Anno
Ultime notizie
Archivio notizie
Guida all'uso della Banca Dati
MOZIONE GENERALE DEL VI° CONGRESSO DI NTC
La pena di morte nel mondo (al 30 giugno 2016)
DISCORSO di Papa Francesco
SINTESI DEI FATTI PIÙ IMPORTANTI DEL 2015 (e dei primi sei mesi del 2016)
Analisi dati Rapporto 2015 e Obiettivi di NtC
Esecuzioni nel 2014
Esecuzioni nel 2015 (al 30 giugno)
Reportage Comore Sergio D'Elia
Reportage Niger Marco Perduca
Premio l'Abolizionista dell'Anno 2015
Messaggio di Sergio Mattarella al VI° Congresso di NtC
Relazione di Sergio D'Elia al VI° Congresso di NtC
Relazione di Elisabetta Zamparutti al VI° Congresso di NtC
Rapporto IL VOLTO SORRIDENTE DEI MULLAH
DOSSIER IRAN APRILE 2016
Dossier su Pena di Morte e Omosessualità
Reportage di Elisabetta Zamparutti
Protocollo di intesa tra NtC e CNF
Dichiarazione finale del seminario del Cairo 15/16 maggio 2017
Azioni in corso
Archivio azioni
Campagne in corso
Archivio campagne

RAPPORTO DEL SECONDO FORUM ANNUALE DELL'UE SULLA PENA DI MORTE IN ZAMBIA

RISOLUZIONE ONU 2012
RISOLUZIONE ONU 2010

DICHIARAZIONE DI LIBREVILLE

Organi Dirigenti
Dossier Iraq 2003

Le sedi
DICHIARAZIONE DI COTONOU 2014

I video
RISOLUZIONE ONU 2014

Adesioni Comuni, Province, Regioni

BILANCI DI NESSUNO TOCCHI CAINO

La campagna per la moratoria ONU delle esecuzioni capitali
DOSSIER GIAPPONE

DONA IL 5x1000 A NESSUNO TOCCHI CAINO
DOSSIER IRAN

FIRMATARI APPELLO ALLE NAZIONI UNITE

DEDUCIBILITA' FISCALE


Appello dei PREMI NOBEL
RISOLUZIONE ONU 2007
DOSSIER LIBIA
DOSSIER USA 2011
Abbiamo fatto
RISOLUZIONE ONU 2008
DOSSIER PENA DI MORTE 2008
VIDEO MISSIONE IN CIAD
Le pubblicazioni
RISOLUZIONE DELLA CONFERENZA DI KIGALI 2011

DOSSIER MORATORIA
DOSSIER COMMERCIO LETALE
DICHIARAZIONE FINALE DELLA CONFERENZA DI FREETOWN 2014
Gli obiettivi

L'AUTENTICA STORIA DEL 'TERRORISTA' SERGIO D'ELIA

Acquista il rapporto di Nessuno tocchi Caino

Contributi artistici

Contattaci
Organi Dirigenti
Newsletter
Iscriviti a NTC
Acquista le pubblicazioni
Forum utenti
Scarica l'appello per la moratoria

Ron DeSantis
Ron DeSantis
LA CARTA DI DESANTIS CONTRO TRUMP: IL MIO BOIA È PIÙ BOIA DEL TUO

