Anno
Ultime notizie
Archivio notizie
Guida all'uso della Banca Dati
MOZIONE GENERALE DEL VI° CONGRESSO DI NTC
La pena di morte nel mondo (al 30 giugno 2016)
DISCORSO di Papa Francesco
SINTESI DEI FATTI PIÙ IMPORTANTI DEL 2015 (e dei primi sei mesi del 2016)
Analisi dati Rapporto 2015 e Obiettivi di NtC
Esecuzioni nel 2014
Esecuzioni nel 2015 (al 30 giugno)
Reportage Comore Sergio D'Elia
Reportage Niger Marco Perduca
Premio l'Abolizionista dell'Anno 2015
Messaggio di Sergio Mattarella al VI° Congresso di NtC
Relazione di Sergio D'Elia al VI° Congresso di NtC
Relazione di Elisabetta Zamparutti al VI° Congresso di NtC
Rapporto IL VOLTO SORRIDENTE DEI MULLAH
DOSSIER IRAN APRILE 2016
Dossier su Pena di Morte e Omosessualità
Reportage di Elisabetta Zamparutti
Protocollo di intesa tra NtC e CNF
Dichiarazione finale del seminario del Cairo 15/16 maggio 2017
Azioni in corso
Archivio azioni
Campagne in corso
Archivio campagne

RAPPORTO DEL SECONDO FORUM ANNUALE DELL'UE SULLA PENA DI MORTE IN ZAMBIA

RISOLUZIONE ONU 2012
RISOLUZIONE ONU 2010

DICHIARAZIONE DI LIBREVILLE

Organi Dirigenti
Dossier Iraq 2003

Le sedi
DICHIARAZIONE DI COTONOU 2014

I video
RISOLUZIONE ONU 2014

Adesioni Comuni, Province, Regioni

BILANCI DI NESSUNO TOCCHI CAINO

La campagna per la moratoria ONU delle esecuzioni capitali
DOSSIER GIAPPONE

DONA IL 5x1000 A NESSUNO TOCCHI CAINO
DOSSIER IRAN

FIRMATARI APPELLO ALLE NAZIONI UNITE

DEDUCIBILITA' FISCALE


Appello dei PREMI NOBEL
RISOLUZIONE ONU 2007
DOSSIER LIBIA
DOSSIER USA 2011
Abbiamo fatto
RISOLUZIONE ONU 2008
DOSSIER PENA DI MORTE 2008
VIDEO MISSIONE IN CIAD
Le pubblicazioni
RISOLUZIONE DELLA CONFERENZA DI KIGALI 2011

DOSSIER MORATORIA
DOSSIER COMMERCIO LETALE
DICHIARAZIONE FINALE DELLA CONFERENZA DI FREETOWN 2014
Gli obiettivi

L'AUTENTICA STORIA DEL 'TERRORISTA' SERGIO D'ELIA

Acquista il rapporto di Nessuno tocchi Caino

Contributi artistici

Contattaci
Organi Dirigenti
Newsletter
Iscriviti a NTC
Acquista le pubblicazioni
Forum utenti
Scarica l'appello per la moratoria

USA - Joe Biden
USA - Joe Biden
USA - Joe Biden sta infrangendo la sua promessa di porre fine alla pena di morte federale

22 luglio 2023:

