Anno
Ultime notizie
Archivio notizie
Guida all'uso della Banca Dati
MOZIONE GENERALE DEL VI° CONGRESSO DI NTC
La pena di morte nel mondo (al 30 giugno 2016)
DISCORSO di Papa Francesco
Analisi dati Rapporto 2015 e Obiettivi di NtC
SINTESI DEI FATTI PIÙ IMPORTANTI DEL 2015 (e dei primi sei mesi del 2016)
Esecuzioni nel 2014
Esecuzioni nel 2015 (al 30 giugno)
Reportage Comore Sergio D'Elia
Reportage Niger Marco Perduca
Premio l'Abolizionista dell'Anno 2015
Messaggio di Sergio Mattarella al VI° Congresso di NtC
Relazione di Sergio D'Elia al VI° Congresso di NtC
Relazione di Elisabetta Zamparutti al VI° Congresso di NtC
Rapporto IL VOLTO SORRIDENTE DEI MULLAH
DOSSIER IRAN APRILE 2016
Dossier su Pena di Morte e Omosessualità
Reportage di Elisabetta Zamparutti
Protocollo di intesa tra NtC e CNF
Dichiarazione finale del seminario del Cairo 15/16 maggio 2017
Azioni in corso
Archivio azioni
Campagne in corso
Archivio campagne

RAPPORTO DEL SECONDO FORUM ANNUALE DELL'UE SULLA PENA DI MORTE IN ZAMBIA

RISOLUZIONE ONU 2012
RISOLUZIONE ONU 2010

DICHIARAZIONE DI LIBREVILLE

Organi Dirigenti
Dossier Iraq 2003

Le sedi
DICHIARAZIONE DI COTONOU 2014

I video
RISOLUZIONE ONU 2014

Adesioni Comuni, Province, Regioni

BILANCI DI NESSUNO TOCCHI CAINO

La campagna per la moratoria ONU delle esecuzioni capitali
DOSSIER GIAPPONE

DONA IL 5x1000 A NESSUNO TOCCHI CAINO
DOSSIER IRAN

FIRMATARI APPELLO ALLE NAZIONI UNITE

DEDUCIBILITA' FISCALE


Appello dei PREMI NOBEL
RISOLUZIONE ONU 2007
DOSSIER LIBIA
DOSSIER USA 2011
Abbiamo fatto
RISOLUZIONE ONU 2008
DOSSIER PENA DI MORTE 2008
VIDEO MISSIONE IN CIAD
Le pubblicazioni
RISOLUZIONE DELLA CONFERENZA DI KIGALI 2011

DOSSIER MORATORIA
DOSSIER COMMERCIO LETALE
DICHIARAZIONE FINALE DELLA CONFERENZA DI FREETOWN 2014
Gli obiettivi

L'AUTENTICA STORIA DEL 'TERRORISTA' SERGIO D'ELIA

Acquista il rapporto di Nessuno tocchi Caino

Contributi artistici

Contattaci
Organi Dirigenti
Newsletter
Iscriviti a NTC
Acquista le pubblicazioni
Forum utenti
Scarica l'appello per la moratoria

USA - DRUSA
USA - DRUSA
USA - Pubblicata l’ultima edizione di "Death Row USA" aggiornata al 1° ottobre 2021

9 febbraio 2022:

Pubblicata l’ultima edizione di "Death Row USA" aggiornata al 1° ottobre 2021 (DRUSA Fall 2021): siamo al numero più basso in trent’anni di persone a rischio esecuzione.
Il 1° ottobre 2021 nei bracci della morte degli Stati Uniti (27 stati, più 2 giurisdizioni: il braccio della morte federale e quello militare) c’erano 2.455 persone.
Tre mesi prima, al precedente rapporto, erano 19 di più. Nell’arco di tempo intercorso è stata compiuta 1 esecuzione.
Rispetto ad un anno prima (DRUSA Fall 2020), il calo è di 98 unità.
L’ormai tradizionale rapporto trimestrale DRUSA, curato dal Legal Defense Fund (LDF) del NAACP (National Association for the Advancement of Colored People) rileva che la popolazione del braccio della morte è diminuita ogni anno dal 2000.
Il 1° luglio 2001, DRUSA riscontrò il livello massimo di detenuti nei bracci della morte: 3.717 persone.
Il calo da 3.717 del 2001 a 2.455 di oggi rappresenta un calo complessivo di 1.262 persone, il 33,9%.
Da alcuni anni i curatori del rapporto Drusa hanno introdotto la categoria delle “condanne a morte attive”. Con questo termine si riferiscono a quelle persone che hanno avuto la condanna a morte annullata o nella parte del verdetto di colpevolezza, o nella parte di determinazione della pena, o che comunque sono in attesa della ripetizione del processo o del completamento degli appelli.
Tra le persone presenti nei bracci della morte, DRUSA Fall 2021 ne individua 219 le cui condanne non sono “attive”.
Si tratta di persone le cui condanne al momento sono annullate, ma potrebbero essere ripristinate con la ripetizione del processo. Del resto, quando una condanna a morte viene annullata, il giudice può stabilire se il detenuto deve essere tolto dal braccio della morte, oppure no. Nella maggior parte dei casi il giudice non dispone l’uscita dal death row, sapendo che contro il suo annullamento farà certamente ricorso la pubblica accusa, e quindi l’annullamento potrebbe essere annullato, anche in tempi relativamente brevi.
Sottraendo queste 219 persone, il totale dei detenuti con una condanna “attiva” sono 2236.
Ulteriormente, il rapporto DRUSA scorpora i dati di coloro che al momento non potrebbero essere giustiziati perché nel loro stato è in vigore una moratoria, moratoria che non è previsto termini a breve. Alla data del 1° ottobre 2021, 849 condannati a morte appartengono ai bracci della morte di stati in cui era in vigore una moratoria decisa dal Governatore: California (695), Oregon (24) e Pennsylvania (130). Pur in mancanza di una formale dichiarazione di moratoria, DRUSA considera “in moratoria” anche i 45 detenuti del braccio della morte federale in quanto l’Attorney General (ministro della giustizia) ha ordinato di riesaminare i cambiamenti apportati dall’Amministrazione Trump per accelerare le esecuzioni. La sospensione del protocollo di esecuzione federale viene, in questo conteggio, equiparata ad una moratoria. Nei 3 stati in moratoria e nel braccio della morte federale sono 894 i detenuti che DRUSA considera protetti da una moratoria.
Poiché in queste “giurisdizioni in moratoria” sono detenute anche persone le cui condanne a morte era già stata scorporata da DRUSA per via della condanna a morte momentaneamente annullata (51 persone), il numero complessivo di detenuti a “effettivo rischio di esecuzione” scende a 1.393 (2455-894-219+51).