24 settembre 2023: Valerio Fioravanti su L’Unità del 24 settembre 2023

Ron DeSantis è poco “studiato” in Italia, ma vorrebbe essere il candidato conservatore alle elezioni presidenziali statunitensi del prossimo anno.
In pratica vorrebbe battere Trump alle primarie, e se ci riuscisse, considerato che Biden è veramente debole, sarebbe probabilmente il prossimo presidente Usa. Ma DeSantis non riuscirà a battere The Donald. Forse perché lo imita troppo, e come capita in casi del genere, gli elettori di solito votano per l’originale, non per il succedaneo. Tra l’altro lo imita in una cosa che non ha funzionato nemmeno con Trump: far uccidere molti criminali.
Trump durante la scorsa campagna elettorale fece giustiziare 13 detenuti “federali” dopo che le esecuzioni in quel settore erano rimaste ferme per 17 anni. Ma venne battuto da Biden, che invece in campagna elettorale aveva promesso che avrebbe abolito la pena di morte. Chi segue le notizie di Nessuno tocchi Caino sa bene che Biden non solo non ha abolito la pena di morte federale, ma ha autorizzato che ne venissero emesse di nuove (condanne di primo grado, non esecuzioni), ma rimane il fatto che almeno formalmente non è uno di quei politici che illudono gli elettori di avere una ricetta facile, basata su quella che Sciascia chiamava “la terribilità”, per risolvere il crimine.
DeSantis negli ultimi mesi ha fatto compiere 5 esecuzioni, la sesta è prevista per il 3 ottobre, dopo che nel suo Stato, la Florida, per 4 anni non ne erano state compiute. Inoltre a maggio ha ordinato alla sua fortissima maggioranza parlamentare di approvare una legge per ridurre le garanzie concesse a chi è sotto processo per omicidio. Oggi in Florida basta una maggioranza di 8 voti su 12 per una condanna. Solo l’Oklahoma consente condanne non unanimi, ma servono almeno 10 voti. In tutti gli altri Stati serve l’unanimità. Si badi bene, quello dell’unanimità non è un cavillo. Come si vede ogni tanto nei film, i componenti di una giuria popolare vengono estratti a sorte in sovrannumero, e durante le udienze preliminari difensori e pubblici ministeri, ponendo alcune domande, hanno il diritto di “scartare” alcuni candidati, fino a quando non ne rimangono solo 12, che a quel punto costituiscono la giuria vera e propria.
Sembra una procedura molto democratica, ma nel corso dei decenni si è creato una prassi non scritta (ma approvata più volte dalla Corte Suprema) per cui un candidato che fosse “ideologicamente” contrario alla pena di morte non può far parte della giuria, perché vorrebbe dire che non condivide le leggi del suo Stato. Quindi alla fine le giurie risultano composte solo da persone favorevoli alla pena di morte. Che all’interno di queste 12 persone tutte favorevoli sia richiesta l’unanimità è una giusta salvaguardia, che però oggi in Florida non esiste più. Per questa legge frettolosa (reazione a un processo in cui l’ennesimo svitato che ha compiuto una sparatoria in pubblico non era stato condannato a morte perché 3 giurati popolari lo avevano considerato più matto che cattivo), DeSantis, che è cattolico, è stato fortemente criticato da vari importanti leader religiosi trasversali. Da molti decenni però le critiche “religiose” non hanno reale influenza sui risultati elettorali, e DeSantis prosegue per la sua strada.
Ma i sondaggi continuano a darlo molto sotto Trump. Peccato, perché come candidato conservatore, a parte le troppe esecuzioni, non sarebbe male. Molto giovane (45 anni), nelle note biografiche viene considerato “italo-americano” perché i suoi 8 bisnonni erano tutti delle zone di Avellino, L’Aquila, Campobasso e Caserta. Ha preso due lauree in università prestigiose, Yale (Storia) e Harvard (legge, con lode), e si è arruolato in Marina, come avvocato militare. Ha ricevuto una medaglia di medio livello (non per azioni di combattimento), e si è congedato nel 2010, con il grado di capitano di corvetta. Nel 2012 è stato eletto al parlamento di Washington, e nel 2018 e nel 2022 è stato eletto Governatore del suo Stato. Nel maggio di quest’anno ha giocato il suo colpo ad effetto: comparendo assieme a Elon Musk, che attualmente viene reputato l’uomo più ricco del mondo, si è autocandidato alle Presidenziali del prossimo anno.
Proprietario di PayPal, di Tesla, di SpaceX, della rete di satelliti Starlink, di Twitter, Musk di sé stesso dice di essere “metà democratico, metà repubblicano, progressista sulle tematiche sociali, e conservatore in materia fiscale”.
In questo momento sembra privilegiare le tematiche fiscali, visto che il suo appoggio a DeSantis è plateale. Del resto, non si diventa l’uomo più ricco del mondo occupandosi veramente delle tematiche sociali.

