Anno
Ultime notizie
Archivio notizie
Guida all'uso della Banca Dati
MOZIONE GENERALE DEL VI° CONGRESSO DI NTC
La pena di morte nel mondo (al 30 giugno 2016)
DISCORSO di Papa Francesco
SINTESI DEI FATTI PIÙ IMPORTANTI DEL 2015 (e dei primi sei mesi del 2016)
Analisi dati Rapporto 2015 e Obiettivi di NtC
Esecuzioni nel 2014
Esecuzioni nel 2015 (al 30 giugno)
Reportage Comore Sergio D'Elia
Reportage Niger Marco Perduca
Premio l'Abolizionista dell'Anno 2015
Messaggio di Sergio Mattarella al VI° Congresso di NtC
Relazione di Sergio D'Elia al VI° Congresso di NtC
Relazione di Elisabetta Zamparutti al VI° Congresso di NtC
Rapporto IL VOLTO SORRIDENTE DEI MULLAH
DOSSIER IRAN APRILE 2016
Dossier su Pena di Morte e Omosessualità
Reportage di Elisabetta Zamparutti
Protocollo di intesa tra NtC e CNF
Dichiarazione finale del seminario del Cairo 15/16 maggio 2017
Azioni in corso
Archivio azioni
Campagne in corso
Archivio campagne

RAPPORTO DEL SECONDO FORUM ANNUALE DELL'UE SULLA PENA DI MORTE IN ZAMBIA

RISOLUZIONE ONU 2012
RISOLUZIONE ONU 2010

DICHIARAZIONE DI LIBREVILLE

Organi Dirigenti
Dossier Iraq 2003

Le sedi
DICHIARAZIONE DI COTONOU 2014

I video
RISOLUZIONE ONU 2014

Adesioni Comuni, Province, Regioni

BILANCI DI NESSUNO TOCCHI CAINO

La campagna per la moratoria ONU delle esecuzioni capitali
DOSSIER GIAPPONE

DONA IL 5x1000 A NESSUNO TOCCHI CAINO
DOSSIER IRAN

FIRMATARI APPELLO ALLE NAZIONI UNITE

DEDUCIBILITA' FISCALE


Appello dei PREMI NOBEL
RISOLUZIONE ONU 2007
DOSSIER LIBIA
DOSSIER USA 2011
Abbiamo fatto
RISOLUZIONE ONU 2008
DOSSIER PENA DI MORTE 2008
VIDEO MISSIONE IN CIAD
Le pubblicazioni
RISOLUZIONE DELLA CONFERENZA DI KIGALI 2011

DOSSIER MORATORIA
DOSSIER COMMERCIO LETALE
DICHIARAZIONE FINALE DELLA CONFERENZA DI FREETOWN 2014
Gli obiettivi

L'AUTENTICA STORIA DEL 'TERRORISTA' SERGIO D'ELIA

Acquista il rapporto di Nessuno tocchi Caino

Contributi artistici

Contattaci
Organi Dirigenti
Newsletter
Iscriviti a NTC
Acquista le pubblicazioni
Forum utenti
Scarica l'appello per la moratoria

TUTTI CE LE INVIDIANO PERÒ NESSUNO LE VUOLE: BASTA MISURE DI PREVENZIONE!

16 giugno 2024:

Tullio Padovani*

In Italia abbiamo una presenza sempre più invadente, sempre più pericolosa, e sempre più silenziosa, nel senso che se ne parla poco, troppo poco o non se ne parla affatto. Magari se ne occupano i giornali che curano di più gli aspetti della giustizia ma che sono letti da pochi. I grandi giornali non dedicano nessuno spazio a un problema che viceversa costituisce un vero e proprio cancro del sistema giuridico italiano. Parlo delle misure di prevenzione, soprattutto delle misure di prevenzione patrimoniali e delle cosiddette interdittive antimafia.
Si tratta di un meccanismo diabolico che ha un carattere eversivo, del quale non percepiamo la portata perché agisce un po’ dietro le quinte. Ogni tanto emerge nelle cronache – hanno portato via il patrimonio di Tizio, di Caio, di Sempronio – però la cosa non fa scandalo. C’è stato un recente processo a Palermo a carico di un magistrato che operava nel settore delle misure di prevenzione e allora della cosa si è parlato. Ma la sostanza del fenomeno non è ancora percepita, sembra che non sia un problema. Eppure, in Sicilia, credo che la stessa economia dell’isola sia condizionata dall’esistenza delle misure di prevenzione.
Non so se tutti hanno la nozione di che cosa siano e cercherò di riassumerlo brevissimamente. Sono uno strumento antico. In Italia non ci facciamo mancare mai niente, siamo buoni inventori di questi strumenti che dietro il paravento della legalità la violano e la tradiscono completamente. Figuratevi che le misure di prevenzione cominciano a esistere con il Piemonte Sabaudo, col Regno di Sardegna, prima che arrivasse l’Italia, per far fronte a una emergenza delle prime guerre d’indipendenza. C’erano gli esuli lombardi, masse di persone, necessità di controllarle. Erano misure legate alla possibile pericolosità di certi soggetti, quindi, alla necessità di particolari forme di sorveglianza di polizia, domicili vincolati in certe località. Di patrimoniale non c’era ancora niente d’importante, ma c’era anche questo e riguardava i cosiddetti furti campestri, che all’epoca erano una piaga nelle campagne. Allora, cosa succedeva? Succedeva che se a un contadino trovavano nella stalla degli attrezzi, dei materiali, delle merci di cui non riusciva a giustificare la provenienza in modo esauriente, glieli sequestravano perché sospetti di essere il frutto di un furto. Sospetto di essere provenienti da un furto, ma c’era il furto o no? Perché se c’era è certo che bisognava portarglieli via, ma se non c’era? C’era, non c’era: quanti problemi… Si sospetta che ci fosse e nel dubbio è meglio portarli via, così siamo sicuri.
Siamo andati avanti così nel corso degli anni sempre con nuove emergenze. Perché dopo l’unità d’Italia abbiamo avuto il banditismo, il cosiddetto banditismo nell’Italia meridionale che era semplicemente una forma di grave disagio per una unità piuttosto problematica. Poi abbiamo avuto lo sviluppo industriale, quindi l’emergere di una classe pericolosa nuova, gli operai che si coalizzavano, i primi scioperi e, quindi, anche in questo caso, misure di prevenzione. Siamo andati avanti così fino alla Costituzione Repubblicana.
La Costituzione non parla di misure di prevenzione, non ne parla. All’Assemblea Costituente il problema non fu affrontato. Però le misure continuavano a essere previste nel testo unico delle leggi di pubblica sicurezza emanato durante il fascismo. Entrata in vigore la Costituzione Repubblicana, la questione passò alla Corte Costituzionale: ma queste misure sono compatibili con la Costituzione Repubblicana? Siccome si trattava di misure solo personali, l’ammonizione, il soggiorno obbligato, nei confronti per lo più di soggetti recidivi che erano già stati condannati e che si poteva sospettare fossero pericolosi, insomma, misure ristrette in una nicchia di soggetti particolarmente qualificati, la Corte Costituzionale con due celebri sentenze le sdoganò chiedendo solo che ci fosse la garanzia del giudice, di un giudice che controlla. Ma controlla cosa il giudice? Se la base per applicarle è il sospetto poi il giudice come fa a verificare il sospetto? Se verificasse il sospetto, cioè scoprisse che hai commesso dei reati ti dovrebbe condannare, se no il sospetto si limita a ratificarlo sulla base di quello che gli dice il rapporto di polizia.
E siamo andati avanti così. Poi, ci siamo accorti che in Sicilia c’era la mafia ed è intervenuta la legislazione antimafia. Con la legge del 65, abbiamo scoperto che in Sicilia c’era la mafia. Per la verità c’era già da almeno 150 anni come minimo, però noi arriviamo sempre in ritardo e introduciamo una legislazione che rafforza un po’ la legislazione precedente. Ma di misure patrimoniali ancora non si parla. Successivamente, passo dopo passo, passettin passettino, si arriva anche alle misure patrimoniali. Percorrere questa serie di passaggi sarebbe anche interessante ma diciamo che si dividono in due fasi. Una prima fase vede coinvolti soltanto i sospetti di appartenere ad associazioni mafiose. Già questo: visto che si era introdotto il reato di associazione mafiosa, se uno lo sospetti, allora, lo dovresti condannare, perché o hai le prove o non le hai. No, non ho le prove per condannarlo, però per sospettarlo sì. E quindi si comincia a entrare in una logica per la quale si dice: una volta che lo sospetto di appartenere ad associazioni mafiose, anche i soldi che ha vengono investiti dallo stesso sospetto. Fin lì rimaniamo in tema di lotta alla mafia sicura sia pure con strumenti che vengono definiti eccezionali, ma sapete com’è: la mafia, la mafia, la mafia, con la mafia si giustifica tutto.
