Anno
Ultime notizie
Archivio notizie
Guida all'uso della Banca Dati
MOZIONE GENERALE DEL VI° CONGRESSO DI NTC
La pena di morte nel mondo (al 30 giugno 2016)
DISCORSO di Papa Francesco
SINTESI DEI FATTI PIÙ IMPORTANTI DEL 2015 (e dei primi sei mesi del 2016)
Analisi dati Rapporto 2015 e Obiettivi di NtC
Esecuzioni nel 2014
Esecuzioni nel 2015 (al 30 giugno)
Reportage Comore Sergio D'Elia
Reportage Niger Marco Perduca
Premio l'Abolizionista dell'Anno 2015
Messaggio di Sergio Mattarella al VI° Congresso di NtC
Relazione di Sergio D'Elia al VI° Congresso di NtC
Relazione di Elisabetta Zamparutti al VI° Congresso di NtC
Rapporto IL VOLTO SORRIDENTE DEI MULLAH
DOSSIER IRAN APRILE 2016
Dossier su Pena di Morte e Omosessualità
Reportage di Elisabetta Zamparutti
Protocollo di intesa tra NtC e CNF
Dichiarazione finale del seminario del Cairo 15/16 maggio 2017
Azioni in corso
Archivio azioni
Campagne in corso
Archivio campagne

RAPPORTO DEL SECONDO FORUM ANNUALE DELL'UE SULLA PENA DI MORTE IN ZAMBIA

RISOLUZIONE ONU 2012
RISOLUZIONE ONU 2010

DICHIARAZIONE DI LIBREVILLE

Organi Dirigenti
Dossier Iraq 2003

Le sedi
DICHIARAZIONE DI COTONOU 2014

I video
RISOLUZIONE ONU 2014

Adesioni Comuni, Province, Regioni

BILANCI DI NESSUNO TOCCHI CAINO

La campagna per la moratoria ONU delle esecuzioni capitali
DOSSIER GIAPPONE

DONA IL 5x1000 A NESSUNO TOCCHI CAINO
DOSSIER IRAN

FIRMATARI APPELLO ALLE NAZIONI UNITE

DEDUCIBILITA' FISCALE


Appello dei PREMI NOBEL
RISOLUZIONE ONU 2007
DOSSIER LIBIA
DOSSIER USA 2011
Abbiamo fatto
RISOLUZIONE ONU 2008
DOSSIER PENA DI MORTE 2008
VIDEO MISSIONE IN CIAD
Le pubblicazioni
RISOLUZIONE DELLA CONFERENZA DI KIGALI 2011

DOSSIER MORATORIA
DOSSIER COMMERCIO LETALE
DICHIARAZIONE FINALE DELLA CONFERENZA DI FREETOWN 2014
Gli obiettivi

L'AUTENTICA STORIA DEL 'TERRORISTA' SERGIO D'ELIA

Acquista il rapporto di Nessuno tocchi Caino

Contributi artistici

Contattaci
Organi Dirigenti
Newsletter
Iscriviti a NTC
Acquista le pubblicazioni
Forum utenti
Scarica l'appello per la moratoria

