Anno
Ultime notizie
Archivio notizie
Guida all'uso della Banca Dati
MOZIONE GENERALE DEL VI° CONGRESSO DI NTC
La pena di morte nel mondo (al 30 giugno 2016)
DISCORSO di Papa Francesco
SINTESI DEI FATTI PIÙ IMPORTANTI DEL 2015 (e dei primi sei mesi del 2016)
Analisi dati Rapporto 2015 e Obiettivi di NtC
Esecuzioni nel 2014
Esecuzioni nel 2015 (al 30 giugno)
Reportage Comore Sergio D'Elia
Reportage Niger Marco Perduca
Premio l'Abolizionista dell'Anno 2015
Messaggio di Sergio Mattarella al VI° Congresso di NtC
Relazione di Sergio D'Elia al VI° Congresso di NtC
Relazione di Elisabetta Zamparutti al VI° Congresso di NtC
Rapporto IL VOLTO SORRIDENTE DEI MULLAH
DOSSIER IRAN APRILE 2016
Dossier su Pena di Morte e Omosessualità
Reportage di Elisabetta Zamparutti
Protocollo di intesa tra NtC e CNF
Dichiarazione finale del seminario del Cairo 15/16 maggio 2017
Azioni in corso
Archivio azioni
Campagne in corso
Archivio campagne

RAPPORTO DEL SECONDO FORUM ANNUALE DELL'UE SULLA PENA DI MORTE IN ZAMBIA

RISOLUZIONE ONU 2012
RISOLUZIONE ONU 2010

DICHIARAZIONE DI LIBREVILLE

Organi Dirigenti
Dossier Iraq 2003

Le sedi
DICHIARAZIONE DI COTONOU 2014

I video
RISOLUZIONE ONU 2014

Adesioni Comuni, Province, Regioni

BILANCI DI NESSUNO TOCCHI CAINO

La campagna per la moratoria ONU delle esecuzioni capitali
DOSSIER GIAPPONE

DONA IL 5x1000 A NESSUNO TOCCHI CAINO
DOSSIER IRAN

FIRMATARI APPELLO ALLE NAZIONI UNITE

DEDUCIBILITA' FISCALE


Appello dei PREMI NOBEL
RISOLUZIONE ONU 2007
DOSSIER LIBIA
DOSSIER USA 2011
Abbiamo fatto
RISOLUZIONE ONU 2008
DOSSIER PENA DI MORTE 2008
VIDEO MISSIONE IN CIAD
Le pubblicazioni
RISOLUZIONE DELLA CONFERENZA DI KIGALI 2011

DOSSIER MORATORIA
DOSSIER COMMERCIO LETALE
DICHIARAZIONE FINALE DELLA CONFERENZA DI FREETOWN 2014
Gli obiettivi

L'AUTENTICA STORIA DEL 'TERRORISTA' SERGIO D'ELIA

Acquista il rapporto di Nessuno tocchi Caino

Contributi artistici

Contattaci
Organi Dirigenti
Newsletter
Iscriviti a NTC
Acquista le pubblicazioni
Forum utenti
Scarica l'appello per la moratoria

IRAN - Mehdi Bahman
IRAN - Mehdi Bahman
IRAN - Mehdi Bahman condannato a morte dopo aver sollecitato la pace

29 dicembre 2022:

