Anno
Ultime notizie
Archivio notizie
Guida all'uso della Banca Dati
MOZIONE GENERALE DEL VI° CONGRESSO DI NTC
La pena di morte nel mondo (al 30 giugno 2016)
DISCORSO di Papa Francesco
SINTESI DEI FATTI PIÙ IMPORTANTI DEL 2015 (e dei primi sei mesi del 2016)
Analisi dati Rapporto 2015 e Obiettivi di NtC
Esecuzioni nel 2014
Esecuzioni nel 2015 (al 30 giugno)
Reportage Comore Sergio D'Elia
Reportage Niger Marco Perduca
Premio l'Abolizionista dell'Anno 2015
Messaggio di Sergio Mattarella al VI° Congresso di NtC
Relazione di Sergio D'Elia al VI° Congresso di NtC
Relazione di Elisabetta Zamparutti al VI° Congresso di NtC
Rapporto IL VOLTO SORRIDENTE DEI MULLAH
DOSSIER IRAN APRILE 2016
Dossier su Pena di Morte e Omosessualità
Reportage di Elisabetta Zamparutti
Protocollo di intesa tra NtC e CNF
Dichiarazione finale del seminario del Cairo 15/16 maggio 2017
Azioni in corso
Archivio azioni
Campagne in corso
Archivio campagne

RAPPORTO DEL SECONDO FORUM ANNUALE DELL'UE SULLA PENA DI MORTE IN ZAMBIA

RISOLUZIONE ONU 2012
RISOLUZIONE ONU 2010

DICHIARAZIONE DI LIBREVILLE

Organi Dirigenti
Dossier Iraq 2003

Le sedi
DICHIARAZIONE DI COTONOU 2014

I video
RISOLUZIONE ONU 2014

Adesioni Comuni, Province, Regioni

BILANCI DI NESSUNO TOCCHI CAINO

La campagna per la moratoria ONU delle esecuzioni capitali
DOSSIER GIAPPONE

DONA IL 5x1000 A NESSUNO TOCCHI CAINO
DOSSIER IRAN

FIRMATARI APPELLO ALLE NAZIONI UNITE

DEDUCIBILITA' FISCALE


Appello dei PREMI NOBEL
RISOLUZIONE ONU 2007
DOSSIER LIBIA
DOSSIER USA 2011
Abbiamo fatto
RISOLUZIONE ONU 2008
DOSSIER PENA DI MORTE 2008
VIDEO MISSIONE IN CIAD
Le pubblicazioni
RISOLUZIONE DELLA CONFERENZA DI KIGALI 2011

DOSSIER MORATORIA
DOSSIER COMMERCIO LETALE
DICHIARAZIONE FINALE DELLA CONFERENZA DI FREETOWN 2014
Gli obiettivi

L'AUTENTICA STORIA DEL 'TERRORISTA' SERGIO D'ELIA

Acquista il rapporto di Nessuno tocchi Caino

Contributi artistici

Contattaci
Organi Dirigenti
Newsletter
Iscriviti a NTC
Acquista le pubblicazioni
Forum utenti
Scarica l'appello per la moratoria

IRAN - IHR logo
IRAN - IHR logo
IRAN - Almeno 100 manifestanti rischiano l'esecuzione o la condanna a morte

27 dicembre 2022:

Almeno 100 manifestanti rischiano l'esecuzione o la condanna a morte. Almeno 476 manifestanti uccisi dall’inizio delle proteste dopo la morte, il 16 settembre, di Mahsa Amini
Almeno 476 persone, tra cui 64 minori e 34 donne, sono state uccise dalle forze di sicurezza durante le attuali proteste a livello nazionale. L'aumento del bilancio delle vittime si riferisce a casi accertati di recente nei primi due mesi delle proteste.
Inoltre, almeno 100 manifestanti sono attualmente a rischio di esecuzione, condanne a morte o gravi imputazioni. Le cifre di seguito riportate sono imprecise per difetto, perché la maggior parte delle famiglie riceve forti pressioni per non parlare con la stampa, soprattutto estera. Si ritiene che il numero reale sia molto più alto.
Valutando positivamente l’iniziativa dei parlamentari di alcuni paesi europei che si offrono volontari come sponsor politici, Iran Human Rights ribadisce la necessità di aumentare il costo politico delle esecuzioni per la Repubblica islamica.
Il direttore Mahmood Amiry Moghaddam ha dichiarato: “Nonostante siano trascorsi più di 100 giorni dall'inizio delle proteste, centinaia siano stati uccisi, migliaia arrestati e manifestanti giustiziati, la rivolta del popolo per un vero cambiamento e il raggiungimento dei diritti fondamentali continua. La sfida che le persone devono affrontare è il prezzo che devono pagare per raggiungere questo obiettivo. Una partecipazione più diffusa all'interno e all'esterno del Paese e la comunità internazionale che sostiene questa rivolta possono aiutare a ridurre i costi”.
Secondo le informazioni ottenute da Iran Human Rights, almeno 476 persone, tra cui 64 minori, sono state finora uccise dalle forze di sicurezza durante le proteste a livello nazionale. Dei 64 minori, nove erano femmine. Avevano tutti meno di 18 anni, ma non tutti sono stati verificati attraverso prove documentali. Iran Human Rights sta lavorando per ottenere la conferma della loro età.
I suddetti numeri si riferiscono solo alle proteste di piazza. I manifestanti Mohsen Shekari e Majidreza Rahnavard che sono stati giustiziati e quelli che sono morti in circostanze sospette (inclusi presunti suicidi) poco dopo il rilascio non sono inclusi in queste statistiche.
Numero di morti per provincia
I manifestanti sono stati uccisi in 25 delle 31 province iraniane, con la maggior parte delle segnalazioni rispettivamente in Sistan e Baluchistan, Azerbaigian Occidentale, Kurdistan, Teheran e Mazandaran.
I decessi sono stati registrati in: Sistan e Baluchistan: 130 persone; Azerbaigian Occidentale: 53 persone; Kurdistan: 53 persone; Teheran: 52 persone; Mazandaran: 38 persone; Gilan: 26 persone; Kermanshah: 25 persone; Alborz: 23 persone; Isfahan: 14 persone; Far: 11 persone; Khuzestan: 11 persone; Khorasan-Razavi: 7 persone; Azerbaigian Orientale: 4 persone; Zanjan: 3 persone; Lorestan: 3 persone; Markazi: 3 persone; Qazvin: 3 persone; Hamedan: 3 persone; Kohgiluyeh e Boyer Ahmad: 2 persone; Ardabil: 2 persone; Ilam: 2 persone; Bushehr: 2 persone; Hormozgan: 2 persone; Semnan: 1 persona; Golestan: 1 persona.
È fondamentale notare che IHR ha iniziato a ricercare e registrare le morti dei manifestanti fin dall'inizio delle proteste. Nel corso della ricerca e man mano che si ottengono nuove informazioni, i dati verranno adeguati di conseguenza.
Il maggior numero di decessi è stato registrato il 21, 22 e 30 settembre (il "Bloody Friday" del Baluchistan). Il 4 novembre è stato il giorno più sanguinoso di novembre con 21 morti registrate.
Il bilancio delle vittime è impreciso per difetto. Le notizie sulle uccisioni di manifestanti negli ultimi giorni sono ancora oggetto di indagine. IHR ha ricevuto un elevato volume di segnalazioni di morti su cui continua a indagare. Occorre notare che le autorità spesso interrompono internet, e questo rallenta la circolazione delle notizie. Inoltre molte persone temono ripercussioni a parlare degli eventi di cui sono stati testimoni. Il numero effettivo di persone uccise, quindi, è sicuramente più alto.
La Repubblica islamica sta intenzionalmente creando confusione nei casi di manifestanti immettendo in rete dichiarazioni contraddittorie, in particolare nei casi di pena di morte. Ciò è ulteriormente perpetuato dal fatto che gli imputati per reati “di sicurezza dello stato” non hanno, per legge (articolo 48 del CCP) accesso ad avvocati di propria fiducia, e anche il contatto con i familiari è fortemente limitato. Molti avvocati hanno riferito di non aver potuto incontrare i loro clienti né conoscere dettagli delle imputazioni in tutte le fasi del procedimento giudiziario.
L’elenco che segue include sia i casi segnalati ufficialmente che quelli segnalati da familiari e giornalisti cittadini. IHR non è stato in grado di confermare i dettagli di tutti i singoli casi e pertanto richiede che chiunque abbia informazioni sui manifestanti a rischio di condanne a morte ci contatti su mail@iranhr.net o 0061478494849 su Signal, WhatsApp o Telegram.
È importante notare che tutti gli imputati nei seguenti casi sono stati privati del diritto di accedere al proprio avvocato, a un giusto processo ea processi equi. Nei casi in cui sono riusciti a stabilire un contatto, o i dettagli dei loro casi riportati da compagni di cella e difensori dei diritti umani, tutti sono stati sottoposti a torture fisiche e mentali per forzare false confessioni. In molti casi, le loro confessioni forzate sono state trasmesse in televisione prima dell'inizio di qualsiasi procedimento legale, violando il loro diritto alla presunzione di innocenza. C'è ambiguità in molti casi a causa della mancanza di trasparenza della Repubblica islamica.

