Anno
Ultime notizie
Archivio notizie
Guida all'uso della Banca Dati
MOZIONE GENERALE DEL VI° CONGRESSO DI NTC
La pena di morte nel mondo (al 30 giugno 2016)
DISCORSO di Papa Francesco
Analisi dati Rapporto 2015 e Obiettivi di NtC
SINTESI DEI FATTI PIÙ IMPORTANTI DEL 2015 (e dei primi sei mesi del 2016)
Esecuzioni nel 2014
Esecuzioni nel 2015 (al 30 giugno)
Reportage Comore Sergio D'Elia
Reportage Niger Marco Perduca
Premio l'Abolizionista dell'Anno 2015
Messaggio di Sergio Mattarella al VI° Congresso di NtC
Relazione di Sergio D'Elia al VI° Congresso di NtC
Relazione di Elisabetta Zamparutti al VI° Congresso di NtC
Rapporto IL VOLTO SORRIDENTE DEI MULLAH
DOSSIER IRAN APRILE 2016
Dossier su Pena di Morte e Omosessualità
Reportage di Elisabetta Zamparutti
Protocollo di intesa tra NtC e CNF
Dichiarazione finale del seminario del Cairo 15/16 maggio 2017
Azioni in corso
Archivio azioni
Campagne in corso
Archivio campagne

RAPPORTO DEL SECONDO FORUM ANNUALE DELL'UE SULLA PENA DI MORTE IN ZAMBIA

RISOLUZIONE ONU 2012
RISOLUZIONE ONU 2010

DICHIARAZIONE DI LIBREVILLE

Organi Dirigenti
Dossier Iraq 2003

Le sedi
DICHIARAZIONE DI COTONOU 2014

I video
RISOLUZIONE ONU 2014

Adesioni Comuni, Province, Regioni

BILANCI DI NESSUNO TOCCHI CAINO

La campagna per la moratoria ONU delle esecuzioni capitali
DOSSIER GIAPPONE

DONA IL 5x1000 A NESSUNO TOCCHI CAINO
DOSSIER IRAN

FIRMATARI APPELLO ALLE NAZIONI UNITE

DEDUCIBILITA' FISCALE


Appello dei PREMI NOBEL
RISOLUZIONE ONU 2007
DOSSIER LIBIA
DOSSIER USA 2011
Abbiamo fatto
RISOLUZIONE ONU 2008
DOSSIER PENA DI MORTE 2008
VIDEO MISSIONE IN CIAD
Le pubblicazioni
RISOLUZIONE DELLA CONFERENZA DI KIGALI 2011

DOSSIER MORATORIA
DOSSIER COMMERCIO LETALE
DICHIARAZIONE FINALE DELLA CONFERENZA DI FREETOWN 2014
Gli obiettivi

L'AUTENTICA STORIA DEL 'TERRORISTA' SERGIO D'ELIA

Acquista il rapporto di Nessuno tocchi Caino

Contributi artistici

Contattaci
Organi Dirigenti
Newsletter
Iscriviti a NTC
Acquista le pubblicazioni
Forum utenti
Scarica l'appello per la moratoria

