Anno
Ultime notizie
Archivio notizie
Guida all'uso della Banca Dati
MOZIONE GENERALE DEL VI° CONGRESSO DI NTC
La pena di morte nel mondo (al 30 giugno 2016)
DISCORSO di Papa Francesco
SINTESI DEI FATTI PIÙ IMPORTANTI DEL 2015 (e dei primi sei mesi del 2016)
Analisi dati Rapporto 2015 e Obiettivi di NtC
Esecuzioni nel 2014
Esecuzioni nel 2015 (al 30 giugno)
Reportage Comore Sergio D'Elia
Reportage Niger Marco Perduca
Premio l'Abolizionista dell'Anno 2015
Messaggio di Sergio Mattarella al VI° Congresso di NtC
Relazione di Sergio D'Elia al VI° Congresso di NtC
Relazione di Elisabetta Zamparutti al VI° Congresso di NtC
Rapporto IL VOLTO SORRIDENTE DEI MULLAH
DOSSIER IRAN APRILE 2016
Dossier su Pena di Morte e Omosessualità
Reportage di Elisabetta Zamparutti
Protocollo di intesa tra NtC e CNF
Dichiarazione finale del seminario del Cairo 15/16 maggio 2017
Azioni in corso
Archivio azioni
Campagne in corso
Archivio campagne

RAPPORTO DEL SECONDO FORUM ANNUALE DELL'UE SULLA PENA DI MORTE IN ZAMBIA

RISOLUZIONE ONU 2012
RISOLUZIONE ONU 2010

DICHIARAZIONE DI LIBREVILLE

Organi Dirigenti
Dossier Iraq 2003

Le sedi
DICHIARAZIONE DI COTONOU 2014

I video
RISOLUZIONE ONU 2014

Adesioni Comuni, Province, Regioni

BILANCI DI NESSUNO TOCCHI CAINO

La campagna per la moratoria ONU delle esecuzioni capitali
DOSSIER GIAPPONE

DONA IL 5x1000 A NESSUNO TOCCHI CAINO
DOSSIER IRAN

FIRMATARI APPELLO ALLE NAZIONI UNITE

DEDUCIBILITA' FISCALE


Appello dei PREMI NOBEL
RISOLUZIONE ONU 2007
DOSSIER LIBIA
DOSSIER USA 2011
Abbiamo fatto
RISOLUZIONE ONU 2008
DOSSIER PENA DI MORTE 2008
VIDEO MISSIONE IN CIAD
Le pubblicazioni
RISOLUZIONE DELLA CONFERENZA DI KIGALI 2011

DOSSIER MORATORIA
DOSSIER COMMERCIO LETALE
DICHIARAZIONE FINALE DELLA CONFERENZA DI FREETOWN 2014
Gli obiettivi

L'AUTENTICA STORIA DEL 'TERRORISTA' SERGIO D'ELIA

Acquista il rapporto di Nessuno tocchi Caino

Contributi artistici

Contattaci
Organi Dirigenti
Newsletter
Iscriviti a NTC
Acquista le pubblicazioni
Forum utenti
Scarica l'appello per la moratoria

IRAN - Mohammad Seifzadeh
IRAN - Mohammad Seifzadeh
IRAN - L’avvocato Mohammad Seifzadeh condannato per lettera alle Nazioni Unite

27 luglio 2023:

(27 luglio 2023) - L’avvocato Mohammad Seifzadeh, uno dei fondatori del Centro per la Difesa dei Diritti Umani in Iran, è stato condannato a un anno di reclusione per aver sottoscritto una lettera ad António Guterres, il segretario generale delle Nazioni Unite.
Le autorità giudiziarie e di sicurezza hanno avviato la repressione extragiudiziale degli avvocati che si occupavano di casi di manifestanti durante la rivolta nazionale "Donna, vita, libertà", con dozzine di avvocati arrestati in tutto l'Iran.
Mohammad Sefizadeh, 75 anni, da decenni impegnato nella difesa di dissidenti, sia sotto il governo dello Scià, sia sotto il governo islamico, considera illegittima la sua recente condanna. Ha detto a Iran Human Rights: “Poiché le accuse contro di me sono politiche, secondo l'articolo 168 della Costituzione, ci sarebbe dovuto essere un processo pubblico imparziale con una giuria di persone reali davanti a una magistratura indipendente e alla presenza di un tribunale con giudici indipendenti e imparziali." Dice che nessuno di questi requisiti è stato rispettato nel suo caso.
Nel dicembre 2022, in seguito all'esecuzione del manifestante Mohsen Shekari l'8 dicembre, 45 attivisti iraniani tra cui l'avvocato, hanno firmato una lettera al Segretario Generale delle Nazioni Unite chiedendo una forte reazione per fermare la macchina delle esecuzioni e la repressione del movimento noto in Occidente come "Donna, Vita, Libertà”. Il 14 maggio è stato condannato a un anno di reclusione per l'accusa di “propaganda contro il sistema” e “pubblicazione di falsità per disturbare la mente pubblica” dalla sezione 29 del Tribunale Rivoluzionario di Teheran presieduto dal giudice Ali Mazloum. La sua sentenza è stata confermata dalla sezione 36 della Corte d'appello di Teheran il 25 giugno. Seifzadeh ha rifiutato di partecipare a entrambi i processi.
“In quella lettera, abbiamo informato il Segretario Generale delle Nazioni Unite degli eventi che hanno avuto luogo dopo l'omicidio di Mahsa Amini. Nell'accusa emessa contro di me, questa lettera è stata utilizzata come prova delle accuse. Tuttavia, sulla base degli articoli 32, 34, 36, 37, 61 e 159 della Costituzione e dato che i tribunali rivoluzionari sono illegali, mi sono rifiutato di assistere ai processi", afferma Seifzadeh.
E continua: “Nella Costituzione sono menzionati i tribunali o le autorità giudiziarie, e ciò che si intende per autorità giudiziarie sono i tribunali generali di giustizia. E poiché i tribunali rivoluzionari sono illegali, non ho fatto appello né sono comparso nei tribunali preliminari o d'appello. Non ho nemmeno inviato una difesa scritta, o un avvocato difensore".
L'articolo 500 del codice penale islamico criminalizza la "propaganda contro il sistema" e, secondo l'articolo 698, chiunque diffonda notizie false con l'intenzione di arrecare danno ad altri o alle autorità o turbare l'opinione pubblica, è colpevole di "pubblicazione di menzogne".
Negando le accuse mossegli, Mohammad Seifzadeh afferma: “L'articolo 500 del codice penale islamico è contrario alle previsioni della Dichiarazione universale dei diritti dell'uomo, è contrario al diritto alla libertà di espressione e contraddice persino le leggi islamiche. Inoltre, questo articolo contraddice gli articoli 4 e 24 della Costituzione iraniana. Per quanto riguarda l'accusa di "pubblicazione di bugie", va notato che non abbiamo pubblicato la lettera, è stata pubblicata dall'estero. D'altra parte, non ci sono bugie nel contenuto di quella lettera, e riferiamo solo fatti accaduti in Iran. La nostra lettera non aveva nemmeno lo scopo di disturbare le menti pubbliche perché non era né nostra intenzione, né è realmente accaduto. Alla fine, la mente del pubblico non è stata affatto disturbata.
Il tribunale rivoluzionario ha emesso la sentenza senza prove che dimostrino le accuse, secondo Mohammad.
Secondo una notifica elettronica inviata dalle Corti d'appello di Teheran e firmata da Mohammadreza Borji, capo dell'ufficio della Corte, Mohammad Seifzadeh deve presentarsi personalmente in tribunale per firmare una lettera di impegno (esprimere rimorso e giurare di non ripetere crimini intenzionali simili) e chiedere il perdono del Leader Supremo, "o saranno prese le decisioni necessarie".
“Mercoledì 26 luglio sono andato dall'autorità giudiziaria che mi aveva convocato e mi hanno chiesto di firmare una lettera di pentimento che ho rifiutato e ho detto loro che avevamo chiesto giustizia presentando una denuncia e secondo l'articolo 34 della Costituzione iraniana e il diritto internazionale, coloro che sono stati oggetto di oppressione possono sporgere denuncia presso le istituzioni internazionali e chiedere giustizia è un diritto umano. D'altra parte, la dignità dei difensori dei diritti umani è la dignità di un giudice imparziale. Non abbiamo inimicizia con nessuno, ma siamo obbligati a seguire i casi di violazione dei diritti umani", ha detto a Iran Human Rights.
Mohammad Seifzade è stato incarcerato 13 volte durante i suoi anni di attivismo per i diritti umani, cinque delle quali durante il regno di Pahlavi e otto volte sotto la Repubblica islamica. Di conseguenza ha contratto e sofferto di molte malattie a causa delle condizioni disumane delle carceri.
Dice: “Durante la mia ultima detenzione ho subito sette attacchi di cuore, al punto che ho smesso di respirare e non riuscivo più a sentire le braccia e le gambe. Le autorità carcerarie mi hanno mandato all'Organizzazione Medica Forense e nonostante i medici confermassero che avrei potuto morire se tenuto in prigione, mi hanno fatto scontare l'intera pena”.
Seifzadeh è stato condannato a nove anni di reclusione e dieci anni di divieto di esercitare la professione forense per l'accusa di "agire contro la sicurezza nazionale" istituendo il Centre for Human Rights Defenders nell'ottobre 2010. Due anni dopo, è stato condannato ad altri sei anni dal famigerato giudice Salavati, anche noto come “giudice della morte”, con l'accusa di “assembramento e collusione contro la sicurezza nazionale” per aver firmato dall'interno del carcere una dichiarazione di gruppo in difesa dei diritti del popolo iraniano.
Mentre era dietro le sbarre, ha affrontato maggiori pressioni e vendette essendo stato esiliato nella prigione di Rajai Shahr (Gohardasht) e tenuto con detenuti per reati ordinari in violazione del principio di separazione dei reati.
“Non mi davano le scarpe per andare in cortile, il che mi ha provocato danni alla caviglia. Ancora oggi, inciampo e cado mentre cammino".
Seifzadeh pensa di consegnare, nei prossimi giorni, la certificazione di inidoneità al regime carcerario che era stata stilata dai medici del tribunale durante la sua ultima detenzione, e con quella ottenere una rimodulazione della sentenza.