  1. MANOUCHEHR MEHMAN NAVAZ, 45 anni;
  2. MOHAMMAD GHOBADLU, 22 anni;
  3. SAMAN SEYDI, 24 anni;
  4. MOHAMMAD BOROUGHANI, 19 anni;
  5. MAHAN SADRAT-MADANI (MARANI), 22 anni;
  6. SAHAND NOUR MOHAMMADZADEH, 25 anni;
  7. SAEED SHIRAZI;
  8. MOHSEN REZAZADEH-GHARAGHOLU, 21 anni;
  9. ABOLFAZL MEHRI HOSSEIN HAJILU, 17 anni;
  10. MOHAMMAD MEHDI KARAMI, 22 anni;
  11. SEYED MOHAMMAD HOSSEINI;
  12. HAMID GHAREH-HASSANLU, 53 anni;
  13. HOSSEIN MOHAMMADI, 26 anni;
  14. REZA ARIA, 43;
  15. TOOMAJ SALEHI, 32 anni;

Le seguenti 10 persone sono state incriminate per la morte di tre agenti a Isfahan il 16 novembre. Secondo la magistratura di Isfahan, i primi quattro imputati sono processati dal tribunale penale e il resto dal tribunale rivoluzionario. Inizialmente si era parlato di 9 imputati, Eje'i ha fatto riferimento a dieci imputati, e dieci sono stati nominati nell'accusa.

  1. AMIR NASR AZADANI, 26 anni;
  2. SAEED YAGHOUBI, 30 anni;
  3. SALEH MIRHASHEMI, 36 anni;
  4. SOHEIL JAHANGIRI, 21 anni;
  5. MAJID KAZEMI, 30 anni;
  6. HOSSEIN KAZEMI, 34 anni;
  7. FARAMARZ SALEHI;
  8. JABER MIRHASHEMI;
  9. MEHDI MASHAYEKHI;
  10. ABOLFAZL BADIALAH;
  11. HESHMATOLLAH TABARZADI, 63 anni;

Le seguenti cinque persone sono state arrestate in relazione al caso della morte dell'agente dell’IRGC Arman Ali Verdi a Ekbatan il 26 ottobre. Secondo le foto recentemente rilasciate dalla magistratura, nel caso ci sono almeno altri quattro uomini non identificati e una donna.