IRAN: POSSIBILE ELIMINAZIONE DI PENA CAPITALE PER MINORI E LAPIDAZIONE

12 febbraio 2012: le agenzie di stampa iraniane hanno riferito che il Consiglio dei Guardiani dell'Iran, il potente corpo di religiosi e avvocati che controlla l'attività parlamentare e certifica che corrisponda alla legge islamica della Sharia, aveva approvato il nuovo emendamento al codice penale che era stato convertito in legge dai membri del parlamento.
Il nuovo codice penale – che entrerà in vigore dopo essere stato firmato dal presidente Mahmoud Ahmadinejad – vieterebbe la pena di morte per i minorenni e l'esecuzione mediante lapidazione per le persone condannate per adulterio. Secondo il nuovo codice penale, una donna sposata condannata per adulterio sarebbe stata impiccata piuttosto che lapidata a morte. Inoltre, il nuovo codice vieterebbe la pena di morte per gli adolescenti di età inferiore a 18 anni che non hanno ancora raggiunto la "maturità intellettuale".
“Nella nuova legge il limite è stato portato a 18 anni per entrambi i generi e chi ha meno di 18 anni sarà considerato minorenne e condannato sulla base di una legge diversa da quella per gli adulti”, ha dichiarato il portavoce della Commissione parlamentare di giustizia, Amin-Hossein Rahimi, in riferimento alla legge in vigore che considera le bambine di 9 anni e i ragazzi di 15 anni pienamente responsabili dei crimini commessi.
Tuttavia, il 13 febbraio, il Guardian ha riportato le opinioni di alcuni esperti che hanno studiato il nuovo codice e messo in dubbio che l'Iran abbia completamente abolito la pena di morte per i condannati di età inferiore ai 18 anni o abbandonato il ricorso alla lapidazione.
Secondo l’articolo, in base al nuovo codice, la sentenza di morte è stata rimossa per i minori solo nel caso di reati la cui pena può essere inflitta a discrezione del giudice (ad esempio, per reati di droga). Secondo la stessa legge, però, una condanna a morte può ancora essere applicata per un minore, se ha commesso reati Hudud che attengono ai “diritti di Dio” come sodomia, stupro, furto, fornicazione, apostasia e consumo di alcool per la terza volta, che l’autorità pubblica ha l’obbligo di punire, a differenza di tutti gli altri reati che attengono ai “diritti privati” come l’omicidio, da trattare invece come una controversia privata tra l'assassino e gli eredi della vittima, i quali hanno il diritto di perdonare l'assassino, chiedere un risarcimento (Diyya) o l'esecuzione dell'assassino (Qisas).
La decisione se una condanna a morte di un minore può essere emessa attiene alla “coscienza del giudice”, una falla che consente decisioni giudiziarie soggettive nei casi in cui non esistono prove definitive.
Il ricercatore di Amnesty International esperto di Iran, Drewery Dyke, ha detto al Guardian che “le riforme potrebbero non sembrare quello che sembrano visti i tanti cavilli del sistema legale iraniano. L’esecuzione è un concetto legale specifico in Iran. La punizione per l’omicidio per la legge islamica è chiamata retribuzione per l’anima”. Quindi, secondo Dyke, i minorenni potrebbero ancora essere giustiziati se compiono un omicidio. “Hanno anche eliminato la lapidazione per l’adulterio, tuttavia ancora non sappiamo quale tipo di punizione sia stata prevista nella nuova legge. Al di là delle apparenze, le riforme potrebbero ancora consentire l’applicazione della lapidazione.”
La confusione sulla definizione di minorenne complica ulteriormente la questione, perché l’Iran non fa una chiara distinzione tra la maggiore età – quando il minore cessa di essere legalmente considerato un bambino – e l'età minima della responsabilità penale, che secondo la legge iraniana è di 15 anni per i maschi e 9 per le ragazze. "Il sistema penale iraniano ha spesso considerato come maggiore età quella minima della responsabilità penale," ha detto Raha Bahreini di Amnesty Canada,"in tal modo consentendo che individui di età inferiore a 18 siano trattati e condannati come adulti non appena raggiungono l'età minima della responsabilità penale”.
Gli esperti sentiti dal quotidiano britannico credono anche che gli emendamenti al codice penale hanno complicato alcune altre parti della legge, in particolare la punizione dell'omosessualità. La sodomia era punibile con la morte nei confronti di tutti gli individui coinvolti in un rapporto sessuale consensuale, ma in base ai nuovi emendamenti la persona che ha svolto un ruolo attivo sarà frustato 100 volte se il rapporto sessuale era consensuale e non era sposato, ma colui che ha svolto un ruolo passivo sarà comunque messo a morte a prescindere dal suo status matrimoniale.
Secondo il vecchio codice penale, le persone condannate per avere avuto una "relazione illecita al di fuori del matrimonio" doveva essere condannato a morte per lapidazione. Il nuovo codice, tuttavia, ritiene ancora un crimine "l’adulterio durante il matrimonio", ma non ha definito alcuna punizione per esso, dovendo così il giudice fare riferimento alla fatwa di un religioso affidabile (la guida suprema, l'Ayatollah Ali Khamenei, in questo caso) per una decisione. Khamenei non ha ancora emesso una fatwa per questo tipo di reato, ma tutti gli altri religiosi del Paese decidono la lapidazione come punizione adeguata. E’ altamente improbabile che Khamenei contraddica i suoi seguaci religiosi.
"E’ solo un trucco", ha detto al Guardian Shadi Sadr, un eminente avvocato iraniano per i diritti umani in esilio a Londra. "Hanno rimosso la pena di morte tramite lapidazione dal codice penale, ma in realtà rimane al suo posto." Il nuovo codice penale non menziona la lapidazione come punizione per un crimine, ma vi fa riferimento due volte in un articolo sulle regole di procedura penale e le condizioni in cui tale punizione può essere applicata. "Il fatto che la lapidazione è stata menzionata nelle procedure penali di esecuzione della pena, dimostra che si prevede che il metodo sia utilizzato in futuro", ha dichiarato Sadr. (Fonti: iranwpd.com, 10/02/2012; Radio Zamaneh, 12/02/2012; telegraph.co.uk, 13/02/2012; guardian.co.uk, 13/02/2012)