Mehdi Bahman condannato a morte dopo aver sollecitato la pace in un'intervista alla TV israeliana
Secondo quanto riferito da siti internet di esuli iraniani, l'Iran ha condannato a morte un artista dissidente con l'accusa di "spionaggio" dopo che all'inizio dell'anno aveva rilasciato un'intervista a un canale televisivo israeliano.
Iran International ha affermato che Mehdi Bahman è stato arrestato a ottobre dopo una intervista rilasciata al canale israeliano Channel 13.
Il rapporto afferma che un tribunale rivoluzionario ha emesso la sentenza. Negli ultimi giorni almeno 11 persone sono state condannate a morte per il loro ruolo nelle proteste, e più di 100 rischiano la pena di morte, secondo i gruppi di opposizione.
Mentre Bahman è stato arrestato dopo lo scoppio delle proteste, la sua intervista con Channel 13 era stata rilasciata nell'aprile 2022 dopo che si era avvicinato a una donna israeliana per far tradurre uno dei suoi libri in ebraico.
Nell'intervista, Bahman ha criticato il regime di Teheran e l'imposizione della legge islamica e ha auspicato la normalizzazione tra Israele e Iran.
Ha detto a Channel 13 che non aveva paura di essere arrestato per aver parlato con un canale israeliano.
Iran International definisce Bahman uno scrittore e illustratore che ha sempre posto al centro delle sue opere la convivenza religiosa. Negli ultimi anni aveva lavorato con il religioso sciita dissidente Masoumi Tehrani per creare opere d'arte contenenti simboli di varie religioni e le aveva donate ai leader delle minoranze ebraiche, cristiane, zoroastriane, islam sunnite, mandee sabiane e baha'i in Iran.
Il rapporto afferma che anche Tehrani è stato arrestato poco dopo Bahman. Nessuna parola sul suo destino.
Anche diversi altri media non-governativi hanno riferito dell'arresto. Ma non c'è stata alcuna conferma ufficiale della sentenza da parte di funzionari iraniani o media statali.
L'Iran accusa Iran International, un canale di notizie satellitare in lingua persiana un tempo di proprietà maggioritaria di un cittadino saudita, di aver alimentato le recenti proteste a livello nazionale che si sono trasformate in violenze mortali.
Iran International, da parte sua, si descrive come "un’agenzia di stampa indipendente che fornisce notizie non censurate, accurate e imparziali a un pubblico di lingua farsi all'interno e all'esterno dell'Iran". Dice di non avere "nessuna affiliazione o associazione" con alcun gruppo politico o organizzazione.
Le proteste hanno attanagliato l'Iran dalla morte il 16 settembre in custodia dell'iraniano-curda Mahsa Amini, 22 anni, dopo il suo arresto a Teheran per una presunta violazione del rigoroso codice di abbigliamento per le donne.
L'Iran ha cercato di reprimere le manifestazioni e scoraggiare le proteste imponendo dure punizioni, compresa la pena di morte, con alcune esecuzioni pubbliche.
Almeno 100 iraniani arrestati in più di 100 giorni di proteste a livello nazionale sono stati accusati di imputazioni che potrebbero comportare la morte, ha dichiarato all'inizio di questa settimana il gruppo Iran Human Rights (IHR) con sede a Oslo. (Vedi NtC 27/12/2022).
Nel suo rapporto IHR ha identificato 100 detenuti che rischiano la potenziale pena capitale, di cui almeno 11 già condannati a morte. Cinque detenuti sulla lista IHR sono donne. Il rapporto afferma che molti di loro hanno un accesso limitato alla rappresentanza legale.
"Emettendo condanne a morte ed eseguendone alcune, loro (le autorità) vogliono far tornare a casa le persone che protestao", ha affermato il direttore di IHR Mahmood Amiry-Moghaddam.
"Qualche effetto lo ha", ha detto ad AFP, ma "quello che abbiamo osservato in generale è più rabbia contro le autorità".
"La loro strategia di diffondere la paura attraverso le esecuzioni è fallita".
In un bilancio aggiornato delle vittime rilasciato martedì, IHR ha affermato che finora sono stati uccisi 476 manifestanti.
Il massimo organo di sicurezza iraniano all'inizio di dicembre ha dato un bilancio di oltre 200 persone uccise, compresi gli agenti di sicurezza. Almeno 14.000 persone sono state arrestate dall'inizio dei disordini a livello nazionale, hanno dichiarato le Nazioni Unite il mese scorso.
Majidreza Rahnavard, 23 anni, è stato impiccato in pubblico a una gru il 12 dicembre dopo essere stato condannato da un tribunale di Mashhad per aver ucciso con un coltello due membri delle forze di sicurezza.
Quattro giorni prima, Mohsen Shekari, anche lui di 23 anni, era stato giustiziato per aver ferito un membro delle forze di sicurezza.
La magistratura ha affermato che altre nove persone sono state condannate a morte per le proteste.

https://deathpenaltynews.blogspot.com/2022/12/iranian-author-sentenced-to-death-after.html

(Fonte: Agence France-Presse)

