notizia dell’esito positivo della prima udienza, gli altri 6 figli viventi della vittima (Joseph, Courtney, Kerry, Christopher, Maxwell e Rory Kennedy) hanno espresso il loro disappunto, invitando il governatore della California, Gavin Newsom, a non ratificare il provvedimento.
Douglas Kennedy, che aveva poco più di un anno quando il padre venne ucciso, ha testimoniato davanti ai membri del Board: «Sono sopraffatto dall’emozione al solo poterlo vedere faccia a faccia. Credo di aver vissuto la mia vita temendo, in un modo o nell’altro, sia lui che il suo nome. E sono grato di vederlo oggi come un essere umano meritevole di compassione e amore». L’altro figlio “favorevole”, Robert Jr., ha inviato una lettera in cui ha raccontato l’incontro in carcere con Sirhan: «Ha pianto, mi stringeva le mani, e, chiedeva perdono». E ancora: «Anche se nessuno può affermare con certezza cosa direbbe mio padre, credo fermamente che sulla base del suo impegno per la giustizia e l’eguaglianza, incoraggerebbe questa Commissione a rilasciare il signor Sirhan considerato il suo impressionante percorso riabilitativo». Robert Jr., notano alcuni osservatori, ha recentemente preso posizioni “no-vax”, ed in tema di “complottismo” più volte ha sostenuto che Sirhan non sia il vero assassino del padre, o che comunque non abbia agito da solo.
Robert Francis Kennedy, chiamato Bob e noto come RFK, bianco, importante esponente del Partito Democratico, cattolico, padre di 13 figli, aveva 42 anni quando, nella notte tra il 5 e il 6 giugno 1968, venne affrontato da Sirhan, che gli sparò contro otto colpi di calibro 22, colpendolo 3 volte. Morì in ospedale 24 ore dopo. Bob Kennedy era stato ministro della giustizia (Procuratore Generale) nel gabinetto del fratello, “JFK”, John Fitzgerald Kennedy, Presidente degli Stati Uniti ucciso a Dallas nel 1963. In seguito divenne Senatore, e al momento dell’attentato di Sirhan aveva appena pronunciato un discorso di ringraziamento ai suoi sostenitori dopo aver vinto le importanti primarie presidenziali democratiche in California. Sirhan, che all’epoca aveva 24 anni, rivendicò sommariamente il suo gesto sostenendo di aver agito per protesta contro l’appoggio Usa ad Israele. In seguito non è più tornato compiutamente sull’argomento, iniziando a sostenere di non avere nessuna memoria del giorno dell’omicidio.
Se fosse liberato, Sihran, nato a Gerusalemme ma di cittadinanza giordana, probabilmente verrebbe espulso verso la Giordania.
Con questo dato in mente, Robert Barton, uno dei due membri della commissione “Lifer Hearing”, gli ha chiesto se c’era da aspettarsi che una volta liberato avrebbe svolto opera di testimonianza e propaganda a favore della resistenza armata palestinese. Sirhan con molta calma ha risposto invitando la Commissione a valutare l’ipotesi opposta, e cioè che dopo tanti anni di carcere l’ex detenuto Sirhan probabilmente testimonierebbe sull’inefficacia dell’uso della violenza, e a favore di un modo amichevole e nonviolento di risolvere il problema. Poco prima Sirhan aveva detto di essere ormai troppo vecchio per essere coinvolto nel conflitto in Medio Oriente Sirhan, e di sentirsene distaccato, consapevole solo dell’enorme sofferenza sopportata dai profughi.

https://www.theguardian.com/us-news/2021/aug/27/sirhan-sirhan-bobby-kennedy-assassination-parole

https://www.theguardian.com/us-news/2021/aug/28/sirhan-sirhan-parole-robert-f-kennedy-children-california

 

(Fonti: The Guardian, 27/08/2021)

Altre news:
USA - Virginia. Grazie postuma per 7 uomini di colore giustiziati nel 1951.
IRAN - Hadi Attazadeh torturato e ucciso nella prigione di Ahar il 31 agosto
IRAN - Mansour Kahrazehi giustiziato nella prigione di Zahedan il 28 agosto
IRAN - Amir Ali Hosseini giustiziato nella prigione di Qom il 24 agosto
IRAN - Iran Human Rights condanna fermamente l'arresto di 7 avvocati e attivisti civili
IRAN - Un uomo non identificato giustiziato a Esfarayen in data imprecisata
CINA - Un tribunale cinese ha confermato la condanna a morte del canadese Robert Schellenberg
IRAN - Esmail Soltan-Abadi giustiziato il 9 agosto nella prigione di Kermanshah
IRAN - Afshar Minayi giustiziato nella prigione di Kermanshah il 9 agosto
IRAN - Ebrahim Ghanbarzehi e Nabi Notizehi giustiziati nella prigione di Kerman il 9 agosto
IRAN - Zabiollah Hormozi giustiziato nella prigione di Mashhad il 9 agosto
IRAN - Salim Mohammadi giustiziato nel carcere di Isfahan l'8 agosto
IRAN - Majid Golebacheh (Goleh Bacheh) giustiziato nella prigione di Birjand l'8 agosto
IRAN - Mohammad Hassani-Kiazehi e Seyed Esmail Kurdtamini impiccati l'8 agosto nella prigione di Isfahan
IRAN - Mohammad Hassani-Kiazehi giustiziato nella prigione di Isfahan l’8 agosto
IRAN - Farzad Afsordeh giustiziato nella prigione di Jiroft il 4 agosto
IRAN - Mojtaba Tondroo (Tondro) giustiziato nella prigione di Karaj il 4 agosto
IRAN - Mohammad Hassan Eghdami (Aqdami) ed Ebrahim Afrashteh (Ibrahim Afrushteh) giustiziati a Qom il 4 agosto
IRAN - Arsalan Karimi giustiziato nella prigione di Isfahan il 2 agosto
IRAN - Eskandar Zare (Zar’e), Sepehr Abbasnejad e Hamzeh Rezaei giustiziati ad Urmia il 2 agosto
IRAN - Sajad Sanjari, 15 anni al momento del reato, giustiziato nel carcere di Dizelabad il 2 agosto
IRAN - Due uomini giustiziati nella prigione di Mashhad il 1° agosto
2022
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
  2021
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2020
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2019
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2018
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
 
2017
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2016
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2015
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2014
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2013
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2012
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
 
2011
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2010
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2009
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2008
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2007
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2006
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
 
2005
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2004
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
 
IRAN - La moglie di Djalali sollecita più impegno dall’Europa
  LA VETRINA E IL RETROBOTTEGA DEL NEGOZIO DELL’#ANTIMAFIA  
  ITALIA: DA ‘CULLA’ A ‘TOMBA’ DEL DIRITTO?  
  APPELLO AL GOVERNATORE DELLA CALIFORNIA PER JARVIS JAY MASTERS  
  MOZIONE GENERALE DEL 40ESIMO CONGRESSO STRAORDINARIO DEL PARTITO RADICALE NONVIOLENTO, TRANSNAZIONALE E TRANSPARTITO  
  ELISABETTA ZAMPARUTTI CONFERMATA AL CPT PER SECONDO MANDATO  
news
-
azioni urgenti
-
banca dati
-
campagne
-
chi siamo
-
area utenti
-
privacy e cookies
-
credits