Anno
Ultime notizie
Archivio notizie
Guida all'uso della Banca Dati
MOZIONE GENERALE DEL VI° CONGRESSO DI NTC
La pena di morte nel mondo (al 30 giugno 2016)
DISCORSO di Papa Francesco
SINTESI DEI FATTI PIÙ IMPORTANTI DEL 2015 (e dei primi sei mesi del 2016)
Analisi dati Rapporto 2015 e Obiettivi di NtC
Esecuzioni nel 2014
Esecuzioni nel 2015 (al 30 giugno)
Reportage Comore Sergio D'Elia
Reportage Niger Marco Perduca
Premio l'Abolizionista dell'Anno 2015
Messaggio di Sergio Mattarella al VI° Congresso di NtC
Relazione di Sergio D'Elia al VI° Congresso di NtC
Relazione di Elisabetta Zamparutti al VI° Congresso di NtC
Rapporto IL VOLTO SORRIDENTE DEI MULLAH
DOSSIER IRAN APRILE 2016
Dossier su Pena di Morte e Omosessualità
Reportage di Elisabetta Zamparutti
Protocollo di intesa tra NtC e CNF
Dichiarazione finale del seminario del Cairo 15/16 maggio 2017
Azioni in corso
Archivio azioni
Campagne in corso
Archivio campagne

RAPPORTO DEL SECONDO FORUM ANNUALE DELL'UE SULLA PENA DI MORTE IN ZAMBIA

RISOLUZIONE ONU 2012
RISOLUZIONE ONU 2010

DICHIARAZIONE DI LIBREVILLE

Organi Dirigenti
Dossier Iraq 2003

Le sedi
DICHIARAZIONE DI COTONOU 2014

I video
RISOLUZIONE ONU 2014

Adesioni Comuni, Province, Regioni

BILANCI DI NESSUNO TOCCHI CAINO

La campagna per la moratoria ONU delle esecuzioni capitali
DOSSIER GIAPPONE

DONA IL 5x1000 A NESSUNO TOCCHI CAINO
DOSSIER IRAN

FIRMATARI APPELLO ALLE NAZIONI UNITE

DEDUCIBILITA' FISCALE


Appello dei PREMI NOBEL
RISOLUZIONE ONU 2007
DOSSIER LIBIA
DOSSIER USA 2011
Abbiamo fatto
RISOLUZIONE ONU 2008
DOSSIER PENA DI MORTE 2008
VIDEO MISSIONE IN CIAD
Le pubblicazioni
RISOLUZIONE DELLA CONFERENZA DI KIGALI 2011

DOSSIER MORATORIA
DOSSIER COMMERCIO LETALE
DICHIARAZIONE FINALE DELLA CONFERENZA DI FREETOWN 2014
Gli obiettivi

L'AUTENTICA STORIA DEL 'TERRORISTA' SERGIO D'ELIA

Acquista il rapporto di Nessuno tocchi Caino

Contributi artistici

Contattaci
Organi Dirigenti
Newsletter
Iscriviti a NTC
Acquista le pubblicazioni
Forum utenti
Scarica l'appello per la moratoria

NELLE CARCERI DEL CONGO SI MUORE ANCHE DI FAME

30 luglio 2023:

Luigi Mazzufferi su L’Unità del 30 luglio 2023

Due morti di fame in due giorni nelle carceri del Congo. Detenuti mai processati, i cosiddetti “dimenticati dalla giustizia”. Sempre assenti dalla stampa italiana le notizie relative alle carceri del Congo. Fino a che non ne ha scritto Padre Giovanni Pross, domenica 25 giugno, sulla pagina dell’Unità curata da Nessuno tocchi Caino. Che mi ha portato a raccogliere qualcosa, tra le poche notizie disponibili, per tentare di completare il quadro di una situazione ancor più disperata delle carceri in un paese di per sé già disperato.
Qualche mese fa, nella prospettiva della visita di Papa Francesco in Congo, abbiamo visto con una certa evidenza quanto diffuso dalla Fondazione Bill Clinton per la Pace. Dati che riferiscono di almeno 70 morti, in tre mesi, nelle prigioni di Makala, cioè nel più importante penitenziario di Kinshasa, la capitale. Qui esiste da sempre un sovraffollamento cronico. È un carcere costruito ai tempi della dominazione belga, con capacità di accoglienza dichiarata di 1.500 detenuti. Oggi ve ne sono oltre 8000! Qui “i dimenticati della giustizia” evidenziano macroscopiche responsabilità dei magistrati, ai quali mai, neppur timidamente, si accenna.
Del tutto similare è la situazione a Goma, nel nord Kivu, una città con oltre due milioni di abitanti. Un carcere, con oltre 2000 detenuti, ristretti in una struttura che avrebbe potuto ospitarne 150 persone.
Notizie più frammentarie, sempre molto imprecise, ma terrificanti, giungono da Matadi, il “porto” per antonomasia che si trova a circa 150 chilometri dalla foce del fiume Congo. Anche da Tshela, nella Provincia del Congo Centrale, dove la situazione è riconducibile a quella di un altro carcere che si trova nel Kasai, a Kananga, sul fiume Lulua. Anche questa una città di oltre un milione di abitanti. Qui addirittura un funzionario della “divisione provinciale di giustizia” ha denunciato che il denaro necessario per l’acquisto del cibo non arriva più da almeno tre mesi.
Ecco che pertanto diviene determinante l’aiuto in generi alimentari, fornito da non pochi missionari. Sappiamo, anche per esperienza personale, che costoro hanno assicurato l’impossibile, dai tempi passati fino ad oggi.
Radio Okapi (rete radiofonica che opera da oltre 20 anni nella Repubblica Democratica del Congo) ci consente di recuperare altre notizie sulle carceri: così sappiamo che a Walikale, nel nord del Kiwu, altra città che sfiora il milione di abitanti, due detenuti sono morti di fame. Morti che si sommano ancora alla pietosa lista di 16 decessi qui registrati dal 31 marzo scorso. Tutto questo in una prigione, dove – come espressamente ammesso da un “funzionario” – la carcerazione preventiva può durare ben due anni prima che il soggetto arrestato compaia di fronte ai giudici.
Del tutto similare sembra sia anche la situazione nelle carceri militari. Per queste, più volte, è stata segnalata la enorme difficoltà di far comparire, di fronte ai tribunali competenti, gli accusati. Ciò si verifica, in particolare, quando il giudizio comporta il trasferimento dell’imputato in altre città, o addirittura in altre regioni.
Infine aggiungo se ci siamo mai chiesti cosa abbia significato il clamore mediatico per l’arresto dei cinque congolesi, accusati dell’imboscata e dell’omicidio dell’Ambasciatore Attanasio, della guardia del corpo e dell’autista. Questo evento, molto inusuale per un sistema giudiziario africano, avrà giovato o meno ad assicurare un regolare giudizio agli imputati? Per quel poco che abbiamo visto questo processo è risultato certo più veloce e formale rispetto ai tanti altri riservati ai loro concittadini.
Però la spettacolarizzazione, in questi ambienti, non è purtroppo garanzia di maggior equità. Ho visto e vissuto di persona, ne conservo tutt’oggi indelebile memoria, alcuni fatti accaduti in Congo molto tempo fa. L’occasione, quasi banale, della cattura di un ladruncolo che suscita furor di popolo e stravolge ogni pur minima garanzia. Nei fatti in questi eventi si è sempre ad un passo dal linciaggio per il presunto colpevole.
È triste che non sia possibile dar conto di qual è la situazione della giustizia in questo immenso, meraviglioso, ma comunque terribile paese.