Poi, abbiamo fatto il salto della quaglia e le misure di prevenzione patrimoniale si applicano senza distinzione di appartenenza o non appartenenza alla mafia. Il problema è: questi soldi tu sei in grado di dimostrare da dove li hai presi? Perché se non sei in grado di dimostrarlo te li porto via. Te li porto via se ho qualche sospetto che non siano puliti. Si tratta del patrimonio, spesso può essere frutto dell’eredità… la misura di prevenzione si applica lo stesso, anche dopo la morte del sospettato, nei confronti degli eredi. Tu dimostrami che sono puliti, dimostramelo. Allora tu dici: noi viviamo in Italia, abbiamo evaso, abbiamo fatto i condoni fiscali, effettivamente non ci siamo comportati bene ma è un’evasione fiscale. E il legislatore dice: no, questo non vale, te lo scrivo nella legge. Non mi devi venire a raccontare che hai evaso perché questo non mi serve, l’evasione non esiste, non esiste come fonte di produzione del reddito. Se hai evaso non puoi dire che hai evaso perché io non ti ascolto e non mi interessa e a questo punto considero convalidati i sospetti per cui ti porto via tutto.
In questo modo si sono rovinati interi compendi industriali.
Qui l’alternativa è secca: se i soldi provengono da reato è chiaro che devono essere confiscati, ma bisogna provarlo. Se non si prova, non ci si può basare sul sospetto perché nel sospetto ci sta chi per avventura è effettivamente nella condizione di vedersi portare via tutto e chi invece non lo è affatto. Io personalmente ho conosciuto persone della cui integrità non dubito che sono state letteralmente rovinate da un meccanismo divoratore spietato. E se ti portano via tutto non ti lasciano neanche i soldi per difenderti. Io li difendevo gratis perché non avevano di che pagarmi in quanto gli avevano preso tutto e messi anche nella condizione di non difendersi. Non parliamo poi delle interdittive antimafia: se nell’azienda c’è qualcuno che è sospettato di avere collegamenti di qualunque tipo – un parente, un amico – con un sodalizio mafioso, scatta l’interdittiva antimafia. Allora, non lavori più, sei escluso da tutto, è la fine.
Si è creato un comparto di economia che è gestito come una, io l’ho definita: “manomorta giudiziale”. Un tempo c’era la “manomorta ecclesiastica”, cioè il patrimonio dato agli ecclesiastici che serviva per mantenere ordini religiosi, congregazioni o quel che sia, ma che non era attività produttiva, era un’attività di mero sfruttamento parassitario dell’economia, cioè beni che non producevano ricchezza. E l’abbiamo ricostituita, la manomorta, perché su questi sequestri poi si sviluppa un’economia tossica, parassitaria, con burocrati che gestiscono patrimoni senza averne le competenze, senza averne la capacità, persone magari professionalmente anche serie – non sempre serie, il processo di Palermo ha dimostrato ampiamente che c’erano tante pecorelle nere, ma mettiamo che sono tutte pecorelle bianche, anche così, non basta essere onesti per fare l’imprenditore, bisogna essere imprenditori. Siccome questi non lo sono, quando alla fine si scopre – qualche volta si riesce persino a scoprirlo – che tutto sommato i sospetti erano infondati, ecco che allora si restituiscono le aziende cariche di debiti e pronte per il fallimento. Operazione di distruzione della ricchezza.
In Sicilia ci sono degli esempi illustri, come quello dei fratelli Cavallotti, che ora per fortuna sono finiti alla Corte Europea dei diritti dell’uomo che si accinge a decidere. E io mi auguro che la Corte Europea ci dia una bella scrollata perché noi abbiamo bisogno di una bastonata in testa, se no, non ci svegliamo dal torpore e spesso non basta neanche quella. Però ora il cittadino italiano ha un’arma visto che l’Europa è una sponda di legalità per noi. I sostenitori delle misure di prevenzione dicono che sono la cosa più bella del mondo, che tutti ce le invidiano, che è il modo migliore per affrontare i problemi della criminalità. Insomma, abbiamo la panacea di tutti i mali. Ma sta di fatto che nessuno si azzarda a introdurre simili istituti nel proprio ordinamento e, anzi, la Corte Europea ha cominciato a guardarle per quello che sono: dei mostri giuridici. Le misure di prevenzione sono una materia europea in quanto incidono sull’economia del nostro paese, sono fattori di alterazione della concorrenza, introducono elementi distorsivi, poderosi, ci intossicano.
Le misure di prevenzione sono la violazione più manifesta, più conclamata, più intollerabile, più assurda, più vergognosa del diritto europeo.
Mi auguro che il passaggio che dovrebbe essere alle porte sia quello di cominciare a eliminare questi mostri e ristabilire le condizioni di legalità nel nostro paese.
* Presidente d’Onore di Nessuno tocchi Caino

