Anno
Ultime notizie
Archivio notizie
Guida all'uso della Banca Dati
MOZIONE GENERALE DEL VI° CONGRESSO DI NTC
La pena di morte nel mondo (al 30 giugno 2016)
DISCORSO di Papa Francesco
Analisi dati Rapporto 2015 e Obiettivi di NtC
SINTESI DEI FATTI PIÙ IMPORTANTI DEL 2015 (e dei primi sei mesi del 2016)
Esecuzioni nel 2014
Esecuzioni nel 2015 (al 30 giugno)
Reportage Comore Sergio D'Elia
Reportage Niger Marco Perduca
Premio l'Abolizionista dell'Anno 2015
Messaggio di Sergio Mattarella al VI° Congresso di NtC
Relazione di Sergio D'Elia al VI° Congresso di NtC
Relazione di Elisabetta Zamparutti al VI° Congresso di NtC
Rapporto IL VOLTO SORRIDENTE DEI MULLAH
DOSSIER IRAN APRILE 2016
Dossier su Pena di Morte e Omosessualità
Reportage di Elisabetta Zamparutti
Protocollo di intesa tra NtC e CNF
Dichiarazione finale del seminario del Cairo 15/16 maggio 2017
Azioni in corso
Archivio azioni
Campagne in corso
Archivio campagne

RAPPORTO DEL SECONDO FORUM ANNUALE DELL'UE SULLA PENA DI MORTE IN ZAMBIA

RISOLUZIONE ONU 2012
RISOLUZIONE ONU 2010

DICHIARAZIONE DI LIBREVILLE

Organi Dirigenti
Dossier Iraq 2003

Le sedi
DICHIARAZIONE DI COTONOU 2014

I video
RISOLUZIONE ONU 2014

Adesioni Comuni, Province, Regioni

BILANCI DI NESSUNO TOCCHI CAINO

La campagna per la moratoria ONU delle esecuzioni capitali
DOSSIER GIAPPONE

DONA IL 5x1000 A NESSUNO TOCCHI CAINO
DOSSIER IRAN

FIRMATARI APPELLO ALLE NAZIONI UNITE

DEDUCIBILITA' FISCALE


Appello dei PREMI NOBEL
RISOLUZIONE ONU 2007
DOSSIER LIBIA
DOSSIER USA 2011
Abbiamo fatto
RISOLUZIONE ONU 2008
DOSSIER PENA DI MORTE 2008
VIDEO MISSIONE IN CIAD
Le pubblicazioni
RISOLUZIONE DELLA CONFERENZA DI KIGALI 2011

DOSSIER MORATORIA
DOSSIER COMMERCIO LETALE
DICHIARAZIONE FINALE DELLA CONFERENZA DI FREETOWN 2014
Gli obiettivi

L'AUTENTICA STORIA DEL 'TERRORISTA' SERGIO D'ELIA

Acquista il rapporto di Nessuno tocchi Caino

Contributi artistici

Contattaci
Organi Dirigenti
Newsletter
Iscriviti a NTC
Acquista le pubblicazioni
Forum utenti
Scarica l'appello per la moratoria

OSLO DICE NO ALL’ERGASTOLO, ANCHE PER ANDERS BREIVIK

6 febbraio 2022:

Matteo Angioli su Il Riformista del 4 febbraio 2022

Non meritano indifferenza due recenti decisioni in tema di giustizia penale.
In base alla legge britannica sul terrorismo, ad agosto, un 22enne inglese, Ben John, era stato condannato a due anni di carcere per aver scaricato migliaia di testi antisemiti e di suprematismo bianco. Il giudice aveva però sospeso la pena puntando a un percorso davvero alternativo, “condannando” il giovane alla lettura di classici come Shakespeare, Austen e Dickens, e verificandone periodicamente l’auspicata graduale rieducazione. “Sei una persona solitaria con pochi o nessun vero amico”, aveva detto all’imputato, descritto come “facilmente influenzabile”. Per il giudice era un incidente isolato che non aveva recato nessun danno. Il 4 gennaio, nella prima udienza di verifica, lo stesso giudice si era detto incoraggiato dai progressi iniziali compiuti da John.
Di diverso parere l’Avvocato Generale del Regno Unito e deputato conservatore, Alex Chalk, autore di un ricorso contro la sentenza ritenuta eccessivamente indulgente. Il ricorso, sollecitato dall’associazione Hope Not Hate (Speranza Non Odio) che aveva inviato una lettera aperta a Chalk, è stato accolto dalla Corte d’Appello il 19 gennaio, mettendo fine alla libertà condizionale del giovane imputato per il quale si sono aperte le porte del carcere.
Chalk ha dichiarato che il governo “è impegnato a interrompere le attività degli estremisti più pericolosi e a sostenere chi contrasta la retorica dell’odio e a proteggere le persone vulnerabili che vengono trascinate nel terrorismo.”
È lecito chiedersi allora se la forma di protezione migliore per una persona “facilmente influenzabile”, altrettanto vulnerabile, come Ben John, sia il carcere e se non sia sufficiente la libertà condizionale.
Secondo il suo avvocato, John è “un bambino” con una “biblioteca elettronica” che include anche testi marxisti, e la sentenza di custodia cautelare era “del tutto sensata, costruita con cura e appropriata” proprio perché abbinata a un programma di riabilitazione “serio” che aveva già prodotto effetti tangibili.
Hope Not Hate esulta per l’annullamento della “sentenza allarmante” perché non è possibile evitare il carcere per reati che comportano una pena detentiva massima di quindici anni. Ma, se la speranza di superare l’odio passa per il carcere, non c’è speranza.
Negli stessi giorni è stato un “vero” terrorista a far parlare di sé. Il 18 gennaio è scoccato il decimo anno di detenzione di Anders Breivik, l’uomo che nel 2011 compì un doppio attentato in Norvegia uccidendo 77 persone.
Breivik si è avvalso del diritto, maturato dopo dieci anni di detenzione, di chiedere la libertà vigilata. In tribunale ha affermato di aver rinunciato alla violenza ma non alle idee di ostentata ispirazione nazista.
Non avendo mostrato dunque nessun rimorso, il primo febbraio, il giudice ha negato la libertà condizionale e confermato la sentenza di reclusione di 21 anni, pena massima in Norvegia, dove non esiste l’ergastolo. Esiste però una disposizione che consente di prolungare la detenzione, finché il detenuto non sia più giudicato un pericolo.
Breivik si è presentato facendo il saluto nazista e mostrando un cartello con un messaggio inneggiante alla supremazia bianca. Aveva già utilizzato precedenti udienze come piattaforma per denunciare un genocidio dei bianchi in Occidente. Aveva perfino tentato di fondare, dal carcere, un partito fascista contattando per posta i vari Ben John, ma quelle lettere sono state sequestrate dagli agenti penitenziari e aggiunte alle prove del suo mancato ravvedimento.
Giusto, dunque, riflettere sul rischio che tali apparizioni ispirino individui “facilmente influenzabili”. Tuttavia, molti norvegesi sono convinti che il modo migliore per sconfiggere la sua visione del mondo non sia tappargli la bocca, ma dimostrare che il sistema da cui Breivik sostiene di essere oppresso, in realtà, gli sta dando tutte le possibilità di esprimersi, attraverso canali legali attentamente governati. Lo credo anch’io. In Norvegia perfino un criminale come Breivik ha gli stessi diritti di qualsiasi altro cittadino detenuto, inclusi quelli di pensiero e parola.
Di fronte all’efferatezza del crimine commesso e orgogliosamente rivendicato, la società norvegese – tutt’altro che ingenua – si è chiesta, non senza dolore e aspri confronti, se riformare il codice penale introducendo l’istituto dell’ergastolo. Risposta? No, non permetteremo a Breivik di vincere manomettendo i principi e le leggi alla base della nostra democrazia.