(22/07/2023) - Joe Biden sta infrangendo la sua promessa di porre fine alla pena di morte federale ---- Il presidente ha fatto campagna elettorale sostenendo che avrebbe fermato le esecuzioni, ma il Dipartimento di Giustizia continua a perseguirle in tribunale.
All'inizio, tra gli attivisti della giustizia penale c'erano grandi speranze che Joe Biden, uno dei principali artefici dell'incarcerazione di massa, stesse voltando pagina. Quella speranza non sarebbe durata a lungo, però.
Durante le elezioni del 2020, Biden ha rinunciato al suo passato sostegno alle esecuzioni, affermando che la montagna di prove sulle condanne errate, spesso contaminate dal razzismo, lo aveva convinto che "non possiamo garantire che ogni singola condanna a morte sia giusta, ogni volta".
Una volta eletto, è diventato il primo presidente degli Stati Uniti ad opporsi apertamente alla pena di morte, e l'anno dopo la sua elezione, il Dipartimento di Giustizia ha sospeso le esecuzioni federali, che erano riprese massicciamente sotto Donald Trump.
Il procuratore generale Merrick Garland ha detto che all'epoca il Dipartimento di Giustizia (in Italia sarebbe il Ministero della Giustizia) avrebbe riesaminato le sue linee guida sulla pena di morte, rilevando le sue preoccupazioni per "l'arbitrarietà nella sua applicazione, l'impatto disparato sulle persone di colore e il numero preoccupante di persone che si sono rivelate innocenti dopo una condanna a morte (gli “esonerati”), e altri casi gravi. "
Era un sogno per i liberali: dopo decenni di slogan “duri contro il crimine”, a Washington si insediavano un presidente e la sua vice, che entrambi condividevano apertamente le loro preoccupazioni sul fatto che la pena di morte fosse arbitraria, imprecisa e spesso altamente razzista.
Poi il sogno è finito. Sembra che queste preoccupazioni non siano state sufficienti a convincerli a fare qualcosa di duraturo per cambiare lo status quo. E nel giro di pochi giorni, potremmo vedere la prima condanna a morte ordinata sotto l'amministrazione Biden, amministrazione contraria, in teoria, alle esecuzioni.
La scorsa settimana, una giuria popolare ha stabilito che la richiesta di pena di morte contro un suprematista bianco che ha ucciso 11 persone nella sinagoga Tree of Life di Pittsburgh nel 2018 è ammissibile. Se dopo questa decisione preliminare, la giuria deciderà che Robert Bowers debba affrontare l'esecuzione, sarà la prima persona a ricevere una nuova condanna a morte federale durante l'amministrazione Biden.
Questa storia è l’emblema del comportamento di Biden: contrario alla pena di morte come “principio”, ma poi consentendone l’utilizzo nella pratica.
Da un lato, dopo essersi insediato, il Dipartimento di Giustizia ha revocato l'autorizzazione per le condanne a morte in 24 dei 29 casi iniziati sotto le passate amministrazioni.
Dall'altro, il Dipartimento di Giustizia ha ancora chiesto o difeso condanne a morte nei casi relativi agli uomini responsabili della sparatoria alla sinagoga Tree of Life, del massacro della chiesa di Charleston, e dell'attentato alla maratona di Boston, anche se le famiglie delle vittime in tutti questi casi sono divise sul fatto che il governo debba giustiziare questi assassini.
Joe Biden non è altro che un operatore esperto con una profonda comprensione della longevità a Washington. La sua carriera a Washington è stata lunga, e regolare, sempre in leggera ascesa, ed è ora il presidente più anziano nella storia degli Stati Uniti. Sembra che qui stia giocando ana partita d'attesa.
Potrebbe essere il primo presidente a opporsi esplicitamente alle esecuzioni e, a causa dei tempi lunghi dei processi federali, potrebbe avere la fortuna di non dover ordinare una esecuzione, nemmeno se venisse rieletto per unsecondo mandato.
Ma questa non è certo una vittoria significativa. Anche se i farmaci per l'iniezione letale saranno iniettati in futuro da un altro presidente, saranno stati comunque l'amministrazione Biden e i suoi pubblici ministeri a riempire la siringa (occorre ricordare che nei processi federali la Pubblica Accusa risponde per via gerarchica diretta al Ministro della Giustizia, dal quale riceve direttive, anche sui singoli casi, non solo “in generale”, e il ministro della giustizia ovviamente risponde in via altrettanto diretta al Presidente, ndt).
Come ha recentemente dichiarato a The Independent Robert Dunham del Death Penalty Information Center, "Le esecuzioni di Biden avranno luogo sotto le future amministrazioni, ma non fatevi ingannare, saranno esecuzioni di Biden".
La Casa Bianca ha cercato di far quadrare il cerchio affermando di essere contraria alla pena di morte, ma di rispettare l'indipendenza dei pubblici ministeri nelle singole decisioni di imputazione. Questo è essere un po' timido.
Anche i presidenti che rispettano l'indipendenza dei pubblici ministeri prendono decisioni su quali funzionari nominare, a chi chiedere di dimettersi e su come impostare il tono generale. I presidenti parlano da un pulpito molto potente. I presidenti possono spendere il capitale politico in pubblico e tirare le leve del governo in privato.
In altre parole, se Joe Biden fosse davvero impegnato al 100% per porre fine alle esecuzioni federali, in ogni caso potrebbe fare di più.
In effetti, ha il potere di cancellare una generazione di esecuzioni federali con un tratto di penna.
Come presidente, ha il potere di commutare le condanne delle 43 persone attualmente nel braccio della morte federale. E il governo federale potrebbe usare la sua notevole influenza sulla politica statale e sui finanziamenti per fare pressione sugli stati affinché anche loro abbandonino le esecuzioni.
Qualunque sia la ragione, che sia per sopravvivenza politica o per ambivalenza personale, Joe Biden non è ancora disposto a farlo. Forse non è cambiato poi così tanto, dopo tutto. (Auest’ultima frase fa riferimento a quando, ancora giovane senatore, Biden si fece promotore di leggi particolarmente dure contro il crimine, causando quel fenomeno che da allora viene definito “l’incarcerazione di massa negli Stati Uniti, ndt).