Praticamente alla data del 1° ottobre 2021 solo il 56,7% dei detenuti nei bracci della morte è a effettivo rischio di esecuzione, mentre il 43,2% al momento non lo è.
Come sempre, il braccio della morte più popoloso è quello della California (695), lo stato più popoloso degli Stati Uniti (40 milioni di abitanti) ma anche uno stato che non compie esecuzioni da 15 anni, dal gennaio 2006. Alla California segue: Florida (333), Texas (198), Alabama (170), North Carolina (139), Ohio (135) Pennsylvania (130), e Arizona (118).
Alcuni stati hanno pochissime persone nel braccio della morte: nel Wyoming il braccio della morte è vuoto, nel New Hampshire e South Dakota c’è 1 detenuto, nel Montana ce ne sono 2, e 4 nel braccio della morte militare (l'ultima esecuzione di un soldato è stata nel 1961). Il detenuto in New Hamphire è in una condizione particolare: lo stato nel 2019 ha abolito la pena di morte, ma non retroattivamente. In questi casi chi si trovava nel braccio della morte al momento dell’abolizione deve attendere che un giudice definisca “sproporzionata” la sua condanna a morte rispetto a chi commettesse lo stesso reato dopo l’abolizione, e ne disponga la commutazione. È quanto è accaduto lo scorso trimestre in Virginia, dove la pena di morte è stata abolita nel marzo 2021, e l’Amministrazione Penitenziaria è intervenuta di propria iniziativa trasferendo i 2 detenuti del braccio della morte in un “normale” reparto di massima sicurezza.
Il motivo principale del calo del braccio della morte è la diminuzione di nuove condanne. Infatti le nuove condanne sono molte meno rispetto alle condanne eseguite, ai detenuti morti di vecchiaia o di malattia nei bracci ella morte, e alle condanne a morte annullate in appello. Anche l’ambito geografico della pena di morte è sempre più limitato.
A livello nazionale, la popolazione nel braccio della morte continua a riflettere le disparità razziali nella pena capitale.
Il 42,3% dei prigionieri nel braccio della morte è bianco, il 41,1% è nero, il 13,6% latino-americano, l'1,8% asiatico e lo 0,9% nativo americano. Il due per cento di tutti i detenuti nel braccio della morte sono donne, 51.
Da quando la pena di morte è stata reintrodotta negli Stati Uniti nel 1976 (la prima esecuzione è stata compita nel 1977) al 1° luglio 2021, sono state giustiziate 1.535 persone: 858 bianchi (55,9%), 525 neri (34,2%), 128 ispanici (8,3%), 17 pellerossa (1,1%), 7 asiatici (0,4%). In totale, 1.518 uomini (98,9 %) e 17 donne (1,1 %).
"Death Row USA" registra anche la razza e il sesso delle vittime relative alle esecuzioni effettuate. Le 1535 persone giustiziate erano accusate di aver ucciso un totale di 2248 persone.
Divise per razza le vittime erano 1.693 bianche (75,3%), 352 nere (15,6%), 155 ispaniche (6,9%), 41 asiatiche (1,8%), e 7 pellerossa (0,3%).
Divise per sesso le vittime erano 1.139 maschi (50,6%), e 1.109 femmine (49,4%). Il 10% delle persone giustiziate (149) aveva rinunciato volontariamente a presentare appello. Dal 1977 ad oggi, e prima che nel 2005 la Corte Suprema vietasse le esecuzioni di minorenni, 23 persone erano state giustiziate per reati commessi da minorenni.
Dal 1977 al 1° ottobre 2021, lo stato che ha compiuto più esecuzioni è il Texas: 573. Rispetto alle 1535 persone giustiziate dal 1977 ad oggi, il Texas ha compiuto il 37,3% di tutte le esecuzioni. Segue la Virginia (113, 7,3%), l’Oklahoma (112, 7,3%), la Florida (99, 6,45%) e il Missouri (90, (5,86%).