Altre news:
CARCERE: NESSUNO TOCCHI CAINO, CONTINUA IL VIAGGIO DELLA SPERANZA NEI LUOGHI DI PENA
IRAN - Informazioni su 5 condannati a morte per le proteste
MALI: 46 SOLDATI IVORIANI CONDANNATI A 20 ANNI; TRE CONDANNATI A MORTE IN CONTUMACIA
CONVIENE A TUTTI SE DAL CARCERE USCIAMO MIGLIORI DI PRIMA
CANCELLATA LA PENA CAPITALE, IL DONO DI NATALE DELLO ZAMBIA
IL MINISTRO DEGLI ESTERI TAJANI CHIEDE ALL’IRAN DI FERMARE ESECUZIONI E REPRESSIONE
IRAN – Italia Il primo ministro italiano, Meloni, afferma che la repressione dei manifestanti in Iran è "insopportabile"
IRAN - Il ministro degli Esteri iraniano il 29 dicembre ha convocato l’ambasciatore italiano
PAKISTAN: CONDANNATO A MORTE PER OMICIDIO A CHARSADDA
RD CONGO: TRIBUNALI MILITARI CONFERMANO NOVE CONDANNE A MORTE
IRAN - Uomo non identificato giustiziato il 28 dicembre a Karaj
IRAN - Mohsen e Hamidreza Nejati giustiziati a Gohardasht il 28 dicembre
IRAN – Italia. L'Italia esorta l'Iran a fermare le esecuzioni e ad aprire il dialogo con i manifestanti
IRAN - Davoud Yousefi e Ebrahim Ajali giustiziati a Karaj il 28 dicembre
GUYANA: PER LA CORTE D’APPELLO LA PENA DI MORTE NON E’ INCOSTITUZIONALE
IRAN - Davoud Rahmatali giustiziato a Shiraz il 28 dicembre
IRAN - Almeno 100 manifestanti rischiano l'esecuzione o la condanna a morte
GIORDANIA: CONDANNATO A MORTE PER UN OMICIDIO COMMESSO NEL 2005
VIETNAM: CONDANNATA A MORTE PER TRAFFICO DI EROINA
IRAN - Yousef Mirzavand giustiziato a Dezful il 26 dicembre
IRAN - La campionessa di scacchi iraniana Sara Khadem gareggia in un torneo internazionale senza hijab
IRAN - Hamed Ebrahimi giustiziato a Isfahan il 26 dicembre
IRAN - Annullata una delle 2 condanne a morte di Shakir Behrouz
LO ZAMBIA ABOLISCE LA PENA DI MORTE
CINA: EX SINDACO CONDANNATO A MORTE CON PENA SOSPESA
IRAN - Soha Etebari, 12 anni, è stata uccisa da agenti il 25 dicembre
IRAN - Confermata la condanna a morte del manifestante Mohammad Ghobadlou
IRAN - Religiosi chiedono la “linea dura”: più esecuzioni e amputazioni
IRAN - Elias Raisi e Ayoub Rigi giustiziati a Zahedan il 24 dicembre
IRAN - Nizamuddin Burhanzahi giustiziato a Iranshahr il 23 dicembre

1 2 3 4 5 [Succ >>]
2024
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
  2023
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2022
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2021
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2020
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
 
2019
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2018
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2017
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2016
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2015
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2014
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
 
2013
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2012
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2011
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2010
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2009
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2008
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
 
2007
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2006
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2005
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2004
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
 
Convegno a Spoleto
  IRAN - La moglie di Djalali sollecita più impegno dall’Europa  
  LA VETRINA E IL RETROBOTTEGA DEL NEGOZIO DELL’#ANTIMAFIA  
  ITALIA: DA ‘CULLA’ A ‘TOMBA’ DEL DIRITTO?  
  APPELLO AL GOVERNATORE DELLA CALIFORNIA PER JARVIS JAY MASTERS  
  MOZIONE GENERALE DEL 40ESIMO CONGRESSO STRAORDINARIO DEL PARTITO RADICALE NONVIOLENTO, TRANSNAZIONALE E TRANSPARTITO  
news
-
azioni urgenti
-
banca dati
-
campagne
-
chi siamo
-
area utenti
-
privacy e cookies
-
credits