Anno
Ultime notizie
Archivio notizie
Guida all'uso della Banca Dati
MOZIONE GENERALE DEL VI° CONGRESSO DI NTC
La pena di morte nel mondo (al 30 giugno 2016)
DISCORSO di Papa Francesco
SINTESI DEI FATTI PIÙ IMPORTANTI DEL 2015 (e dei primi sei mesi del 2016)
Analisi dati Rapporto 2015 e Obiettivi di NtC
Esecuzioni nel 2014
Esecuzioni nel 2015 (al 30 giugno)
Reportage Comore Sergio D'Elia
Reportage Niger Marco Perduca
Premio l'Abolizionista dell'Anno 2015
Messaggio di Sergio Mattarella al VI° Congresso di NtC
Relazione di Sergio D'Elia al VI° Congresso di NtC
Relazione di Elisabetta Zamparutti al VI° Congresso di NtC
Rapporto IL VOLTO SORRIDENTE DEI MULLAH
DOSSIER IRAN APRILE 2016
Dossier su Pena di Morte e Omosessualità
Reportage di Elisabetta Zamparutti
Protocollo di intesa tra NtC e CNF
Dichiarazione finale del seminario del Cairo 15/16 maggio 2017
Azioni in corso
Archivio azioni
Campagne in corso
Archivio campagne

RAPPORTO DEL SECONDO FORUM ANNUALE DELL'UE SULLA PENA DI MORTE IN ZAMBIA

RISOLUZIONE ONU 2012
RISOLUZIONE ONU 2010

DICHIARAZIONE DI LIBREVILLE

Organi Dirigenti
Dossier Iraq 2003

Le sedi
DICHIARAZIONE DI COTONOU 2014

I video
RISOLUZIONE ONU 2014

Adesioni Comuni, Province, Regioni

BILANCI DI NESSUNO TOCCHI CAINO

La campagna per la moratoria ONU delle esecuzioni capitali
DOSSIER GIAPPONE

DONA IL 5x1000 A NESSUNO TOCCHI CAINO
DOSSIER IRAN

FIRMATARI APPELLO ALLE NAZIONI UNITE

DEDUCIBILITA' FISCALE


Appello dei PREMI NOBEL
RISOLUZIONE ONU 2007
DOSSIER LIBIA
DOSSIER USA 2011
Abbiamo fatto
RISOLUZIONE ONU 2008
DOSSIER PENA DI MORTE 2008
VIDEO MISSIONE IN CIAD
Le pubblicazioni
RISOLUZIONE DELLA CONFERENZA DI KIGALI 2011

DOSSIER MORATORIA
DOSSIER COMMERCIO LETALE
DICHIARAZIONE FINALE DELLA CONFERENZA DI FREETOWN 2014
Gli obiettivi

L'AUTENTICA STORIA DEL 'TERRORISTA' SERGIO D'ELIA

Acquista il rapporto di Nessuno tocchi Caino

Contributi artistici

Contattaci
Organi Dirigenti
Newsletter
Iscriviti a NTC
Acquista le pubblicazioni
Forum utenti
Scarica l'appello per la moratoria

CONVIENE A TUTTI SE DAL CARCERE USCIAMO MIGLIORI DI PRIMA

30 dicembre 2022:

Massimo Zanchin* su Il Riformista del 30 dicembre 2022

Crediti e debiti, bene e male, vittime e prigionieri. È ora che finisca il tempo della bonaccia. È arrivato il tempo di capire che siamo sulla stessa barca, è arrivato il tempo di issare le vele perché, ne sono certo, è questo il tempo di un vento nuovo, il vento portatore di una vera e nuova giustizia. Deve finire il tempo dell’afflizione, della punizione come unico mezzo di deterrenza e giustizia. Deve finire il tempo dei luoghi comuni, dei pregiudizi, delle umiliazioni, delle pene e delle torture.
La fase esecutiva di una pena parte dal dispositivo di condanna. Sul mio dispositivo vi è questa frase: “si condanna il reo al fine pena MAI”. Il MAI scritto in stampatello maiuscolo, in grassetto. Ora: il giudice pretende un po’ troppo. Insomma, avesse scritto “fino all’ultimo respiro”, la condanna poteva essere attuabile, a meno che quel giudice sia convinto che esistano carceri anche nell’aldilà, e che nel giorno del mio trapasso possa sostituirsi a Dio sedendo sull’assise per giudicarmi di nuovo. A mio avviso, quel giudice nel dispositivo non avrebbe dovuto scrivere “si condanna alla pena”, quanto piuttosto “al miglioramento”.
Un crimine, anche se commesso per vendetta, viene comunque perseguito attraverso la legge. Se togli la vita a una persona, anche se per vendetta, rimane sempre un crimine. Allo stesso modo, se ti appropri della vita di una persona, anche se per vendetta, crimine resta. Quando un giudice condanna al fine pena MAI, trasforma una richiesta di giustizia da parte della comunità in un vero e proprio crimine di vendetta: persegue un crimine commettendo un altro crimine. La differenza è solo una. Lo Stato si sente legittimato in forza del 4bis, quindi il suo è un crimine non punibile (anche se lo stesso 4bis è stato dichiarato illegittimo dalla Corte Costituzionale).
Pensateci: in Iran è legittimo soffocare le proteste pacifiche con l’uso della forza più spietata e disumana, arrivando persino a uccidere i manifestanti. Ma, pur se legittimo, non vuol dire che sia giusto. Non sempre la legittimità può dare la licenza di commettere un crimine contro un essere umano. E quando un giudice dispone quella pena firma sì, con il suo nome, ma lo fa anche a nome vostro, a nome della comunità. Vestendosi con abiti da sadico assetato di vendetta, quel giudice crede di farsi interprete del desiderio della comunità di voler infliggere pene e torture al reo per tutti i giorni che vivrà come risarcimento per il torto subito. È questo il vero senso di giustizia che serve, che è utile al vostro bene? Ma da quando il vostro bene può essere figlio del male?
I prigionieri che hanno sbagliato, o ritenuti tali, sono vostri, sono esseri umani che vi appartengono, ed è un vostro diritto vi vengano restituiti migliori di prima. Lo Stato ve lo deve. È ora che finisca il tempo delle strumentalizzazioni per mantenere in vita l’utilitaristico allarme sociale. È ora di finirla di spacciare la propaganda della vendetta come unico mezzo per la lotta alla mafia. Il fenomeno del male non si può abolire, tantomeno si può convertire in bene con la tortura. Il male si esprime attraverso le persone, ed è trasformando e migliorando le persone che lo si può isolare e sconfiggere, sottraendogli i suoi strumenti. Date, piuttosto, ai prigionieri mezzi e occasioni di fiducia affinché diventino esseri umani migliori. L’attuale metodo è anacronistico. Non ci appartiene più. Questo è il tempo per sviluppare un pensiero nuovo, che mira a trasformare lo scarto in materia prima, le persone in esseri umani.
E ai parenti delle vittime cosa raccontiamo? Dove li mettiamo? Quale conforto si può dare alla sofferenza per l’ingiustizia subita? Io credo che il male, quando aggredisce e distrugge le nostre vite, non ha volto. E non sarà dalle pene altrui che avremo beneficio per noi. Una cosa è la giustizia, un’altra la vendetta. Comprendo e rispetto la sofferenza di chi ha subito un torto, e bisogna vestirsi di coraggiosa umiltà per poterlo sinceramente abbracciare. Si sa, non possiamo modificare il passato, ma scegliere come andare avanti sì, e una scelta giusta è giusta davvero solo quando è libera, e per essere libera è utile avere tutto il nutrimento informativo e formativo.
La vera forma del male è l’atto, non la persona che compie quell’atto. Ed è per questo che si deve migliorare per elevare l’animo del reo, perché un giorno possa riabbracciare la comunità che ha ferito, e la comunità sia pronta ad accogliere quell’abbraccio. Lo stato ha il dovere di mettere in atto questo approccio, ha il dovere di fornire gli strumenti che rendano possibile quell’abbraccio, interrompendo una propaganda dell’afflizione come unico mezzo di giustizia. Il terreno è fertile, ne sono certo. Questo è il momento di essere padri del nostro tempo, il momento giusto per gettare il seme del cambiamento, il momento per fondare una giustizia nuova.
* Ergastolano detenuto a Opera

