Anno
Ultime notizie
Archivio notizie
Guida all'uso della Banca Dati
MOZIONE GENERALE DEL VI° CONGRESSO DI NTC
La pena di morte nel mondo (al 30 giugno 2016)
DISCORSO di Papa Francesco
Analisi dati Rapporto 2015 e Obiettivi di NtC
SINTESI DEI FATTI PIÙ IMPORTANTI DEL 2015 (e dei primi sei mesi del 2016)
Esecuzioni nel 2014
Esecuzioni nel 2015 (al 30 giugno)
Reportage Comore Sergio D'Elia
Reportage Niger Marco Perduca
Premio l'Abolizionista dell'Anno 2015
Messaggio di Sergio Mattarella al VI° Congresso di NtC
Relazione di Sergio D'Elia al VI° Congresso di NtC
Relazione di Elisabetta Zamparutti al VI° Congresso di NtC
Rapporto IL VOLTO SORRIDENTE DEI MULLAH
DOSSIER IRAN APRILE 2016
Dossier su Pena di Morte e Omosessualità
Reportage di Elisabetta Zamparutti
Protocollo di intesa tra NtC e CNF
Dichiarazione finale del seminario del Cairo 15/16 maggio 2017
Azioni in corso
Archivio azioni
Campagne in corso
Archivio campagne

RAPPORTO DEL SECONDO FORUM ANNUALE DELL'UE SULLA PENA DI MORTE IN ZAMBIA

RISOLUZIONE ONU 2012
RISOLUZIONE ONU 2010

DICHIARAZIONE DI LIBREVILLE

Organi Dirigenti
Dossier Iraq 2003

Le sedi
DICHIARAZIONE DI COTONOU 2014

I video
RISOLUZIONE ONU 2014

Adesioni Comuni, Province, Regioni

BILANCI DI NESSUNO TOCCHI CAINO

La campagna per la moratoria ONU delle esecuzioni capitali
DOSSIER GIAPPONE

DONA IL 5x1000 A NESSUNO TOCCHI CAINO
DOSSIER IRAN

FIRMATARI APPELLO ALLE NAZIONI UNITE

DEDUCIBILITA' FISCALE


Appello dei PREMI NOBEL
RISOLUZIONE ONU 2007
DOSSIER LIBIA
DOSSIER USA 2011
Abbiamo fatto
RISOLUZIONE ONU 2008
DOSSIER PENA DI MORTE 2008
VIDEO MISSIONE IN CIAD
Le pubblicazioni
RISOLUZIONE DELLA CONFERENZA DI KIGALI 2011

DOSSIER MORATORIA
DOSSIER COMMERCIO LETALE
DICHIARAZIONE FINALE DELLA CONFERENZA DI FREETOWN 2014
Gli obiettivi

L'AUTENTICA STORIA DEL 'TERRORISTA' SERGIO D'ELIA

Acquista il rapporto di Nessuno tocchi Caino

Contributi artistici

Contattaci
Organi Dirigenti
Newsletter
Iscriviti a NTC
Acquista le pubblicazioni
Forum utenti
Scarica l'appello per la moratoria

NEANCHE UN’ORA DI ‘LIBERTÀ’ DOPO UNA VITA DI RECLUSIONE DAL CLAUSTROFILO TRIBUNALE DI CATANZARO… INTANTO IN CARCERE SI MUORE DI PENA E DI MALASANITÀ

11 settembre 2021:

Il 16 agosto una delegazione del Partito Radicale e di Nessuno tocchi Caino ha fatto visita al Carcere di Catanzaro. Il giorno dopo, Teofilo Adeodato, un detenuto promosso sul campo “osservatore speciale” di Nessuno tocchi Caino, ci ha mandato un testo che qui pubblichiamo (altri seguiranno). Alcuni giorni dopo, la lettera di un altro detenuto, Luigi Iannaco, ci ha comunicato la triste notizia di una “morte annunciata e voluta di un uomo solo perché detenuto”. Michele Carosiello, un uomo di 40 anni di Cerignola, padre di due figlie, dopo dieci giorni di febbre alta e a seguito delle proteste dei detenuti, era stato finalmente ricoverato all’ospedale di Catanzaro dove, purtroppo, il 23 agosto è morto di setticemia. “La sua famiglia ha avuto il coraggio, l’ardire, e l’umanità di portarlo da morto sotto il carcere per fargli dare l’ultimo saluto da parte nostra. Ho visto quella bara, ho visto la moglie e ho visto due ragazzine che sono le sue figlie, e in quel momento mi sono rivisto in quella bara,” scrive Luigi Iannaco nella lettera sottoscritta da altri 14 detenuti.