  1. MILAD ARMUN, 22;
  2. MEHDI JAHANI;
  3. ALIREZA KAFAYI;
  4. AKBAR GAFFARI;
  5. FARZAD TAHAZADEH, 26 anni;
  6. FARHAD TAHAZADEH, 25 anni;
  7. HEJAR HAMIDI, 35;
  8. HIMAN SHAHI (KARVAN SHAHPARVANEH), 23 anni;
  9. SHAHRAM MAROUFMOLA, 22 anni;
  10. REZA ESLAMDOUST, 24 anni;
  11. AYOUB AGLIANI;
  12. OMID HASSANZEHI, 20 anni;
  13. FARSHID HASSANZEHI, 25 anni;
  14. BEHZAD HASSANZEHI, 26 anni;
  15. JAMSHID HASSANZEHI, 29 anni;
  16. ESMAIL HASSANZEHI, 30 anni;
  17. EBRAHIM RIGI, 34 anni;
  18. ALI (MAKAN) DAVARI, 19 anni;
  19. NEZAMÖEDIN HOOT, 20;
  20. MANSOUR HOOT, 25;
  21. MANSOUR DAHMARDEH, 22 anni;
  22. ABDOLMALEK DOUSTI;
  23. MOHAMMAD RAKHSHANI-AZAD, 16 anni;
  24. ALI RAKHSHANI-AZAD, 15 anni;
  25. SHOEIB MIRBALUCHZEHI RIGI, 18 anni;
  26. OMID KASHANI, 26 anni;
  27. HOSSEIN KASHANI, 29 anni;
  28. FARHAD NAKHAEI, 18 anni;
  29. MOHAMMAD FOULADI, 18 anni;
  30. ADEL GARGIJ, 22 anni;

Le seguenti tre persone sono state arrestate in relazione alla morte dell'imam del venerdì Sajad Shahraki.

  1. MOHAMMADREZA NAROUYI-SHIRANI, 48 anni;
  2. ESMAIL SHEHBAKHSH, 41 anni;
  3. RUHOLLAH KAHRAZEHI, 21 anni;
  4. MEISAM MOBARHAN;
  5. POURIA JAVAHERI;
  6. MAHSA MOHAMMADI, 22 anni;
  7. MOJGAN KAVOUSI;
  8. BITA HAGHANI, 22 anni;
  9. REZA RASAYI, 34 anni;
  10. DANIAL GHEZELJAYI, 22 anni;
  11. HASSAN FIROUZI;
  12. SAJAD IMANNEJAD, 31 anni;
  13. TOHID DARWISH, 27 anni;
  14. ASHKAN MORAVATI, 26 anni;
  15. MOJAHED KOURKOUR;
  16. PARHAM PARVARI, 25;
  17. JAVAD ROUHI, 35 anni;

Le seguenti tre persone sono state arrestate in relazione a un attentato dinamitardo sventato a Shiraz. Sono andate in onda le confessioni forzate di quattro uomini e una donna. Mohammad Kheiveh e Dena Sheibani sono stati rilasciati, i seguenti tre uomini rischiano la pena di morte in relazione al fatto.

  1. ESHRAGH NAJAFABADI, 30 anni;
  2. HESSAM MOUSAVI;
  3. AMIR ARSALAN MAHVADI, 34 anni;

Le seguenti 23 persone sono manifestanti di Baghe Malek in Khuzestan che sono state incriminate per l'accusa di moharebeh ed efsad-fil-arz. Non sono disponibili ulteriori dettagli.

  1. AMINO AMIRI;
  2. MILAD ZAKAVI;
  3. SAEED RAYGANI MAJ;
  4. MAJID YOUSEFI HEZARVAND;
  5. NILOUFAR GHAHREMANI;
  6. MOHAMMAD BAKHSHI;
  7. SEYEDEH SHIRIN MARASHI;
  8. MOJTABA FARKHAJEH MIRI;
  9. MOSLEM NOROUZI NASAB;
  10. ARSALAN KORDI;
  11. JAMAL GHASEMIAN NASAB;
  12. SEYED MOHAMAD TABATABAI;
  13. ELHAM SARIRIZADEH;
  14. SASAN ZANGANEH;
  15. YOUSEF AKH SHEIKH;
  16. MOSTAFA KORDI;
  17. JAMSHID GHASEMIAN SERESHT;
  18. VALIOLLAH ADELZADEH;
  19. SAJAD SHAFIEI;
  20. MOHAMAD JAVAD KORDI;
  21. SALMAN EIVAZINEJAD;
  22. HAMZEH SHAFIEI;
  23. MOHAMAD NAZARI;

 Ulteriori dettagli al link https://iranhr.net/en/articles/5669/

https://iranhr.net/en/articles/5669/

(Fonte: IHR)

