Anno
Ultime notizie
Archivio notizie
Guida all'uso della Banca Dati
MOZIONE GENERALE DEL VI° CONGRESSO DI NTC
La pena di morte nel mondo (al 30 giugno 2016)
DISCORSO di Papa Francesco
Analisi dati Rapporto 2015 e Obiettivi di NtC
SINTESI DEI FATTI PIÙ IMPORTANTI DEL 2015 (e dei primi sei mesi del 2016)
Esecuzioni nel 2014
Esecuzioni nel 2015 (al 30 giugno)
Reportage Comore Sergio D'Elia
Reportage Niger Marco Perduca
Premio l'Abolizionista dell'Anno 2015
Messaggio di Sergio Mattarella al VI° Congresso di NtC
Relazione di Sergio D'Elia al VI° Congresso di NtC
Relazione di Elisabetta Zamparutti al VI° Congresso di NtC
Rapporto IL VOLTO SORRIDENTE DEI MULLAH
DOSSIER IRAN APRILE 2016
Dossier su Pena di Morte e Omosessualità
Reportage di Elisabetta Zamparutti
Protocollo di intesa tra NtC e CNF
Dichiarazione finale del seminario del Cairo 15/16 maggio 2017
Azioni in corso
Archivio azioni
Campagne in corso
Archivio campagne

RAPPORTO DEL SECONDO FORUM ANNUALE DELL'UE SULLA PENA DI MORTE IN ZAMBIA

RISOLUZIONE ONU 2012
RISOLUZIONE ONU 2010

DICHIARAZIONE DI LIBREVILLE

Organi Dirigenti
Dossier Iraq 2003

Le sedi
DICHIARAZIONE DI COTONOU 2014

I video
RISOLUZIONE ONU 2014

Adesioni Comuni, Province, Regioni

BILANCI DI NESSUNO TOCCHI CAINO

La campagna per la moratoria ONU delle esecuzioni capitali
DOSSIER GIAPPONE

DONA IL 5x1000 A NESSUNO TOCCHI CAINO
DOSSIER IRAN

FIRMATARI APPELLO ALLE NAZIONI UNITE

DEDUCIBILITA' FISCALE


Appello dei PREMI NOBEL
RISOLUZIONE ONU 2007
DOSSIER LIBIA
DOSSIER USA 2011
Abbiamo fatto
RISOLUZIONE ONU 2008
DOSSIER PENA DI MORTE 2008
VIDEO MISSIONE IN CIAD
Le pubblicazioni
RISOLUZIONE DELLA CONFERENZA DI KIGALI 2011

DOSSIER MORATORIA
DOSSIER COMMERCIO LETALE
DICHIARAZIONE FINALE DELLA CONFERENZA DI FREETOWN 2014
Gli obiettivi

L'AUTENTICA STORIA DEL 'TERRORISTA' SERGIO D'ELIA

Acquista il rapporto di Nessuno tocchi Caino

Contributi artistici

Contattaci
Organi Dirigenti
Newsletter
Iscriviti a NTC
Acquista le pubblicazioni
Forum utenti
Scarica l'appello per la moratoria

LA BRUTALITÀ DELLA QISAS, LA LEGGE DEL TAGLIONE: 19ENNE AIUTA IL BOIA A GIUSTIZIARE LA MADRE

20 marzo 2021:

Valerio Fioravanti su Il Riformista del 19 marzo 2021

In Iran una ragazza di 19 anni ha “partecipato attivamente” all’impiccagione della madre. La notizia risulta talmente stridente da meritare un approfondimento.
La storia è stata pubblicata il 15 marzo da Iran Human Rights, una Ong che per comprensibili motivi di sicurezza non identifica mai i propri corrispondenti, ma asserisce di pubblicare le notizie provenienti dall’Iran solo dopo averne ricevuto conferma da almeno due fonti diverse. Quindi sì, è molto verosimile che una giovane donna, Maryam Karimi, sia stata impiccata il 13 marzo nella prigione di Rasht, e che la figlia abbia partecipato attivamente all’esecuzione.
Così IHR ha ricostruito la vicenda: “Maryam Karimi era accusata di aver ucciso il marito, un uomo violento, che abusava di lei, e che non voleva concederle il divorzio. Il padre della donna, Ebrahimi Karimi, che non aveva altro modo per salvare la figlia, l’aveva aiutata nell’omicidio”. Entrambi vennero condannati a morte 13 anni fa. All’epoca i coniugi avevano una figlia di 6 anni, alla quale era stato detto che tutt’e due i genitori erano morti.
Poche settimane fa, per prepararla psicologicamente all’esecuzione, alla giovane è stata detta la verità. Dopo l’esecuzione della figlia, Ebrahimi Karimi è stato portato al patibolo perché potesse vederla penzolare, ma poi, per motivi che la fonte non è stata in grado di specificare, è stata riportato in isolamento, e non giustiziato a sua volta. Sembra anzi che nell’arco delle prossime 48 ora verrà tolto dall’isolamento e riportato al reparto “normale”.
L’Iran, come è noto, ha modellato il proprio codice penale sull’interpretazione sciita del Corano. I reati di sangue sono normati dal concetto di “Qisas”, termine che in Occidente viene tradotto come “restituzione dello stesso tipo” oppure, più colloquialmente, "legge del taglione”. La famiglia della vittima può richiedere “qisas”, oppure può concedere il proprio “perdono”. A volte il perdono è gratuito, quasi sempre fa seguito ad un risarcimento, detto “diya”, che letteralmente sarebbe “prezzo del sangue”. Le trattative economiche per il “prezzo del sangue” generano a volte delle “esecuzioni abortite”: il condannato viene sottoposto a tutti i preparativi per l’esecuzione, compreso l’ultimo colloquio con i familiari, e all’alba viene portato al patibolo, e gli viene infilato il collo nel cappio. A quel punto il direttore del carcere annuncia che sono in corso ulteriori trattative, e l’esecuzione viene sospesa.
Sono riportati casi di persone che hanno subito queste “esecuzioni abortite” anche più di una volta. Se l’accordo viene raggiunto, il condannato lascia il braccio della morte, e in alcuni casi viene anche scarcerato. Altrimenti i parenti delle vittime vengono sollecitati a compiere loro stessi alcune delle manovre relative all’impiccagione. Nei resoconti delle esecuzioni capita di leggere che il “parente” ha scalciato personalmente lo sgabello da sotto le gambe del giustiziando.
Questo coinvolgimento delle “vittime”, nella sensibilità contemporanea, appare molto controverso. Lo stesso IHR, che da 5 anni edita un rapporto annuale, sul “perdono” ha un atteggiamento ambivalente. Nell’ultima edizione (2020) notava con favore che per ogni 2 esecuzioni effettuate, 3 erano state annullate grazie al “perdono”, e che la tendenza a perdonare sta crescendo al ritmo del 10% l’anno.
Il direttore di IHR, Mahmood Amiry-Moghaddam, però, commentando l’esecuzione di Maryam, ha messo in luce anche l’altra faccia della medaglia: “Le leggi della Repubblica islamica fanno di una ragazza il cui padre è stato ucciso quando era bambina, la carnefice di sua madre. La Repubblica Islamica è oggi il principale promotore della violenza all’interno della società iraniana. Porre la responsabilità dell'esecuzione sulle spalle dei parenti delle vittime favorisce il perpetuarsi di ulteriori violenze e crudeltà”.
Noi europei, con il nostro “stato di diritto”, ci sentiamo molto lontani dal meccanismo tribale iraniano che assegna potere di vita o di morte al privato cittadino. Eppure, ci si passi la lettura paradossale, forse tra le nostre culture c’è un punto di contatto. La ministra Cartabia sta proponendo l’introduzione della “giustizia riparativa” nei nostri codici. Sarebbe una misura altamente innovativa.
Speriamo ci riesca, così anche in Italia la parte lesa, se si riterrà soddisfatta dal percorso riabilitativo del reo, potrà aiutarlo ad ottenere uno sconto di pena. Come dire, la parte buona del Qisas. A volte il progresso segue percorsi ben strani.