Teofilo Adeodato

L’articolo 3 della Costituzione afferma che “tutti i cittadini hanno pari dignità sociale e sono eguali davanti alla legge... È compito della Repubblica rimuovere gli ostacoli che impediscono il pieno sviluppo della persona umana e l’effettiva partecipazione di tutti all’organizzazione politica, economica e sociale del Paese”, mentre l’Ordinamento Penitenziario, che a questo articolo oltre che all’articolo 27 s’ispira, dichiara all’articolo 1 che “il trattamento deve essere conforme a umanità e deve assicurare il rispetto della persona... tende al reinserimento sociale ed è attuato secondo un criterio di individualizzazione.”
Parole d’un nitore adamantino, principi luminosissimi e profondi, di civiltà. Peccato siano smentiti categoricamente dai fatti. Basti citare l’impossibilità pei detenuti di votare (dunque partecipare alla vita del paese) e, per diverse migliaia di questi, di accedere a forme alternative di espiazione in virtù di un sempre più ampio regime ostativo inquadrato dall’art. 4-bis O.P., un vero e proprio insulso doppio binario, donde si vien giudicati per la tipologia del reato (altro che criterio individualizzante!). In Italia, purtroppo, bisogna pregare Iddio e sperare di finire in un carcere ove questi principi sono recepiti e applicati, in particolare dai magistrati di sorveglianza competenti per territorio. Ma, ahinoi, son davvero pochi quelli che hanno un tale orientamento giuridico-culturale.
Una storia di ordinaria ostatività è, ad esempio, quella di M.S., ergastolano di 70 anni d’età e 30 di detenzione, effettiva e ininterrotta dal ’91 (con buona pace di quelli che amano ripetere che “l’ergastolo in Italia nessuno lo sconta”, “pochi anni e stanno fuori”). M.S. rimase vedovo tre anni fa, ma a far visita alla moglie non poté andare poiché secondo il magistrato di sorveglianza di Catanzaro, in fede a una informativa di P.S., “per accedere alla cappella privata del cimitero Nuovissimo di Poggioreale, ove era tumulata la moglie, occorreva contattare i familiari della stessa, fatto che poteva creare problemi di ordine e sicurezza pubblica all’interno del cimitero stesso”. Rigettando l’appello del M.S., sulla falsariga del magistrato, il tribunale di sorveglianza ha rincarato la dose dicendo che “il cimitero di Napoli è, dal notorio assai noto (sic!), luogo di incontri-scambi-profitti-gestione da parte dei camorristi apicali”. Non sappiamo se e
 quanto le note serie televisive nostrane abbiano influito su una tale motivazione, ma siamo persuasi che in tutta questa storia il “conforme a umanità” e il “rispetto della persona” siano andati del tutto smarriti.
Inoltre, M.S., per vedersi riconosciuta la “inesigibilità della collaborazione” al fine d’accedere a qualche beneficio è dovuto ricorrere più volte per Cassazione. Il fatto è che M.S. risulta aver espiato da anni la parte ostativa della sua pena e che proprio per ciò gli fu revocato il 41-bis; che il “fine pena mai” che sconta, pertanto, è “comune” e che non dovrebbe stare in un circuito d’Alta Sicurezza qual è quello in cui si trova. Per cinque anni M.S. ha assistito a un ping pong tra Suprema Corte e Tribunale di Sorveglianza, con quest’ultimo che non voleva rassegnarsi a recepire e riconoscere quanto era evidente per i supremi giudici e, in un certo senso, l’ha avuta vinta: dopo che è intervenuta la Consulta con la nota sentenza del 2019 – quella che, secondo Travaglio&Co, avrebbe liberato orde di mafiosi – che ha rimosso la preclusione assoluta di benefici a condannati per reati targati 4-bis, non v’era più materia del contendere.
Vedremo se e quando al M.S. sarà concessa un’ora di “libertà” dopo una vita di reclusione. Pur consapevoli dell’orientamento claustrofilo del magistrato di sorveglianza di Catanzaro, non è da noi disperare che abbiamo fatto di “Spes contra spem” la nostra “divisa”, come il Profeta Abramo. Semplicemente gridiamo “nessuno tocchi Caino” per una giustizia senza vendetta, che salvi innanzitutto lo Stato dal marchio di Caino. (Continua)

