Anno
Ultime notizie
Archivio notizie
Guida all'uso della Banca Dati
MOZIONE GENERALE DEL VI° CONGRESSO DI NTC
La pena di morte nel mondo (al 30 giugno 2016)
DISCORSO di Papa Francesco
Analisi dati Rapporto 2015 e Obiettivi di NtC
SINTESI DEI FATTI PIÙ IMPORTANTI DEL 2015 (e dei primi sei mesi del 2016)
Esecuzioni nel 2014
Esecuzioni nel 2015 (al 30 giugno)
Reportage Comore Sergio D'Elia
Reportage Niger Marco Perduca
Premio l'Abolizionista dell'Anno 2015
Messaggio di Sergio Mattarella al VI° Congresso di NtC
Relazione di Sergio D'Elia al VI° Congresso di NtC
Relazione di Elisabetta Zamparutti al VI° Congresso di NtC
Rapporto IL VOLTO SORRIDENTE DEI MULLAH
DOSSIER IRAN APRILE 2016
Dossier su Pena di Morte e Omosessualità
Reportage di Elisabetta Zamparutti
Protocollo di intesa tra NtC e CNF
Dichiarazione finale del seminario del Cairo 15/16 maggio 2017
Azioni in corso
Archivio azioni
Campagne in corso
Archivio campagne

RAPPORTO DEL SECONDO FORUM ANNUALE DELL'UE SULLA PENA DI MORTE IN ZAMBIA

RISOLUZIONE ONU 2012
RISOLUZIONE ONU 2010

DICHIARAZIONE DI LIBREVILLE

Organi Dirigenti
Dossier Iraq 2003

Le sedi
DICHIARAZIONE DI COTONOU 2014

I video
RISOLUZIONE ONU 2014

Adesioni Comuni, Province, Regioni

BILANCI DI NESSUNO TOCCHI CAINO

La campagna per la moratoria ONU delle esecuzioni capitali
DOSSIER GIAPPONE

DONA IL 5x1000 A NESSUNO TOCCHI CAINO
DOSSIER IRAN

FIRMATARI APPELLO ALLE NAZIONI UNITE

DEDUCIBILITA' FISCALE


Appello dei PREMI NOBEL
RISOLUZIONE ONU 2007
DOSSIER LIBIA
DOSSIER USA 2011
Abbiamo fatto
RISOLUZIONE ONU 2008
DOSSIER PENA DI MORTE 2008
VIDEO MISSIONE IN CIAD
Le pubblicazioni
RISOLUZIONE DELLA CONFERENZA DI KIGALI 2011

DOSSIER MORATORIA
DOSSIER COMMERCIO LETALE
DICHIARAZIONE FINALE DELLA CONFERENZA DI FREETOWN 2014
Gli obiettivi

L'AUTENTICA STORIA DEL 'TERRORISTA' SERGIO D'ELIA

Acquista il rapporto di Nessuno tocchi Caino

Contributi artistici

Contattaci
Organi Dirigenti
Newsletter
Iscriviti a NTC
Acquista le pubblicazioni
Forum utenti
Scarica l'appello per la moratoria

Uno dei giustiziati, il nigeriano Humphrey Jefferson Ejike Eleweke
Uno dei giustiziati, il nigeriano Humphrey Jefferson Ejike Eleweke
INDONESIA: QUATTRO PRIGIONIERI GIUSTIZIATI NELLE PRIME ESECUZIONI IN PIÙ DI UN ANNO