Altre news:
TAIWAN: CONDANNATO A MORTE PER GLI OMICIDI DEI FAMILIARI
USA - Florida. Entra in vigore domani la controversa legge HB 1297
IRAN - Mohammad Bagher Bazgir e Sasan Farzipour giustiziati a Khorramabad il 30 settembre
PAOLA-COSENZA: 29 E 30 SETTEMBRE VISITA ALLE CARCERI E CONFERENZA
USA - Texas. Scott Panetti “non competente” per l'esecuzione
SRI LANKA: 13 CONDANNATI A MORTE IN UN SOLO GIORNO
INDIA: CONDANNATO A MORTE PER GLI OMICIDI DI DUE DONNE 
REGGIO CALABRIA: 26 E 27 SETTEMBRE VISITA ALLE CARCERI E CONFERENZA
IRAN - Jafar Ghaed giustiziato ad Ahar il 27 settembre
IRAN - 2 uomini giustiziati a Karaj il 27 settembre
IRAN - Ali Najafi e Bahram… giustiziati a Karaj il 27 settembre
IRAN - Ali Najafi, probabilmente un minorenne, giustiziato a Khorramabad il 27 settembre
VIBO VALENTIA: 28 SETTEMBRE VISITA AL CARCERE E CONFERENZA ‘REINSERIRE È MEGLIO CHE PUNIRE’
INDIA: CONDANNA A MORTE COMMUTATA IN UN CASO DI STUPRO E OMICIDIO DI UNA BAMBINA 
BANGLADESH: DUE CONDANNATI A MORTE PER L’OMICIDIO DI UNA DONNA DOPO LO STUPRO
IRAN - 4 condanne a morte per produzione clandestina di alcolici
IRAN - Askar Nami giustiziato a Tabriz il 26 settembre
BANGLADESH: CONDANNATO A MORTE PER LO STUPRO E OMICIDIO DI UNA BAMBINA
IRAN - Mostafa Khosh Shaneh e Saeed Brahui Makaki giustiziati a Mashhad
IRAN - Morte di un prigioniero ebreo con cittadinanza iraniano-americana
VIETNAM: GIUSTIZIATO NONOSTANTE GLI APPELLI INTERNAZIONALI
PAKISTAN: CONDANNATO A MORTE PER LO STUPRO DELLA FIGLIA
CARCERE: NESSUNO TOCCHI CAINO, CONTINUA IL VIAGGIO DELLA SPERANZA NEI LUOGHI DI PENA IN CALABRIA
UNA ‘GIORNATA DELLE VITTIME DIETRO LE SBARRE’, L’IDEA DI CHEIKH, DETENUTO QUALUNQUE
PALMI- LAUREANA: LUNEDÌ 25 SETTEMBRE VISITE ALLE CARCERI E CONFERENZA
IRAN - Mohammad Vali Jabari giustiziato a Isfahan il 23 settembre
IRAN - Khairallah Jamshidi giustiziato a Minab il 23 settembre
IRAN - Uomo giustiziato a Minab il 23 settembre
ITALIA - AMMMORTE, libro di Rita Vitali Rosati
IRAN - Rahmatollah Nouruzof condannato a morte per terrorismo

1 2 3 [Succ >>]
2024
gennaio
febbraio
  2023
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2022
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2021
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2020
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
 
2019
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2018
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2017
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2016
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2015
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2014
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
 
2013
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2012
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2011
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2010
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2009
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2008
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
 
2007
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2006
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2005
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2004
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
 
Convegno a Spoleto
  IRAN - La moglie di Djalali sollecita più impegno dall’Europa  
  LA VETRINA E IL RETROBOTTEGA DEL NEGOZIO DELL’#ANTIMAFIA  
  ITALIA: DA ‘CULLA’ A ‘TOMBA’ DEL DIRITTO?  
  APPELLO AL GOVERNATORE DELLA CALIFORNIA PER JARVIS JAY MASTERS  
  MOZIONE GENERALE DEL 40ESIMO CONGRESSO STRAORDINARIO DEL PARTITO RADICALE NONVIOLENTO, TRANSNAZIONALE E TRANSPARTITO  
news
-
azioni urgenti
-
banca dati
-
campagne
-
chi siamo
-
area utenti
-
privacy e cookies
-
credits