https://iranhr.net/en/articles/6079/

(Fonte: IHR)

Altre news:
IRAN - 3 uomini giustiziati a Zahedan il 31 luglio
IRAN - Rahim Ghaljaei giustiziato a Birjand il 31 luglio
GAZA: DUE CONDANNE CAPITALI PER DROGA
MAROCCO: IL RE CONCEDE LA GRAZIA A 2.052 CONDANNATI
IRAN - Asadollah Amini (anche Asadullah Bahrami) giustiziato a Zabol il 31 luglio
IRAN - Shahsavar Shahriari giustiziato a Zahedan il 30 luglio
IRAN - Mohammad Arbab giustiziato a Babol il 30 luglio
IRAN - Hamid Asgarinia giustiziato a Qom il 30 luglio
IRAN - Bidollah Gorgij giustiziato a Zahedan il 30 luglio
MONZA: VISITA AL CARCERE E CONFERENZA ‘CARCERE, PUNIZIONE O RIABILITAZIONE?’
NELLE CARCERI DEL CONGO SI MUORE ANCHE DI FAME
MISURE DI PREVENZIONE: L’ITALIA FINISCE DAVANTI ALLA CEDU
SINGAPORE: GIUSTIZIATA UNA DONNA PER LA PRIMA VOLTA IN 19 ANNI
IRAN - Uomo non identificato giustiziato a Bandar Abbas in data incerta
KUWAIT: CINQUE GIUSTIZIATI, INCLUSO ATTENTATORE DELLA MOSCHEA NEL 2015
BANGLADESH: QUATTRO CONDANNATI A MORTE PER ‘CRIMINI DI GUERRA’
IRAN - Masoud Shahbakhsh giustiziato a Zahedan il 26 luglio
GHANA: IL PARLAMENTO ABOLISCE LA PENA DI MORTE
SINGAPORE: IMPICCATO UN UOMO PER DROGA, TRA DUE GIORNI TOCCHERÀ A UNA DONNA
IRAN - Annullata la condanna a morte di Mohammad Ghobadlou
TRENTINO ALTO ADIGE E VENETO 2023, IL VIAGGIO DELLA SPERANZA: ‘VISITARE I CARCERATI’
ARABIA SAUDITA: DUE SAUDITI GIUSTIZIATI PER GLI OMICIDI DEI FAMILIARI
TRINIDAD E TOBAGO: UOMO CONDANNATO ALL’IMPICCAGIONE PER OMICIDIO DEL 2011
ROVIGO: ‘UNA GIUSTIZIA CHE RIPARA E NON SEPARA’
KENYA: IL PRESIDENTE WILLIAM RUTO COMMUTA IN ERGASTOLO LE CONDANNE A MORTE
TRENTINO ALTO ADIGE E VENETO 2023, IL VIAGGIO DELLA SPERANZA: ‘VISITARE I CARCERATI’
POVERTA’ ED EMARGINAZIONE AUTOSTRADE PER IL CARCERE
PER SALVARE GUANTANAMO I PM AMERICANI INVENTANO UN SOFISMA
IRAN - Uomo non identificato giustiziato a Qom in data incerta
USA - Joe Biden sta infrangendo la sua promessa di porre fine alla pena di morte federale

1 2 3 4 [Succ >>]
2024
gennaio
febbraio
  2023
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2022
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2021
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2020
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
 
2019
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2018
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2017
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2016
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2015
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2014
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
 
2013
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2012
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2011
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2010
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2009
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2008
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
 
2007
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2006
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2005
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2004
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
 
Convegno a Spoleto
  IRAN - La moglie di Djalali sollecita più impegno dall’Europa  
  LA VETRINA E IL RETROBOTTEGA DEL NEGOZIO DELL’#ANTIMAFIA  
  ITALIA: DA ‘CULLA’ A ‘TOMBA’ DEL DIRITTO?  
  APPELLO AL GOVERNATORE DELLA CALIFORNIA PER JARVIS JAY MASTERS  
  MOZIONE GENERALE DEL 40ESIMO CONGRESSO STRAORDINARIO DEL PARTITO RADICALE NONVIOLENTO, TRANSNAZIONALE E TRANSPARTITO  
news
-
azioni urgenti
-
banca dati
-
campagne
-
chi siamo
-
area utenti
-
privacy e cookies
-
credits