Anno
Ultime notizie
Archivio notizie
Guida all'uso della Banca Dati
MOZIONE GENERALE DEL VI° CONGRESSO DI NTC
La pena di morte nel mondo (al 30 giugno 2016)
DISCORSO di Papa Francesco
SINTESI DEI FATTI PIÙ IMPORTANTI DEL 2015 (e dei primi sei mesi del 2016)
Analisi dati Rapporto 2015 e Obiettivi di NtC
Esecuzioni nel 2014
Esecuzioni nel 2015 (al 30 giugno)
Reportage Comore Sergio D'Elia
Reportage Niger Marco Perduca
Premio l'Abolizionista dell'Anno 2015
Messaggio di Sergio Mattarella al VI° Congresso di NtC
Relazione di Sergio D'Elia al VI° Congresso di NtC
Relazione di Elisabetta Zamparutti al VI° Congresso di NtC
Rapporto IL VOLTO SORRIDENTE DEI MULLAH
DOSSIER IRAN APRILE 2016
Dossier su Pena di Morte e Omosessualità
Reportage di Elisabetta Zamparutti
Protocollo di intesa tra NtC e CNF
Dichiarazione finale del seminario del Cairo 15/16 maggio 2017
Azioni in corso
Archivio azioni
Campagne in corso
Archivio campagne

RAPPORTO DEL SECONDO FORUM ANNUALE DELL'UE SULLA PENA DI MORTE IN ZAMBIA

RISOLUZIONE ONU 2012
RISOLUZIONE ONU 2010

DICHIARAZIONE DI LIBREVILLE

Organi Dirigenti
Dossier Iraq 2003

Le sedi
DICHIARAZIONE DI COTONOU 2014

I video
RISOLUZIONE ONU 2014

Adesioni Comuni, Province, Regioni

BILANCI DI NESSUNO TOCCHI CAINO

La campagna per la moratoria ONU delle esecuzioni capitali
DOSSIER GIAPPONE

DONA IL 5x1000 A NESSUNO TOCCHI CAINO
DOSSIER IRAN

FIRMATARI APPELLO ALLE NAZIONI UNITE

DEDUCIBILITA' FISCALE


Appello dei PREMI NOBEL
RISOLUZIONE ONU 2007
DOSSIER LIBIA
DOSSIER USA 2011
Abbiamo fatto
RISOLUZIONE ONU 2008
DOSSIER PENA DI MORTE 2008
VIDEO MISSIONE IN CIAD
Le pubblicazioni
RISOLUZIONE DELLA CONFERENZA DI KIGALI 2011

DOSSIER MORATORIA
DOSSIER COMMERCIO LETALE
DICHIARAZIONE FINALE DELLA CONFERENZA DI FREETOWN 2014
Gli obiettivi

L'AUTENTICA STORIA DEL 'TERRORISTA' SERGIO D'ELIA

Acquista il rapporto di Nessuno tocchi Caino

Contributi artistici

Contattaci
Organi Dirigenti
Newsletter
Iscriviti a NTC
Acquista le pubblicazioni
Forum utenti
Scarica l'appello per la moratoria

LA SOTTILE LINEA TRA SICUREZZA ED AUTORITARISMO

3 dicembre 2023:

Angelo Scuderi

Ho come l’idea che tutto sembra scorrere verso un’idea confusa di sicurezza sociale che, lungi dall’essere realmente perseguita attraverso strutturali riforme interdisciplinari, si riduce a realizzarsi fittiziamente attraverso sempre più nuove e creative norme di rilievo penalistico.
Dopo aver assistito all’uso smodato della decretazione d’urgenza per l’introduzione di nuove, quanto inutili, fattispecie incriminatrici, è notizia di qualche giorno fa che il C.d.M. abbia approvato un nuovo disegno di legge che introduce nuove norme in materia di sicurezza pubblica. Ed ecco, quindi, che l’endemico problema della carenza di abitazioni da adibire alle famiglie bisognose e il problema dell’edilizia popolare da riqualificare nelle zone più difficili del nostro Paese, vengono presi a pretesto dal Governo per introdurre una nuova figura di reato, quale “l’occupazione arbitraria di immobile destinato a domicilio altrui”, che altro non sarebbe se non l’ancora vigente norma di cui all’art. 633 c.p. con pene però quasi raddoppiate nella forbice edittale, con ogni conseguenza anche in ordine all’esecuzione dell’eventuale condanna che vedrebbe il prevenuto impossibilitato ad avvalersi delle misure alternative alla detenzione.
Più carcere, quindi, senza possibilità alcuna da parte del detenuto “scomodo” di protestare contro il degradante trattamento carcerario che, a causa del sovraffollamento penitenziario ingenerato da anni di visione carcero-centrica della pena, gli verrà riservato. Viene, infatti, previsto un cospicuo aggravamento di pena per il “delitto di istigazione a disobbedire alle leggi” se lo stesso viene commesso al fine di far realizzare una rivolta all’interno del carcere, giacché spazi per la socializzazione non ve ne sono e, quindi, guai a chi protesta o pensa di farlo; e che importa se le proteste sono legittime a causa delle condizioni disumane nelle quali sono costretti a vivere i detenuti!
Ma la sottile linea che divide la sicurezza dall’autoritarismo sembra assottigliarsi laddove si fa riferimento a un’ulteriore figura di reato, questa sì solo di matrice autoritaria e slegata da ogni esigenza di sicurezza, quale la previsione della reclusione da uno a sei anni per lo straniero che durante il trattenimento amministrativo presso i CPR (quindi, rivolta a soggetti già privati ingiustamente della libertà) osa opporre resistenza, anche passiva (!!) agli ordini impartiti dall’autorità. Si arriva a punire, per ben due volte, chi in posizione di minorata difesa e di privazione ingiusta della propria libertà, si opporrebbe anche passivamente ai comandi imposti dall’Autorità.
Per dare al cittadino l’illusoria idea di sicurezza, inoltre, non solo si è deciso di punire più severamente i “rivoltosi” in vinculis, ma si è previsto, finanche, di modificare uno degli ultimi baluardi di legalità e di dignità che nessuno aveva mai inteso scalfire negli anni, come il rinvio dell’esecuzione della pena per donne incinte e madri di bambini fino ad un anno di età.
In forza dell’autoritarismo, quindi, vedremo sempre più mamme e bambini fino ad un anno scontare la loro pena in carcere anche in considerazione del fatto che, al momento, non sembrano essere funzionanti gli istituti a custodia attenuata per le detenute madri.
La patologica bulimia in materia di introduzione di nuove fattispecie penali continua a non trovare limiti, laddove le stesse vengono previste, come nel caso dei cosiddetti divieti di “blocchi stradali” al solo fine di punire con pene rigorose i numerosi, ma non troppo, manifestanti, per di più giovanissimi e quasi mai violenti, che protestano per la tutela ambientale. Non bastavano i reati già previsti dal nostro codice per punire eventuali trasgressioni dei manifestanti rispetto ai limiti della protesta civile? No, secondo questo Governo sembrerebbe di no; ogni singola fattispecie sembra debba trovare, per forza, una norma penale che la limiti e che la punisca fino a rendere l’ideale di sicurezza sociale come l’unico fine a cospetto del quale dover sacrificare gli inviolabili diritti conquistati nel tempo.
Siamo sicuri che la sicurezza dei cittadini possa essere legittimamente tutelata da norme dal chiaro timbro autoritario? Può bastare qualche biasimevole borseggio nelle metropolitane urbane a giustificare misure repressive così autoritarie? Si può risolvere il conflitto abitativo delle grandi città con norme che, lungi dal favorire l’inclusione dei più deboli, esasperano il futuro degli stessi con pene elevatissime? C’è ancora proporzionalità, tra gli interessi perseguiti dalla collettività e le misure repressive adottate dallo Stato?
Ho il fondato timore che, nonostante tutto, incidendo solo sul piano repressivo e non su quello politico e sociale, si aggroviglierà la sottile linea tra sicurezza ed autoritarismo, sì da divenire un soffocante cappio al collo che opprimerà irrimediabilmente, il nostro Stato di diritto.