https://www.independent.co.uk/voices/joe-biden-death-penalty-campaign-b2379836.html

(Fonte: The Independent, 22/07/2023)

Altre news:
IRAN - 3 uomini giustiziati a Zahedan il 31 luglio
IRAN - Rahim Ghaljaei giustiziato a Birjand il 31 luglio
MAROCCO: IL RE CONCEDE LA GRAZIA A 2.052 CONDANNATI
GAZA: DUE CONDANNE CAPITALI PER DROGA
IRAN - Asadollah Amini (anche Asadullah Bahrami) giustiziato a Zabol il 31 luglio
NELLE CARCERI DEL CONGO SI MUORE ANCHE DI FAME
IRAN - Mohammad Arbab giustiziato a Babol il 30 luglio
IRAN - Hamid Asgarinia giustiziato a Qom il 30 luglio
MONZA: VISITA AL CARCERE E CONFERENZA ‘CARCERE, PUNIZIONE O RIABILITAZIONE?’
IRAN - Bidollah Gorgij giustiziato a Zahedan il 30 luglio
IRAN - Shahsavar Shahriari giustiziato a Zahedan il 30 luglio
MISURE DI PREVENZIONE: L’ITALIA FINISCE DAVANTI ALLA CEDU
SINGAPORE: GIUSTIZIATA UNA DONNA PER LA PRIMA VOLTA IN 19 ANNI
IRAN - Uomo non identificato giustiziato a Bandar Abbas in data incerta
KUWAIT: CINQUE GIUSTIZIATI, INCLUSO ATTENTATORE DELLA MOSCHEA NEL 2015
IRAN - L’avvocato Mohammad Seifzadeh condannato per lettera alle Nazioni Unite
BANGLADESH: QUATTRO CONDANNATI A MORTE PER ‘CRIMINI DI GUERRA’
IRAN - Masoud Shahbakhsh giustiziato a Zahedan il 26 luglio
TRENTINO ALTO ADIGE E VENETO 2023, IL VIAGGIO DELLA SPERANZA: ‘VISITARE I CARCERATI’
GHANA: IL PARLAMENTO ABOLISCE LA PENA DI MORTE
SINGAPORE: IMPICCATO UN UOMO PER DROGA, TRA DUE GIORNI TOCCHERÀ A UNA DONNA
IRAN - Annullata la condanna a morte di Mohammad Ghobadlou
ARABIA SAUDITA: DUE SAUDITI GIUSTIZIATI PER GLI OMICIDI DEI FAMILIARI
TRINIDAD E TOBAGO: UOMO CONDANNATO ALL’IMPICCAGIONE PER OMICIDIO DEL 2011
ROVIGO: ‘UNA GIUSTIZIA CHE RIPARA E NON SEPARA’
KENYA: IL PRESIDENTE WILLIAM RUTO COMMUTA IN ERGASTOLO LE CONDANNE A MORTE
POVERTA’ ED EMARGINAZIONE AUTOSTRADE PER IL CARCERE
PER SALVARE GUANTANAMO I PM AMERICANI INVENTANO UN SOFISMA
TRENTINO ALTO ADIGE E VENETO 2023, IL VIAGGIO DELLA SPERANZA: ‘VISITARE I CARCERATI’
IRAN - Uomo non identificato giustiziato a Qom in data incerta

1 2 3 4 [Succ >>]
2024
gennaio
febbraio
  2023
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2022
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2021
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2020
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
 
2019
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2018
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2017
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2016
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2015
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2014
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
 
2013
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2012
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2011
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2010
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2009
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2008
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
 
2007
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2006
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2005
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2004
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
 
Convegno a Spoleto
  IRAN - La moglie di Djalali sollecita più impegno dall’Europa  
  LA VETRINA E IL RETROBOTTEGA DEL NEGOZIO DELL’#ANTIMAFIA  
  ITALIA: DA ‘CULLA’ A ‘TOMBA’ DEL DIRITTO?  
  APPELLO AL GOVERNATORE DELLA CALIFORNIA PER JARVIS JAY MASTERS  
  MOZIONE GENERALE DEL 40ESIMO CONGRESSO STRAORDINARIO DEL PARTITO RADICALE NONVIOLENTO, TRANSNAZIONALE E TRANSPARTITO  
news
-
azioni urgenti
-
banca dati
-
campagne
-
chi siamo
-
area utenti
-
privacy e cookies
-
credits