Death Row USA Fall 2021 Report: Death-Row Population Continues Long-Term Decline | Death Penalty Information Center

DRUSA SPRING 2010 Tabled version (00021413-2).DOC (naacpldf.org)

(Fonti: DPIC, NtC, 09/02/2022)

Altre news:
SAN QUINTINO: VIA TUTTI DAL BRACCIO DELLA MORTE
NESSUNO TOCCHI CAINO PRESENTA IN SICILIA IL VOLUME ‘QUANDO PREVENIRE È PEGGIO CHE PUNIRE’
INTERDITTIVE: NORMA DA CAMBIARE E UNA SENTENZA LO DIMOSTRA
NIGERIA: DUE CONDANNATI A MORTE PER L’OMICIDIO DI UNA PROSTITUTA
PAKISTAN: CONDANNATO A MORTE PER LO STUPRO E OMICIDIO DI UN BAMBINO
IRAN - Nuovo rapporto del Relatore Speciale sui Diritti Umani in Iran
NIGERIA: 11 CONDANNATI A MORTE PER GLI OMICIDI DI 7 ABITANTI DEL VILLAGGIO RIVALE
NAPOLI: 16 FEBBRAIO ASSEMBLEA DEGLI ISCRITTI A NESSUNO TOCCHI CAINO
SINGAPORE: MALESE CONDANNATO A MORTE PER TRAFFICO DI EROINA
TORINO: IL 13 FEBBRAIO ASSEMBLEA DEGLI ISCRITTI A NESSUNO TOCCHI CAINO
ARABIA SAUDITA: LIBERATO MINORENNE SCIITA CHE ERA STATO CONDANNATO A MORTE
IRAN - Mirza Rouhifar giustiziato nella prigione di Aligoudarz il 7 febbraio
USA - Oklahoma. L'autopsia di John Grant mostra liquido nei polmoni e vomito aspirato
EGITTO: DUE FRATELLI CONDANNATI A MORTE PER L’OMICIDIO DEL PADRE
MALESIA: QUATTRO CONDANNATI A MORTE PER TRAFFICO DI DROGA
ASSEMBLEA DEGLI ISCRITTI A NESSUNO TOCCHI CAINO A FIRENZE L’11 FEBBRAIO
OSLO DICE NO ALL’ERGASTOLO, ANCHE PER ANDERS BREIVIK
SPES CONTRA SPEM DA CAPITINI A PANNELLA
BANGLADESH: DUE POLIZIOTTI CONDANNATI A MORTE PER L’OMICIDIO DI UN EX MAGGIORE DELL’ESERCITO
IRAN - L'Iran Atrocities Tribunal accusa 160 funzionari iraniani di crimini contro l'umanità
IRAN - Nel 2018 Babak Rezaei è stato giustiziato da innocente
IRAN - Yousef e Behzad Tahmatan giustiziati ad Ardabil il 6 febbraio
IRAN - Khatoun Hamidi impiccata a Qazvin il 5 febbraio
USA - Idaho. La condanna a morte di Gerald Pizzuto è stata ridotta all'ergastolo
IRAN - Hafizaullah Barahooye impiccato il 3 febbraio nella prigione di Zahedan
NIGER: DUE ALGERINI CONDANNATI A MORTE PER TERRORISMO
SOMALIA: AL-SHABAAB GIUSTIZIA UN UOMO ACCUSATO DI SPIONAGGIO
IRAN - Najibullah Gorgij impiccato nella prigione di Mashhad il 3 febbraio
IRAN - Un uomo, non identificato, giustiziato “recentemente” a Rajai Shahr
SOMALIA: SEI MILIZIANI AL-SHABAAB CONDANNATI A MORTE NEL PUNTLAND

[<< Prec] 1 2 3 4 [Succ >>]
2023
gennaio
  2022
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2021
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2020
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2019
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
 
2018
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2017
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2016
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2015
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2014
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2013
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
 
2012
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2011
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2010
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2009
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2008
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2007
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
 
2006
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2005
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2004
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
 
IRAN - La moglie di Djalali sollecita più impegno dall’Europa
  LA VETRINA E IL RETROBOTTEGA DEL NEGOZIO DELL’#ANTIMAFIA  
  ITALIA: DA ‘CULLA’ A ‘TOMBA’ DEL DIRITTO?  
  APPELLO AL GOVERNATORE DELLA CALIFORNIA PER JARVIS JAY MASTERS  
  MOZIONE GENERALE DEL 40ESIMO CONGRESSO STRAORDINARIO DEL PARTITO RADICALE NONVIOLENTO, TRANSNAZIONALE E TRANSPARTITO  
  ELISABETTA ZAMPARUTTI CONFERMATA AL CPT PER SECONDO MANDATO  
news
-
azioni urgenti
-
banca dati
-
campagne
-
chi siamo
-
area utenti
-
privacy e cookies
-
credits