Altre news:
IRAN - Hossein Gholampour giustiziato nella prigione di Qom il 13 settembre
IRAN - Yasser Mangouri morto durante o dopo l’arresto
GIAPPONE: CONDANNATO A MORTE CAPO DI UN’ORGANIZZAZIONE CRIMINALE
USA - Alabama. Willie Smith potrà avere accanto a sé il consigliere spirituale durante l’esecuzione
COREA DEL NORD: FUNZIONARI COINVOLTI IN OMICIDI, TORTURE E POSSIBILE GENOCIDIO CONTRO CRISTIANI
IRAN - Adham Maksani giustiziato nella prigione di Iranshahr l'11 settembre
LA GUERRA CIECA DEI DRONI CHE UCCIDE I DIRITTI
SUDAN: SEI PARAMILITARI CONDANNATI A MORTE PER OMICIDI DI MANIFESTANTI
USA - Ohio. Confermata la moratoria de facto
INDIA: CONDANNA A MORTE ANNULLATA NELLO STATO DEL BIHAR
BANGLADESH: SEI CONDANNATI A MORTE PER GLI OMICIDI DI DUE ATTIVISTI LGBTQ
CAMERUN: QUATTRO CONDANNATI A MORTE PER L’ATTACCO ALLA SCUOLA DELLO SCORSO ANNO
IRAN - Tre uomini giustiziati nella prigione di Rajai Shahr l'8 settembre
IRAN - Ali Mardan Boland Gerami giustiziato nella prigione di Yasuj l'8 settembre
IRAN - 3 donne impiccate a Rajai Shahr l’8 settembre
IRAN - Ali Morad e Heibat Rouzbi giustiziati l'8 settembre nella prigione di Taybad
YEMEN: QUATTRO GIUSTIZIATI DAGLI HOUTHI PER L’OMICIDIO DI UN RAGAZZO
ARABIA SAUDITA: GIUSTIZIATO A DAMMAN PER TERRORISMO
EGITTO: DIECI CONDANNATI A MORTE PER TRAFFICO DI DROGA
NIGERIA: MINISTRO DEGLI INTERNI ESORTA GOVERNATORI A FIRMARE ORDINI DI ESECUZIONE
IRAN - Commutate 5 condanne a morte per droga
USA - Iexas La Corte Suprema degli Stati Uniti sospende l'esecuzione di John Henry Ramirez
IRAQ: CONDANNATO A MORTE PER L’OMICIDIO DEL SINDACO DI KARBALA
INDIA: CONDANNATO A MORTE PER LO STUPRO E OMICIDIO DI UNA RAGAZZINA
IRAQ: SONO CIRCA 7.900 I PRIGIONIERI NEL BRACCIO DELLA MORTE
SIERRA LEONE: PENA DI MORTE ABOLITA
IRAN - Karamat giustiziato nella prigione di Vakilabad, a Mashhad, il 5 settembre
IRAN - Un uomo, identificato solo come Nouramad, giustiziato il 5 settembre nella prigione di Mashhad
IRAQ: SEI DETENUTI IMPICCATI
SOMALIA: DONNA GIUSTIZIATA DAGLI AL-SHABAAB NELL’HIIRAAN

[<< Prec] 1 2 3 4 [Succ >>]
2023
gennaio
  2022
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2021
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2020
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2019
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
 
2018
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2017
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2016
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2015
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2014
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2013
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
 
2012
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2011
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2010
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2009
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2008
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2007
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
 
2006
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2005
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2004
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
 
IRAN - La moglie di Djalali sollecita più impegno dall’Europa
  LA VETRINA E IL RETROBOTTEGA DEL NEGOZIO DELL’#ANTIMAFIA  
  ITALIA: DA ‘CULLA’ A ‘TOMBA’ DEL DIRITTO?  
  APPELLO AL GOVERNATORE DELLA CALIFORNIA PER JARVIS JAY MASTERS  
  MOZIONE GENERALE DEL 40ESIMO CONGRESSO STRAORDINARIO DEL PARTITO RADICALE NONVIOLENTO, TRANSNAZIONALE E TRANSPARTITO  
  ELISABETTA ZAMPARUTTI CONFERMATA AL CPT PER SECONDO MANDATO  
news
-
azioni urgenti
-
banca dati
-
campagne
-
chi siamo
-
area utenti
-
privacy e cookies
-
credits