Altre news:
NESSUNO TOCCHI CAINO PRESENTA IN SICILIA IL VOLUME ‘QUANDO PREVENIRE È PEGGIO CHE PUNIRE’
SAN QUINTINO: VIA TUTTI DAL BRACCIO DELLA MORTE
IRAN - Mosayeb Faraji giustiziato a Dizelabad il 12 febbraio
NIGERIA: DUE CONDANNATI A MORTE PER L’OMICIDIO DI UNA PROSTITUTA
PAKISTAN: CONDANNATO A MORTE PER LO STUPRO E OMICIDIO DI UN BAMBINO
IRAN - Nuovo rapporto del Relatore Speciale sui Diritti Umani in Iran
USA - Pubblicata l’ultima edizione di "Death Row USA" aggiornata al 1° ottobre 2021
NIGERIA: 11 CONDANNATI A MORTE PER GLI OMICIDI DI 7 ABITANTI DEL VILLAGGIO RIVALE
NAPOLI: 16 FEBBRAIO ASSEMBLEA DEGLI ISCRITTI A NESSUNO TOCCHI CAINO
SINGAPORE: MALESE CONDANNATO A MORTE PER TRAFFICO DI EROINA
TORINO: IL 13 FEBBRAIO ASSEMBLEA DEGLI ISCRITTI A NESSUNO TOCCHI CAINO
EGITTO: DUE FRATELLI CONDANNATI A MORTE PER L’OMICIDIO DEL PADRE
IRAN - Mirza Rouhifar giustiziato nella prigione di Aligoudarz il 7 febbraio
USA - Oklahoma. L'autopsia di John Grant mostra liquido nei polmoni e vomito aspirato
ARABIA SAUDITA: LIBERATO MINORENNE SCIITA CHE ERA STATO CONDANNATO A MORTE
MALESIA: QUATTRO CONDANNATI A MORTE PER TRAFFICO DI DROGA
SPES CONTRA SPEM DA CAPITINI A PANNELLA
ASSEMBLEA DEGLI ISCRITTI A NESSUNO TOCCHI CAINO A FIRENZE L’11 FEBBRAIO
IRAN - Nel 2018 Babak Rezaei è stato giustiziato da innocente
IRAN - Yousef e Behzad Tahmatan giustiziati ad Ardabil il 6 febbraio
BANGLADESH: DUE POLIZIOTTI CONDANNATI A MORTE PER L’OMICIDIO DI UN EX MAGGIORE DELL’ESERCITO
IRAN - L'Iran Atrocities Tribunal accusa 160 funzionari iraniani di crimini contro l'umanità
IRAN - Khatoun Hamidi impiccata a Qazvin il 5 febbraio
USA - Idaho. La condanna a morte di Gerald Pizzuto è stata ridotta all'ergastolo
NIGER: DUE ALGERINI CONDANNATI A MORTE PER TERRORISMO
IRAN - Hafizaullah Barahooye impiccato il 3 febbraio nella prigione di Zahedan
IRAN - Najibullah Gorgij impiccato nella prigione di Mashhad il 3 febbraio
SOMALIA: AL-SHABAAB GIUSTIZIA UN UOMO ACCUSATO DI SPIONAGGIO
IRAN - Un uomo, non identificato, giustiziato “recentemente” a Rajai Shahr
IRAN - Uomo non identificato giustiziato il 2 febbraio nella prigione di Shiraz

[<< Prec] 1 2 3 4 [Succ >>]
2023
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
  2022
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2021
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2020
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2019
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
 
2018
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2017
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2016
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2015
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2014
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2013
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
 
2012
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2011
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2010
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2009
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2008
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2007
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
 
2006
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2005
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2004
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
 
Convegno a Spoleto
  IRAN - La moglie di Djalali sollecita più impegno dall’Europa  
  LA VETRINA E IL RETROBOTTEGA DEL NEGOZIO DELL’#ANTIMAFIA  
  ITALIA: DA ‘CULLA’ A ‘TOMBA’ DEL DIRITTO?  
  APPELLO AL GOVERNATORE DELLA CALIFORNIA PER JARVIS JAY MASTERS  
  MOZIONE GENERALE DEL 40ESIMO CONGRESSO STRAORDINARIO DEL PARTITO RADICALE NONVIOLENTO, TRANSNAZIONALE E TRANSPARTITO  
news
-
azioni urgenti
-
banca dati
-
campagne
-
chi siamo
-
area utenti
-
privacy e cookies
-
credits