Altre news:
PAKISTAN: CONDANNATO A MORTE PER OMICIDIO NEL CORSO DI UNA RAPINA
BIELORUSSIA: TEDESCO CONDANNATO A MORTE PER ‘ATTIVITÀ MERCENARIA’
MALESIA: CONDANNATO A MORTE PER GLI OMICIDI DEI GENITORI
IRAN - 4 uomini giustiziati a Karaj il 21 luglio
IRAN - Daniyal Kazeminejad giustiziato a Kermanshah il 21 luglio
IRAN - 3 uomini e 1 donna giustiziati a Shiraz il 20 luglio
QUANDO LA SMANIA DI PUNIRE DIVENTA UNA DIPENDENZA
‘IL ROSETO’, UNO SPAZIO DI INTIMITÀ PER RIDARE DIGNITÀ AI DETENUTI
USA - Georgia. Occultata una prova importante durante il processo del 1998 contro Warren King
KUWAIT: CONFERMATA CONDANNA A MORTE PER L’OMICIDIO DEL PADRE
MALESIA: CONFERMATA CONDANNA CAPITALE PER VIOLENZA SESSUALE E OMICIDIO DI UNA BAMBINA
USA - Alabama. Keith Edmund Gavin è stato giustiziato il 18 luglio
IRAN - Edris Jamshidzahi giustiziato a Zahedan il 18 luglio
SOMALIA: TRIBUNALE MILITARE EMETTE DUE CONDANNE A MORTE PER OMICIDIO
ARABIA SAUDITA: CONDANNATO A MORTE PER DIVERSI ATTI DI TERRORISMO
IRAN - Taher Sadeghi giustiziato a Rasht il 17 luglio
SOMALIA: GIUSTIZIATI CINQUE MILIZIANI DI AL-SHABAAB
USA - Florida. Il giudice James H. Daniel ha condannato a morte Patrick McDowell
NIGERIA: DUE CONDANNATI A MORTE DOPO UN PROCESSO DI OTTO ANNI
USA - California. 3 detenuti del braccio della morte hanno ottenuto una riduzione della sentenza
ARABIA SAUDITA: 100 PERSONE GIUSTIZIATE DA INIZIO 2024
SOMALIA: CINQUE GIUSTIZIATI DAGLI AL-SHABAAB PER SPIONAGGIO
COREA DEL NORD: GIUSTIZIATO PER AVER DIFFUSO MUSICA E FILM SUDCOREANI
ARABIA SAUDITA: CITTADINO SAUDITA GIUSTIZIATO PER L’OMICIDIO DI UN CONNAZIONALE
RECLUSIONE, GUERRA, DISUGUAGLIANZA. A ‘CONCERTINA’ LA TERAPIA DEL DIALOGO
DARE L’ESAME DI MATURITÀ RINCHIUSO AL 41-BIS
MARSALA: 15 LUGLIO VISITA AL CARCERE DI TRAPANI E CONFERENZA
PAKISTAN: GIOVANE CRISTIANO CONDANNATO A MORTE PER BLASFEMIA
BANGLADESH: SEI CONDANNATI A MORTE PER OMICIDIO
IRAQ: CONDANNA A MORTE PER LA VEDOVA DELL’EX CAPO DELL’ISIS

1 2 3 [Succ >>]
2024
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
  2023
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2022
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2021
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2020
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
 
2019
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2018
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2017
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2016
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2015
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2014
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
 
2013
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2012
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2011
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2010
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2009
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2008
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
 
2007
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2006
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2005
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2004
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
 
Convegno a Spoleto
  IRAN - La moglie di Djalali sollecita più impegno dall’Europa  
  LA VETRINA E IL RETROBOTTEGA DEL NEGOZIO DELL’#ANTIMAFIA  
  ITALIA: DA ‘CULLA’ A ‘TOMBA’ DEL DIRITTO?  
  APPELLO AL GOVERNATORE DELLA CALIFORNIA PER JARVIS JAY MASTERS  
  MOZIONE GENERALE DEL 40ESIMO CONGRESSO STRAORDINARIO DEL PARTITO RADICALE NONVIOLENTO, TRANSNAZIONALE E TRANSPARTITO  
news
-
azioni urgenti
-
banca dati
-
campagne
-
chi siamo
-
area utenti
-
privacy e cookies
-
credits