Altre news:
AFGHANISTAN: DUE ESECUZIONI IN PUBBLICO PER OMICIDIO
CREMONA: 23 FEBBRAIO VISITA AL CARCERE E CONFERENZA PUBBLICA
CINA: GIUSTIZIATO PER LA RAPINA E OMICIDIO DI UNA DONNA
MYANMAR: TRE GENERALI DI BRIGATA CONDANNATI A MORTE PER ESSERSI ARRESI
EMERGENZA CARCERI, IL MPA ADERISCE ALL’INIZIATIVA DI NESSUNO TOCCHI CAINO
PAKISTAN: SENATO RESPINGE ESECUZIONE PUBBLICA PER GLI STUPRATORI
CREMONA: 23 FEBBRAIO VISITA AL CARCERE E CONFERENZA PUBBLICA
IRAN - Iraj Paaki giustiziato a Urmia il 19 febbraio
ITALIA - È morto Marco Cochi
INDIA: CONDANNATO A MORTE PER DUPLICE OMICIDIO NELL’UTTAR PRADESH
IRAQ: CONDANNATO A MORTE PER L’OMICIDIO DELLA MOGLIE
PUTIN HA UCCISO NAVALNY, IL FEROCE OMICIDIO DI UN EROE DELLA NONVIOLENZA
QUESTO CARCERE INFLIGGE PENE CORPORALI: PAROLA DI ARCHITETTO
IRAN - Ashraf Akramullah giustiziato a Isfahan il 18 febbraio
IL RINASCIMENTO DI MBS È PRECIPITATO NEL MEDIOEVO
NESSUNO TOCCHI CAINO, 'CON NAVALNY REGIME RUSSO MOSTRA VOLTO FEROCE E SPIETATO'
GIORDANIA: CONDANNA A MORTE PER OMICIDIO
PAKISTAN: TRE CONDANNATI A MORTE PER OMICIDIO
BANGLADESH: 10 CONDANNATI A MORTE E 6 ALL’ERGASTOLO PER STUPRO
NIGERIA: CONDANNATA ALL’IMPICCAGIONE PER L’OMICIDIO DI UNA MAKEUP ARTIST
IRAN - 4 prigionieri politici baluchi condannati a morte
USA - Idaho. La Camera approva la legge HB 515 che estende la pena di morte agli stupratori di bambini
CARCERI. DAL 14 FEBBRAIO INIZIA ITER PARLAMENTARE PdL GIACHETTI/NTC CONTRO IL SOVRAFFOLLAMENTO. PRIMO RISULTATO DEL GRANDE SATYAGRAHA, BERNARDINI E GIACHETTI SOSPENDONO SCIOPERO DELLA FAME
QATAR: LIBERATI GLI OTTO INDIANI CHE ERANO STATI CONDANNATI A MORTE PER SPIONAGGIO
CINA: CONDANNA A MORTE SOSPESA PER L’EX CAPO DELLA CHINA MERCHANTS BANK
TANZANIA: CONDANNATO A MORTE PER SETTE OMICIDI
VIETNAM: IL PRESIDENTE COMMUTA CINQUE CONDANNE A MORTE
IRAN - Il prigioniero politico Mohammad Javad Vafaei Sani potrebbe venir giustiziato a breve
IRAN - Uomo condannato a morte per l'omicidio del regista Mehrjui
IRAN - Abuzar Taher Arab giustiziato a Qom il 12 febbraio

1 2 3 [Succ >>]
2024
gennaio
febbraio
  2023
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2022
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2021
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2020
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
 
2019
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2018
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2017
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2016
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2015
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2014
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
 
2013
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2012
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2011
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2010
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2009
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2008
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
 
2007
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2006
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2005
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2004
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
 
Convegno a Spoleto
  IRAN - La moglie di Djalali sollecita più impegno dall’Europa  
  LA VETRINA E IL RETROBOTTEGA DEL NEGOZIO DELL’#ANTIMAFIA  
  ITALIA: DA ‘CULLA’ A ‘TOMBA’ DEL DIRITTO?  
  APPELLO AL GOVERNATORE DELLA CALIFORNIA PER JARVIS JAY MASTERS  
  MOZIONE GENERALE DEL 40ESIMO CONGRESSO STRAORDINARIO DEL PARTITO RADICALE NONVIOLENTO, TRANSNAZIONALE E TRANSPARTITO  
news
-
azioni urgenti
-
banca dati
-
campagne
-
chi siamo
-
area utenti
-
privacy e cookies
-
credits