Anno
Ultime notizie
Archivio notizie
Guida all'uso della Banca Dati
MOZIONE GENERALE DEL VI° CONGRESSO DI NTC
La pena di morte nel mondo (al 30 giugno 2016)
DISCORSO di Papa Francesco
SINTESI DEI FATTI PIÙ IMPORTANTI DEL 2015 (e dei primi sei mesi del 2016)
Analisi dati Rapporto 2015 e Obiettivi di NtC
Esecuzioni nel 2014
Esecuzioni nel 2015 (al 30 giugno)
Reportage Comore Sergio D'Elia
Reportage Niger Marco Perduca
Premio l'Abolizionista dell'Anno 2015
Messaggio di Sergio Mattarella al VI° Congresso di NtC
Relazione di Sergio D'Elia al VI° Congresso di NtC
Relazione di Elisabetta Zamparutti al VI° Congresso di NtC
Rapporto IL VOLTO SORRIDENTE DEI MULLAH
DOSSIER IRAN APRILE 2016
Dossier su Pena di Morte e Omosessualità
Reportage di Elisabetta Zamparutti
Protocollo di intesa tra NtC e CNF
Dichiarazione finale del seminario del Cairo 15/16 maggio 2017
Azioni in corso
Archivio azioni
Campagne in corso
Archivio campagne

RAPPORTO DEL SECONDO FORUM ANNUALE DELL'UE SULLA PENA DI MORTE IN ZAMBIA

RISOLUZIONE ONU 2012
RISOLUZIONE ONU 2010

DICHIARAZIONE DI LIBREVILLE

Organi Dirigenti
Dossier Iraq 2003

Le sedi
DICHIARAZIONE DI COTONOU 2014

I video
RISOLUZIONE ONU 2014

Adesioni Comuni, Province, Regioni

BILANCI DI NESSUNO TOCCHI CAINO

La campagna per la moratoria ONU delle esecuzioni capitali
DOSSIER GIAPPONE

DONA IL 5x1000 A NESSUNO TOCCHI CAINO
DOSSIER IRAN

FIRMATARI APPELLO ALLE NAZIONI UNITE

DEDUCIBILITA' FISCALE


Appello dei PREMI NOBEL
RISOLUZIONE ONU 2007
DOSSIER LIBIA
DOSSIER USA 2011
Abbiamo fatto
RISOLUZIONE ONU 2008
DOSSIER PENA DI MORTE 2008
VIDEO MISSIONE IN CIAD
Le pubblicazioni
RISOLUZIONE DELLA CONFERENZA DI KIGALI 2011

DOSSIER MORATORIA
DOSSIER COMMERCIO LETALE
DICHIARAZIONE FINALE DELLA CONFERENZA DI FREETOWN 2014
Gli obiettivi

L'AUTENTICA STORIA DEL 'TERRORISTA' SERGIO D'ELIA

Acquista il rapporto di Nessuno tocchi Caino

Contributi artistici

Contattaci
Organi Dirigenti
Newsletter
Iscriviti a NTC
Acquista le pubblicazioni
Forum utenti
Scarica l'appello per la moratoria

Milad Zohrevand
Milad Zohrevand
MADRE IRANIANA ARRESTATA PER AVER PIANTO AI FUNERALI DEL FIGLIO GIUSTIZIATO

3 dicembre 2023:

Valerio Fioravanti

“Afsaneh Zohrevand arrestata perché, contravvenendo agli ordini delle autorità, ha pianto ai funerali del figlio”. Che poi non erano nemmeno veri e propri funerali, quanto un seppellimento senza cerimonie religiose in un cimitero di risulta. Questa cosa è successa in Iran, e fa affiorare alla mente un’altra dittatura, la Corea del Nord, dove periodicamente “Ciccio Kim” (oltre a lanciare missili per farsi notare) ordina dei periodi di lutto nazionale durante i quali “è vietato ridere, pena l’arresto”. Già, sono notizie che ci fanno venire voglia di scherzare, tanto ci sembrano lontane nel tempo e nello spazio. Ma non è così, è semplicemente il meccanismo su cui poggiano le dittature, non importa se personali, ideologiche, o religiose: bisogna tenere il popolo nella paura.
Secondo informazioni ottenute da Iran Human Rights, un’attiva ONG di iraniani in esilio che fanno base in Norvegia, il 24 novembre il corpo del manifestante Milad Zohrevand è stato deposto in un cimitero cristiano (armeno) di Hamedan, non gli hanno permesso di essere sepolto in uno musulmano.
Il corpo è stato consegnato alla famiglia in presenza di un massiccio apparato di sicurezza. Gli agenti non hanno permesso a nessuno di fare foto e video. Non hanno nemmeno permesso di stampare avvisi o distribuire le tradizionali foto ricordo del defunto. Non hanno nemmeno permesso a nessuno di piangere. Sua madre è stata arrestata e trattenuta per diverse ore per aver pianto.
Milad era stato arrestato il 27 ottobre 2022, 40 giorni dopo la morte di Mahsa Amini che ha scatenato le proteste in tutto l'Iran. È stato giustiziato segretamente nella prigione di Hamedan il 22 novembre 2023.
Milad Zohrevand è stato l'ottavo manifestante di "Donna, Vita, Libertà" giustiziato dal dicembre 2022.
“Manifestante” è un termine generico, e si riferisce alle centinaia di migliaia di persone scese in piazza dopo le uccisioni nel settembre 2022 di Mahsa Amini e nell’ottobre 2023 di Armita Garavand, due giovani donne di 23 e 16 anni, picchiate a morte per non aver indossato correttamente il velo islamico, anzi Armita, con il coraggio dell’adolescenza, per non averlo indossato per niente.
Per reprimere le manifestazioni di piazza le forze di polizia, agendo quasi sempre in borghese, hanno arrestato decine di migliaia di persone, e secondo ONG attendibili, hanno ucciso 750 giovani. I tribunali hanno emesso un centinaio di condanne a morte, e il parlamento ha creato un nuovo reato capitale: parlare con la stampa straniera.
Conoscendo la situazione dei diritti umani in Iran non ci si meraviglia che non si possa piangere ai funerali di un “nemico del popolo”. Le persone arrestate con motivazioni politiche vengono trattenute anche per mesi in apposite prigioni gestite direttamente dai Guardiani della Rivoluzione. Vengono condotti in una prigione normale solo dopo che hanno rilasciato una confessione, la quale sarà videoregistrata e mostrata in televisione durante il principale notiziario della sera. Come vengono ottenute le confessioni? Lo sanno tutti. E di solito i giovani resistono, e cedono solo quando gli arrestano anche la madre, o peggio, la sorella.
Nessuno tocchi Caino dal gennaio 2019 ha deciso di seguire la situazione iraniana con particolare attenzione, e da allora ha pubblicato 2117 notizie di, chiamiamola così, cronaca giudiziaria, a cui va aggiunta la pubblicazione dei dati delle 2.681 impiccagioni compiute nello stesso periodo. Alcune di queste notizie, purtroppo da fonti attendibili, raccontano che se le donne non sono brave musulmane e per caso sono ancora vergini, allora devono essere violentate in carcere per essere sicuri che vadano allo jahannam, all’inferno. Quindi sì, i nemici del popolo devono confessare davanti alla telecamera, e durante il processo questa è spesso l’unica prova a loro carico, e comunque, siccome non sono bravi cittadini, non gli si lascia nominare un avvocato di fiducia, e quindi che le prove ci siano o non ci siano non conta molto. Vengono poi impiccati senza preavviso alle famiglie, quindi senza un’ultima visita. Alla consegna del corpo spesso i parenti scoprono di non poterlo seppellire nella tomba di famiglia, ma gli viene assegnato un posto sperduto, spesso in un’altra città. E se sulla tomba del “nemico del popolo” compaiono troppi fiori, o comunque ci va toppa gente, la lapide viene spaccata, e se i visitatori insistono, di notte, senza preavviso, la tomba sparirà. Gli antichi romani la chiamavano damnatio memoriae.
È bene allora che dalla periferia del nostro impero felice arrivino queste notizie. Dobbiamo ricordarcelo cosa c’era prima della imperfettissima democrazia. E cosa ancora c’è in troppe parti del mondo.