Altre news:
MALI: 46 SOLDATI IVORIANI CONDANNATI A 20 ANNI; TRE CONDANNATI A MORTE IN CONTUMACIA
CARCERE: NESSUNO TOCCHI CAINO, CONTINUA IL VIAGGIO DELLA SPERANZA NEI LUOGHI DI PENA
CANCELLATA LA PENA CAPITALE, IL DONO DI NATALE DELLO ZAMBIA
CONVIENE A TUTTI SE DAL CARCERE USCIAMO MIGLIORI DI PRIMA
IRAN - Informazioni su 5 condannati a morte per le proteste
PAKISTAN: CONDANNATO A MORTE PER OMICIDIO A CHARSADDA
IL MINISTRO DEGLI ESTERI TAJANI CHIEDE ALL’IRAN DI FERMARE ESECUZIONI E REPRESSIONE
IRAN – Italia Il primo ministro italiano, Meloni, afferma che la repressione dei manifestanti in Iran è "insopportabile"
IRAN - Il ministro degli Esteri iraniano il 29 dicembre ha convocato l’ambasciatore italiano
IRAN - Mehdi Bahman condannato a morte dopo aver sollecitato la pace
IRAN – Italia. L'Italia esorta l'Iran a fermare le esecuzioni e ad aprire il dialogo con i manifestanti
GUYANA: PER LA CORTE D’APPELLO LA PENA DI MORTE NON E’ INCOSTITUZIONALE
RD CONGO: TRIBUNALI MILITARI CONFERMANO NOVE CONDANNE A MORTE
IRAN - Davoud Rahmatali giustiziato a Shiraz il 28 dicembre
IRAN - Uomo non identificato giustiziato il 28 dicembre a Karaj
IRAN - Davoud Yousefi e Ebrahim Ajali giustiziati a Karaj il 28 dicembre
IRAN - Mohsen e Hamidreza Nejati giustiziati a Gohardasht il 28 dicembre
GIORDANIA: CONDANNATO A MORTE PER UN OMICIDIO COMMESSO NEL 2005
VIETNAM: CONDANNATA A MORTE PER TRAFFICO DI EROINA
IRAN - Yousef Mirzavand giustiziato a Dezful il 26 dicembre
IRAN - La campionessa di scacchi iraniana Sara Khadem gareggia in un torneo internazionale senza hijab
IRAN - Hamed Ebrahimi giustiziato a Isfahan il 26 dicembre
IRAN - Annullata una delle 2 condanne a morte di Shakir Behrouz
LO ZAMBIA ABOLISCE LA PENA DI MORTE
CINA: EX SINDACO CONDANNATO A MORTE CON PENA SOSPESA
IRAN - Soha Etebari, 12 anni, è stata uccisa da agenti il 25 dicembre
IRAN - Confermata la condanna a morte del manifestante Mohammad Ghobadlou
IRAN - Religiosi chiedono la “linea dura”: più esecuzioni e amputazioni
IRAN - Elias Raisi e Ayoub Rigi giustiziati a Zahedan il 24 dicembre
IRAN - Nizamuddin Burhanzahi giustiziato a Iranshahr il 23 dicembre

1 2 3 4 5 [Succ >>]
2024
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
  2023
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2022
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2021
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2020
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
 
2019
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2018
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2017
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2016
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2015
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2014
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
 
2013
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2012
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2011
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2010
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2009
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2008
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
 
2007
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2006
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2005
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2004
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
 
Convegno a Spoleto
  IRAN - La moglie di Djalali sollecita più impegno dall’Europa  
  LA VETRINA E IL RETROBOTTEGA DEL NEGOZIO DELL’#ANTIMAFIA  
  ITALIA: DA ‘CULLA’ A ‘TOMBA’ DEL DIRITTO?  
  APPELLO AL GOVERNATORE DELLA CALIFORNIA PER JARVIS JAY MASTERS  
  MOZIONE GENERALE DEL 40ESIMO CONGRESSO STRAORDINARIO DEL PARTITO RADICALE NONVIOLENTO, TRANSNAZIONALE E TRANSPARTITO  
news
-
azioni urgenti
-
banca dati
-
campagne
-
chi siamo
-
area utenti
-
privacy e cookies
-
credits