Anno
Ultime notizie
Archivio notizie
Guida all'uso della Banca Dati
MOZIONE GENERALE DEL VI° CONGRESSO DI NTC
La pena di morte nel mondo (al 30 giugno 2016)
DISCORSO di Papa Francesco
SINTESI DEI FATTI PIÙ IMPORTANTI DEL 2015 (e dei primi sei mesi del 2016)
Analisi dati Rapporto 2015 e Obiettivi di NtC
Esecuzioni nel 2014
Esecuzioni nel 2015 (al 30 giugno)
Reportage Comore Sergio D'Elia
Reportage Niger Marco Perduca
Premio l'Abolizionista dell'Anno 2015
Messaggio di Sergio Mattarella al VI° Congresso di NtC
Relazione di Sergio D'Elia al VI° Congresso di NtC
Relazione di Elisabetta Zamparutti al VI° Congresso di NtC
Rapporto IL VOLTO SORRIDENTE DEI MULLAH
DOSSIER IRAN APRILE 2016
Dossier su Pena di Morte e Omosessualità
Reportage di Elisabetta Zamparutti
Protocollo di intesa tra NtC e CNF
Dichiarazione finale del seminario del Cairo 15/16 maggio 2017
Azioni in corso
Archivio azioni
Campagne in corso
Archivio campagne

RAPPORTO DEL SECONDO FORUM ANNUALE DELL'UE SULLA PENA DI MORTE IN ZAMBIA

RISOLUZIONE ONU 2012
RISOLUZIONE ONU 2010

DICHIARAZIONE DI LIBREVILLE

Organi Dirigenti
Dossier Iraq 2003

Le sedi
DICHIARAZIONE DI COTONOU 2014

I video
RISOLUZIONE ONU 2014

Adesioni Comuni, Province, Regioni

BILANCI DI NESSUNO TOCCHI CAINO

La campagna per la moratoria ONU delle esecuzioni capitali
DOSSIER GIAPPONE

DONA IL 5x1000 A NESSUNO TOCCHI CAINO
DOSSIER IRAN

FIRMATARI APPELLO ALLE NAZIONI UNITE

DEDUCIBILITA' FISCALE


Appello dei PREMI NOBEL
RISOLUZIONE ONU 2007
DOSSIER LIBIA
DOSSIER USA 2011
Abbiamo fatto
RISOLUZIONE ONU 2008
DOSSIER PENA DI MORTE 2008
VIDEO MISSIONE IN CIAD
Le pubblicazioni
RISOLUZIONE DELLA CONFERENZA DI KIGALI 2011

DOSSIER MORATORIA
DOSSIER COMMERCIO LETALE
DICHIARAZIONE FINALE DELLA CONFERENZA DI FREETOWN 2014
Gli obiettivi

L'AUTENTICA STORIA DEL 'TERRORISTA' SERGIO D'ELIA

Acquista il rapporto di Nessuno tocchi Caino

Contributi artistici

Contattaci
Organi Dirigenti
Newsletter
Iscriviti a NTC
Acquista le pubblicazioni
Forum utenti
Scarica l'appello per la moratoria

PER SALVARE GUANTANAMO I PM AMERICANI INVENTANO UN SOFISMA

23 luglio 2023:

Valerio Fioravanti su L’Unità del 23 luglio 2023

Gli statunitensi, in maniera molto simile a tutti i costruttori d’imperi, sono forti, sono ricchi, e a loro tanto basta per ritenere di poter fare quello che vogliono. Non ci stupiremo dell’arroganza di chi è molto ricco (davvero ce se ne può meravigliare?), piuttosto studieremo se le loro strategie funzionano.
Ventun anni dopo la sua apertura come “campo di detenzione”, oggi Guantanamo ospita “solo” 14 uomini che gli Stati Uniti definiscono “di alto interesse nazionale”. Cos’è “alto interesse nazionale” visto che da 21 anni e più sono in totale isolamento e quindi non custodiscono certo segreti pericolosi? Ostentazione di forza. Questi islamici sono stati presi per mostrarli, sconfitti, alla nazione, come i condottieri Romani che facevano sfilare i re nemici in catene nel loro “triumphus”, prima di farli sopprimere nella penombra di qualche carcere.
È controintuitivo, ma i prigionieri di Guantanamo sono stati fortunati. Nella roulette del destino, erano stati scelti per essere mostrati in televisione prima di venir giustiziati. Ma mentre si cercava di impostare i processi, con i droni gli americani hanno giustiziato in gran segreto altri 12.000 “terroristi”, uccisi da remoto, senza un processo, senza nessuna forma di legalità. E che fossero “nemici irriducibili” dobbiamo crederlo sulla parola, perché sono stati individuati utilizzando informatori segreti, delatori, algoritmi. Insomma applicando le eterne, sommarie, leggi della guerra.
I 14 rimasti a Cuba invece se la caveranno. Circa 15 tra giudici e pubblici ministeri militari assegnati ai processi di Guantanamo hanno dato le dimissioni, frustrati dall’impossibilità anche solo di fissare una prima udienza dibattimentale. Il prossimo ad andarsene, a settembre, sarà il colonnello Lanny J. Acosta. Ma prima di lasciare Guantanamo si è ripromesso di decidere sul tema cruciale di tutti questi anni di impasse: se e in che misura si possono usare le uniche prove contro gli imputati: le loro (parziali) confessioni estorte sotto tortura.
Non si tratta di un sussulto di garantismo. In guerra (o nella malavita) i prigionieri si torturano, e poi si fanno sparire. La Cia invece ha dovuto stilare verbali e rapporti, che per quanto al momento “secretati”, prima o poi da qualche parte compariranno. E allora questa cosa della tortura va in qualche modo sistemata. Dicevamo che non si tratta di garantismo: è evidente che se in un processo venissero prese per buone le informazioni ottenute “under duress”, si creerebbe un precedente che poi metterebbe in pericolo diplomatici e militari Usa all’estero, a rischio di essere rapiti e a loro volta torturati, e processati in base alle informazioni loro estorte.
Il colonnello Acosta ora è alle prese con il sofisma che sta utilizzando la pubblica accusa ormai a corto di argomenti: il ‘principio di attenuazione’. Si tratta di una regola in vigore nei processi normali, secondo la quale è plausibile che il primo interrogatorio di un arrestato contenga elementi di “intimidazione”, il che di per sé non inficia totalmente eventuali confessioni, ma perché esse possano essere correttamente utilizzate all’interno di un processo è necessario che al primo interrogatorio ne faccia seguito un secondo, in condizioni “più attenuate”, in cui il sospettato non sia più sotto effetto di eventuali psicofarmaci o droghe, e non sia più interrogato dagli agenti che magari lo avevano inseguito, atterrato, ammanettato, insomma in qualche modo “stressato”. Ma il “principio di attenuazione” a Guantanamo suona come un sofisma. Per mesi la base navale è stato un carcere segreto della Cia e qualche mese dopo è stata ristrutturata come un “normale luogo di detenzione”. Ma fino al 2007 risulta “per tabulas” che la Cia ha avuto a disposizione locali separati dove condurre i “propri” interrogatori. Oggi i pubblici ministeri parlano di interrogatori condotti da “squadre sporche” e da “squadre pulite” (capiamo facilmente a cosa ci si riferisce), e pretendono che almeno le informazioni ottenute dalle “squadre pulite” debbano essere ritenute valide. La difesa sostiene che gli imputati erano comunque talmente spaventati che venendo riportati nello stesso posto erano convinti che le torture potessero ricominciare in qualsiasi momento.
Nell’ultima udienza che si è tenuta sull’argomento il giudice Acosta si è mostrato poco convinto della logicità delle tesi dell’accusa secondo cui gli “interrogatori delle squadre pulite a Guantanamo dal 2007 hanno soddisfatto lo standard legale di un cambiamento di orario, cambiamento di luogo e cambiamento di identità dell’interrogante”. Acosta, pensando a voce alta, ha riepilogato tutto quello che gli imputati avevano subito in precedenza in quegli stessi locali prima che alle pareti venisse cambiato il colore della vernice, e scuoteva la testa.
A settembre Acosta emetterà sentenza. Non credo che riterrà valido il “principio di attenuazione” per come è stato applicato a Guantanamo. E davvero inizierà una nuova fase.