Altre news:
IRAN - 3 uomini giustiziati a Zahedan il 31 luglio
IRAN - Rahim Ghaljaei giustiziato a Birjand il 31 luglio
GAZA: DUE CONDANNE CAPITALI PER DROGA
MAROCCO: IL RE CONCEDE LA GRAZIA A 2.052 CONDANNATI
IRAN - Asadollah Amini (anche Asadullah Bahrami) giustiziato a Zabol il 31 luglio
IRAN - Shahsavar Shahriari giustiziato a Zahedan il 30 luglio
IRAN - Mohammad Arbab giustiziato a Babol il 30 luglio
IRAN - Hamid Asgarinia giustiziato a Qom il 30 luglio
IRAN - Bidollah Gorgij giustiziato a Zahedan il 30 luglio
MONZA: VISITA AL CARCERE E CONFERENZA ‘CARCERE, PUNIZIONE O RIABILITAZIONE?’
MISURE DI PREVENZIONE: L’ITALIA FINISCE DAVANTI ALLA CEDU
SINGAPORE: GIUSTIZIATA UNA DONNA PER LA PRIMA VOLTA IN 19 ANNI
IRAN - Uomo non identificato giustiziato a Bandar Abbas in data incerta
IRAN - L’avvocato Mohammad Seifzadeh condannato per lettera alle Nazioni Unite
BANGLADESH: QUATTRO CONDANNATI A MORTE PER ‘CRIMINI DI GUERRA’
KUWAIT: CINQUE GIUSTIZIATI, INCLUSO ATTENTATORE DELLA MOSCHEA NEL 2015
TRENTINO ALTO ADIGE E VENETO 2023, IL VIAGGIO DELLA SPERANZA: ‘VISITARE I CARCERATI’
SINGAPORE: IMPICCATO UN UOMO PER DROGA, TRA DUE GIORNI TOCCHERÀ A UNA DONNA
IRAN - Annullata la condanna a morte di Mohammad Ghobadlou
GHANA: IL PARLAMENTO ABOLISCE LA PENA DI MORTE
IRAN - Masoud Shahbakhsh giustiziato a Zahedan il 26 luglio
ARABIA SAUDITA: DUE SAUDITI GIUSTIZIATI PER GLI OMICIDI DEI FAMILIARI
TRINIDAD E TOBAGO: UOMO CONDANNATO ALL’IMPICCAGIONE PER OMICIDIO DEL 2011
ROVIGO: ‘UNA GIUSTIZIA CHE RIPARA E NON SEPARA’
KENYA: IL PRESIDENTE WILLIAM RUTO COMMUTA IN ERGASTOLO LE CONDANNE A MORTE
TRENTINO ALTO ADIGE E VENETO 2023, IL VIAGGIO DELLA SPERANZA: ‘VISITARE I CARCERATI’
POVERTA’ ED EMARGINAZIONE AUTOSTRADE PER IL CARCERE
PER SALVARE GUANTANAMO I PM AMERICANI INVENTANO UN SOFISMA
IRAN - Uomo non identificato giustiziato a Qom in data incerta
USA - Joe Biden sta infrangendo la sua promessa di porre fine alla pena di morte federale

1 2 3 4 [Succ >>]
2024
gennaio
febbraio
  2023
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2022
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2021
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2020
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
 
2019
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2018
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2017
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2016
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2015
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2014
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
 
2013
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2012
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2011
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2010
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2009
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2008
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
 
2007
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2006
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2005
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2004
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
 
Convegno a Spoleto
  IRAN - La moglie di Djalali sollecita più impegno dall’Europa  
  LA VETRINA E IL RETROBOTTEGA DEL NEGOZIO DELL’#ANTIMAFIA  
  ITALIA: DA ‘CULLA’ A ‘TOMBA’ DEL DIRITTO?  
  APPELLO AL GOVERNATORE DELLA CALIFORNIA PER JARVIS JAY MASTERS  
  MOZIONE GENERALE DEL 40ESIMO CONGRESSO STRAORDINARIO DEL PARTITO RADICALE NONVIOLENTO, TRANSNAZIONALE E TRANSPARTITO  
news
-
azioni urgenti
-
banca dati
-
campagne
-
chi siamo
-
area utenti
-
privacy e cookies
-
credits