ARABIA SAUDITA: MINORENNE SCIITA CONDANNATO A MORTE

27 luglio 2016: il Tribunale Penale Speciale in Arabia Saudita ha emesso il suo verdetto iniziale, condannando a morte il minorenne sciita Abdulkareem Al Hawaj. La condanna a morte di Al Hawaj è in aggiunta a quelle emesse contro altri detenuti che sono in pericolo di esecuzione, stabilite al termine di processi che non sono in accordo con i principi internazionali di equità. Al Hawaj si aggiunge alla lista di altri nove minori sciiti che sono stati condannati a morte in Arabia Saudita e che sono in attesa di esecuzione. Al Hawaj, che è nato il 19 novembre 1995, è stato arrestato il 16 gennaio 2014 da uomini in abiti civili, ritenuti legati alla Direzione Generale di Investigazione. Gli uomini hanno fermato Abdulkareem mentre era sulla via del ritorno dal lavoro, ad un Check Point su Al Hadaleh Street ad Al Awamia, Qatif. Gli hanno puntato le armi in faccia e lo hanno arrestato, senza presentare alcun mandato d'arresto, e lo hanno portato, insieme alla sua auto, in un luogo segreto.
Questi uomini non hanno informato la sua famiglia circa l’ubicazione del ragazzo, tuttavia alcuni giorni dopo la scomparsa, la famiglia è venuta a sapere della sua ubicazione tramite fonti non ufficiali, che hanno informato i familiari sull’arresto operato dalle autorità.
Abdulkareem è stato arrestato per cinque mesi, periodo in cui è stato messo in isolamento, senza il permesso di comunicare con il mondo esterno o con altre persone, compresi i membri della famiglia. E' stato sottoposto a tortura durante l’indagine, al fine di costringerlo a confessare false accuse contro di lui. Durante le torture è stato picchiato con bastoni e fili elettrici e preso a calci. Le sue mani sono state incatenate in alto per più di 12 ore e gli è stato impedito di usare il bagno in questo lasso di tempo.
Oltre alla tortura fisica, è stato anche insultato, minacciato dell’uccisione dei suoi genitori e dell’asportazione delle unghie.
Ad Abdulkareem è stato proibito il contatto con qualsiasi avvocato durante il periodo dell'inchiesta, tuttavia dopo due anni, all'inizio della sessione del tribunale, la sua famiglia ha potuto incaricare un avvocato.
I familiari e l’avvocato sono stati sottoposti a maltrattamenti durante le visite e il tribunale non ha risposto alle legittime richieste dell’avvocato.
Abdulkareem è stato accusato di reati non-violenti quando era minorenne, e le confessioni gli sono state estorte tramite tortura. Nonostante questo, il tribunale lo ha condannato a morte. Le accuse contro Al Hawaj non sono considerate come 'i più gravi dei crimini' e molte delle imputazioni nei suoi confronti riguardano la libertà di opinione e di espressione. Le accuse sono:
coinvolgimento in una sparatoria contro poliziotti in cui è stato ferito, coinvolgimento in alcune marce e manifestazioni, aver dato fuoco a pneumatici, preparazione di alcuni cartelli con slogan contro il Regno, lancio di bombe molotov, partecipazione a social media, uso di 'WhatsApp' & 'Zilo' per individuare i posti di blocco, simpatia per l’Opposizione in Bahrain.
L’Organizzazione Saudita Europea per i diritti umani (ESOHR) ha confermato che il caso di Abdulkareem Al Hawaj comprende molteplici violazioni che hanno avuto inizio al momento dell'arresto fino alla sentenza del Tribunale. Queste violazioni sono in contrasto sia con le convenzioni internazionali sottoscritte dall’Arabia Saudita sia con le sue norme interne.
L’imputato è arrivato in tribunale a più di due anni dall’arresto, in violazione della legge saudita sul terrorismo, che hanno usato per giudicare Abdulkareem. Tuttavia, questa legge permette alle autorità di estendere il periodo di detenzione a tempo indeterminato, se il caso lo richiede (il che non è conforme alle norme internazionali). Abdulkareem è stato torturato, in violazione delle leggi interne saudite e della Convenzione delle Nazioni Unite contro la Tortura, di cui l'Arabia Saudita è Stato parte dal 1997.
La condanna capitale di Abdulkareem Al Hawaj contravviene alla Convenzione sui Diritti del Fanciullo, di cui l'Arabia Saudita è Stato parte. Le accuse di Al Hawaj sono relative a quando aveva 16 anni. La condanna a morte è anche in violazione della Carta Araba dei Diritti Umani, di cui l'Arabia Saudita è membro, in quanto le accuse contro Al Hawaj non costituiscono 'i più gravi tra i crimini'.
L’ESOHR invita le autorità saudite a rilasciare Abdulkareem senza condizioni e chiede che la pena di morte sia annullata. Chiede anche un nuovo processo che dovrebbe essere equo e imparziale, in conformità alle norme internazionali.
L’Arabia Saudita ha giustiziato più di 110 persone dall'inizio del 2016. (Fonti: Ahlul Bayt News Agency, 11/08/2016)