Altre news:
AFGHANISTAN: DUE ESECUZIONI IN PUBBLICO PER OMICIDIO
CREMONA: 23 FEBBRAIO VISITA AL CARCERE E CONFERENZA PUBBLICA
CINA: GIUSTIZIATO PER LA RAPINA E OMICIDIO DI UNA DONNA
MYANMAR: TRE GENERALI DI BRIGATA CONDANNATI A MORTE PER ESSERSI ARRESI
EMERGENZA CARCERI, IL MPA ADERISCE ALL’INIZIATIVA DI NESSUNO TOCCHI CAINO
PAKISTAN: SENATO RESPINGE ESECUZIONE PUBBLICA PER GLI STUPRATORI
CREMONA: 23 FEBBRAIO VISITA AL CARCERE E CONFERENZA PUBBLICA
IRAN - Iraj Paaki giustiziato a Urmia il 19 febbraio
ITALIA - È morto Marco Cochi
INDIA: CONDANNATO A MORTE PER DUPLICE OMICIDIO NELL’UTTAR PRADESH
IRAQ: CONDANNATO A MORTE PER L’OMICIDIO DELLA MOGLIE
PUTIN HA UCCISO NAVALNY, IL FEROCE OMICIDIO DI UN EROE DELLA NONVIOLENZA
QUESTO CARCERE INFLIGGE PENE CORPORALI: PAROLA DI ARCHITETTO
IRAN - Ashraf Akramullah giustiziato a Isfahan il 18 febbraio
IL RINASCIMENTO DI MBS È PRECIPITATO NEL MEDIOEVO
NESSUNO TOCCHI CAINO, 'CON NAVALNY REGIME RUSSO MOSTRA VOLTO FEROCE E SPIETATO'
GIORDANIA: CONDANNA A MORTE PER OMICIDIO
PAKISTAN: TRE CONDANNATI A MORTE PER OMICIDIO
BANGLADESH: 10 CONDANNATI A MORTE E 6 ALL’ERGASTOLO PER STUPRO
NIGERIA: CONDANNATA ALL’IMPICCAGIONE PER L’OMICIDIO DI UNA MAKEUP ARTIST
IRAN - 4 prigionieri politici baluchi condannati a morte
USA - Idaho. La Camera approva la legge HB 515 che estende la pena di morte agli stupratori di bambini
CARCERI. DAL 14 FEBBRAIO INIZIA ITER PARLAMENTARE PdL GIACHETTI/NTC CONTRO IL SOVRAFFOLLAMENTO. PRIMO RISULTATO DEL GRANDE SATYAGRAHA, BERNARDINI E GIACHETTI SOSPENDONO SCIOPERO DELLA FAME
QATAR: LIBERATI GLI OTTO INDIANI CHE ERANO STATI CONDANNATI A MORTE PER SPIONAGGIO
CINA: CONDANNA A MORTE SOSPESA PER L’EX CAPO DELLA CHINA MERCHANTS BANK
TANZANIA: CONDANNATO A MORTE PER SETTE OMICIDI
VIETNAM: IL PRESIDENTE COMMUTA CINQUE CONDANNE A MORTE
IRAN - Il prigioniero politico Mohammad Javad Vafaei Sani potrebbe venir giustiziato a breve
IRAN - Uomo condannato a morte per l'omicidio del regista Mehrjui
IRAN - Abuzar Taher Arab giustiziato a Qom il 12 febbraio

1 2 3 [Succ >>]
2024
gennaio
febbraio
  2023
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2022
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2021
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2020
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
 
2019
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2018
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2017
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2016
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2015
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2014
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
 
2013
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2012
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2011
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2010
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2009
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2008
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
 
2007
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2006
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2005
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2004
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
 
Convegno a Spoleto
  IRAN - La moglie di Djalali sollecita più impegno dall’Europa  
  LA VETRINA E IL RETROBOTTEGA DEL NEGOZIO DELL’#ANTIMAFIA  
  ITALIA: DA ‘CULLA’ A ‘TOMBA’ DEL DIRITTO?  
  APPELLO AL GOVERNATORE DELLA CALIFORNIA PER JARVIS JAY MASTERS  
  MOZIONE GENERALE DEL 40ESIMO CONGRESSO STRAORDINARIO DEL PARTITO RADICALE NONVIOLENTO, TRANSNAZIONALE E TRANSPARTITO  
news
-
azioni urgenti
-
banca dati
-
campagne
-
chi siamo
-
area utenti
-
privacy e cookies
-
credits