Altre news:
IRAN: DUE IMPICCAGIONI PER STUPRO
LIBANO: CONDANNATI A MORTE PER SPIONAGGIO
BANGLADESH: OTTO CONDANNE A MORTE PER OMICIDIO
BANGLADESH: APPROVATO EMENDAMENTO ANTI-TERRORISMO
GAZA: CORTE DI CASSAZIONE CONFERMA CONDANNA CAPITALE
FLORIDA (USA): GIUSTIZIATO DOPO 31 ANNI NEL BRACCIO DELLA MORTE
LIBIA: AMNESTY, A UN ANNO DALLA RIVOLUZIONE GLI ABUSI DELLE MILIZIE CONTINUANO
GAZA: CONDANNA ALLA FUCILAZIONE CONFERMATA
TEXAS (USA): PENTOBARBITAL QUASI ESAURITO
BIHAR (INDIA): 10 CONDANNE A MORTE PER MASSACRO NEL 2009
EGITTO: ANNULLATE TRE CONDANNE A MORTE
KENYA: CONFERMATE TRE CONDANNE ALL’IMPICCAGIONE
ARABIA SAUDITA: DUE DECAPITATI PER TRAFFICO DI DROGA
IRAN: IMPICCATO PER RAPINA ARMATA
KENIA: CONDANNE ALL’IMPICCAGIONE PER OMICIDIO E RAPINA
SRI LANKA: CONDANNATA A MORTE PER OMICIDIO
CALIFORNIA (USA): DA FORCAIOLO AD ABOLIZIONISTA
UE: BIELORUSSIA COMMUTI CONDANNE CAPITALI
MALESIA: INDIANO CONDANNATO A MORTE PER TRAFFICO DI DROGA
MALESIA: GIORNALISTA ‘BLASFEMO’ ESTRADATO IN ARABIA SAUDITA
INDIA: CONDANNATO A MORTE PER OMICIDIO CON STUPRO
INDIA: CONFERMATE TRE CONDANNE A MORTE PER TERRORISMO
MALESIA: THAILANDESE CONDANNATA A MORTE PER DROGA
FLORIDA (USA): CONDANNATO A MORTE MALATO DI MENTE
COREA DEL NORD: IL PARTITO AMMETTE E MINACCIA: ‘FUCILIAMO CHI TENTA DI SCAPPARE’
INDIA: PRESIDENTE PATIL ACCOGLIE DOMANDA DI GRAZIA
USA: RAPPORTO SUL BRACCIO DELLA MORTE
IRAN: QUATTRO GIUSTIZIATI A QOM PER DROGA
GAZA: CONDANNA A MORTE PER COLLABORAZIONISMO
MISSISSIPPI (USA): PRIMA ESECUZIONE DELL’ANNO NELLO STATO

[<< Prec] 1 2 3 [Succ >>]
2024
gennaio
febbraio
  2023
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2022
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2021
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2020
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
 
2019
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2018
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2017
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2016
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2015
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2014
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
 
2013
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2012
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2011
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2010
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2009
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2008
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
 
2007
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2006
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2005
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2004
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
 
Convegno a Spoleto
  IRAN - La moglie di Djalali sollecita più impegno dall’Europa  
  LA VETRINA E IL RETROBOTTEGA DEL NEGOZIO DELL’#ANTIMAFIA  
  ITALIA: DA ‘CULLA’ A ‘TOMBA’ DEL DIRITTO?  
  APPELLO AL GOVERNATORE DELLA CALIFORNIA PER JARVIS JAY MASTERS  
  MOZIONE GENERALE DEL 40ESIMO CONGRESSO STRAORDINARIO DEL PARTITO RADICALE NONVIOLENTO, TRANSNAZIONALE E TRANSPARTITO  
news
-
azioni urgenti
-
banca dati
-
campagne
-
chi siamo
-
area utenti
-
privacy e cookies
-
credits