Altre news:
ARABIA SAUDITA: ESECUZIONE A GEDDA
MAROCCO: RE MOHAMMED VI CONCEDE LA GRAZIA
INDONESIA: QUATTRO PRIGIONIERI GIUSTIZIATI NELLE PRIME ESECUZIONI IN PIÙ DI UN ANNO
COREA DEL NORD: GIUSTIZIATI SEI FUNZIONARI PER DEFEZIONE DI LAVORATORI
SIRIA: L’ISIS GIUSTIZIA E CROCIFIGGE UN UOMO PER APOSTASIA
IL DOCU-FILM ‘SPES CONTRA SPEM’ ALLA 73° BIENNALE DEL CINEMA DI VENEZIA
BANGLADESH: CONDANNE A MORTE CONFERMATE PER SEI ISLAMISTI
ARABIA SAUDITA: FILIPPINO SALVO GRAZIE AL PREZZO DEL SANGUE PAGATO DA DUE RICCHI SAUDITI
PAKISTAN: DUE PRIGIONIERI IMPICCATI PER OMICIDIO
IRAN: SETTE PRIGIONIERI IMPICCATI IN UN GIORNO
PAKISTAN: IMPICCAGIONE NEL CARCERE DI SIALKOT
IRAN: 250 IMPICCAGIONI DA INIZIO 2016
USA: ‘GITMO 5’, PROCEDIMENTO ANCORA FERMO ALLA FASE PRE-PROCESSUALE
IRAN: GIUSTIZIATO IN PUBBLICO NELLA PROVINCIA DI KERMANSHAH
ARKANSAS (USA): INDIVIDUATO FORNITORE DEL FARMACO PER LE INIEZIONI LETALI
ARABIA SAUDITA: DUE PRIGIONIERI GIUSTIZIATI PER OMICIDIO
MALDIVE: CORTE SUPREMA CONFERMA TERZA CONDANNA CAPITALE
ARABIA SAUDITA: QUATTRO GIUSTIZIATI PER OMICIDIO
SOMALILAND: TRIBUNALE MILITARE EMETTE OTTO CONDANNE A MORTE
IRAN: TRE IMPICCATI IN CARCERE
SUD SUDAN: DUE SOLDATI FUCILATI PER OMICIDIO
GIAPPONE: CONDANNA A MORTE CONFERMATA DALLA CORTE SUPREMA
PENA DI MORTE: RIUNIONE TASK FORCE ALLA FARNESINA
ARABIA SAUDITA: 99 PRIGIONIERI GIUSTIZIATI DA INIZIO 2016
IRAN: 10 PRIGIONIERI IMPICCATI IN GRUPPO NEL CARCERE DI RAJAI SHAHR
GAZA: CONDANNATI A MORTE TRE INFORMATORI DI ISRAELE
BANGLADESH: DUE CONDANNE ALL’IMPICCAGIONE PER L’OMICIDIO DEL DOTT. SHAFIQUL ISLAM
ARABIA SAUDITA: SAUDITA E PAKISTANO GIUSTIZIATI, 98 ESECUZIONI DA INIZIO ANNO
QATAR: CONDANNE A MORTE CONFERMATE PER DUE INDIANI
CALIFORNIA (USA): VICE-GOVERNATORE FAVOREVOLE ALL’ABOLIZIONE DELLA PENA CAPITALE

1 2 3 [Succ >>]
2022
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
  2021
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2020
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2019
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2018
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
 
2017
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2016
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2015
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2014
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2013
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2012
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
 
2011
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2010
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2009
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2008
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2007
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2006
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
 
2005
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2004
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
 
IRAN - La moglie di Djalali sollecita più impegno dall’Europa
  LA VETRINA E IL RETROBOTTEGA DEL NEGOZIO DELL’#ANTIMAFIA  
  ITALIA: DA ‘CULLA’ A ‘TOMBA’ DEL DIRITTO?  
  APPELLO AL GOVERNATORE DELLA CALIFORNIA PER JARVIS JAY MASTERS  
  MOZIONE GENERALE DEL 40ESIMO CONGRESSO STRAORDINARIO DEL PARTITO RADICALE NONVIOLENTO, TRANSNAZIONALE E TRANSPARTITO  
  ELISABETTA ZAMPARUTTI CONFERMATA AL CPT PER SECONDO MANDATO  
news
-
azioni urgenti
-
banca dati
-
campagne
-
chi siamo
-
area utenti
-
privacy e cookies
-
credits