Anno
Ultime notizie
Archivio notizie
Guida all'uso della Banca Dati
MOZIONE GENERALE DEL VI° CONGRESSO DI NTC
La pena di morte nel mondo (al 30 giugno 2016)
DISCORSO di Papa Francesco
SINTESI DEI FATTI PIÙ IMPORTANTI DEL 2015 (e dei primi sei mesi del 2016)
Analisi dati Rapporto 2015 e Obiettivi di NtC
Esecuzioni nel 2014
Esecuzioni nel 2015 (al 30 giugno)
Reportage Comore Sergio D'Elia
Reportage Niger Marco Perduca
Premio l'Abolizionista dell'Anno 2015
Messaggio di Sergio Mattarella al VI° Congresso di NtC
Relazione di Sergio D'Elia al VI° Congresso di NtC
Relazione di Elisabetta Zamparutti al VI° Congresso di NtC
Rapporto IL VOLTO SORRIDENTE DEI MULLAH
DOSSIER IRAN APRILE 2016
Dossier su Pena di Morte e Omosessualità
Reportage di Elisabetta Zamparutti
Protocollo di intesa tra NtC e CNF
Dichiarazione finale del seminario del Cairo 15/16 maggio 2017
Azioni in corso
Archivio azioni
Campagne in corso
Archivio campagne

RAPPORTO DEL SECONDO FORUM ANNUALE DELL'UE SULLA PENA DI MORTE IN ZAMBIA

RISOLUZIONE ONU 2012
RISOLUZIONE ONU 2010

DICHIARAZIONE DI LIBREVILLE

Organi Dirigenti
Dossier Iraq 2003

Le sedi
DICHIARAZIONE DI COTONOU 2014

I video
RISOLUZIONE ONU 2014

Adesioni Comuni, Province, Regioni

BILANCI DI NESSUNO TOCCHI CAINO

La campagna per la moratoria ONU delle esecuzioni capitali
DOSSIER GIAPPONE

DONA IL 5x1000 A NESSUNO TOCCHI CAINO
DOSSIER IRAN

FIRMATARI APPELLO ALLE NAZIONI UNITE

DEDUCIBILITA' FISCALE


Appello dei PREMI NOBEL
RISOLUZIONE ONU 2007
DOSSIER LIBIA
DOSSIER USA 2011
Abbiamo fatto
RISOLUZIONE ONU 2008
DOSSIER PENA DI MORTE 2008
VIDEO MISSIONE IN CIAD
Le pubblicazioni
RISOLUZIONE DELLA CONFERENZA DI KIGALI 2011

DOSSIER MORATORIA
DOSSIER COMMERCIO LETALE
DICHIARAZIONE FINALE DELLA CONFERENZA DI FREETOWN 2014
Gli obiettivi

L'AUTENTICA STORIA DEL 'TERRORISTA' SERGIO D'ELIA

Acquista il rapporto di Nessuno tocchi Caino

Contributi artistici

Contattaci
Organi Dirigenti
Newsletter
Iscriviti a NTC
Acquista le pubblicazioni
Forum utenti
Scarica l'appello per la moratoria

Il governatore della California Gavin Newsom
Il governatore della California Gavin Newsom
SAN QUINTINO: VIA TUTTI DAL BRACCIO DELLA MORTE

12 febbraio 2022:

Valerio Fioravanti su Il Riformista del’11 febbraio 2022

Gran cosa quando sulla scena politica irrompe il coraggio, e perché no, anche la fantasia. In California, un bel governatore, Gavin Newsom, che sembra preso da un film, con una bella moglie, che sembra ancora più hollywoodiana di lui, e non si lascia chiamare “First Lady” bensì “First Partner”, prende una proposta di legge che voleva essere forcaiola, ne individua una piccola parte, applica solo quella, e svuota il braccio della morte. Che non è un braccio della morte qualsiasi, è il più grande degli Stati Uniti, con 673 uomini e 21 donne. Quasi 700 persone, 72 delle quali hanno superato i 40 anni di permanenza, e 43 avevano solo 18 anni al momento del reato ascritto. Sono così tanti perché la California è lo Stato più popoloso degli Usa (40 milioni) ma è anche uno Stato che non compie esecuzioni da 16 anni, e che anche nel trentennio precedente ne aveva compiute “solo” 13.
Deve avere anche un buon ufficio stampa questo Newsom, perché la notizia dello “svuotamento” del braccio della morte è passata su tutti i principali media del mondo. Ma a leggere meglio, la notizia è un po’ gonfiata. Sarebbe stato più corretto definirlo “spostamento”. Andiamo con ordine.
In California si è cercato due volte di abolire la pena di morte per via referendaria, nel 2012 e nel 2016. Entrambe le volte, per tre punti, la proposta non è passata. Nel 2016 è invece passato un altro referendum, denominato “pena di morte più veloce”, che avrebbe voluto diminuire il numero di ricorsi della difesa. Il referendum “forcaiolo” era passato con solo mezzo punto di vantaggio, ma poi con una serie di sentenze la Corte Suprema di Stato lo aveva dichiarato inapplicabile, perché l’idea di ridurre le garanzie legali fornite a un cittadino (per quanto criminale) è stata considerata incostituzionale.
Siccome i forcaioli si assomigliano un po’ in tutto il mondo, il “referendum 66”, oltre a volerli uccidere più velocemente, voleva anche che lo Stato spendesse di meno per dar loro da mangiare, che li costringesse a lavorare e gli sequestrasse il 70% della magrissima paga (in alcune carceri non supera i 5 dollari al mese) per devolverla alle vittime. Le quali non erano particolarmente impressionate dal proposto risarcimento che si aggirava sui tre dollari al mese, ma in alcune dichiarazioni avevano asserito di “apprezzare la simbolicità del provvedimento”.
Alla fine neanche la parte del risarcimento è andata davvero in porto, perché la procedura burocratica necessaria sarebbe costata più dei tre dollari al mese ricavati, tanto è vero che dal 2016 a oggi per le vittime sono stati accantonati, ma non spartiti, solo 49.000 dollari.
Newsom però ha colto il lato positivo della proposta di “lavori forzati”: siccome era impossibile far lavorare 700 persone che vivevano praticamente in isolamento, il referendum 66 aveva “concesso” che i condannati a morte potessero essere trasferiti in altre carceri “con adeguato livello di sicurezza”, e lì partecipassero alle attività lavorative già esistenti. Ed è quello che Newsom ha fatto: tutti via da San Quintino, tutti sparsi per le sette diverse carceri di massima sicurezza dello Stato, e praticamente tutti tolti dallo Stato di decennale isolamento per essere inseriti in un “progetto innovativo ancorato alla riabilitazione”. Certo dovranno lavorare, e del lavoro svolto lo Stato gli lascerà in tasca forse meno di due dollari, ma nessuno degli ex detenuti di San Quintino si è fin qui lamentato. Anche perché Newsom, come stanno facendo altri Governatori democratici negli Stati Uniti, già dal discorso di insediamento ha avvertito che non firmerà nessun mandato di esecuzione.
Semplici ma inconfutabili le parole con cui oggi Newsom ha annunciato lo svuotamento/spostamento: “Penso che l’omicidio premeditato sia sbagliato, in tutte le sue forme e manifestazioni, compreso l’omicidio premeditato sponsorizzato dal governo. Non sostengo la pena di morte, non l’ho mai fatto. La prospettiva di finire nel braccio della morte ha più a che fare con la tua ricchezza e razza che con la tua colpa o innocenza”, ha detto Newsom. “Parliamo di giustizia, predichiamo la giustizia, ma come nazione non la pratichiamo nel braccio della morte”.
Come i lettori del Riformista sanno, Nessuno tocchi Caino ritiene che alcuni regimi detentivi in Italia non siano poi molto diversi dai bracci della morte. Abbiamo anche noi chi crede fermamente che i cittadini “caini” vadano trattati molto duramente, magari anche un po’ torturati, e possibilmente per tutta la vita. Quello che ci manca, rispetto a questa storia californiana, sono i politici fantasiosi e, ancor di più, quelli coraggiosi.