29 luglio 2016: l’Indonesia ha effettuato le sue prime esecuzioni in più di un anno, nonostante una serie di ricorsi legali, la pressione diplomatica e la condanna internazionale.
Quattro prigionieri, tutti condannati a morte per reati di droga, sono stati scortati fino ad una radura sull'isola penale di Nusa Kambangan e giustiziati da un plotone di esecuzione la mattina presto.
Sono stati identificati come Freddy Budiman, cittadino indonesiano; Humphrey Jefferson Ejike Eleweke e Michael Tito Igweh, dalla Nigeria; e Seck Osmane, dal Senegal.
Altri dieci detenuti che dovevano essere giustiziati - tra cui tre indonesiani, e stranieri di paesi tra cui Pakistan e l'India - non sono stati uccisi, tuttavia i funzionari hanno detto che saranno messi a morte in un secondo momento.
Le autorità non hanno spiegato il motivo della sospensione di queste esecuzioni, tuttavia l'isola è stata colpita da una violenta tempesta mentre le altre esecuzioni venivano effettuate.
Il Vice procuratore generale Noor Rachmad ha detto che i quattro uomini sono stati giustiziati poco dopo la mezzanotte ora locale.
"Questo non è un lavoro divertente. Per noi è davvero un lavoro triste perché coinvolge la vita delle persone ", ha detto. "Non viene fatto per togliere la vita ma per fermare le cattive intenzioni e l'atto malvagio del traffico di droga." L'avvocato di Jefferson, Afif Abdul Qoyim, ha detto alla AFP che l'esecuzione non sarebbe dovuta andare avanti perché il suo cliente questa settimana aveva presentato un ricorso legale. "Quando questa procedura non viene rispettata significa che questo non è più un paese che applica la legge, né i diritti umani", ha detto.
Secondo gli avvocati c’erano prove che indicano la non colpevolezza di Jefferson per il reato per cui è stato condannato a morte - il possesso di 1,7 kg di eroina – inclusa un'ammissione di colpa sul letto di morte dell’uomo che lo avrebbe incastrato.
Jefferson si era precedentemente rifiutato di chiedere clemenza, sostenendo che si sarebbe trattato di un'ammissione di colpa. In un ultimo tentativo, i suoi avvocati hanno presentato una richiesta di clemenza il 25 luglio mattina. Secondo la legge indonesiana, esecuzioni non possono essere praticate mentre una richiesta di clemenza è in sospeso.
La polizia, personale dell'esercito e della marina controllavano il porto, e la porta d'ingresso del carcere di Nusa Kambangan, con 1.500 agenti che presidiavano la zona. Le bare sono state trasportate fino a Nusa Kambangan il 28 mattina, ed ai consiglieri spirituali - che forniscono assistenza ai prigionieri nelle loro ultime ore - è stato detto di preparare i detenuti per le esecuzioni.
Amnesty International ha descritto le esecuzioni come "un atto deplorevole".
"Tutte le esecuzioni in programma devono essere fermate immediatamente. L'ingiustizia già fatta non può essere invertita, ma c'è ancora speranza di non aggravarla", ha detto Rafendi Djamin, direttore di Amnesty per il sud-est asiatico e Pacifico.
L’Indonesia non ha fornito all’opinione pubblica molte informazioni su questo round di esecuzioni, evitando anche di confermare pubblicamente la lista dei condannati da giustiziare. Due persone i cui casi sono noti a livello internazionale non sono state giustiziate. Il primo è il pakistano Zulfiqar Ali, che ha sostenuto di essere stato picchiato per confessare il possesso di eroina. L'altra è una donna indonesiana, Merri Utami, che è stata catturata con l'eroina nella sua borsa mentre attraversava l’aeroporto di Giacarta e che sostiene di essere stata ingannata al fine di diventare un corriere della droga.
Ricky Gunawan, direttore del Community Legal Aid Institute, ha detto che la mancanza di trasparenza in quest’ultimo round di esecuzioni è una copertura di comodo. "Per tutto questo tempo hanno mantenuto il segreto", ha detto. "L'Indonesia è forse consapevole di violare tante leggi, così hanno mantenuto il segreto."
Secondo la legge indonesiana, i condannati a morte non possono essere giustiziati prima che tutte le vie legali - tra cui gli appelli di clemenza - siano completamente esaurite. (Fonti: theguardian.com, 29/07/2016)