Altre news:
GAZA: DUE CONDANNE CAPITALI PER DROGA
MAROCCO: IL RE CONCEDE LA GRAZIA A 2.052 CONDANNATI
IRAN - Rahim Ghaljaei giustiziato a Birjand il 31 luglio
IRAN - Asadollah Amini (anche Asadullah Bahrami) giustiziato a Zabol il 31 luglio
IRAN - 3 uomini giustiziati a Zahedan il 31 luglio
IRAN - Shahsavar Shahriari giustiziato a Zahedan il 30 luglio
NELLE CARCERI DEL CONGO SI MUORE ANCHE DI FAME
MISURE DI PREVENZIONE: L’ITALIA FINISCE DAVANTI ALLA CEDU
IRAN - Mohammad Arbab giustiziato a Babol il 30 luglio
IRAN - Hamid Asgarinia giustiziato a Qom il 30 luglio
IRAN - Bidollah Gorgij giustiziato a Zahedan il 30 luglio
MONZA: VISITA AL CARCERE E CONFERENZA ‘CARCERE, PUNIZIONE O RIABILITAZIONE?’
SINGAPORE: GIUSTIZIATA UNA DONNA PER LA PRIMA VOLTA IN 19 ANNI
KUWAIT: CINQUE GIUSTIZIATI, INCLUSO ATTENTATORE DELLA MOSCHEA NEL 2015
IRAN - L’avvocato Mohammad Seifzadeh condannato per lettera alle Nazioni Unite
BANGLADESH: QUATTRO CONDANNATI A MORTE PER ‘CRIMINI DI GUERRA’
IRAN - Uomo non identificato giustiziato a Bandar Abbas in data incerta
GHANA: IL PARLAMENTO ABOLISCE LA PENA DI MORTE
SINGAPORE: IMPICCATO UN UOMO PER DROGA, TRA DUE GIORNI TOCCHERÀ A UNA DONNA
IRAN - Masoud Shahbakhsh giustiziato a Zahedan il 26 luglio
IRAN - Annullata la condanna a morte di Mohammad Ghobadlou
TRENTINO ALTO ADIGE E VENETO 2023, IL VIAGGIO DELLA SPERANZA: ‘VISITARE I CARCERATI’
ARABIA SAUDITA: DUE SAUDITI GIUSTIZIATI PER GLI OMICIDI DEI FAMILIARI
TRINIDAD E TOBAGO: UOMO CONDANNATO ALL’IMPICCAGIONE PER OMICIDIO DEL 2011
ROVIGO: ‘UNA GIUSTIZIA CHE RIPARA E NON SEPARA’
KENYA: IL PRESIDENTE WILLIAM RUTO COMMUTA IN ERGASTOLO LE CONDANNE A MORTE
POVERTA’ ED EMARGINAZIONE AUTOSTRADE PER IL CARCERE
TRENTINO ALTO ADIGE E VENETO 2023, IL VIAGGIO DELLA SPERANZA: ‘VISITARE I CARCERATI’
USA - Joe Biden sta infrangendo la sua promessa di porre fine alla pena di morte federale
IRAN - Uomo non identificato giustiziato a Qom in data incerta

1 2 3 4 [Succ >>]
2024
gennaio
febbraio
  2023
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2022
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2021
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2020
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
 
2019
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2018
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2017
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2016
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2015
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2014
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
 
2013
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2012
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2011
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2010
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2009
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2008
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
 
2007
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2006
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2005
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2004
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
 
Convegno a Spoleto
  IRAN - La moglie di Djalali sollecita più impegno dall’Europa  
  LA VETRINA E IL RETROBOTTEGA DEL NEGOZIO DELL’#ANTIMAFIA  
  ITALIA: DA ‘CULLA’ A ‘TOMBA’ DEL DIRITTO?  
  APPELLO AL GOVERNATORE DELLA CALIFORNIA PER JARVIS JAY MASTERS  
  MOZIONE GENERALE DEL 40ESIMO CONGRESSO STRAORDINARIO DEL PARTITO RADICALE NONVIOLENTO, TRANSNAZIONALE E TRANSPARTITO  
news
-
azioni urgenti
-
banca dati
-
campagne
-
chi siamo
-
area utenti
-
privacy e cookies
-
credits