Altre news:
INTERDITTIVE: NORMA DA CAMBIARE E UNA SENTENZA LO DIMOSTRA
NESSUNO TOCCHI CAINO PRESENTA IN SICILIA IL VOLUME ‘QUANDO PREVENIRE È PEGGIO CHE PUNIRE’
NIGERIA: DUE CONDANNATI A MORTE PER L’OMICIDIO DI UNA PROSTITUTA
PAKISTAN: CONDANNATO A MORTE PER LO STUPRO E OMICIDIO DI UN BAMBINO
IRAN - Nuovo rapporto del Relatore Speciale sui Diritti Umani in Iran
NIGERIA: 11 CONDANNATI A MORTE PER GLI OMICIDI DI 7 ABITANTI DEL VILLAGGIO RIVALE
NAPOLI: 16 FEBBRAIO ASSEMBLEA DEGLI ISCRITTI A NESSUNO TOCCHI CAINO
USA - Pubblicata l’ultima edizione di "Death Row USA" aggiornata al 1° ottobre 2021
SINGAPORE: MALESE CONDANNATO A MORTE PER TRAFFICO DI EROINA
TORINO: IL 13 FEBBRAIO ASSEMBLEA DEGLI ISCRITTI A NESSUNO TOCCHI CAINO
ARABIA SAUDITA: LIBERATO MINORENNE SCIITA CHE ERA STATO CONDANNATO A MORTE
IRAN - Mirza Rouhifar giustiziato nella prigione di Aligoudarz il 7 febbraio
USA - Oklahoma. L'autopsia di John Grant mostra liquido nei polmoni e vomito aspirato
EGITTO: DUE FRATELLI CONDANNATI A MORTE PER L’OMICIDIO DEL PADRE
MALESIA: QUATTRO CONDANNATI A MORTE PER TRAFFICO DI DROGA
ASSEMBLEA DEGLI ISCRITTI A NESSUNO TOCCHI CAINO A FIRENZE L’11 FEBBRAIO
OSLO DICE NO ALL’ERGASTOLO, ANCHE PER ANDERS BREIVIK
SPES CONTRA SPEM DA CAPITINI A PANNELLA
BANGLADESH: DUE POLIZIOTTI CONDANNATI A MORTE PER L’OMICIDIO DI UN EX MAGGIORE DELL’ESERCITO
IRAN - Yousef e Behzad Tahmatan giustiziati ad Ardabil il 6 febbraio
IRAN - Nel 2018 Babak Rezaei è stato giustiziato da innocente
IRAN - L'Iran Atrocities Tribunal accusa 160 funzionari iraniani di crimini contro l'umanità
IRAN - Khatoun Hamidi impiccata a Qazvin il 5 febbraio
USA - Idaho. La condanna a morte di Gerald Pizzuto è stata ridotta all'ergastolo
IRAN - Hafizaullah Barahooye impiccato il 3 febbraio nella prigione di Zahedan
NIGER: DUE ALGERINI CONDANNATI A MORTE PER TERRORISMO
SOMALIA: AL-SHABAAB GIUSTIZIA UN UOMO ACCUSATO DI SPIONAGGIO
IRAN - Najibullah Gorgij impiccato nella prigione di Mashhad il 3 febbraio
IRAN - Un uomo, non identificato, giustiziato “recentemente” a Rajai Shahr
SOMALIA: SEI MILIZIANI AL-SHABAAB CONDANNATI A MORTE NEL PUNTLAND

[<< Prec] 1 2 3 4 [Succ >>]
2024
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
  2023
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2022
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2021
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2020
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
 
2019
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2018
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2017
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2016
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2015
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2014
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
 
2013
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2012
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2011
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2010
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2009
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2008
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
 
2007
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2006
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2005
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2004
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
 
Convegno a Spoleto
  IRAN - La moglie di Djalali sollecita più impegno dall’Europa  
  LA VETRINA E IL RETROBOTTEGA DEL NEGOZIO DELL’#ANTIMAFIA  
  ITALIA: DA ‘CULLA’ A ‘TOMBA’ DEL DIRITTO?  
  APPELLO AL GOVERNATORE DELLA CALIFORNIA PER JARVIS JAY MASTERS  
  MOZIONE GENERALE DEL 40ESIMO CONGRESSO STRAORDINARIO DEL PARTITO RADICALE NONVIOLENTO, TRANSNAZIONALE E TRANSPARTITO  
news
-
azioni urgenti
-
banca dati
-
campagne
-
chi siamo
-
area utenti
-
privacy e cookies
-
credits