Altre news:
ARABIA SAUDITA: ESECUZIONE A GEDDA
MAROCCO: RE MOHAMMED VI CONCEDE LA GRAZIA
COREA DEL NORD: GIUSTIZIATI SEI FUNZIONARI PER DEFEZIONE DI LAVORATORI
SIRIA: L’ISIS GIUSTIZIA E CROCIFIGGE UN UOMO PER APOSTASIA
IL DOCU-FILM ‘SPES CONTRA SPEM’ ALLA 73° BIENNALE DEL CINEMA DI VENEZIA
BANGLADESH: CONDANNE A MORTE CONFERMATE PER SEI ISLAMISTI
PAKISTAN: DUE PRIGIONIERI IMPICCATI PER OMICIDIO
ARABIA SAUDITA: FILIPPINO SALVO GRAZIE AL PREZZO DEL SANGUE PAGATO DA DUE RICCHI SAUDITI
ARABIA SAUDITA: MINORENNE SCIITA CONDANNATO A MORTE
IRAN: SETTE PRIGIONIERI IMPICCATI IN UN GIORNO
IRAN: 250 IMPICCAGIONI DA INIZIO 2016
USA: ‘GITMO 5’, PROCEDIMENTO ANCORA FERMO ALLA FASE PRE-PROCESSUALE
PAKISTAN: IMPICCAGIONE NEL CARCERE DI SIALKOT
MALDIVE: CORTE SUPREMA CONFERMA TERZA CONDANNA CAPITALE
ARABIA SAUDITA: DUE PRIGIONIERI GIUSTIZIATI PER OMICIDIO
ARKANSAS (USA): INDIVIDUATO FORNITORE DEL FARMACO PER LE INIEZIONI LETALI
IRAN: GIUSTIZIATO IN PUBBLICO NELLA PROVINCIA DI KERMANSHAH
ARABIA SAUDITA: QUATTRO GIUSTIZIATI PER OMICIDIO
SOMALILAND: TRIBUNALE MILITARE EMETTE OTTO CONDANNE A MORTE
IRAN: TRE IMPICCATI IN CARCERE
SUD SUDAN: DUE SOLDATI FUCILATI PER OMICIDIO
PENA DI MORTE: RIUNIONE TASK FORCE ALLA FARNESINA
GIAPPONE: CONDANNA A MORTE CONFERMATA DALLA CORTE SUPREMA
ARABIA SAUDITA: 99 PRIGIONIERI GIUSTIZIATI DA INIZIO 2016
IRAN: 10 PRIGIONIERI IMPICCATI IN GRUPPO NEL CARCERE DI RAJAI SHAHR
GAZA: CONDANNATI A MORTE TRE INFORMATORI DI ISRAELE
BANGLADESH: DUE CONDANNE ALL’IMPICCAGIONE PER L’OMICIDIO DEL DOTT. SHAFIQUL ISLAM
ARABIA SAUDITA: SAUDITA E PAKISTANO GIUSTIZIATI, 98 ESECUZIONI DA INIZIO ANNO
QATAR: CONDANNE A MORTE CONFERMATE PER DUE INDIANI
CALIFORNIA (USA): VICE-GOVERNATORE FAVOREVOLE ALL’ABOLIZIONE DELLA PENA CAPITALE

1 2 3 [Succ >>]
2022
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
  2021
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2020
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2019
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2018
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
 
2017
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2016
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2015
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2014
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2013
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2012
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
 
2011
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2010
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2009
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2008
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2007
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2006
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
 
2005
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2004
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
 
IRAN - La moglie di Djalali sollecita più impegno dall’Europa
  LA VETRINA E IL RETROBOTTEGA DEL NEGOZIO DELL’#ANTIMAFIA  
  ITALIA: DA ‘CULLA’ A ‘TOMBA’ DEL DIRITTO?  
  APPELLO AL GOVERNATORE DELLA CALIFORNIA PER JARVIS JAY MASTERS  
  MOZIONE GENERALE DEL 40ESIMO CONGRESSO STRAORDINARIO DEL PARTITO RADICALE NONVIOLENTO, TRANSNAZIONALE E TRANSPARTITO  
  ELISABETTA ZAMPARUTTI CONFERMATA AL CPT PER SECONDO MANDATO  
news
-
azioni urgenti
-
banca dati
-
campagne
-
chi siamo
-
area utenti
-
privacy e cookies
-
credits