Altre news:
PAKISTAN: CONDANNA CAPITALE COMMUTATA IN ERGASTOLO
USA - Richiesta di attenzione per Gerald Marshall
VIETNAM: DUE CONDANNATI A MORTE PER TRAFFICO DI DROGHE
PAKISTAN: CONDANNATO A MORTE PER LO STUPRO E OMICIDIO DI UNA BAMBINA
IRAN - Organizzazioni universitarie europee sul caso Djalali
VIETNAM: DUE CONDANNATI A MORTE SI DICHIARANO INNOCENTI E RINUNCIANO A CHIEDERE LA GRAZIA
ARABIA SAUDITA: SAUDITA CONDANNATO A MORTE PER L’OMICIDIO DI UN IMMIGRATO DEL BANGLADESH
IRAN - IHR:13° Rapporto sulla Pena di Morte in Iran
INDIA: QUATTRO CONDANNATI A MORTE PER UN DELITTO ‘D’ONORE’
USA - North Carolina. Sospeso avvocato che ha truffato due esonerati dal braccio della morte
USA - Nuovo sito web
ARMENIA: RATIFICATO IL SECONDO PROTOCOLLO OPZIONALE
ASSOLUZIONE O GRAZIA PER AMBROGIO CRESPI, UN UOMO CHE HA AIUTATO A RIABILITARE TANTE PERSONE
MYANMAR, DOPO CENTINAIA DI MORTI PER UN GIORNO HA VINTO LA NONVIOLENZA
BANGLADESH: 14 ISLAMISTI CONDANNATI A MORTE PER IL TENTATO OMICIDIO DEL PRIMO MINISTRO
IRAN - "No alla Repubblica islamica"
ALGERIA: MUEZZIN CONDANNATO A MORTE PER L’OMICIDIO DELLA MOGLIE INCINTA
EGITTO: CONDANNATO A MORTE PER GLI OMICIDI DI MOGLIE E FRATELLO
GIUSTIZIA: MARATONA ORATORIA SU RADIO RADICALE PER AMBROGIO CRESPI
PAKISTAN: COMMUTATA IN ERGASTOLO LA CONDANNA CAPITALE DI UN MINORE
USA - Virginia. Il governatore Ralph Northam ha ratificato l’abolizione della pena di morte
IRAN - Spreading Justice: un database dei violatori dei diritti umani in Iran
EGITTO: GIOVANE CONDANNATO A MORTE PER LO STUPRO E OMICIDIO DELLA CUGINA DI 10 ANNI
INDIA: CONDANNA CAPITALE COMMUTATA IN ERGASTOLO DALL’ALTA CORTE DI MADRAS
PAKISTAN: CONDANNATO A MORTE PER OMICIDIO
IRAN - Approvata relazione Onu sui Diritti Umani in Iran
PAKISTAN: DUE CONDANNATI A MORTE PER STUPRO IN AUTOSTRADA
Imprenditori contro la pena di morte
THAILANDIA: SETTE CONDANNATI A MORTE PER L’UCCISIONE DI UNA FAMIGLIA
INDIA: CONDANNATO A MORTE 26 GIORNI DOPO LO STUPRO DI UNA BAMBINA DI 5 ANNI

1 2 3 4 [Succ >>]
2021
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
  2020
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2019
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2018
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2017
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
 
2016
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2015
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2014
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2013
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2012
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2011
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
 
2010
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2009
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2008
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2007
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2006
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2005
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
 
2004
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
 
LA VETRINA E IL RETROBOTTEGA DEL NEGOZIO DELL’#ANTIMAFIA
  ITALIA: DA ‘CULLA’ A ‘TOMBA’ DEL DIRITTO?  
  APPELLO AL GOVERNATORE DELLA CALIFORNIA PER JARVIS JAY MASTERS  
  MOZIONE GENERALE DEL 40ESIMO CONGRESSO STRAORDINARIO DEL PARTITO RADICALE NONVIOLENTO, TRANSNAZIONALE E TRANSPARTITO  
  ELISABETTA ZAMPARUTTI CONFERMATA AL CPT PER SECONDO MANDATO  
  NESSUNO TOCCHI CAINO PRESENTA IL VOLUME ‘IL VIAGGIO DELLA SPERANZA’ IL 10 SETTEMBRE A BRINDISI  
news
-
azioni urgenti
-
banca dati
-
campagne
-
chi siamo
-
area utenti
-
privacy e cookies
-
credits