Altre news:
CARCERE: NESSUNO TOCCHI CAINO, CONTINUA IL VIAGGIO DELLA SPERANZA NEI LUOGHI DI PENA
IRAN - Informazioni su 5 condannati a morte per le proteste
MALI: 46 SOLDATI IVORIANI CONDANNATI A 20 ANNI; TRE CONDANNATI A MORTE IN CONTUMACIA
CANCELLATA LA PENA CAPITALE, IL DONO DI NATALE DELLO ZAMBIA
PAKISTAN: CONDANNATO A MORTE PER OMICIDIO A CHARSADDA
IRAN - Mehdi Bahman condannato a morte dopo aver sollecitato la pace
IRAN – Italia Il primo ministro italiano, Meloni, afferma che la repressione dei manifestanti in Iran è "insopportabile"
IRAN - Il ministro degli Esteri iraniano il 29 dicembre ha convocato l’ambasciatore italiano
IL MINISTRO DEGLI ESTERI TAJANI CHIEDE ALL’IRAN DI FERMARE ESECUZIONI E REPRESSIONE
GUYANA: PER LA CORTE D’APPELLO LA PENA DI MORTE NON E’ INCOSTITUZIONALE
IRAN - Uomo non identificato giustiziato il 28 dicembre a Karaj
IRAN - Mohsen e Hamidreza Nejati giustiziati a Gohardasht il 28 dicembre
IRAN – Italia. L'Italia esorta l'Iran a fermare le esecuzioni e ad aprire il dialogo con i manifestanti
IRAN - Davoud Yousefi e Ebrahim Ajali giustiziati a Karaj il 28 dicembre
IRAN - Davoud Rahmatali giustiziato a Shiraz il 28 dicembre
RD CONGO: TRIBUNALI MILITARI CONFERMANO NOVE CONDANNE A MORTE
IRAN - Almeno 100 manifestanti rischiano l'esecuzione o la condanna a morte
VIETNAM: CONDANNATA A MORTE PER TRAFFICO DI EROINA
GIORDANIA: CONDANNATO A MORTE PER UN OMICIDIO COMMESSO NEL 2005
IRAN - Yousef Mirzavand giustiziato a Dezful il 26 dicembre
IRAN - La campionessa di scacchi iraniana Sara Khadem gareggia in un torneo internazionale senza hijab
IRAN - Hamed Ebrahimi giustiziato a Isfahan il 26 dicembre
IRAN - Annullata una delle 2 condanne a morte di Shakir Behrouz
LO ZAMBIA ABOLISCE LA PENA DI MORTE
CINA: EX SINDACO CONDANNATO A MORTE CON PENA SOSPESA
IRAN - Soha Etebari, 12 anni, è stata uccisa da agenti il 25 dicembre
IRAN - Confermata la condanna a morte del manifestante Mohammad Ghobadlou
IRAN - Religiosi chiedono la “linea dura”: più esecuzioni e amputazioni
IRAN - Elias Raisi e Ayoub Rigi giustiziati a Zahedan il 24 dicembre
IRAN - Nizamuddin Burhanzahi giustiziato a Iranshahr il 23 dicembre

1 2 3 4 5 [Succ >>]
2024
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
  2023
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2022
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2021
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2020
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
 
2019
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2018
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2017
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2016
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2015
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2014
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
 
2013
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2012
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2011
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2010
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2009
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2008
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
 
2007
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2006
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2005
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2004
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
 
Convegno a Spoleto
  IRAN - La moglie di Djalali sollecita più impegno dall’Europa  
  LA VETRINA E IL RETROBOTTEGA DEL NEGOZIO DELL’#ANTIMAFIA  
  ITALIA: DA ‘CULLA’ A ‘TOMBA’ DEL DIRITTO?  
  APPELLO AL GOVERNATORE DELLA CALIFORNIA PER JARVIS JAY MASTERS  
  MOZIONE GENERALE DEL 40ESIMO CONGRESSO STRAORDINARIO DEL PARTITO RADICALE NONVIOLENTO, TRANSNAZIONALE E TRANSPARTITO  
news
-
azioni urgenti
-
banca dati
-
campagne
-
chi siamo
-
area utenti
-
privacy e cookies
-
credits